Articoli per [simona ventura]

17
luglio

HEATHER PARISI SULL’ISOLA SENZA VIVERI E SENZA PRESTA

Heather Parisi e Lucio Presta @ Davide Maggio .it

E’ giallo sul divorzio artistico tra Heather Parisi ed il super agente Lucio Presta. Una collaborazione, quella tra i due, che ha delle origini lontane. Quando ad unirli, in ben altri ambiti circa trent’anni fa, c’era il coreografo Franco Miseria che li consacrò ballerini di prima grandezza e, soprattutto, inseparabili amici. Poi, due destini agli antipodi.

Un curriculum in netto rallentamento per la biondissima soubrette americana ed una brillante carriera per lui che, allo stato attuale, è l’agente dei divi per accellenza grazie ad una scuderia, quella della “Arcobaleno Tre”, che vanta al proprio attivo artisti del calibro di Roberto Benigni, Paolo Bonolis, la compagna Paola Perego, volti noti come Lorella Cuccarini, Antonella Clerici e Mara Venier ed autori richiestissimi come Federico Moccia e Cesare Lanza. Una scuderia all’interno della quale l’ ex “regina della spaccata” ci era entrata tra i primi, forte di un sincero affetto reciproco che andava ben oltre gli introiti economici e gli ingaggi in palinsesto. Anche perchè, a dire il vero, negli ultimi tempi la Parisi ha lavorato poco e nulla, a parte qualche ospitata di lusso sia in Rai che in Mediaset.

Eppure, alla vigilia di un’ennesima edizione de “L’isola dei famosi“che dovrebbe restituire al telespettatore un’inedita versione indigena della snodabile quarantottenne, la show-girl americana partirà con pochi bagagli, priva di viveri e senza la supervisione del vecchio compagno di punte.




17
giugno

RAI, AUTUNNO 2008 : I PALINSESTI UFFICIALI. RAIDUE : LO SVECCHIAMENTO E’ SERVITO!

RaiDue - Palinsesti Autunno 2008 @ Davide Maggio .it

Lo “svecchiamento” è servito, ma con una ricetta di riserva già pronta, nel caso in cui quanto proposto non venisse gradito dal fruitore medio della rete e, allo stesso tempo, non allettasse neppure quello nuovo.

Sembra essere questa la principale intenzione del direttore di Rai Due, Antonio Marano, che possa totalmente giustificare alcuni coraggiosi cambiamenti che interesseranno la prossima stagione televisiva , che hanno portato alla soppressione di trasmissioni ormai collaudate come “Piazza Grande” e “L’Italia sul 2″ ed a scommettere su programmi che, almeno per quanto riguarda la loro ultima edizione, si sono rivelati al di sotto delle aspettative. Si va sul sicuro puntando, ancora una volta, su Simona Ventura. La ‘Mona nazionale’ tornerà alla guida delle sue tre creature: “L’isola dei famosi”, “Quelli che il calcio” ed “X-factor”.

Da quest’ultimo talent-show musicale verrà innestata una coppia inedita, Francesco Facchinetti e Mara Maionchi, all’interno della striscia del sabato di una trasmissione di per sé già zoppicante: “Scalo 76- partenze”. Il programma musicale, inoltre, andrà in onda dal lunedì al venerdì con “Scalo 76- arrivi”, guidato da Chiara Tortorella, Federico Russo (in pochi lo ricordano come concorrente a “Operazione trionfo”) e Paola Maugeri, unica superstite del cast originale, dopo il siluramento di Daniele Bossari e Maddalena Corvaglia. Se un’ex velina piange, un’altra gongola: contratto tutto nuovo con Rai2 per Elisabetta Canalis che affiancherà in seconda serata Gene Gnocchi in “Artù”. Doppio impegno, quindi, per il conduttore di Fidenza che guadagna uno spazio anche nella domenica mattina con “Il criticone”, esilarante rubrica su film, libri e teatro. Emigrazione domenicale pure per Giancarlo Magalli che, orfano di “Piazza Grande”, dovrà ‘dividersi’ Adriana Volpe (confermata sia a “Mattina in famiglia” che a “Mezzogiorno in famiglia”) con Tiberio Timperi che da quest’anno dovrebbe accontentarsi soltanto della prima parte del contenitore.


12
giugno

MARANO, GORI e VENTURA : IL TRIO DELLO SVECCHIAMENTO!

Antonio Marano, Simona Ventura e Giorgio Gori @ Davide Maggio .it

Due martedi fa sono stato al Galà di XFactor.

E ogni volta che gironzolo negli studi di Via Mecenate si percepisce un’aria del tutto particolare.

I programmi prodotti dalla Magnolia di Giorgio Gori, condotti da Simona Ventura e trasmessi sulla rete diretta da Antonio Marano si presentano come grandi eventi prima ancora che come programmi televisivi.

Anche nei dietro le quinte di un programma come X Factor, di sicuro non destinatario di un ”riscontro televisivo” degno di nota, la sensazione era quella di assistere ad uno show in grande stile e davvero effervescente era il clima che permeava tutto lo studio 76.

Non solo per lo staff giovane che anima il programma ma anche e soprattutto per l’ingente mole di addetti ai lavori e giornalisti che durante le dirette dei programmi del trio pocanzi menzionato dà vita ad un frenetico via vai tipico dei grandi eventi.

Bello e stimolante anche se, purtroppo, non visibile agli occhi del telespettatore.

Una situazione singolare che rispecchia lo spirito di un gruppo di lavoro che ho imparato ad apprezzare per un affiatamento, visibile, e soprattutto per una “politica televisiva” che si pone un ambizioso obiettivo : la caratterizzazione di una rete, anche a costo di andare in controtendenza e facendo scelte, in alcuni casi, difficilmente condivisibili.

RaiDue è, infatti, una rete decisamente anomala, quasi assimilabile ad un contenitore nel quale è facile pescare prodotti da ammiraglia (es. L’Isola dei Famosi) insieme ad altri che dovrebbero personalizzare il canale ma che, invece, passano quasi in sordina, degradati al rango di riempitivi (es. tanti telefilm di qualità).

Una rete senza carattere con punte di eccellenza. Un problema del quale sembra essere ben consapevole il direttore Marano e che, proprio per questo, insieme a Gori e Ventura sembra aver intrapreso la… strada della caratterizzazione. Una strada che vuole configurare RaiDue come la rete giovane del gruppo di Viale Mazzini.

Una scelta, quasi ad un’ostinazione, che mieterà alcune vittime nella prossima stagione (una su tute, l’Italia Sul 2) per portare avanti, a spada tratta, programmi freschi anche se non ancora entrati nella “leggenda mediatica”. Ne sono un esempio la seconda edizione di X Factor che qualcuno vorrebbe in onda già a dicembre 2008 e Scalo 76 che, nonostante gli ascolti deludenti nella stagione appena terminata, diventerà l’appuntamento quotidiano del pomeriggio di RaiDue.

Se il detto ”Chi l’ha dura, la vince” ha qualche fondamento, il Trio dello Svecchiamento di Corso Sempione ha le carte in regola per farcela.





26
maggio

XFACTOR : ECCO I DETTAGLI DELLA FINALE. FIRME D’ECCEZIONE PER I BRANI IN GARA

X Factor @ Davide Maggio .it

TIZIANO FERRO SCRIVE PER GIUSY. MORGAN PER GLI ARAM. LA COPPIA DI HITS-MAKER GALBIATI/GRANDI PER TONY. EMANUELE UNICO CANTAUTORE.

Ospite in studio: Irene Grandi

Inviati Speciali : Elio, Nicola Savino e Daniele Bossari

E’ tutto pronto per l’ultimo atto di X-Factor, il programma condotto da Francesco Facchinetti in onda domani sera su RaiDue dalle 21.00. A contendersi il contratto discografico con Sony/Bmg del valore di 300.000 euro saranno Tony Maiello per la squadra di Mara Maionchi, gli Aram Quartet per quella di Morgan, Giusy Ferreri ed Emanuele Dabbono per il team di Simona Ventura.

Un finale incerto per artisti dai percorsi diversi ma originali. Un percorso cominciato il 10 marzo che si concluderà comunque in bellezza grazie anche al contributo di nomi prestigiosi della musica italiana.

Giusy Ferreri, 29 anni (all’anagrafe Giuseppa Gaetana Ferreri), palermitana trapiantata ad Abbiategrasso (MI), ha uno stile vocale particolare che l’ha portata ad essere accostata a Amy Winehouse. Dotata di un timbro di voce personalissimo, vagamente androgino, ha imparato a suonare piano e chitarra seguendo anche lezioni di canto e suonando in una cover band. Tra i generi musicali predilige la musica blues, il rock and roll, la musica psichedelica e la new wave. Al provino di X Factor ha portato i brani “Rehab” di Amy Winhouse, “La lontananza” di Domenico Modugno, “Con una rosa” di Vinicio Capossela e “Mercedes Benz” di Janis Joplin. Considera “What’s Up” dei 4 No Blondes uno dei suoi brani preferiti.
In finale interpeterà un brano scritto per lei da Tiziano Ferro e Roberto Casalino (giovane autore) dal titolo “Non ti scorderai mai di me”.

I pugliesi Aram Quartet – Antonio, Raffaele, Antonio A. e Michele, dalle cui iniziali deriva il nome – si sono conosciuti circa dieci anni fa frequentando le lezioni di canto del Maestro Nando Mancarella a Lecce e, da quel momento, non si sono più lasciati. In un primo momento si sono incamminati verso la musica jazz per poi dirigersi verso la musica pop-soul, un po’ più commerciale. Un gruppo vocale presentatosi al provino con “With a little help from my friend” dei Beatles e che vanta tra i cavalli di battaglia “When a man loves a woman” di Percy Sledge.
Per l’ultimo atto di X-Factor hanno in serbo una canzone, “Chi (Who)” scritta da Morgan e Gaudi.


26
maggio

(TOTO) ISOLA DEI FAMOSI 6 : SARDONE’ NAUFRAGO, LA DIAVOLITA IN BILICO

Riccardo Sardonè e Melita Toniolo @ Davide Maggio .it

Come vedremo, la prossima stagione sarà dedicata principalmente all’intrattenimento. Ma quest’ultimo non sarà prerogativa esclusiva delle ammiraglie.

Com’è noto, dopo anni di attesa, tornerà uno dei reality show più movimentati del piccolo schermo italiano. A settembre, su Italia1, toccherà a Paola Perego riportare in video La Talpa, una delle poche produzioni della Triangle Production di Silvio Testi ad aver fatto breccia nel cuore dei telespettatori. Ingiustamente assente dai palinsesti per ben tre anni, la Talpa potrà contare anche su Stefano Bettarini, che per l’occasione tornerà a vestire i panni dell’inviato, e un cast di persone comuni che andranno ad affiancare i colleghi più celebri. Per gli aspiranti concorrenti è stato attivato un indirizzo email (questo : latalpa@triangle.it) e un numero di telefono 02/30309010. Stando a quanto dichiarato dalla conduttrice nell’ultima puntata di Buona Domenica, si starebbero cercando “uomini spregiudicati ed affascinanti”.

A Simona Ventura toccherà, invece, condurre la sesta edizione dell’Isola dei Famosi, naturalmente su RaiDue. E proprio in relazione al reality di Magnolia, si dice che Riccardo Sardonè sia, quasi ufficialmente, uno dei prossimi naufraghi. La Mona nazionale, però, vorrebbe tanto far naufragare anche la diavolita già reduce da reality, Melita Toniolo. Ma la procace fanciulla, pare, stia prendendo tempo. Qualcuno le avrà già ventilato l’ipotesi di un caldo approdo a “Controcampo” in seguito all’addio della Canalis? Dopo Lucignolo, naturalmente.

Per la cronaca, anche il reality di Giorgio Gori cerca concorrenti “comuni”. Per candidarsi al naufragio, è stato inaugurato anche un sito web dove potrete avere qualunque ragguaglio. Potete raggiungerlo cliccando qui.





9
aprile

SIMONA VENTURA, “CREDERCI SEMPRE, ARRENDERSI MAI”

Simona Ventura @ Davide Maggio .it

E’ uscito da poco il libro, scritto da Simona Ventura, in cui la conduttrice di Raidue racconta i suoi primi 43 anni.

La biografia parte da quella ragazzina, figlia di un ufficiale dell’esercito e di un’ex mannequin taglie forti, che voleva diventare la nuova Raffaella Carrà, salvo poi cambiare idea dopo averla conosciuta. La Mona non va troppo per il sottile dichiarando a tal proposito, nel suo libro fresco di stampa, che “primo, a 55 anni non puoi pensare di averne 30, secondo perchè una col suo successo dovrebbe essere magnanima e generosa, invece il vuoto e terzo perchè la signora è fedele al metodo donna contro donna.

In occasione di questa pubblicazione, il settimanale “A”, diretto da Maria Latella, ha intervistato Simona Ventura che si racconta ai lettori senza troppi filtri e con la tipica franchezza che l’ha resa celebre.

Molti gli argomenti che vengono affrontati, spaziando dalla sfera sentimentale a quella professionale, senza tralasciare alcuni aspetti della sua vita passata, da quando, adolescente, veniva derisa dai ragazzini di Chivasso perchè certa che avrebbe condotto La Domenica Sportiva, a quando è passato nella sua vita lo “tzunami”, come lei stessa definisce la fine del matrimonio con Stefano Bettarini.

La conduttrice si confessa apertamente, senza peli sulla lingua, parlando dei motivi che l’hanno costretta a chiedere il divorzio dall’ex calciatore e ora co-conduttore di Buona Domenica.

Sembra che galeotta sia stata un’intervista al vetriolo rilasciata dal suo ex marito dove, tra le altre cose, la conduttrice piemontese avrebbe appreso di non piacergli fisicamente.

Chi ha il pane non ha i denti potremmo dire, sta di fatto che SuperSimo avrebbe messo seriamente in discussione la sua relazione tanto da cadere tra le braccia di Giorgio Gori, numero uno di Magnolia, la società che produce l’Isola dei Famosi, nonchè marito di Cristina Parodi.

Come la stessa conduttrice dichiara, Gori è stato colui che ha fatto implodere il suo matrimonio precisando di non aver mai avuto alcuna aspettativa in merito al loro futuro. Ai tempi in cui si svolsero i fatti, la vicenda sollevò un gran polverone mediatico tant’è che la stessa Parodi dichiarò, in seguito, di essere riuscita ad uscire più forte di prima da una montagna di spazzatura, anzi di merda (testuali parole).


3
aprile

QUELLI CHE… IL PRANZO

Quelli che il Calcio @ Davide Maggio .it

Domenica pomeriggio, Simona Ventura ha pensato bene di riesumare Il Pranzo è Servito all’interno di una puntata di Quelli che Il Calcio.

E lo ha fatto chiamando pure uno dei conduttori storici del programma : Claudio Lippi.

A quanto pare, però, Marina Donato, detentrice dei diritti, non avrebbe gradito che il quiz creato dal compianto marito, Corrado, sia tornato in video a sua insaputa, seppur a mo di parodia.

Per questo, si dice che i legali di CORIMA, la nuova società della Donato che rievoca lo storico gruppo autorale di Corrado, sarebbero stati allertati.

Voi, cosa fareste se foste in Marina Donato?

Amici 9: qual è il tuo preferito?

Vedi i risultati

Loading ... Loading ...


20
marzo

DAVIDE MAGGIO INTERVISTA MAURO PETRARCA, CANTANTE MACABRO E CIMITERIALE DI XFACTOR

Mauro Petrarca (XFactor) @ Davide Maggio .it

Mauro Petrarca, cantante cimiteriale

Scrive canzoni, ballate e liriche macabre perchè il suo pensiero vola sempre verso… il camposanto! Il singolare, forse unico, genere musicale che lo contraddistingue l’ha portato sotto la luce dei riflettori sin dal 2004 quando è stato ospite di Cronache Marziane su Italia1. Si sono occupati di lui anche all’Italia sul Due, a La Vita in Diretta e su Rosso Alice.

Alcune radio trasmettono i suoi pezzi e dal 2006 è anche autore della colonna sonora nefasta del programma Melog di Radio 24-Il Sole 24 Ore, condotto da Gianluca Nicoletti. Il 2 novembre 2007, il quotidiano nazionale Libero ha dedicato un articolo alle Sue composizioni musicali cimiteriali. Lo aveva preceduto il 2 novembre di due anni prima soltanto La Stampa che ha dedicato un articolo al Suo Canzoniere Macabro.

Ma il vero successo è arrivato con il nuovo reality targato Magnolia, X-Factor, che l’ha portato alle luci della ribalta.

Non potevamo non intervistare un personaggio come Mauro Petrarca, che si racconta su davidemaggio.it in questa intervista.

  • Allora, caro Mauro, la domanda sorge spontanea. Come ti è venuto in mente di dedicare la tua musica ad un argomento così… funebre?

Non c’è mai stato, nel mio percorso, un momento per interrogarmi sulla poetica che stavo inseguendo. Ogni pensiero, ogni verso dato ai diari, voleva a cornice il camposanto;

  • Il tuo genere musicale è una provocazione oppure ritieni che possa avere una sua collocazione discografica ben precisa?

Oggi siamo abituati ai successi di vendite di artisti importanti come Guccini, Battiato, le compilation dedicate a De Andrè… ma se andiamo a valutare oggettivamente quei lavori, in pochi sottoscriverebbero che hanno coordinate commerciali o discografiche;

  • Come sei arrivato ad X-Factor?

La voglia e lo spirito bambino di rimettermi sempre in gioco, la propensione ad essere deriso nella consapevolezza che i miei baffi coprono il mio riso…

  • Sai se esistono colleghi che si occupano di musica come la Tua?

Ci sono molti esempi in proposito, ma di percorsi così univoci non ne sono a conoscenza;

Ti faccio, allora una piccola sorpresa. Sono riuscito a scovare una coppia di tue colleghe che hanno partecipato alle selezioni della versione inglese di XFactor.

  • In XFactor sei stato scartato durante i provini ma sei riuscito a catalizzare l’attenzione dei media. Soddisfatto oppure gli obiettivi erano altri?

Gli obiettivi erano di portare i miei canzonieri davanti alle telecamere, declamare i miei versi in video, mostrare il mio personaggio anche fisicamente;

Continua a leggere l’intervista :