Gad Lerner



24
aprile

La difesa della razza: il razzismo visto (solo) da Lerner

Gad Lerner, La difesa della razza

Alla faccia del Belpaese. L’Italia descritta da Gad Lerner è un posto inquietante, pieno di potenziali razzisti, di gente sospettosa e incline al pregiudizio. Roba da prendere il primo volo di sola andata ed espatriare (chissà dove, poi). In realtà, non siamo messi così male: quella rappresentata nell’access prime time di Rai3 dal giornalista e conduttore de La difesa della razza – titolo già di per sé evocativo – è una società che per fortuna rispecchia solo in parte la quotidiana realtà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




22
aprile

La difesa della razza: Gad Lerner su Rai3 racconta l’Italia razzista

Gad Lerner, La difesa della razza

Di razzismo (vero o presunto) ancora oggi si parla. In politica, nella società e, ovviamente, pure in tv. All’analisi giornalistica delle discriminazioni che attraversano (o attraverserebbero) il Paese si aggiunge ora il contributo di Gad Lerner. Da stasera, in access prime time -ore 20.30 – su Rai3, il giornalista presenterà un reportage-inchiesta in sei puntate intitolato La difesa della razza e dedicato proprio al racconto dei pregiudizi – vecchi e nuovi – che gravano sulle minoranze etniche e si manifestano in atteggiamenti di emarginazione o sospetto.


20
novembre

Ricchi e Poveri: Gad Lerner mostra le disuguaglianze e cerca i contrasti. Ma la soluzione non c’è

Ricchi e Poveri, Gad Lerner

Certe disuguaglianze sembrano impossibili da eliminare, almeno nell’immediato. E allora meglio raccontarle, magari evidenziando proprio quei contrasti che si vorrebbero rimuovere per sempre (non senza un legittimo slancio utopico). E’ quello che sta provando a fare Gad Lerner in Ricchi e Poveri, il suo nuovo ciclo di inchieste in onda la domenica su Rai3 e dedicato, appunto, alle disparità sociali.





8
maggio

Operai: Gad Lerner dà voce ai lavoratori invisibili e sogna Marx

Gad Lerner, Operai

Prima scena: Gad Lerner davanti alla statua di Karl Marx. Ci è venuto un colpo. “I lavoratori dovrebbero scrivere sulle loro bandiere la parola d’ordine rivoluzionaria” ha esordito il giornalista, declamando alcune teorie del filosofo tedesco. Il rischio che la prima prima puntata di Operai si trasformasse in un pippone anti-storico sulla lotta di classe sembrava concreto. Al contrario, il nuovo programma di Rai3 sul mondo del lavoro si è rivelato un racconto attuale, ricco di punti di vista inediti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


21
novembre

ISLAM, ITALIA: GAD LERNER ‘INFEDELE’ TRA I SEGUACI DI ALLAH. BENE IL DEBUTTO

Islam Italia

Gad Lerner fa le domande giuste, talvolta sembra provocare. Ed è proprio questa la chiave che apre al telespettatore il mondo di Islam Italia. Per il suo ritorno su Rai3, il barbuto giornalista ha scelto di raccontare una realtà articolata e controversa come quella dei musulmani nel nostro Paese. Una sfida non facile. Il rischio era che l’ex ‘Infedele’ di La7 (che di quei tempi ha ritrovato l’irriverenza) si approcciasse ai seguaci di Allah secondo quei canoni stereotipati che piacciono tanto ad alcuni cronisti nostrani. Ma sorpresa: non è stato così.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





20
novembre

ISLAM, ITALIA: GAD LERNER TORNA IN RAI PER RACCONTARE LA CULTURA MUSULMANA

Gad Lerner

Ormai è cristallino che lo sbarco di Daria Bignardi alla direzione di Rai3 abbia dato il via ad una vistosa sequela di arrivi e partenze. Per un “Arrivederci e grazie” più o meno diplomaticamente rifilato a qualcuno (citofonare Massimo Giannini), c’è un “Bentornato” già pronto per Gad Lerner. Dopo 16 anni dalla sua ultima fatica per la tv pubblica, il giornalista di origini libanesi è pronto a tornare tra le braccia di mamma Rai con un nuovo programma che andrà a rinfoltire la seconda serata della terza rete. Islam, Italia, questo il titolo scelto per la sestina di reportage (condotti tra Italia ed Europa, ma con tappe anche in Nigeria, Libano e Qatar), ognuno della durata di 50 minuti, in onda da stasera, ogni domenica, e confezionato ad hoc per veicolare l’attenzione del pubblico generalista su un tema tanto corteggiato quanto poco -e male- approfondito dal pianeta tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


1
luglio

PALINSESTI RAI 2016/2017: I NUOVI ACQUISTI

Pif

Il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto, nel presentare i palinsesti ufficiali della prossima stagione, ha parlato dell’importanza del gioco di squadra in casa Rai tra le reti. Anche per il 2016/2017 questa “mescolanza” in qualche modo proseguirà, visto che alcuni personaggi si affacceranno su canali pubblici diversi: Salvo Sottile si sposterà per esempio da Rai 1 a Rai 3, Stefano Bollani farà il percorso inverso, Amadeus si dividerà tra la prima e la seconda rete e un percorso simile toccherà anche al giornalista Alberto Matano, che vedremo su Rai 3. Ma, nonostante tutte queste sinergie, mamma Rai aveva anche bisogno di nuova linfa e dunque ha fatto degli “acquisti” in vista della prossima stagione. Ecco quali.


8
giugno

GAD LERNER VERSO RAI3

Gad Lerner

Per il suo futuro, Rai3 guarda al passato. Nella prossima stagione televisiva, infatti, la rete diretta da Daria Bignardi spalancherà le porte ad un vecchio lupo del piccolo schermo: Gad Lerner. Dopo l’addio a La7 e l’esperienza a Laeffe, il giornalista – classe 1954 – tornerà a Viale Mazzini e in particolare sul terzo canale, dove venticinque anni fa debuttò come conduttore. A lui sarà affidato un programma nella fascia serale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,