23
febbraio

Il piccolo mondo antico di Fosca Innocenti

Vanessa Incontrada e Francesco Arca

Vanessa Incontrada e Francesco Arca

Si chiama Fosca Innocenti e sì, gli innocenti cerca di aiutarli tutti, ma di cupo e fosco in lei e nella fiction a cui dà il nome non c’è proprio nulla. Anzi: il personaggio per il quale Vanessa Incontrada ha “tradito” Rai 1 per andare con la concorrenza è limpido, come tutti quelli per i quali l’attrice viene ingaggiata ormai da anni (che noia!). Se speravate, dunque, di scoprire sue nuove corde attoriali con il passaggio a Mediaset resterete delusi. Tuttavia nell’insieme il prodotto si lascia guardare perchè capace di restituire al pubblico una sensazione di genuinità.

Le splendide ambientazioni della campagna toscana, il clima familiare e fuori dal tempo della provincia, la presenza di torte fatte in casa dalla tata e gli animali che circondano la protagonista creano un piccolo mondo antico in cui è piacevole immergersi, anche se questo significa chiudere un occhio sull’impianto narrativo semplice, quasi elementare: ogni puntata di Fosca Innocenti segue un costrutto consueto di scene e ritmi, sai sempre cosa aspettarti dai personaggi. Il che, tutto sommato, rimanda ulteriormente ad un certo tipo di fortunata serialità made in Rai. Per bilanciare, i casi investigativi si presentano a volte anche troppo arzigogolati e riservano continue sorprese, con un effetto Matrioska capace di creare una certa confusione.

Convincente il cast, in particolare Irene Ferri, Claudio Bigagli, Desirée Noferini – che porta in scena una poliziotta lesbica e sciupafemmine che strizza l’occhio al nuovo politically correct – e la tata di Casa Vianello Giorgia Trasselli, qui in un ruolo che potrebbe sembrare il prolungamento di quello cult del passato.

Stesso dicasi per il protagonista maschile Francesco Arca, che con Cosimo riporta praticamente in scena il personaggio più convincente del suo repertorio: impossibile, tra vini e vigne toscane, forte legame con il territorio e sguardo malandrino suo malgrado, non pensare al romantico Bruno de Le Tre Rose di Eva.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Gli Arteteca con la figlia Sara
Per la Famiglia all’Incontrario degli Arteteca, Rai 2 è casa


Drusilla Foer
Altro che Almanacco, quello di Drusilla è un monologo ininterrotto


Un Altro Domani
Un Altro Domani, un sicuro best seller


Uno Mattina Estate - Maria Soave e Massimiliano Ossini
Uno Mattina Estate, tutt’altro che Soave

3 Commenti dei lettori »

1. Marco3.0 ha scritto:

23 febbraio 2022 alle 11:53

Una delle cose più brutte e cheap che si siano viste in tv negli ultimi due anni. Fosca e Lea sono da inserire nel filone MEDIOCRI, sia per sceneggiatura, che per cast da recita parrocchiale, che per regia e fotografia. Incontrada e Valle sono due attrici che replicano sempre lo stesso personaggio all’infinito, senza sfumature e sono entrambe monoespressive.
Non c’è niente da salvare in questa Fosca.



2. AbbiDubbi ha scritto:

23 febbraio 2022 alle 13:25

Ho visto praticamente solo i trailer e qualche minuto qua e là, perchè la prima serata su Canale5 non riesco più a guardarla da anni, tra orari di inizio assurdi e maree di spot. L’impressione è che Francesco Arca reciti molto meglio di quanto ci si potrebbe aspettare, arriverei a dire che forse è anche un po’ sottovalutato. La Incontrada simpatica ma fa da secoli lo stesso personaggio, e onestamente dopo “Un’altra vita” non mi ha più appassionata in nessuna delle sue interpretazioni. Apprezzabile comunque che Canale5 faccia uno sforzo per uscire dai soliti programmi e (soprattutto) dai soliti conduttori/opinionisti che ci sono usciti dagli occhi.



3. Marco3.0 ha scritto:

23 febbraio 2022 alle 14:59

Una delle cose più brutte e cheap che si siano viste in tv negli ultimi due anni. Fosca e Lea sono da inserire nel filone MEDIOCRI, sia per sceneggiatura, che per cast da recita parrocchiale, che per regia e fotografia. Incontrada e Valle sono due attrici che replicano sempre lo stesso personaggio all’infinito, senza sfumature e sono entrambe monoespressive.
Non c’è niente da salvare in questa Fosca



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.