16
marzo

Allo Studio Battaglia c’è posto per tutte

Studio Battaglia - Miriam Dalmazio e Lunetta Savino

Studio Battaglia - Miriam Dalmazio e Lunetta Savino

Spesso i racconti al femminile risultano di maniera, troppo celebrativi e ridondanti, quindi poco credibili. Non è il caso di Studio Battaglia, la fiction Palomar e Tempesta partita ieri sera su Rai 1: lì di protagoniste ce ne sono tante e la narrazione copre così tanti aspetti, racconta così tanti modi di essere donna, da risultare quasi completa. Aiutata, oltretutto, da un’ottima scrittura, efficace e piena di ironia.

Le donne Battaglia sono quattro e su ognuno di questi “esemplari” si sarebbe potuta scrivere una fiction. C’è la madre Marina – interpretata da una Lunetta Savino molto diversa dal solito – che all’apparenza è algida e senza scrupoli, fa quasi il verso alla Miranda Priesley di Meryl Streep, con alle spalle un passato di sofferenza che l’ha resa quella che è; c’è Anna (Barbora Bobulova), una donna in teoria realizzata in ogni aspetto della sua vita e in realtà profondamente irrisolta, perchè sempre pronta a guardarsi indietro; c’è Nina (Miriam Dalmazio), disincantata e rude per nascondere una fragilità enorme, causata dall’abbandono del padre; infine, c’è Viola (Marina Occhionero) che è anacronistica, una ragazza d’altri tempi, perchè non ha grandi ambizioni e non conosce rancori, e inserisce in questo psicodramma familiare e legale anche un tocco di favola.

Se da sole sono interessanti, insieme creano un mondo complesso e fatto di legami forti e contrasti all’apparenza impossibili da sanare. Un labirinto in cui la storia scava, tra problemi familiari, abiti eleganti e qualche segreto, per far venir fuori il meglio di ciascuna. Appoggiandosi anche a casi di puntata altrettanto variegati, che permettono di mettere in scena altre realtà, altri conflitti e altri sentimenti totalizzanti.

In un tale vulcano “rosa”, che sembra sempre sul punto di eruttare ma non lo fa, gli uomini non possono che avere un ruolo marginale o al massimo incidentale. Tuttavia – merito degli interpreti Massimo Ghini, Thomas Trabacchi e Giorgio Marchesi – anche loro lasciano il segno, pur sembrando sempre pedine nelle mani delle loro donne.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Gli Arteteca con la figlia Sara
Per la Famiglia all’Incontrario degli Arteteca, Rai 2 è casa


Drusilla Foer
Altro che Almanacco, quello di Drusilla è un monologo ininterrotto


Un Altro Domani
Un Altro Domani, un sicuro best seller


Uno Mattina Estate - Maria Soave e Massimiliano Ossini
Uno Mattina Estate, tutt’altro che Soave

4 Commenti dei lettori »

1. AbbiDubbi ha scritto:

16 marzo 2022 alle 13:23

Mi è piaciuta molto, è decisamente una spanna sopra alla maggior parte delle fiction viste negli ultimi anni. Sembra quasi di essere tornati ai dorati anni 80, bei vestiti, belle case, lusso a profusione. Ogni tanto anche sognare fa bene.
Bisogna fare i complimenti alla lungimiranza di chi ha pensato a Lunetta Savino per quel ruolo, così diverso da quelli a cui ci aveva abituato, eppure perfetto per lei.
Si capisce che la trama non riserverà grandi sorprese, l’evoluzione dei vari intrecci è già abbastanza scontata, forse troppo. Probabilmente è l’unico neo, insieme alla Bobulova che onestamente sembra più la sorella della Savino, che la figlia. Ma pazienza, in ogni caso l’affresco corale che ne esce cattura molto, la puntata di ieri è volata via in un baleno.



2. Lorenzo78 ha scritto:

16 marzo 2022 alle 14:31

Mi è piaciuto, è molto gradevole ma non mi ha convinto fino in fondo.
La mia impressione è che ultimamente piacciano di più le fiction un po’ “basic” che quelle più ambiziose.
Vostro onore per esempio, molto al di sotto delle aspettative, secondo me vale molto di più di Lea o Studio Battaglia, che pur essendo piacevoli non brillano per originalità.
Lunetta Savino, come al solito, bravissima.



3. Marco3.0 ha scritto:

16 marzo 2022 alle 15:14

Ennesimo remake di serie estera translato in salsa italiana con pochezza di mezzi. Gli autori italiani non hanno più idee orignali e prendono in prestito quelle degli altri. Cast tecnico low cost.
Non è niente di che, una storiella blanda senza nessun pathos o profondità. Decisamente una delle peggiori serie viste quest’anno insieme a Lea e Vostro Onore.
Non basta un cast “piacevole” per rendere una serie TOP come ormai lo sono tutti i prodotti ricercati che troviamo sulle piattaforme. Di strada per contare qualcosa nel mondo della serialità internazionale ne dobbiamo fare ancora tanta.



4. Marco3.0 ha scritto:

16 marzo 2022 alle 19:54

Ennesimo remake di serie estera translato in salsa italiana con pochezza di mezzi. Gli autori italiani non hanno più idee orignali e prendono in prestito quelle degli altri. Cast tecnico low cost.
Non è niente di che, una storiella blanda senza nessun pathos o profondità. Decisamente una delle peggiori serie viste quest’anno insieme a Lea e Vostro Onore.
Non basta un cast “piacevole” per rendere una serie TOP come ormai lo sono tutti i prodotti ricercati che troviamo sulle piattaforme. Di strada per contare qualcosa nel mondo della serialità internazionale ne dobbiamo fare ancora tanta…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.