TG/Informazione


23
gennaio

Otto e Mezzo, Milena Gabanelli: «Dataroom era pensato per la Rai. L’addio a Viale Mazzini? Non avevo scelta»

Milena Gabanelli, Otto e Mezzo

Misuratissima, precisa, obiettiva nei giudizi. Milena Gabanelli è apparsa ieri sera su La7 dimostrando – qualora ce ne fosse stato bisogno – di che pasta è fatta. Chissà che qualcuno in Rai non abbia meditato sull’autogol commesso con le sue dimissioni forzate da Viale Mazzini. Ospite a Otto e Mezzo, la giornalista ha presentato Dataroom, la nuova striscia di data journalism da lei stessa curata per Corriere.it (qui gli ascolti su La7). “A questo punto della mia carriera ho pensato che è quello il mondo che mi interessa” ha spiegato l’ex conduttrice di Report, che su La7 ha definito quella del servizio pubblico una “pagina chiusa. Almeno per ora.




20
gennaio

Par condicio, l’Agcom richiama Lilli Gruber per la puntata con De Benedetti. Lei si scusa: «Non succederà più»

Lilli Gruber, Carlo De Benedetti

Chiedo venia, non succederà più“. Lilli Gruber ha dovuto fare pubblica ammenda. A denti stretti, certo, ma non aveva alternativa. Ieri sera, in diretta su La7, la conduttrice di Otto e Mezzo ha porto le proprie scuse a seguito di un richiamo arrivatole dall’Agcom per violazione della par condicio. L’Autorità Garante, infatti, ha messo in evidenza una scorrettezza avvenuta mercoledì scorso durante l’ospitata di Carlo De Benedetti, il quale – contravvenendo alle norme sulla comunicazione pre elettorale – aveva espresso la propria intenzione di voto.


16
gennaio

Il terzo indizio: una docufiction sul caso Sarah Scazzi apre la nuova stagione – Foto dei protagonisti

Barbara De Rossi

L’omicidio di Sarah Scazzi diventa per la prima volta una docufiction. La vicenda della ragazzina di Avetrana trovata senza vita nell’ottobre 2010, ad un mese e mezzo dalla sua scomparsa, verrà ricostruita, con il contributo di attori e comparse, nella prima puntata della nuova stagione de Il terzo indizio, il programma di Rete4 condotto da Barbara De Rossi. A partire da stasera, la conduttrice introdurrà in prime time i filmati che ripercorreranno i più grandi casi di cronaca che hanno diviso l’opinione pubblica, a cominciare proprio dal giallo della ragazzina pugliese.





13
gennaio

Kronos, «il tempo della scelta»: cambiare o non cambiare canale?

Kronos, Annalisa Bruchi

Kronos è «il tempo della scelta»: cambio canale o resto? Il telespettatore se lo chiede da subito, legittimato da una comprensibile assuefazione da talk show. Il nuovo programma informativo del prime time di Rai2, del resto, desta una involontaria sensazione di deja-vu già dai primi minuti, nonostante l’originale impostazione. Lo sforzo innovativo ricercato dalla trasmissione, infatti, si scontra con una scarsa resa televisiva dei buoni propositi e con una conduzione non sempre all’altezza delle aspettative.


12
gennaio

Kronos – Il tempo della scelta: Annalisa Bruchi e Giancarlo Loquenzi debuttano con Berlusconi ospite

Annalisa Bruchi e Giancarlo Loquenzi

Annalisa Bruchi e Giancarlo Loquenzi

Rai2 riaccende – un po’ in extremis – l’approfondimento politico in prime time. Per seguire la volata finale che ci accompagnerà alle prossime elezioni, la rete diretta da Andrea Fabiano si appresta al debutto di Kronos-il tempo della scelta, il nuovo talk show condotto da Annalisa Bruchi e Giancarlo Loquenzi in onda da stasera. Di venerdì, quindi, in una serata tradizionalmente non dedicata all’informazione d’attualità. Si tratta dunque di una sfida, e per cercare di vincerla i due conduttori caleranno sin da subito l’asso.





10
gennaio

M, Michele Santoro torna su Rai3: «Nei talk show c’è Kamasutra di politici. Prima ero un Padreterno, ora ho un incastro contrattuale»

Michele Santoro, M

Zorro c’aveva la Z, Michele Santoro la M. Come il giustiziere mascherato, anche il giornalista intende lasciare il segno. Da domani, l’ex teletribuno di Annozero tornerà su Rai3 con il proprio programma d’attualità – M, appunto – per “fare quello che i tg non fanno“. In diretta dalla sede torinese del servizio pubblico, il conduttore presenterà in prima serata un ciclo di quattro puntate dedicate ciascuna ad un tema monografico: si parlerà di Banche, immigrazione, Roma Capitale ed evasione fiscale. L’obiettivo dichiarato è quello di fare una trasmissione opposta a Porta a Porta, almeno nell’approccio. 

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


9
gennaio

Par condicio, Vespa e Fazio sono salvi. La Vigilanza Rai boccia gli emendamenti M5S

Bruno Vespa, Fabio Fazio

Bruno VespaFabio Fazio sono salvi. La commissione di Vigilanza Rai ha dato il via libera al regolamento sulla par condicio in vista delle prossime elezioni bocciando gli emendamenti presentati dal Movimento Cinque Stelle, che avrebbero penalizzato le trasmissioni dei due conduttori. La normativa entrerà in vigore dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e cesserà alla mezzanotte del 4 marzo prossimo, giorno delle votazioni.


20
dicembre

L’Aria che Tira, ferie anticipate per Myrta Merlino: «Piccola questione personale»

Myrta Merlino

La mia settimana finisce oggi!“. Myrta Merlino si è fermata poco prima del previsto: per motivi personali la conduttrice de L’Aria che tira si è assentata in anticipo dalla diretta quotidiana su La7. “Niente di grave” ha assicurato la giornalista, che già stamane non era più alla guida del talk show di La7. A sostituirla, il collega Francesco Magnani.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,