Clemente Mimun



13
gennaio

IL TG5 COMPIE 25 ANNI. DOMANI SI FESTEGGIA CON UNO SPECIALE CONDOTTO DA BONOLIS CON MENTANA, MIMUN E ROSSELLA

Tg5 - i fondatori e la prima redazione

Tg5 - i fondatori e la prima redazione

Primo quarto di secolo per l’informazione targata Canale 5. Il 13 gennaio 1992 alle 13, infatti, Enrica Bonaccorti cedeva la linea da Non è la Rai alla prima edizione del Tg5 – non senza qualche intoppo – condotta da una giovane Cristina Parodi e diretto da Enrico Mentana. Oggi, dopo venticinque anni di onorato servizio, si è saputo imporre tra i telegiornali delle generaliste ed è secondo solo al Tg1, per numero di spettatori. Il direttore Clemente J. Mimun, domani sera celebrerà la ricorrenza in uno Speciale del tiggì presentato da Paolo Bonolis, subito dopo la seconda puntata di ‘C’è Posta per te’.




22
febbraio

TG5 INTERAMENTE DIGITALE: DA OGGI IN ONDA CON IL SISTEMA DALET GALAXY

Tg5

Per il Tg5 è iniziata una nuova era. La rivoluzione è cominciata stamattina (22 febbraio 2016): a partire dall’edizione Prima Pagina, in onda alle ore 6, il notiziario della rete ammiraglia Mediaset è diventato interamente digitale. La testata diretta da Clemente Mimun, infatti, è stata la prima in Italia ad avvalersi del nuovo sistema Dalet Galaxy, una piattaforma di ultima generazione già utilizzata dalle più importanti emittenti televisive nel mondo per la produzione dei contenuti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


28
maggio

BOOM! CAMBIO DI DIREZIONE AL TG5?

Clemente Mimun

Clemente Mimun

Dicono che la direzione del Tg5 potrebbe cambiare a breve. Le decisioni dovrebbero arrivare dopo un incontro dell’azienda con il CDR previsto per i primi di giugno. Per il dopo-Clemente J Mimun qualcuno fa i nomi di Ferruccio De Bortoli e di Maurizio Belpietro.

Non solo. Potrebbe essere unificata per tutti i tg la cronaca, attualmente gestita in autonomia dalle redazioni dei singoli telegiornali delle reti del gruppo. Le alternative sarebbero due: la prima vedrebbe la creazione di una redazione ad hoc del Tg5 gestita Maurizio Amoroso, che contestualmente verrebbe promosso da Capo Redattore centrale a Vice Direttore. La seconda, invece, contemplerebbe l’affidamento della cronaca all’agenzia NewsMediaset.

Sempre prima dell’avvio della nuova stagione dovrebbe partire il processo di digitalizzazione del telegiornale di Canale 5.





16
gennaio

ITALIA DOMANDA: IL NUOVO APPROFONDIMENTO DI CANALE5 DEBUTTA CON BERSANI. VENERDI’ C’E’ SILVIO

Italia Domanda

I temi ed i protagonisti della campagna elettorale approdano in prima serata su Canale5. Debutta stasera, mercoledì 16 gennaio, Italia Domanda, la nuova trasmissione d’approfondimento politico targata Tg5 e curata dal direttore della testata Clemente Mimun assieme ad Andrea Pucci. In prime time, il programma ospiterà i principali esponenti di partito e porrà loro una serie di questioni d’attualità, avvalendosi del contributo di alcuni giornalisti. L’odierna puntata d’esordio vedrà sotto i riflettori Pierluigi Bersani.

Il leader del Pd inaugurerà la trasmissione sottoponendosi alle domande sul futuro dell’Italia e della sua coalizione, attraverso l’ analisi dei programmi politici. Il contraddittorio a Bersani sarà affidato oltre che al conduttore, Alberto Bilà, ad una platea di giornalisti della carta stampata tra cui il vice direttore di Repubblica Massimo Giannini, il direttore di Libero Maurizio Belpietro, Virman Cusenza, direttore del Messaggero, e Massimo Franco del Corriere della Sera.

Italia Domanda tornerà in onda anche venerdì 18 gennaio, sempre in prima serata, quando sarà il turno del leader della coalizione di centrodestra Silvio Berlusconi. Dopo un tour televisivo che lo ha portato anche nello studio di Servizio Pubblico, da Michele Santoro, il Cavaliere apparirà in prime time sulla rete ammiraglia Mediaset. Venerdì prossimo, peraltro, il talk show di Canale5 si confronterà con la puntata d’esordio di Leader, il nuovo programma di Lucia Annunziata.


8
gennaio

ITALIA DOMANDA IN PRIMA SERATA SU CANALE 5 CON BERSANI E BERLUSCONI. ANCORA UN RINVIO PER EXTREME MAKEOVER HOME EDITION ITALIA

Clemente Mimun, direttore del Tg5

Il nuovo direttore di Canale5 Giancarlo Scheri intende subito lasciare il segno a pochi giorni dal suo insediamento. Il palinsesto della rete ammiraglia del Biscione è stato stravolto: la fiction Il clan dei camorristi è stata rimandata al 25 gennaio mentre lo show La grande magia debutterà venerdì 11. Ma non è tutto. A irrompere nella programmazione è il nuovo programma di informazione politica dal titolo Italia Domanda.

Curato dal Tg5 di Clemente Mimun, Italia domanda debutterà direttamente in prima serata mercoledì 16 gennaio e raddoppierà venerdì 18 sempre in prime time. Viene, quindi, nuovamente rinviato nuovamente Extreme Makeover Home Edition Italia (a mercoledì 23) mentre la seconda puntata del talent show sulla magia condotto da Teo Mammucari andrà in onda giovedì 17.

Secondo Laura Rio de “Il giornale” il programma prevede tre diversi formati: il faccia a faccia, l’uno contro tutti e i temi dei programmi elettorali a confronto.Il programma, a cura della redazione del TG5, vedrà alternarsi alla conduzione Alberto Bilà, Cesara Buonamici, Giuseppe De Filippi ed Elena Guarnieri.





22
dicembre

ALESSIO VINCI NELLA SQUADRA DEL TG5

Alessio Vinci

Potrebbe essere un nuovo anno all’insegna del ritorno di alcuni giornalisti all’amore originario e puro, senza contaminazioni da infotainment. Di poche ore fa è l’annuncio dell’attuale direttore del Tg5 che ha cinguettato un’indiscrezione molto interessante sul nuovo staff di professionisti che il telegiornale dell’ammiraglia Mediaset sfodererà a partire dal 2013. Clemente Mimum potrà infatti avvalersi della preziosa collaborazione di Alessio Vinci.

Dopo l’esperienza della domenica pomeriggio che la rete ha dovuto ricalibrare per venire incontro al pubblico, una nuova opportunità si profila per colui che era arrivato con tutte le buone intenzioni di dare un tocco più english al mondo delle news italiane, ma che per ora si è dovuto scontrare con una risposta del pubblico tiepidina, diciamolo.

“Da gennaio anche Alessio Vinci nella squadra del Tg5″.

Questo il tweet di Mimum. Nella nuova redazione Vinci sarà chiamato immediatamente ai grandi lavori, visto il periodo di fuoco che attende il piccolo schermo alla ripresa dalle vacanze, tra l’incudine e il martello della par condicio, del diritto di cronaca e della libertà editoriale. Non sarà un atterraggio morbido viste le critiche che sono piovute già proprio sul servizio mandato in onda dal telegiornale di Canale 5 che riassumeva, con un’innegabile eccessiva indulgenza, la carriera in pillole di Silvio Berlusconi come guida del Paese.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


7
ottobre

L’ARCA DI NOE’: IL TGBAU&MIAO DI CLEMENTE MIMUN SI EVOLVE PER TRAINARE LA NUOVA DOMENICA LIVE

Arca di Noè

L'Arca di Noè

Se vi state chiedendo che fine abbia fatto TgBau&Miao, la risposta è presto detta: visti gli ascolti tutto sommato discreti, in una fascia tra l’altro non facile per la rete ammiraglia del Biscione (ora occupata da Melaverde), i piani alti di Cologno hanno voluto dare un’altra chance al Direttore del TG5 Clemente Mimun confermando l’appuntamento “animale” del telegiornale, curato da Maria Luisa Cocozza con la collaborazione dei giornalisti del TG. Tante le novità della nuova edizione.

Non più solo cani e gatti, che pure sono gli animali domestici per eccellenza, bensì tutti gli animali, che saranno protagonisti assoluti delle storie raccolte dal primo telegiornale animalista, che per l’occasione cambia titolo e diventa L’Arca di Noè. Un’evoluzione che si è ritenuta necessaria per abbracciare un maggior numero di spettatori, e accontentare il più possibile i gusti di tutti.

Se le due puntate pilota sono servite principalmente per valutare le “potenzialità” del programma, soprattutto per quanto riguarda gli ascolti, la nuova edizione – che andrà in onda alle 13.40 – avrà l’arduo compito di trainare gli spettatori verso il nuovo contenitore Domenica Live condotto da Alessio Vinci e Sabrina Scampini. Missione pressoché impossibile, se non altro perché nella stessa fascia dovrà vedersela con l’edizione delle 13.30 del Tg1 – che puntualmente fa il pieno d’ascolti.


22
settembre

AUGUSTO MINZOLINI A UN PASSO DA MEDIASET. DOPO LE ELEZIONI DIRIGERA’ IL TG5?

Augusto Minzolini, Silvio Berlusconi

Lo chiamano il “patto della staffetta”, ma in realtà sembra più una corsa a ostacoli. Il probabile arrivo di Augusto Minzolini a Mediaset – ventilato con insistenza ma non ancora confermato – continua a far discutere, soprattutto all’interno della stessa azienda del Biscione. Da quelle parti, infatti, l’ex direttorissimo non è molto gradito, come dimostrano le voci di protesta sollevate nei giorni scorsi dai giornalisti dell’emittente. Eppure la firma sembra vicina, grazie anche ad un ‘accordo’ che sarebbe stato discusso nientemeno che nelle stanze di Palazzo Grazioli.

Stando a quanto riporta Dagospia, infatti, dietro all’annunciato approdo di Minzolini a Mediaset ci sarebbe una mossa di Silvio Berlusconi, che in tempi non sospetti avrebbe convocato l’ex responsabile del Tg1 e il direttore del Tg5 Clemente Mimun per definire i termini di un avvicendamento giornalistico che li riguarderebbe. Il “patto della staffetta”, come lo ha definito D’Agostino, prevederebbe che al Minzo venga affidato un programma d’approfondimento in seconda serata (su Canale5, nello spazio che fu di Matrix), del quale occuparsi fino alle prossime elezioni. Dopodiché, l’ex direttorissimo verrebbe catapultato sulla poltrona del Tg5.

Sì, l’idea sarebbe proprio quella: assumere il ‘reietto del Tg1′ e sostituirlo a Clemente Mimun a partire dalla primavera del 2013, cioè dopo l’appuntamento elettorale che potrebbe vedere il Cavaliere come candidato premier. Sulla carta il progetto è pure fattibile, ma in realtà bisognerà tenere conto di alcune variabili che al momento non è possibile calcolare. A cominciare dalla reazione che potrebbero avere i giornalisti del Tg5, i quali già ora hanno espresso il loro disappunto nei confronti del super contrattone che spetterebbe al Minzo.