TG/Informazione


15
gennaio

L’ULTIMA PAROLA SPETTA SOLO A GIANLUIGI PARAGONE. DA STASERA SU RAIDUE

Per entrare in Rai ben vengano i “padrini” politici. Questo sembra essere, in sintesi, il pensiero di Gianluigi Paragone, famoso giornalista in quota centrodestra (“In Rai mi hanno voluto Pdl e Lega. La cosa non mi imbarazza e non ho nulla di cui mi devo giustificare”, fonte Sorrisi) e attuale vicedirettore di RaiDue pronto a tornare in onda, dopo il flop di Malpensa, Italia, con L’Ultima Parola, nuovo talk di RaiDue che allieterà le nostre seconde serate del venerdì per 18 settimane.

Nonostante prometta di non fare il verso a Santoro (“Io non giggioneggio“), L’Ultima Parola sembra avere, dalle premesse, la stessa identica struttura di Annozero. Il programma verrà infatti aperto da un editoriale del padrone di casa a cui seguiranno il classico dibattito in studio, i servizi filmati e le inchieste. Presente anche una sorta di “nuovo” Marco Travaglio, Tommy Calabrese, dipendente delle Poste e  amico di Paragone, che avrà l’arduo compito di raccontare “le piccole storie ignobili di questa Italia”.

Vera novità riguarda invece lo studio che accoglierà (oltre che una passerella formata da 12 schermi al plasma e un grande ledwall) anche uno schermo touchscreen che permetterà al conduttore di scegliere simboli, grafiche e filmati in qualsiasi momento. E proprio questo schermo, definito addirittura magico, sarà protagonista della chiusura del programma: verrà infatti utilizzato per lanciare una sorta di “hit parade” con il meglio e il peggio della settimana televisiva su cui Paragone esprimerà la sua ultima parola.




15
gennaio

EMILIO FEDE FESTEGGIA I 19 ANNI DI INFORMAZIONE PER LE RETI MEDIASET

Sabato 16 gennaio 2010, si celebrano i 19 anni dell’informazione sulle reti Mediaset. Emilio Fede, con l’annuncio dello scoppio della Guerra del Golfo, nella notte tra il 16 ed il 17 gennaio 1991, tenne a battesimo su Italia 1 il primo telegiornale in diretta dell’allora Fininvest e diede per primo in Italia la notizia della guerra in Irak.

“Hanno attaccato! Il cielo di Bagdad e’ pieno di fuochi…”, fu la frase pronunciata in diretta da Emilio Fede – in collegamento con la giornalista Silvia Kramar da New York- con cui l’Italia venne a sapere che il conflitto era iniziato. La rapidità, la chiarezza e il ritmo con cui Emilio Fede condusse quel primo telegiornale, da lui chiamato “Studio Aperto“, è stato il primo significativo passo verso la nascita dell’informazione sulle reti Mediaset.

Emilio Fede ricorderà quella notte del ‘91, nel corso dell’edizione del Tg4 delle ore 19.00, riproponendo le immagini, le voci, i servizi e i collegamenti di allora, nonche’ le interviste e i commenti di giornalisti e inviati di guerra del tg4 che oggi, dopo 19 anni, sono fieri di affermare “io con Emilio Fede c’ero….”.


14
gennaio

TERRA!: I FATTI DI ROSARNO E LA CONVIVENZA CON GLI IMMIGRATI APRONO LA NUOVA STAGIONE DEL SETTIMANALE DEL TG5

Con la puntata di stasera prende il via la stagione 2010 di Terra!, il settimanale del Tg5 a cura di Toni Capuozzo e Sandro Provvisionato, in onda come di consueto in seconda serata sulla rete ammiraglia Mediaset, Canale 5. Sandro Provvisionato, dall’Arcivescovado di Milano, prende spunto dalla polemica innescata dalla Lega a proposito delle parole del cardinale Dionigi Tettamanzi su immigrazione e accoglienza, per dare il via al nuovo appuntamento dedicato alla convivenza possibile e impossibile tra comunità italiana e migranti.

Un argomento tornato prepotentemente alla ribalta dopo i recenti fatti di Rosarno, dove quasi 2 mila extracomunitari esasperati, in rivolta anche per le precarie condizioni di vita e di lavoro hanno, di fatto, bloccato l’intero paese facendo sfociare la protesta in svariati atti di vandalismo. Apre un servizio di Maria Grazia Loiero, che documenta la situazione di Rosarno ad una settimana dai disordini, sulla cui origine sembra più che realistico il coinvolgimento della ‘Ndrangheta.

A seguire, Marco Corrias, da Prato, accende l’attenzione sulla difficile convivenza tra italiani e cinesi. Una situazione esplosiva, dovuta soprattutto al numero di immigrati – 25 mila- che rende, quella pratese, una delle comunità cinesi più grandi d’Europa. Anna Migotto e Sabina Fedeli, infine, raccontano i problemi – ma anche gli sforzi tesi all’integrazione – di uno dei luoghi simbolo della multietnicità e multiculturalità milanese: Viale Padova. Una strada rettilinea, lunga circa quattro chilometri, in cui risiedono una cinquantina di comunità differenti, con due moschee e tre chiese. Un microcosmo difficile in cui è però possibile ravvisare, nelle storie comuni di molti dei suoi abitanti, la voglia di riuscire a convivere serenamente con il prossimo, qualunque sia il paese d’origine o il credo religioso.

Terra! è un programma del Tg5, a cura di Toni Capuozzo e Sandro Provvisionato. In redazione, Marco Corrias, Sabina Fedeli, Anna Migotto. Produzione esecutiva di Monica Ferraro.





11
gennaio

13 GENNAIO 2010: IL TG5 DIVENTA MAGGIORENNE E FESTEGGIA SUL WEB, IN ESCLUSIVA

E’ nato 18 anni fa, quando Enrica Bonaccorti alle 13 in punto, in diretta da Non è la Rai cedette la linea ad Enrico Mentana per il debutto del Tg5. Adesso, alle 15 del 13 gennaio, il Telegiornale dell’ammiraglia di Cologno festeggia la maggiore età in maniera singolare: per la prima volta, in diretta ed in esclusiva sul web, il Tg5 avrà un’edizione straordinaria su Mediaset.it. L’occasione è ghiotta: verrà infatti presentata la nuova area video del portale Mediaset e conduttori ed ospiti d’eccezione risponderanno in diretta alle domande degli spettatori e presenteranno in anteprima assoluta le novità agli internauti.

Ma vediamo cosa offrirà la catch up tv del Biscione:

FULL EPISODE IN FULL SCREEN

Si potrà rivedere la puntata intera a tutto schermo del programma preferito o la versione integrale di ogni edizione dei tg. In particolare saranno online:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


26
dicembre

STORIE DI CONFINE: DA STASERA UN NUOVO CICLO DI PUNTATE SU RETE4

Con il nuovo ciclo di Storie di confine – reportage prodotti da Videonews, realizzati in collaborazione con Retequattro e Mediafriends, che raccontano storie di dolore e di speranza in Nicaragua, Vietnam, Colombia, Nepal, Bolivia, Camerun, Albania e India – la rete diretta da Giuseppe Feyles torna ad accendere i riflettori sulla vita all’interno di alcune delle realtà più degradate del Terzo Mondo e sui progetti di aiuto e sostegno alle popolazioni bisognose, sostenute e promosse dalla Onlus creata da Mediaset, Medusa e Mondadori.

Si tratta di sei appuntamenti in onda da questa sera, 26 dicembre 2009, in seconda serata (con replica alla domenica mattina, prima della Santa Messa), dove vengono raccontate storie al limite dalle regioni più calde del globo, talvolta sconosciute alla maggior parte del mondo Occidentale .

Degrado, violenza minorile e povertà sono solo alcuni dei temi trattati. Dalle guerre tra bande minorili del Nicaragua alla ferita mai sanata del Vietnam, dai narcos ai desplacados della Colombia sino alla difficile ricostruzione di intere regioni dell’India dopo lo tsunami del 2004, Storie di Confine è un viaggio di denuncia alla ricerca della felicità nei luoghi più problematici del Pianeta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





21
dicembre

“LA DONNA E’ MOBILE” PER MONICA SETTA NELLA SECONDA SERATA (AFFOLLATA) DI RAIDUE

Monica Setta

Apprezzata sia a destra sia a sinistra, la giornalista Monica Setta sta vivendo un’ottima stagione professionale. Il fatto del giorno non solo fa discutere per essersi ritagliato un posto di pregio nel “leggero” pomeriggio televisivo ma anche per il riscontro tra i corridoi dei palazzi della politica. Dopo essere stata richiamata dall’azienda per dei televoti emozionali scomodi e più volte sfumata, è arrivato il momento di un nuovo programma-premio per la procace conduttrice. Nel nuovo anno la Setta condurrà un talk show nella seconda serata di Raidue:

Sarà un programma dedicato alle donne, tutto al femminile, e ogni puntata sarà dedicata ad un tema. Posso anticipare che il programma si chiamerà La donna è mobile’”.

Si preannuncia così una seconda serata affollata per il secondo canale: con l’arrivo di Gianluigi Paragone ne L’ultima parola al venerdì sera e con una nuova edizione de L’era glaciale di Daria Bignardi voluta dal Cda Rai per onorare il suo contratto (probabilmente al giovedì sera), che collocazione occuperà la Setta? Sicuramente il direttore Massimo Liofredi riuscirà a sistemare il rebus dei palinsesti.

La Setta, intervistata da Pierluigi Diaco per “Il Clandestino”, traccia anche un bilancio sul programma Il fatto del giorno, che da gennaio potrebbe vedere allungata la sua durata:


24
novembre

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA AL TG5 DELLE 13. MA BILA’ SALTA LA CENA

Tg5 Redazione

TG5 sempre più rosa. Non vi sarà sfuggito, infatti, il debutto alla conduzione del Tg5 delle 13 di Costanza Calabrese, la figlia di Pietro, ex direttore del Messaggero, di Panorama e della Gazzetta dello Sport. Laureata in Scienze della Comunicazione, professionista dal 2005, Costanza Calabrese è in pianta stabile da due anni al Tg5 (prima aveva lavorato a Verissimo) ed è corrispondente da Palermo, città d’origine della sua famiglia (anche se è nata a Roma, come il papà). Un incarico, quello di corrispondente, che Costanza sembra decisa a non abbandonare, nonostante il nuovo impegno che la porterà a Roma una settimana ogni cinque.

E’ questa infatti l’altra novità imposta dal direttore Clemente Mimun. Costanza Calabrese non toglie il posto, per il momento, a nessuna delle altre quattro conduttrici del Tg delle 13, rimaste sole solette dall’inizio di ottobre, quando Mimun ha deciso di rinunciare alla doppia conduzione e di togliere così dal video Giuseppe Brindisi, Luca Rigoni, Salvo Sottile e Fabrizio Summonte (nessuno di loro ha ricevuto finora la proposta di nuove mansioni o incarichi compensativi, a parte Rigoni, che – si dice - potrebbe partire destinazione Bruxelles). 

Questa settimana, infatti, avrebbe dovuto condurre il Tg5 delle 13 Paola Rivetta, che ha spostato i suoi turni di una settimana, e tornerà in conduzione da lunedì 30 novembre. La settimana successiva toccherà a Simona Branchetti, e poi a Chiara Geronzi e a Elena Guarnieri. Nessuna di loro salterà una settimana, ma tutte dovranno fare buon viso a cattivo gioco e diluire le loro apparizioni in video per fare posto alla nuova arrivata.

Ma non finisce qui:


23
novembre

COSI’ STANNO LE COSE: IL NUOVO E CORAGGIOSO PROGRAMMA D’INFORMAZIONE DI LUISELLA COSTAMAGNA

Luisella Costamagna (Così stanno le cose)

Così stanno le cose: è questo il titolo della nuova scomessa de La7. Un programma che ha tutta l’aria di essere coraggioso, senza gossip e opiniositi vip ma alla ricerca del volto inedito dell’attualità. Condotto da Luisella Costamagna, il primo programma live del pomeriggio della settima rete italiana, dovrà ritagliarsi uno spazio nella giungla degli appuntamenti pomeridiani, tra Amici e La vita in diretta.

La mission non sarà facile, ma il programma potrebbe seguire le orme del collega Omnibus che mai come in questa stagione sta andando a gonfie vele (media del 5-6% di share) affrontando temi di politica ed economia alle prime ore del mattino. In Così stanno le cose si analizzeranno temi di stretta attualità con un approccio diverso che privilegerà il racconto filmato al dibattito in studio, ormai padrone incontrastato nei contenitori pomeridiani. La Costamagna, in un’intervista a La Stampa dichiara di non sentirsi la risposta colta a Sposini e D’Urso (“anche La vita in diretta tocca temi alti“), ma nella sua trasmissione si eviterà il gusto della lacrima e il parere dei vip.

Qualche esperto, pochi politici e il parere della gente comune in collegamento da bar, università e centri per anziani per commentare temi impegnativi ma comunque vicini al popolo. Il tutto sotto la guida della giornalista che nella sua lunga gavetta ha avuto due maestri d’eccezione: Michele Santoro in Moby Dick, Sciuscià, Il raggio verde e Maurizio Costanzo in Maurizio Costanzo Show, Buon Pomeriggio, Tutte le mattine, Il diario.

Scopri dopo il salto il tema e gli ospiti della prima puntata.