Lamberto Sposini



7
settembre

LAMBERTO SPOSINI CHIEDE UN RISARCIMENTO ALLA RAI DI 10 MILIONI DI EURO

Lamberto Sposini

[Adnkronos] Con ricorso alla Corte di Appello in veste di giudice del lavoro, il giornalista Lamberto Sposini ha riproposto la richiesta alla Rai di risarcimento danni per le conseguenze di cure che gli furono prestate dopo il malore che lo colpì il 29 aprile del 2011 quando presentava La vita in diretta. Il ricorso sarà preso in esame il 5 luglio del prossimo anno e i giudici dovranno stabilire se sia giusta la richiesta di Sposini che sollecita un risarcimento di 10 mln di euro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,




4
marzo

LAMBERTO SPOSINI, IL TRIBUNALE DEL LAVORO NEGA IL RISARCIMENTO PER IL MALORE IN TV

Lamberto Sposini

Nessun indennizzo a Lamberto Sposini. Il Tribunale del lavoro di Roma ha respinto l’istanza di risarcimento milionaria per danni “gravi e permanenti” avanzata dal popolare giornalista nei confronti della Rai e dei medici del servizio sanitario aziendale. La richiesta si riferiva alle conseguenze del malore accusato dal conduttore nel primo pomeriggio del 29 aprile 2011, a pochi minuti dall’inizio di una puntata de La Vita in diretta.

Malore in tv, negato il risarcimento a Lamberto Sposini

Rispetto alla dinamica di quei drammatici momenti, i parenti del giornalista avevano sollevato rimostranze sull’efficienza e la tempistica dei soccorsi, chiamando in causa sia la Rai che i medici dell’azienda per i “gravi e permanenti danni alla salute” riportati dal conduttore. L’ambulanza, che sarebbe arrivata negli studi Rai con 40 minuti di ritardo, aveva portato Sposini all’ospedale Santo Spirito di Roma, poi in un secondo momento l’anchorman fu trasferito al Policlinico Gemelli.

La vicenda è finita davanti al Tribunale del lavoro, che nei giorni scorsi ha rigettato l’istanza presentata da Sposini, assolvendo la Rai dalla responsabilità di quanto accaduto. I giudici non hanno ancora depositato le motivazioni, in base alle quali si potrà contestualizzare la decisione del Tribunale. In ogni caso, è quasi certo che i legali del giornalista porteranno avanti la vertenza e faranno ricorso in Appello.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


30
aprile

SABINA DONADIO: LAMBERTO SPOSINI NON TORNERA’ IN TELEVISIONE. STA MEGLIO MA E’ SOLO. SCRIVETEMI PER INCONTRARLO

Lamberto Sposini

Lamberto Sposini

“Certamente non tornerà a fare il giornalista, non tornerà a fare televisione” ma “Lamberto sta meglio”.

Ha esordito così Sabina Donadio, ex compagna di Lamberto Sposini, intervenuta all’Alfonso Signorini Show, il programma di Radio Monte Carlo condotto da Alfonso Signorini, per parlare della nuova vita del giornalista, a 3 anni esatti dala grave emorragia cerebrale che lo colpì il 29 Aprile del 2011 negli studi de La Vita in Diretta.

E’ una vita in costruzione – prosegue la Donadio – una vita che giorno dopo giorno va migliorando. Certamente non è più quello di prima. Conoscendo la sua ritrosia, la sua timidezza, difficilmente posso immaginare che si ripresenterà davanti alle telecamere. Lamberto ha sempre chiesto il massimo a se stesso e quindi non credo proprio che, date le sue condizioni, si ripresenterà. Un’emorragia cerebrale lascia comunque dei segni“.

Sposini infatti, nonostante i notevolissimi miglioramenti, ha ancora difficoltà a parlare e deambulare e continua a fare fisioterapia. Ma, a dispetto della malattia, il giornalista è rimasto lo stesso di un tempo: affascinante, fumantino e…tifoso della Juventus:

“Lamberto ha avuto un’emorragia di 7 centimetri nel cervello per 4 ore, non è stato soccorso in tempi rapidi e purtroppo questo ha avuto delle conseguenze. Il percorso è lungo”. Ma “me ne ha fatte di tutti i colori. Il suo caratteraccio è rimasto intatto, la bellezza è rimasta la medesima. La fede calcistica anche, malgrado io ci abbia provato – quando si è svegliato dal coma a dirgli “sei della Roma” – purtroppo è rimasto juventino sfegatato”.

Abbandonato dalla maggior parte degli amici





9
gennaio

LAMBERTO SPOSINI, LA FAMIGLIA FA CAUSA ALLA RAI

Lamberto Sposini

Il malore improvviso, a pochi minuti dalla diretta. Poi l’arrivo dei soccorsi, l’operazione, il coma. E una lunga riabilitazione, ancora oggi in corso. Era l’aprile 2011 quando un’emorragia cerebrale colpì Lamberto Sposini, facendo temere il peggio. Ora, a distanza di tempo, la famiglia del giornalista pretende chiarezza e chiama in causa direttamente la Rai, nei cui studi si verificò il fattaccio. Sarà dunque un giudice a stabilire se, come sostenuto dai parenti dell’ex conduttore de La vita in diretta, i soccorsi furono tardivi e la prima diagnosi fu sbagliata. Il giornalista, infatti, pagherebbe ancora le conseguenze di quegli errori.

Lamberto Sposini, le accuse alla Rai

A promuovere l’azione legale contro Viale Mazzini sono state la figlia di Sposini, Francesca (che già aveva polemizzato con Mara Venier), e l’avvocato del giornalista. Al centro del contenzioso ci saranno innanzitutto le tempistiche di soccorso: secondo l’accusa, infatti, l’ambulanza sarebbe arrivata con 40 minuti di ritardo mentre il medico della Rai sarebbe accorso dopo circa 15 minuti dalla chiamata. Inoltre, diverse telefonate al 118 sarebbero state effettuate dagli amici del giornalista e non dal personale del servizio pubblico, intervenuto – pare – in un secondo momento. Sulla base di queste ricostruzioni, l’accusa intende portare in tribunale i due medici che per primi hanno soccorso Sposini, il coordinatore del Servizio Sanitario Rai e l’azienda stessa.

Lamberto Sposini, la Rai si difende: comportamento corretto

Viale Mazzini, tuttavia, scarica le accuse tramite i suoi avvocati e propone un’altra versione dei fatti. Secondo la Rai, il primo medico soccorritore sarebbe arrivato tempestivamente, mentre il secondo ci avrebbe messo di più. L’azienda sostiene che il comportamento dei medici fu “corretto” e scarica di fatto le responsabilità sul ritardo dell’ambulanza. Inoltre, secondo una perizia di parte, la difesa afferma che in incidenti come quello di Sposini sarebbe sconsigliato l’intervento chirurgico prima di quattro ore.


25
settembre

DM LIVE24: 25 SETTEMBRE 2012. VALERIO – TRIPOLINO – SCANU, VINCI CHE BARBA!

Valerio Scanu - Tripolina

Valerio Scanu - Tripolina

>>> Dal Diario di ieri…

  • Mara Venier vuole tornare a lavorare con Lamberto

PierVivaCanale5 ha scritto alle 12:09

Dall’intervista di Mara Venier a GENTE: Io e Lamberto avremmo dovuto condurre la domenica insieme, la sera prima del malore ho incontrato il direttore di rete che voleva che facessimo ‘La vita in diretta’ anche la domenica, e lui mi disse di farla da sola, che al sabato era già in giuria a Ballando con le stelle… Il mio desiderio è quello di tornare a lavorare con lui, magari la domenica.

  • La barba di Alessio Vinci

Alessandro ha scritto alle 18:27

Notizie importanti: Alessio Vinci si sta facendo crescere un’autorevo¬le barba per il suo nuovo incarico di anchorman di Domenica 5 dove sarà affiancato dalla bionda Sabrina Scampini. (Il Giornale)

  • Valerio – Tripolino – Scanu

Rosa ha scritto alle 22:53

Dal twitter ufficiale di Valerio Scanu:





13
settembre

FRANCESCA SPOSINI VS MARA VENIER: HA DECISO DI MONTARE UN CASO

Mara Venier

«Ora basta. Non è vero: nessuno impedisce a Mara Venier di venire a trovare papà. Questa non è La vita in diretta, è la vita vera. E il nostro dolore merita più rispetto».

Sono le parole amareggiate di Francesca Sposini a Vanity Fair – in edicola dal 14 settembre. Da quando suo padre Lamberto ha avuto un’emorragia cerebrale il 29 aprile, piantona la porta della sua stanza al Policlinico Gemelli di Roma. Si avvicenda con gli altri familiari del giornalista che, con Mara Venier, conduceva La vita in diretta. Francesca non ha bisogno di polemiche che le riempiano la giornata, ma è turbata dalle parole della Venier che, in un’intervista al settimanale Chi, ha detto: «Non mi è permesso di andare a trovare Lamberto in ospedale. Non posso fare altro che accettare le decisioni di chi si occupa di lui». Parole che si sono aggiunte a quelle rilasciate lo scorso giugno proprio a noi di DM (potete leggerle qui).

Francesca, intanto come sta suo padre?

«Ha iniziato un lungo e faticoso percorso riabilitativo. Ci vuole pazienza, ma fa ottimi progressi e i medici sono ottimisti».

Ha ripreso a parlare?

«Sta iniziando. È vigile, cosciente, legge i giornali, guarda la Tv, ce la mette tutta. La malattia non lo ha sfigurato. È solo molto magro, ha bisogno di riposo e privacy».

Che cosa è accaduto con Mara Venier?

«Temo che la signora voglia strumentalizzare questa vicenda tragica. A pochi giorni dalla messa in onda del programma (La vita in diretta è iniziato il 12 settembre, ndr) farebbe meglio a parlare dei contenuti della trasmissione, invece di lanciare accuse false».

La Venier che rapporto aveva con suo padre?


8
settembre

MARA VENIER PRONTA A RIPARTIRE CONTRO LA ‘POCO ELEGANTE’ BARBARA D’URSO

Mara Venier

Pronta, prontissima a ripartire. Dopo un’estate non poco travagliata con qualche brutta esperienza vissuta in vacanza ai Caraibi è tutto pronto per la nuova edizione de La Vita in Diretta, che la vedrà, suo malgrado, orfana del compagno di conduzione Lamberto Sposini e in compagnia del nuovo volto dell’infotainment pomeridiano Marco Liorni.

Questi i suoi pensieri, in un’intervista a Chi, sullo strano destino dei due conduttori che si sono dovuti passare il testimone a causa del brutto incidente di qualche mese fa:

“Sono passati 365 giorni dal primo servizio fotografico con Lamberto per La vita in diretta. Non mi ca­pacito di quello che è successo. Lo sento vicino, lo aspetto, mi manca. Ma non mi è permesso di andare a trovarlo in ospedale. (Noi ne sapevamo già qualcosa, ndDM) Non posso fa­re altro che accettare le decisioni di chi si occupa di lui. Mi viene difficile immaginare La vita in diretta senza Lamberto. Non conosco Liorni, ma sarà un ottimo compagno di viaggio. Mi sembra una persona corretta e molto carina”.

La grande scommessa dell’autunno sarà confermare i buoni risultati di sempre anche con un volto relativamente nuovo e giovane come Liorni, che ha già ottimamente figurato contro Barbara D’Urso per il breve periodo di incrocio estivo di controprogrammazione. La signora del salotto rivale non sembra fare particolarmente paura. Ma c’è di più. La Venier sembra non digerire proprio alcuni atteggiamenti della collega di genere:


12
luglio

LAMBERTO SPOSINI E’ STATO DIMESSO. ORA LA LUNGA FASE RIABILITATIVA

Lamberto Sposini

73 giorni di calvario ma anche di speranza per i tanti sostenitori di Lamberto Sposini, in seguito all’emorragia cerebrale improvvisa che lo aveva colpito. Ora, però, dopo piccoli segnali di ripresa, il noto giornalista e conduttore Rai è stato dimesso dall’ospedale Gemelli di Roma, per essere trasferito all’istituto Santa Lucia ed iniziare la fase riabilitativa.

“Al momento le condizioni neurologiche di Sposini presentano un ottimo recupero delle funzioni cognitive e motorie. Il giornalista, tuttavia, ha bisogno di un ulteriore lungo periodo di riabilitazione neurologica per un recupero deficit tuttora presenti” spiegano i medici. La strada, dunque, è ancora tutta da percorrere, ma la sola certezza che sia quella giusta, porta finalmente un sorriso tra i familiari, che giorno dopo giorno hanno vissuto con angoscia la rincorsa ad una nuova vita di Lamberto. Ed è proprio la famiglia, come riporta il Messaggero, a rilasciare le uniche dichiarazioni a riguardo:

“In questi due mesi sono stati fatti enormi passi avanti, consentendo a Sposini di riacquistare piena consapevolezza e lucidità. Ora al Santa Lucia, preziosa struttura d’avanguardia, proseguirà il lavoro di recupero della completa funzionalità fisica”.