Pietro Taricone



17
luglio

DA PIETRO TARICONE A CORY MONTEITH: QUANDO DALLA MORTE DI UN ATTORE DIPENDE LA VITA DI UN PERSONAGGIO

Pietro Taricone

La morte prematura di Cory Monteith ha spiazzato tutti e gettato nella disperazione i suoi ammiratori. Da un punto di vista pratico per Fox la morte di uno dei protagonisti di Glee ha causato una sorta di black out momentaneo: come fare adesso con la nuova stagione in cantiere? Riscrivere ciò che era già scritto? Sostituire l’attore conservando il personaggio? Oppure far uscire Finn Hudson di scena insieme a Cory e, se sì, come? Facendo morire anche lui? Non sono ragionamenti facili da fare, perché ogni decisione scontenterebbe qualcuno: far morire il personaggio vorrebbe dire non permettere all’attore di sopravvivere almeno nell’immaginario collettivo, sostituirlo vorrebbe dire mancare di rispetto alla sua memoria e fare finta di niente sarebbe anche peggio.

Una questione spinosa, insomma. Che di certo non si verifica ora per la prima volta, visto che la tv americana conta molti altri casi simili e ognuno “risolto” in maniera diversa. Jock Ewing di Dallas morì in un incidente aereo dopo la dipartita dell’interprete Jim Davis mentre nella nuova serie l’omicidio di J.R., dovuto alla scomparsa del suo interprete Larry Hagman, ha avuto un ruolo fondamentale nella storyline della seconda stagione. Sally Spectra, storico personaggio di Beautiful, invece, è in giro per il mondo a godersi la vita da quando l’attrice Darlene Conley è stata stroncata da un cancro allo stomaco (anche se lo scorso anno il suo personaggio ha fatto una comparsata…). Dopo la scomparsa di John Ritter la sitcom 8 semplici regole è andata avanti senza di lui, che ne era protagonista con il suo Paul Hennessy, cambiando però registro e trasformandosi in una commedia dai toni più seri. Al contrario la morte di Jerry Orbach è passata praticamente sotto silenzio in Law & Order: ad un certo punto si accenna al fatto che il suo Lennie Briscoe è morto ma senza dire come, quando e perché.

I casi italiani di questo tipo sono molti di meno. L’ultimo riguarda l’attore Damiano Russo, morto in un incidente nel 2011 e dunque non presente nel seguito di Come un Delfino che gli è però stato dedicato; la sceneggiatura è stata modificata e il suo personaggio, Nazi, è morto con lui, permettendo agli autori di mettere in scena un funerale col quale omaggiare Damiano. Ma il caso più eclatante, che risale al 2010, è la morte di Pietro Taricone, star del primo Grande Fratello, che cinque giorni dopo il volo col paracadute che gli costò la vita avrebbe dovuto iniziare a girare la terza serie de La Nuova Squadra, di cui erano già stati scritte per intero sette serate e della quale lui sarebbe stato protagonista.




15
novembre

BACIATI DALL’AMORE: TUTTI I PROTAGONISTI

Gaia Bermani Amaral e Giampaolo Morelli

Dopo numerosi cambi di titolo e continui rinvii, arriva finalmente questa sera, alle 21,10 su Canale 5, Baciati dall’amore. La miniserie, ambientata in quel di  Napoli, è dedicata a Pietro Taricone, scomparso tragicamente a giugno dello scorso anno, a due mesi dalla fine delle riprese della fiction alla quale aveva preso parte nel ruolo di un aspirante cantante neomelodico.

Oltre all’indimenticato “guerriero”, nella miniserie diretta da Claudio Norza, complice un cast particolarmente ricco e variegato, sarà possibile ritrovare numerosi volti noti del piccolo schermo. Insieme a Giampaolo Morelli e Gaia Bermani Amaral, protagonisti principali con la loro contrastata storia d’amore, rivedremo, infatti, personaggi molto amati e popolari come Marisa Laurito, Lello Arena e Marco Columbro, assenti ormai da diverso tempo dalla tv.

Troveremo inoltre Flavio Montrucchio e Carolina Marconi, provenienti come Taricone dalla comune esperienza del Grande Fratello, ed ancora Maria Amelia Monti, pronta a bissare il ruolo di poliziotta che già interpreta in Distretto di Polizia. Nel cast anche Alessandra Barzaghi, il sempre più lanciato Edoardo Leo, ed ancora Patrizia Pellegrino, Iaia Forte e Stefano Masciolini. Ma conosciamo meglio tutti i protagonisti e i loro rispettivi personaggi.


13
novembre

LA SFIDA DELLA DOMENICA: LA MARCUZZI, MENGONI E LE DONNE DI KALISPERA NEL SALOTTO DELLA FEDE. PUNTATA SPECIALE PER L’AIRC A COSI’ E’ LA VITA

Elena Santarelli e Melissa Satta insieme a Kalispera (e oggi a Domenica Cinque)

Domenica particolare quella di oggi con le squadre di serie A a riposo per gli impegni della Nazionale e con il Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi. Per questo Victoria Cabello resta in panchina per una settimana mentre Domenica In andrà in onda in versione ridotta. Massimo Ranieri sarà protagonista di una lunga intervista all’Arena in onda alle 16.35. Insieme a Giletti, Ranieri ripercorrerà i momenti più significativi della sua intensa carriera, che lo vede, ora impegnato nella commedia di Eduardo De Filippo Questi fantasmi, in onda su Rai1 il 16 novembre.

Dalle 17.15 sarà invece il turno di Lorella Cuccarini con una puntata speciale di Domenica In – Così è la vita, in occasione della “Giornata per la Ricerca sul Cancro“, promossa dall’AIRC. Verranno proposte una serie di testimonianze di coraggio e speranza a sostegno della raccolta di fondi per la ricerca scientifica. Lorella Cuccarini ne parlerà in studio con Emiliano Mondonico e Margherita Granbassi coadiuvati da alcuni esperti. Infine, spazio all’attualità, alla cronaca e allo spettacolo, analizzati dalla conduttrice insieme a Irene Pivetti e Pierluigi Diaco.

Su Canale5, dopo l’approfondimento di Claudio Brachino, nel salotto di Federica Panicucci troveremo Elena Santarelli e Melissa Satta, le due prime donne della nuova edizione di Kalispèra! E poi Giampaolo Morelli e Gaia Bermani Amaral, protagonisti della fiction Baciati dall’amore, raccontano alcuni retroscena della vita sul set di Pietro Taricone nell’ultima sua apparizione televisiva. E, ancora, la popolare attrice italiana Dalila Di Lazzaro, si concederà in una commovente intervista sul suo passato e il suo presente. Alessia Marcuzzi parlerà dell’ultima edizione del Grande Fratello. Per la musica Marco Mengoni, ospite ieri di Antonella Clerici.





9
novembre

BACIATI DALL’AMORE: LA FICTION CON (E DEDICATA A) PIETRO TARICONE

Pietro Taricone in Baciati dall'amore

O’ Guerriero torna in tv. Pietro Taricone, prematuramente scomparso il 29 giugno dello scorso anno, riapparirà sugli schermi di Canale 5 dal prossimo 15 novembre con la prima delle sei puntate di Baciati dall’amore. La serie prodotta dai fratelli De Angelis sarà dedicata all’ex concorrente del Grande Fratello: a dichiararlo è il regista Claudio Norza, tra i primi a credere nelle potenzialità d’attore di Taricone, dirigendolo nella serie Rai La nuova Squadra.

“Pietro se n’è andato un mese dopo la fine delle riprese e questo vuole essere un omaggio al suo talento. Va in onda adesso per rispetto alla sua famiglia: tanti squali non si sarebbero certo fatti scrupolo di cavalcare l’emozione a ridosso del tragico evento”.

Un ritardo sulla messa in onda, prevista inizialmente per l’autunno del 2010, dovuto dunque al rispetto per la morte del giovane attore, e non come alcune voci di corridoio sembravano sostenere, legato alla scarsa fiducia dei vertici di Canale5 nei confronti della fiction.


23
luglio

BACIATI DALL’AMORE O DALLA SFIGA?

Baciati dall'amore

Altro che amore, qui a baciare è la sfortuna! Non c’è pace per Baciati dall’amore, la fiction destinata alla prima serata di Canale 5, la cui messa in onda continua inesorabilmente a essere annunciata e puntualmente rimandata. A distanza di oltre un anno dalla fine delle riprese,  la miniserie in 6 puntate diretta da Claudio Norza e prodotta dalla Dap di Guido e Maurizio De Angelis, non è ancora  riuscita a trovare una sua collocazione in palinsesto.

Difficile capire il motivo di questo continuo slittamento per la fiction che vede protagonisti tra gli altri Lello Arena, Marisa Laurito, Giampaolo Morelli e Pietro Taricone. Prevista originariamente per l’autunno 2010, rinviata ai primi mesi del 2011 in seguito forse all’improvvisa e drammatica morte di Taricone, Baciati dall’amore sarebbe infine dovuta andare in onda la scorsa primavera, ma dei tanto attesi Cesaroni del sud nel palinsesto di Canale 5 non vi è stata nessuna traccia.

La miniserie intitolata inizialmente Dio li fa e poi li accoppia, e in seguito ribattezzata a stretto giro prima ‘Una bella Famiglia’, poi ‘La Famiglia Gambardella’ e infine ‘Baciati dall’amore‘, racconta l’incontro-scontro tra la famiglia Gambardella, meridionale e pasticciona, e la famiglia Trevisol, settentrionale e tutta d’un pezzo. Gaetano Gambardella (Lello Arena), di professione fioraio, vive in un quartiere popolare di Napoli insieme alla moglie Concetta (Marisa Laurito) e ai figli Antonio (Pietro Taricone) e Carlo (Giampaolo Morelli). Quest’ultimo è stato abbandonato dalla propria moglie ed è tornato a vivere con i genitori insieme ai suoi cinque figli.





30
giugno

DALLA SOLIDARIETA’ AL RICORDO DI PIETRO TARICONE: QUANDO IL CALCIO VA OLTRE IL TIFO

Derby dei Campioni del Cuore 2011

L’unione fa la forza, ed in questo calcio e solidarietà rappresentano da sempre un binomio vincente. Andrà in onda questa sera su Rai 2, a partire dalle 21.00, il tradizionale appuntamento con il Derby dei Campioni del Cuore, la partita benefica disputata lo scorso 30 maggio allo stadio Olimpico di Roma. Volti noti del mondo dello spettacolo e del calcio di oggi e di ieri, si sono sfidati in un match tra Roma e Lazio con l’unico obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca. L’intero incasso della serata, infatti, è stato devoluto ad oltre 50 associazioni che tra volontariato, assistenza ai malati e ricerca scentifica, mandano avanti il vero cuore del nostro Paese.

L’evento è presentato dalla coppia Alessandro Greco-Lorena Bianchetti, mentre la telecronaca dell’incontro è affidata alle voci di Fabrizio Failla e Vincenzo D’Amico. Non mancheranno le consuete incursioni a bordo campo, con Debora Salvalaggio e Pamela Camassa, per raccogliere umori e sensazioni dei protagonisti in campo. Arbitro dell’incontro è Cesare Farina. Questi i nomi illustri che vedremo stasera in campo:

RomaBattista, Berti, Brugia, Candela, Capparoni, Ciufoli, Conti, Delvecchio, Di Clemente, Di Lorenzo, Floris, Ghione, Giuliani, Izzo, Liverani, Masciarelli, Mattioli, Milo, Mirante, Propizio, Reggiani, Rocca, Siravo, Todardo, Ward, Zeno, Cassini, Sbrighi, Masciolini e Ficarra.

Lazio – Ballotta, Balzo, Aiello, Bocci, Cabrerizo, Capuano, D’Angelo, Di Gennaro, Esposito, Favalli, Fragasso, Galloppa, Giannichedda, Giffrida, Grava, Iezzo, Insegno, Mazzocchetti, Oppini, Orfei, Pantano, Pasotti, Pess, Recano, Sardonè, Siviglia, Stendardo, Velo, Zamma, Fuentes, Montesano, Amato, Sculli e Montovoli.


19
aprile

GRANDE FRATELLO 11: LE FORZE DEL BENE ALLA FINE PREVALGONO SEMPRE SU QUELLE DEL MALE (E DEL TRASH).

Pietro Taricone chiude il Grande Fratello 11

E vissero tutti felici e contenti. Anche questa edizione del Grande Fratello si chiude con una vittoria positiva: dopo mesi e mesi di eccessi e strepiti, a trionfare è colui che ha da sempre saputo mantenere al meglio la misura. In una volata finale che comunque avrebbe permesso al reality di smacchiarsi dalla fama prevalente, tra il vincitore sociale e il vincitore morale la spunta proprio Andrea Cocco che meglio ha racchiuso il catalogo delle virtù umane. Quando si dice che un paio di corna possono cambiare la vita.

Nello studio che pullula di balli e colori l’ultimo exploit di grandi contrapposizioni dirette, anche se il vivamus et amemus di ogni finale affiora dominando gli scambi verbali. Rancori sepolti o quasi: Alessia Marcuzzi dice persino di aver tifato per Guendalina Tavassi tacendo stasera il suo scarso gradimento verso la mamma accalappia-media, accusata dalla stessa presentatrice di sputare nel ricco piatto in cui stava mangiando. Nel clima di bontà fa eccezione solo il fatidico incontro fuori dalla mura della casa tra Margherita Zanatta e Nando, con il ragazzotto maturato ancora ad un’altra evoluzione: anziché tenere la coda tra le gambe si presenta al cospetto della Zanatta ringalluzzito come non mai (“aho, mica so un cagnolino!”) ma subisce l’ennesima mazzata.

Chi invece è cornuto senza mazziato è Andrea Cocco: la maledizione che vuole il trionfo sempre da Roma in su non si sfata nemmeno quest’anno volgendosi addirittura verso l’estremo Oriente. Se già con Ferdi e Jonathan i buoni giudici italiani del televoto si erano affacciati a Levante con il modello cosmopolita, il fascino esotico è davvero ancora più forte. Dato ancora più particolare se consideriamo che lo zoccolo duro delle audience risieda proprio nella parte d’Italia che non annovera nemmeno un vincitore nell’albo d’oro.


3
aprile

FESTIVAL DELLA TV DI MONTECARLO: IN NOMINATION TERRA RIBELLE E BACIATI DALL’AMORE. LAURITO E AMARAL TRA TINA FEY E SOFIA VERGARA

Giampiero Morelli

Si chiama Festival della Tv, anche se a essere premiato è solo il mondo dei serial e delle fiction. Stiamo parlando del Monte-Carlo Television Festival giunto quest’anno alla sua 51esima edizione. L’evento, che si svolgerà nel Principato di Monaco dal 6 al 10 giugno, prevede due categorie principali: il Drama e la Comedy. Ogni categoria è a sua volta divisa in 4 sottocategorie che comprendono i titoli di Miglior Produzione Internazionale, Miglior Produzione Europea, Miglior Attore e Miglior Attrice. Tra i paesi in gara per ricevere tra le mani l’ambita Ninfa d’oro, riproduzione della Ninfa Salmace, opera neoclassica dello scultore monegasco François Joseph Bosio, c’è anche l’Italia, presente con ben 9 nomination.

Nella categoria Drama, tra le migliori produzioni internazionali in gara, troviamo Terra Ribelle, la fiction di Rai 1 diretta da Cinzia Th Torrini e prodotta dalla Albatross  Entertainement. Il protagonista Rodrigo Guirao Diaz, a breve sul set de La Certosa di Parma, concorrerà invece al titolo di Miglior Attore, mentre i due volti femminili della serie, Anna Favella e Sabrina Garciarena saranno in lizza per il premio come Miglior Attrice.

Sul fronte Comedy, le 5  nomination ottenute riguardano Baciati dall’amore, ovvero la fiction con protagonisti Lello Arena, Giampaolo Morelli, Marco Columbro e Pietro Taricone. La serie inizialmente intitolata Dio li fa e poi li accoppia e in seguito presentata come La Famiglia Gambardella e Una bella Famiglia, dovrebbe sbarcare con l’ennesimo nuovo titolo sulla rete ammiraglia Mediaset in tarda primavera o presumibilmente  nel prossimo autunno. In attesa del responso del pubblico di Canale 5, la risposta napoletana a I Cesaroni, è riuscita ad ottenere una nomination nella categoria Miglior Produzione Internazionale. Giampaolo Morelli e Lello Arena, saranno in gara per il titolo di Miglior Attore, mentre al premio come Miglior Attrice concorreranno Gaia Bermani Amaral e Marisa Laurito, protagoniste femminili della fiction.