TG5



15
ottobre

Agcom: Pd e M5S primeggiano nei tg. Ma a parlare di più sono Conte e Salvini

Matteo Salvini, Giuseppe Conte

M5S e Pd primeggiano, calamitano l’attenzione. Nei telegiornali, si intende. Complice l’avvio del nuovo governo giallo-rosso, i partiti di Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti hanno conquistato ampi spazi nei notiziari televisivi del mese di settembre. E’ quanto emerge dal più recente rapporto dell’Agcom sul pluralismo politico/istituzionale: i dati, elaborati da Geca Italia, testimoniano l’avvenuto cambiamento negli equilibri parlamentari ma confermano anche il ruolo centrale del premier Giuseppe Conte e di Matteo Salvini, passato a capitanare l’opposizione.




14
marzo

Salvini primeggia nei tg Rai, Berlusconi domina a Mediaset. Ecco i dati Agcom

Salvini, Berlusconi

primeggia, non solo nei sondaggi. E parla un sacco. Il vicepremier e Ministro dell’Interno risulta infatti il politico che ha parlato di più nei telegiornali della Rai (ad eccezione del Tg3) nel periodo dal primo al 28 febbraio 2019. Le dichiarazioni del leader leghista in veste istituzionale hanno trovato ampio spazio anche sulle testate delle altre emittenti, ma in misura minore. Nei Tg Mediaset, ad esempio, il primato va a Silvio Berlusconi. Mentre su La7 scala la classifica Di Maio.





25
ottobre

Tg5, Luigi Bignami licenziato per aver corretto la gaffe della conduttrice. «Ha reagito in modo eccessivo»

Tg5, Luigi Bignami e Cristina Bianchino

Estromesso dal Tg5 per aver corretto la gaffe della conduttrice in studio. L’esperto d’astronomia Luigi Bignami stavolta non ha avuto bisogno del telescopio: la reazione funesta di Clemente Mimun, infatti, l’ha vista molto da vicino. Il direttore del notiziario di Canale5 ha interrotto la collaborazione col giornalista scientifico dopo che, nei giorni scorsi, quest’ultimo aveva redarguito l’anchorwoman Cristina Bianchino, che in diretta lo aveva annunciato per errore col nome di un astronomo defunto. Dopo l’inaspettato ‘licenziamento’, Bignami si è sfogato a Striscia la Notizia senza risparmiare frecciate allo stesso Mimun.


22
giugno

Disastro al Tg5: salta l’edizione delle 13.00. Beautiful parte prima

Tg5

Tg5

Disastro odierno al Tg5. A causa di problemi tecnici, è saltata l’edizione delle 13.00 del telegiornale di Canale 5 diretto da Clemente Mimun. La soap Beautiful, per frenare la pubblicità no-stop che ha imperversato sulla rete nella mezz’ora dedicata all’informazione, è iniziata un quarto d’ora prima.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





1
giugno

TG5: Mediaset ha stoppato il progetto di trasferimento a Milano?

Tg5

Tg5 - Clemente Mimun

Disfate gli scatoloni. Complice la tre giorni di sciopero indetta dai giornalisti la scorsa settimana, negli uffici di Cologno Monzese pare siano stati messi da parte -almeno per il momento- i progetti di trasferimento della redazione del notiziario di Canale 5, dalla Capitale a Milano.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


29
maggio

Papa Francesco, appello per i dipendenti Mediaset di Roma: «Auspico soluzione, non c’è solo il profitto» – Video

Papa Francesco

Che un Pontefice si occupi delle vicende lavorative di un’azienda privata fa un certo effetto. Ormai, infatti, è già tanto se lo fanno i sindacati. Ma con Papa Francesco succede anche questo: e non è la prima volta. Ieri – 28 maggio – al termine della preghiera del Regina Coeli, il Santo Padre ha salutato i lavoratori Mediaset di Roma, che nei giorni scorsi avevano scioperato contro il possibile trasferimento del Tg5 dalla Capitale a Milano

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


23
maggio

Tg5: tre giorni di sciopero contro il possibile trasferimento a Milano

Tg5

Ventiquattro ore di stop alle notizie e altri due giorni di mobilitazione: un’azione forte e senza precedenti nella storia del Tg5. I giornalisti del notiziario di Canale5 sono sul piede di guerra per l’ipotizzato trasferimento della redazione da Roma a Milano, provvedimento di cui si vocifera sempre più con insistenza ma che l’azienda non ha ancora confermato né smentito. Proprio l’assenza di chiarimenti in merito ha scatenato l’indizione di tre giorni di sciopero, il primo dei quali scatterà venerdì 26 maggio prossimo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,