Che Dio ci Aiuti



23
marzo

MIRIAM DALMAZIO (CHE DIO CI AIUTI) A DM: NON MI HANNO PRESO PER INTERPRETARE GIULIETTA

Miriam Dalmazio (foto di Francesca Petrangeli)

Miriam Dalmazio è giovanissima, classe 1987, ma è già nota al grande pubblico. Merito della sua interpretazione in Che Dio ci Aiuti, la fortunata fiction di Rai1 in cui veste i panni di Margherita. A DM si racconta con sincerità ma anche con l’imbarazzo di una giovane attrice che sta iniziando adesso a confrontarsi con il successo e la notorietà.

Per me ogni volta è sempre una sorpresa. E’ strano entrare nelle case degli italiani una volta a settimana. Mi piace e mi imbarazza. Il mio problema è che io vado in giro vestita male, senza trucco… non so come la gente faccia a riconoscermi.

Com’è nata la passione per la recitazione?

Quella per la recitazione, e per l’arte in genere, l’ho sempre avuta sin da bambina. Poi, vivendo a Palermo, ho frequentato qualche piccolo corso ma in realtà è stato un caso che io abbia iniziato a fare davvero questo lavoro. Un giorno ho accompagnato una mia amica a un provino e mi hanno notata…

Hai anche una passione per il canto…

Si, anche se non ho una voce educata e non ho mai studiato canto, però è una cosa che mi piacerebbe fare in futuro.

Quindi c’è la possibilità di vederti in un musical?

Magari! Anche se io non ho mai ballato e non so se sono portata. Non mi sono mai messa alla prova però tutto quello che è inerente all’arte mi piace molto.

Com’è stato il provino per ottenere il ruolo di Margherita in Che Dio ci Aiuti?

In verità ne ho fatti svariati, perché la casting director si ricordava di alcuni provini che avevo fatto un anno prima. Sono stata provinata anche per i ruoli di Giulia (Serena Rossi, ndDm) e Azzurra (Francesca Chillemi, ndDm).

Qual è stata la tua prima volta davanti alla cinepresa?




27
dicembre

2012, UN ANNO DI SUCCESSI (PRIMA PARTE): SOLO SANREMO E IL CALCIO MEGLIO DI ITALIA’S GOT TALENT. FICTION DI RAI 1 SUGLI SCUDI

Oltre 8 milioni di spettatori e il 30% di share per il film tv su Borsellino

Un altro anno sta per concludersi ed anche il piccolo schermo si appresta al rompete le righe di un 2012 che, sulla scia dell’anno precedente, ha fatto segnare una fuga di spettatori non indifferente per gli storici canali generalisti. I numeri parlano chiaro, gli obiettivi delle reti si abbassano prepotentemente; eppure c’è chi è riuscito a brillare come un tempo nella corsa all’auditel, dando conferma che gli italiani sanno ancora “riunirsi” di fronte ad appuntamenti forti, che non siano soltanto il Festival di Sanremo o le partite di calcio.

Andiamo, dunque, a ricordare nel dettaglio quali proposte televisive della prima serata del 2012 finiscono di diritto in… Un Anno di Successi:

GENNAIO – Il primo sussulto lo regala Canale 5 con la fiction Il Tredicesimo Apostolo, che incolla all’esordio ben 7.103.000 spettatori, pari al 27.21% di share. Durata sei puntate, la serie chiude con 5.767.000 e il 21.06% di media. Prosegue il “miracolo” del giovedì di Rai 1 con le ultime puntate della fiction Che Dio ci aiuti, che chiude col botto finale di 7.649.000 fedeli (26.45%). Al via la sfida del sabato tra Ballando con le Stelle 8 (media 5.276.000 – 23.19%) e Italia’s Got Talent 3 (media 6.676.000 – 28.27%); clamoroso, in particolare, il risultato del talent di Canale 5, che alla sesta puntata sfiora addirittura i 9 milioni di spettatori (8.812.000 – 34.52%). Brilla anche SkyUno grazie alla finale di X Factor 5, che consegna al canale satellitare un risultato record (3.95%).

FEBBRAIO – Rai 1 gongola con il calcio (la semifinale d’andata di Coppa Italia tra Milan e Juventus è seguita da 9.328.000 calciofili, con uno share del 29.57%), prima di brindare alle cinque serate del Festival di Sanremo (media 11.144.000 – 47.23%), che nella finale raggiunge i 13.287.000 individui (57.43%). Sempre sulla prima rete nazionale, si rivela un successo la serie Provaci ancora Prof 4, che al secondo appuntamento sfiora i 7 milioni (6.909.000 – 23.46%) e chiude le sei puntate con una media di 6.201.000 spettatori, pari al 21.97%. Ancor più netto è il dominio de Il Giovane Montalbano (media 6.991.000 – 26.07%), salutato all’esordio da 7.749.000 fans (27.99%) dell’originale commissario.


13
luglio

SERENA ROSSI CONTESA DA RAI E MEDIASET: TRA POLIZIESCHI E SERIE IN COSTUME, IN ARRIVO UN POKER DI FICTION

Serena Rossi

Pelle ambrata, curve mozzafiato e un fascino mediterraneo che non può certo passare inosservato. Serena Rossi è diventata ormai uno dei volti di punta della fiction italiana. La giovane attrice, che il 18 luglio vedremo nelle inedite vesti di conduttrice al fianco di Massimo Giletti in Le Note degli Angeli, in onda dalla suggestiva Pompei, sarà protagonista nella prossima stagione di ben 4 fiction.

Un poker di appuntamenti che prenderà il via il prossimo mese di settembre con R.I.S. Roma 3, la serie Taodue che segnerà il debutto della Rossi sugli schermi di Canale5. Sempre per la rete ammiraglia Mediaset e per la casa di produzione di Pietro Valsecchi, l’attrice ha preso parte negli scorsi mesi all’attesissima serie Il Clan dei Camorristi, in onda nel 2013.

Nonostante gli impegni con la tv commerciale, la Rossi, conosciuta al grande pubblico per aver a lungo ricoperto il ruolo di Carmen nella soap Un posto al sole, continuerà a mantenere ben saldo il sodalizio con RaiFiction. L’attrice napoletana sarà, infatti, presente al fianco di Gianluca Terranova, Martina Stella e Vanessa Incontrada ne Il Grande Caruso, miniserie in onda su Rai1 il prossimo autunno. Gli impegni con la tv di Stato proseguiranno poi con la partecipazione a Rossella 2, la fiction con protagonista Gabriella Pession, le cui riprese sono attualmente in corso nella Capitale.





16
marzo

PIANO FICTION RAI 2012: ECCO LE NOVITA’ DEI PROSSIMI MESI

Fiction Rai 2012

Con sette voti a favore e l’astensione dei consiglieri Rodolfo De Laurentiis e Giorgio Van Straten, il consiglio di amministrazione della Rai ha approvato il piano fiction 2012, più volte preso in esame e puntualmente ritirato. A tenere banco e agitare gli animi dei consiglieri, è stata in particolare la scelta di finanziare un costo di attivazione di 948 mila euro (a fronte dei 300 mila euro necessari in media per una serie in otto puntate), la seconda stagione della fiction Bentornato Nero Wolfe.

Una scelta troppo azzardata, se si considera soprattutto che della serie prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi, non è neppure andata in onda la prima stagione. La soluzione, come spiegato in una nota di viale Mazzini, sarà quella di mandare in onda la prima serie e poi valutare se sia il caso o meno di finanziare la seconda.

Tra i titoli che hanno invece ricevuto il via libera, troviamo Aladino della Lux Vide, già produttrice delle fiction ispirate alle fiabe di Pinocchio e Cenerentola. La casa di produzione fondata da Ettore Bernabei, garanzia da sempre di grandi ascolti e di serie tv dai toni familiari e rassicuranti,  sarà inoltre impegnata con la realizzazione delle seconde stagioni di Un passo dal cielo, con la guardia forestale Terence Hill, e Che Dio ci aiuti, con la suora Elena Sofia Ricci. 


13
febbraio

PIANO FICTION RAI 2012: TRA LE POLEMICHE ARRIVANO MOLTE CONFERME E QUALCHE NOVITÀ

Fiction Rai 2012

Presentato la scorsa settimana al Cda dal direttore generale Lorenza Lei, e bocciato clamorosamente dai consiglieri Rai, il piano Fiction Rai per il 2012 è stato  ritirato dal Dg, che lo ripresenterà con i dovuti ritocchi a fine febbraio. Ad aver creato particolari malumori la questione legata al costo di attivazione della seconda serie della fiction Bentornato Nero Wolfe. Il Cda si è chiesto, infatti,  come mai per la fiction prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi, la cui prima stagione non è neppure andata in onda, il costo per attivare la produzione sia stato stimato in 948 mila euro, a fronte dei 300 mila euro necessari in media, per una serie in otto puntate.

In attesa di conoscere gli sviluppi sulla questione, e le eventuali modifiche apportate dal Dg, conosciamo il contenuto del piano fiction, ricco di molte conferme e qualche novità. Sul fronte delle conferme, con buona pace per i detrattori delle fiction sin troppo buoniste a marchio Lux Vide, ritroveremo le seconde stagioni di Un passo dal cielo, con Terence Hill, e Che Dio ci aiuti con Elena Sofia Ricci. Come confermato nelle scorse settimane dallo stesso Lando Buzzanca, tornerà la prossima stagione nella collocazione della domenica (dopo Che tempo che Fa di Fabio Fazio?) anche la nuova serie de Il Restauratore.

Sempre al giorno di festa è destinata l’ottava serie di Un medico in famiglia, la fiction targata Publispei, che per l’occasione ritrova Lino Banfi nei panni di Nonno Libero. La società produrrà anche la miniserie dedicata alla figura di Grace Kelly. In lizza per il ruolo della principessa di Monaco troviamo la regina della fiction Rai Vanessa Hessler, che proprio in questi giorni ha concluso le riprese in Tunisia della miniserie biografica Santa Barbara.





4
gennaio

FICTION: SUL SET LE NUOVE STAGIONI DI CHE DIO CI AIUTI, UN PASSO DAL CIELO E COME UN DELFINO

Come un delfino

Con il nuovo anno, la grande macchina della fiction italiana riapre i suoi set. Tante – come prevedibile – le riconferme, a partire da Come un Delfino, la miniserie in due parti interpretata da Raoul Bova, Barbora Bobulova e Ricky Memphis, in onda con un buon successo  di pubblico lo scorso mese di marzo su Canale 5. A fine mese si inizierà  a girare una nuova stagione di 4 puntate, diretta da Franco Bertini e prodotta ancora una volta dalla SanMarcoFilm di Bova e sua moglie Chiara Giordano. Messa in onda prevista per il prossimo autunno.

Ultimi ciak a febbraio sul set de I Cesaroni 5 che, oltre al ritorno di Elena Sofia Ricci, potranno contare sulla partecipazione come guest star di Rita Dalla Chiesa, impegnata a condurre una speciale puntata di Forum, di  Nathalie Giannitrapani che canterà con Marco (Matteo Branciamore) l’inedito Non sento più niente, ed ancora l’attore porno Rocco Siffredi nei panni di se stesso.

Partiranno invece a marzo le riprese di Onde, la fiction in sette puntate prodotta dalla Publispei, che vedrà tra i protagonisti Daniele Liotti e Francesco Montanari. La serie, girata tra Argentina e Sicilia, è destinata alla prima serata di Canale5, e sarà diretta dallo spagnolo Louis Prieto.


2
gennaio

FICTION RAI: NEL 2011 TRADIZIONE E CONFERME HANNO GARANTITO OTTIMI ASCOLTI. SVETTANO MONTALBANO E LE SORELLE FONTANA

Terence Hill in Don Matteo 8

168 serate, di cui 124 in prima visione tv. Ben 20 appuntamenti, 150.000 ascoltatori e uno 0,1% di share in più rispetto al 2010. Sono questi i numeri di RaiFiction del 2011; risultati positivi che acquistano ancor più valore se inseriti in un contesto televisivo come quello attuale, caratterizzato dalla sempre crescente offerta televisiva da parte del digitale terrestre e dalla costante affermazione della tv satellitare.

In testa per gradimento di pubblico e critica c’è sempre Luca Zingaretti con Il Commissario Montalbano, in grado di collezionare nei suoi 4 appuntamenti una media di ben 9.295.000 spettatori (31.9% di share). Ottimi consensi – 7.973.000 spettatori (28% di share) – anche per la miniserie in due puntate Atelier Fontana – Le sorelle della moda, con Anna Valle e Alessandra Mastronardi.

Tra i volti di punta della Fiction Rai, ennesima riconferma per Beppe Fiorello, questa volta impegnato a raccontare il dramma dei padri separati nella miniserie Sarò sempre tuo padre, seguita da una media di 7.397.000 spettatori (26.5% di share). Si è confermata una vera e propria miniera d’oro per le casse di mamma Rai, il rassicurante Don Matteo. Il parroco in sottana e bicicletta, interpretato da Terence Hill, non sembra soffrire il passare del tempo e, alla sua ottava stagione, riesce a totalizzare, nei 13 appuntamenti in palinsesto, una media di 7.037.000 spettatori (27.1% di share).


22
dicembre

CHE DIO CI AIUTI VS IO CANTO CHRISTMAS CON I SOLITI ‘AMICI’: IL DOPPIO GIOCO DELL’INFLAZIONE

Che Dio ci Aiuti

Don Matteo lascia il posto a Suor Angela, e Gerry Scotti torna in prima serata con uno speciale di Io Canto: si rinnova questa sera la sfida del giovedì a cui abbiamo assistito per tutta la stagione autunnale e che ha visto fino ad ora una schiacciante vittoria per la storica fiction di Rai1. Onore al merito per Elena Sofia Ricci: Che Dio ci aiuti potrà sembrare una ‘furba’ versione al femminile di Don Matteo ma, complice una strategia vincente adottata da Rai1, al suo esordio ha fatto segnare ascolti record, pur non brillando per originalità e sceneggiatura.

Con 7.332.000 spettatori nel primo episodio, 6.285.000 nel secondo e uno share oltre il 25%, il genere di fiction tanto caro a Rai1 non sembra essere stato inflazionato dalla somiglianza tra i  due titoli che mischiano investigazione, commedia e la  vocazione spirituale del protagonista. La stessa cosa invece non si può dire per i baby-talent: di fronte ai magri riscontri e alla sovraesposizione dei marmocchi canterini, Canale5 non ha desistito dal proporre lo speciale Io Canto Christmas.

Sotto la direzione artistica di Roberto Cenci e in uno studio completamente vestito a festa, i giovani protagonisti di Io Canto intoneranno le più belle canzoni di Natale, del repertorio italiano ed internazionale. Nel corso della serata si esibiranno Renato Zero, Michael Bublé, Christian De Sica, Alessandra Amoroso ed Emma Marrone. E sempre dalla fucina di Amici saranno sul palco Marco Carta, Valerio Scanu, Antonino, Karima, Annalisa e Virginio.