Maurizio Battista



27
maggio

Pagelle TV della Settimana (18-24/05/2020). Promossi L’Albero Azzurro e Skam. Bocciati Incorvaia e Ciavarro e Maurizio Battista

skam

Skam

Promossi

9 ai 30 anni dell’Albero Azzurro. Era il 21 maggio del 1990 quando sugli schermi Rai debuttavano l’uccello Dodò e i suoi amici, protagonisti di una trasmissione per bambini con un inconsueto approccio educativo e del fare. Oggi, seppur con alterne fortune, L’Albero Azzurro resiste su Rai YoYo vantando ancora forti capacità distintive.




18
maggio

Poco di Tanto: dopo l’esordio flop, il programma di Maurizio Battista trasloca al mercoledì

Poco di Tanto

Poco di Tanto

Cambio di giorno per Poco di Tanto, il nuovo impegno televisivo di Maurizio Battista incentrato sugli anni ‘60, ‘70 e ‘80 e partito lo scorso giovedì su Rai 2. Il prossimo appuntamento col programma andrà infatti in onda mercoledì 20 maggio, evitando così un altro scontro “fratricida” con Vivi e Lascia Vivere, la fiction di successo con Elena Sofia Ricci trasmessa su Rai 1.


12
maggio

Poco di Tanto: Maurizio Battista racconta su Rai 2 gli anni ‘60, ‘70 e ‘80

Maurizio Battista

Maurizio Battista

Gli anni ‘60, ‘70 e ‘80 spiegati da Maurizio Battista. Il comico romano è pronto per approdare alla guida di Poco di Tanto, il nuovo comedy show di Rai 2 che andrà in onda, in prima serata, da giovedì 14 maggio 2020. Un viaggio di tre settimane che racconterà in chiave ironica i cambiamenti sociali, culturali e antropologici che hanno contraddistinto la vita degli uomini nei tre decenni sopracitati.





14
aprile

Maurizio Battista a maggio su Rai 2 con un nuovo programma

Maurizio Battista

Maurizio Battista

Maurizio Battista torna su Rai 2 con un nuovo programma dal titolo Il Poco di Tanto. Andrà in onda a partire dalla metà di maggio, per un totale di tre puntate in prima serata.


16
dicembre

Rai2 festeggia Natale a casa Battista

Natale a Casa Battista

Natale a Casa Battista

Il Natale, su Rai2, è già arrivato. Ad aprire le danze dei festeggiamenti di uno dei periodi più affascinanti dell’anno ci penserà Maurizio Battista, che questa sera, in prima serata, sarà impegnato in un inedito one-man show a tema. Natale a casa Battista sarà una serata dalle mille sfaccettature che, tra gag, risate e spunti di riflessione, ripercorrerà come si siano evolute le tradizioni italiane passando da un Natale più canonico a uno più innovativo, iper-moderno e digitale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





23
dicembre

Italia1: Pucci, Ruffini e Battista ’strenne’ natalizie

Io Sono Battista

Io Sono Battista

Dopo essere stati più volte rinviati arrivano su Italia 1, in piene Festività, gli one man show con protagonisti Pucci e Maurizio Battista. Una terza serata di comicità (ma anche di riflessione) sarà poi garantita, la sera del 25 dicembre, da Paolo Ruffini e dal suo spettacolo teatrale sulla bellezza della diversità.


17
ottobre

Pagelle TV della Settimana (8-14/10/2018). Promossi Amoroso e Ventura. Bocciati Solo e Romolo + Giuly

Mastrota in Romolo + Giuly

Mastrota in Romolo + Giuly

Promossi

9 a Alessandra Amoroso. A dieci anni dalla sua avventura ad Amici, la cantante salentina è ripartita a razzo con un disco d’oro conquistato in meno di 10 giorni (qui la classifica Fimi). Ha saputo sfruttare appieno il periodo post talent ma anche rigenerarsi e trovare nuovo slancio, dopo aver sfiorato qualche passo falso in passato.


13
ottobre

Maurizio Battista si ritira dal Grande Fratello Vip

Maurizio Battista

Maurizio Battista

Per motivi personali io vado via, perciò grazie a tutti”. Maurizio Battista non ce l’ha fatta. Il comico ha infatti lasciato questa mattina la casa di Grande Fratello Vip 2018. Il concorrente, già da diversi giorni, aveva manifestato l’intenzione di abbandonare il gioco e, proprio ieri sera, era ritornato sulla questione con Enrico Silvestrin. L’uomo aveva sottolineato che, dal suo punto di vista, stava perdendo momenti molto importanti nella vita della figlia di appena due anni e, proprio per tali ragioni, sentiva che sarebbe stato impossibile per lui trovare un “suo senso” all’interno della casa di Cinecittà.