Recensione



13
marzo

Celebrity Hunted: ma chi ci crede?

Celebrity Hunted - Costantino Della Gherardesca in metropolitana

Celebrity Hunted - Costantino Della Gherardesca in metropolitana

I vip vivono una vita molto diversa da quella dei telespettatori, con privilegi che molti invidiano, ed è anche per questo che al pubblico piace vederli in situazioni estreme, metterli alla prova e farli anche un po’ soffrire. Da qui il successo dell’Isola dei Famosi, del Grande Fratello Vip – nel quale non si patisce la fame ma calano rovinosamente le maschere – e la curiosità nei confronti di tutti i talent e affini che li vedono protagonisti. Adesso su Amazon Prime Video c’è anche la possibilità di vederli braccati in Celebrity Hunted – Caccia all’Uomo, inseguiti non dai fan in delirio bensì da una squadra di specialisti che deve prenderli. Un’idea carina, alla quale manca però un requisito fondamentale per una reality competition: la credibilità.




13
marzo

Family Food Fight: una ‘gaffe arcobaleno’ di Joe Bastianich non basta a rovinare l’armonia

Family Food Fight - Joe Bastianich

Family Food Fight - Joe Bastianich

La cucina è ancora protagonista del giovedì sera di Sky Uno, ma Family Food Fight è un mondo molto lontano da Masterchef, anzi, ne è quasi il rovescio. Addio liturgia, addio precisione, addio freddezza: nella gara tra famiglie ci sono convivialità, semplicità, affetto e pazienza. Quella dei giudici, che con i concorrenti si comportano come farebbero con dei bambini, accettandoli per ciò che sono e sperando di ottenere da loro il massimo che hanno da dare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


10
marzo

Il Commissario Montalbano va sul personale

Il Commissario Montalbano - Luca Zingaretti e Fabio Costanzo

Il Commissario Montalbano - Luca Zingaretti e Fabio Costanzo

In un clima generale di incertezza e paura, con il pubblico bombardato da notizie sulla diffusione del Coronavirus, con l’edizione straordinaria del Tg1 che ne ha ritardato la partenza dopo le 22.00, Il Commissario Montalbano è tornato, rassicurante. Un porto sicuro, una certezza. Il film tv Salvo amato, Livia mia, girato mesi fa in un contesto tutt’altro che facile per la troupe – che dal set ha dovuto dire addio al regista Alberto Sironi e ad Andrea Camilleri – ha ridato ai telespettatori i sapori di sempre, quelli buoni e genuini che li fanno sentire a casa, puntando molto sui sentimenti e sulle emozioni.





25
febbraio

L’Amica Geniale – Storia del Nuovo Cognome: l’assenza delle bambine si sente

L'Amica Geniale 2 - Gaia Girace e Margherita Mazzucco

L'Amica Geniale 2 - Gaia Girace e Margherita Mazzucco

Qualche volta, quando il pubblico sposa un progetto, è per sempre. Inizia quasi una storia d’amore, che va oltre le difficoltà e i cambiamenti, ma in cui la fedeltà è garantita, costi quello che costi. E’ quanto successo tra i telespettatori di Rai 1 e L’Amica Geniale, il cui secondo capitolo ha confermato il successo del primo, pur avendone perso il principale elemento di forza.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


24
febbraio

La Vita Promessa 2: un racconto amaro, dominato dalle assenze

La Vita Promessa 2 - Thomas Trabacchi

La Vita Promessa 2 - Thomas Trabacchi

Carmela Rizzo è tornata su Rai 1 per raccontare al pubblico il seguito del suo dramma, di una storia infelice, fatta di speranza e tentativi di felicità che cadono puntualmente nel vuoto. Ad interpretarla un’ottima Luisa Ranieri, intensa e coinvolgente, ma è un altro il personaggio che ha brillato nel ritorno de La Vita Promessa, ed il pubblico ne sentirà di certo la mancanza.





16
febbraio

Come una Madre: un autentico e impressionante guazzabuglio

Come una Madre - Vanessa Incontrada

Come una Madre - Vanessa Incontrada

Se oltre cinque milioni di persone hanno visto ben due puntate di Come una Madre, senza abbandonarla dopo la curiosità iniziale, vuol dire che la fiction ha saputo toccare le corde giuste per far breccia nel cuore dei telespettatori. Quali, però, si fatica a capirlo, dal momento che l’appuntamento domenicale di Rai 1 si fonda su una trama forzata ed inverosimile, che nulla ha a che vedere con il consueto (e credibile) repertorio di rete.


5
febbraio

Sanremo 2020: Amadeus cambia musica

Amadeus, Rula Jebreal (Ufficio Stampa Rai)

Amadeus ha cambiato musica. Con il Festival di Sanremo 2020, il presentatore ha archiviato l’accoccolata solennità baglionesca delle due precedenti edizioni e ha eseguito uno spartito a lui più consono: quello nazionalpopolare. Al suo debutto all’Ariston, il novello padrone di casa ha confezionato una serata nel complesso piacevole e premiata negli ascolti: pur senza exploit, lo spettacolo ha tenuto viva l’attenzione e preservato l’identità dell’evento.


28
gennaio

Cuochi d’Italia: il Campionato del Mondo targato Barbieri funziona

Bruno Barbieri

Bruno Barbieri

E’ sempre difficile distinguere un programma dal volto di chi lo ha portato al successo. Ma con la nuova edizione di Cuochi d’Italia, no, non lo è: l’assenza di Alessandro Borghese non stona, dal momento che l’arrivo di Bruno Barbieri, e alcuni fondamentali cambiamenti nel meccanismo, hanno dato un’altra identità al titolo che svetta nel preserale di TV8.