Recensioni


16
aprile

Il Serpente colpisce, striscia via e lascia il segno

The Serpent - Tahar Rahim

The Serpent - Tahar Rahim

Un racconto oscuro, articolato, sorprendente, troppo incredibile anche per l’universo filmico e, invece, in gran parte reale. Questa è The Serpent, la miniserie realizzata da Mammoth Screen per BBC One e Netflix, che la piattaforma streaming ha reso disponibile in Italia dal 2 aprile. Otto episodi che raccontano, con dialoghi inventati e nomi modificati, la storia dell’assassino seriale Charles Sobhraj, attualmente detenuto in Nepal, che nella Thailandia degli anni ‘70 derubava e uccideva giovani hippie occidentali, usando tante false identità e in particolare quella del commerciante di gemme Alain Gautier.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




14
aprile

Ale e Franz «Fuori tema», a volte anche troppo

Ale e Franz, Fuori tema

Andare «» per non è certo difficile. Il loro longevo sodalizio artistico (che dura da 25 anni) e la loro complicità sono infatti una garanzia: anche sperimentando linguaggi e soluzioni inedite, i due attori sanno proporre una comicità che non scade mai nella battuta facilona e mantiene sempre una cifra qualitativa. Nel nuovo show per Rai2, tuttavia, la loro volontà di intrecciare generi in una sorta di grande collage non ha appagato del tutto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


12
aprile

La Compagnia del Cigno è cresciuta

La Compagnia del Cigno 2 - Hildegard De Stefano

La Compagnia del Cigno 2 - Hildegard De Stefano

La Compagnia del Cigno due anni fa ci era apparsa come una fiction confusa, con troppi elementi da amalgamare e un pathos eccessivo che opprimeva i buoni sentimenti del quale era infarcito il racconto. La seconda stagione, partita ieri sera su Rai 1, sembra andare invece nella direzione giusta: eliminati alcuni elementi ridondanti, quel racconto prende corpo, diventa compatto e, di conseguenza, più forte.





8
aprile

Ti Spedisco in Convento e la santissima trinità del successo

Ti spedisco in convento

Ti Spedisco in Convento

Finite le celebrità, ora tocca ai giovani immergersi in ambienti inusuali. Dopo isole, fattorie e case spiate, ora è il momento di collegi, caserme e, persino, conventi. Cavalcare un filone non è un peccato, quello che è diabolico è perseverare proponendo schemi identici. Ed è quello che non è accaduto a Ti Spedisco in Convento: a differenza de La Caserma (che scimmiotta senza successo il riuscito Collegio), si stacca dal predecessore illustre e lascia il segno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


6
aprile

L’Isola salta un turno, per fortuna

Ilary Blasi

Ilary Blasi

L’Isola dei Famosi salta un turno e torna direttamente lunedì 12 aprile 2021. Niente raddoppio settimanale perché giovedì 8 Cayo Cochinos sarà “occupata” dall’esordio di Supervivientes, l’Isola dei Famosi spagnola, con la quale il reality di Canale 5 condivide alcune location, compresa la Palapa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes





6
aprile

La Fuggitiva: storia di una ninja

Vittoria Puccini

Vittoria Puccini

Niente di nuovo sotto il sole di Rai1, se non il fatto che la protagonista de La Fuggitiva è una ninja coi fiocchi, che salta, corre, si appiattisce sotto i letti e combatte contro chiunque senza paura, certa della vittoria. Per il resto, la fiction partita ieri sera è un insieme di elementi già visti, offerti quantomeno in una confezione diversa dal solito.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


2
aprile

Un Passo dall’omicidio ‘seriale’

Un Passo dal Cielo 6 - Daniele Liotti e Pilar Fogliati

Un Passo dal Cielo 6 - Daniele Liotti e Pilar Fogliati

Sappiamo che Lux Vide ama le storie religiose; preti e suore sono il suo core e presto porterà in scena perfino la vita di Gesù, ma il bisogno di celebrare un drammatico funerale in ognuna delle sue fiction di punta proprio non lo comprendiamo. Quest’abitudine di uccidere i personaggi, lasciando vedovi ed orfani in ogni angolo di Rai 1, sta diventando fastidiosa e toglie brio a racconti altrimenti validi e meritevoli.


1
aprile

LOL, chi ride è fuori sul serio

Caterina Guzzanti a LOL - Chi Ride è Fuori

Caterina Guzzanti a LOL - Chi Ride è Fuori

Avete presente quelle battute squallide che ogni anno si ripetono il 1 aprile per tentare di far ridere gli amici e che da sempre non fanno ridere nessuno? Ad esse possiamo aggiungere un nuovo pesce d’aprile di quel genere, ovvero lo show di Amazon Prime Video LOL – Chi Ride è Fuori, nel quale dieci comici sono costretti a convivere per sei ore senza ridere, pena l’eliminazione. Potremmo riassumerlo con le due frasi “pensava fosse efficace e invece sono stato là là per dargli un pugno” di Elio per Frank Matano e “Pintus ha puntato sulla strategia dello sfinimento dei coglioni” di Katia Follesa, ma no, vi forniremo qualche argomentazione in più.