Serie TV


9
settembre

MEDICI MIEI: L’INSULSO IN CORSIA

Medici Miei @ Davide Maggio .it

Stasera su Italia 1 in prima serata torna Medici Miei, dopo il positivo debutto, in termini di ascolti (13,23% sul target commerciale), della settimana scorsa. Come si sa, la relazione tra qualità ed ascolti non è sempre lineare, almeno nel breve termine, e il caso di Medici Miei, ahinoi, ne è un esempio lampante.

La serie, ambientata in una clinica privata lombarda racconta in chiave umoristica le vicende di un gruppo di medici per cui professionalità ed etica sono optional. Purtroppo, però, l’intento palese di parodiare i celebri medical drama americani si rivela fin da subito fallimentare. Chi si aspettava uno Scrubs all’italiana è rimasto deluso.

Assenza di un riconoscibile filo conduttore all’interno della puntata, imbarazzante accozzaglia di sketch da cabaret di quartiere, battute da caserma, dialoghi e situazioni improbabili: questi, in breve, gli insormontabili limiti di Medici miei. E Aldo Grasso, dalle pagine del Corriere, non sbaglia facendo fatica a trovare un aggettivo che descriva la serie, che, alla fine, bolla come un’operina insulsa.




7
settembre

CALIFORNICATION: LA SERATA DI ITALIA UNO E’ HOT

Californication @ Davide Maggio .itArrogante scrittore, cinico playboy, alcolizzato quarantenne, bambino di tre anni in un corpo di un uomo ma anche padre affettuoso e sensibile. Tanti gli aggettivi che si addicono per descrivere Hank Moody.

Hank Moody è il protagonista di Californication, serie che da questa sera, lunedì 8 settembre, completerà l’attesissima serata Hot/Doc di Italia1, composta da Grey’s Anatomy (alle 21.15), Nip/Tuck (alle 23.10) e Californication, per l’appunto, alle 00.15.

Hank aveva una vita perfetta. Era uno scrittore di bestseller con l’amore di una bellissima donna ed una figlia meravigliosa. Era sulla cima del mondo. E poi è caduto. Ora è alle prese con la più difficile riscrittura in assoluto. Quella della sua vita…

Il telefilm narra le vicende di un uomo disperato, che cerca di rifuggire la sua consapevole disperazione (la consapevolezza lo differenzia dalle casalinghe di Wisteria Lane) abbandonandosi con epicureo fervore alla piacevolezza dei sensi, dalla droga all’alcool, al sesso. Hank è un uomo del suo tempo, con tutte le sue contraddizioni. Dice di sè: Sono disgustato dalla mia vita e da me stesso, ma non sono infelice di questo”.


5
settembre

FIDATI DI ME: UNA STRAORDINARIA VIRNA LISI SU RAIUNO

Fidati di Me (Virna Lisi) @ Davide Maggio .it

Una straordinaria Virna Lisi apre la stagione della fiction su Rai1. E lo fa con una storia difficile, che prende spunto dalla cronaca. Una donna, una mamma, un’ex magistrato che dovrà fare i conti con il passato e con il rapporto conflittuale con sua figlia, che non vede da tempo. Sentimenti autentici, spiragli d’emozione per una serie tv a metà tra melodramma e giallo.

Fidati di me, in onda da domenica 7 settembre,  riporta, dopo cinque anni d’assenza, Virna Lisi alla fiction Rai. Un ruolo drammatico per la grande attrice, che, nei quattro mesi di lavorazione, ha dato l’anima per rendere al meglio il personaggio.

Il regista Gianni Lepre crede molto in questo prodotto, un prodotto che rispecchia molte storie vere: Fidati di me, racconta il fallimento di una madre e della propria figlia quando a sua volta diventa madre. Storia onesta, purtroppo diffusa, però con una variante importante rispetto alla realtà: ci si può riscattare dai propri errori se non ci si arrende”. Non arrendersi mai, cercando di fidarsi dei propri cari: è questo il messaggio della fiction.

A seguire la trama della serie:





1
settembre

O’ PROFESSORE DA’ I VOTI IN TV

Sergio Castellitto - O’ Professore @ Davide Maggio .it

Ha già ‘ripetuto l’anno’ dopo la doppia bocciatura da parte di Mediaset per non intralciare I Liceali, altra serie made in Italy tutta scuola e buoni sentimenti, ed è già andato in onda sul digitale terrestre, sul canale Joy. Si tratta di ‘O Professore, miniserie in due puntate, prodotta da RTI con Grundy Italia e Alien Produzioni per la regia di Maurizio Zaccaro, con la quale Sergio Castellitto aprirà questa sera (alle 21.10 su Canale5) le danze dei nuovi prime time della stagione (non siamo ancora in garanzia, però).

La trama, liberamente ispirata a un romanzo di Paolo Travella, ricorda vagamente quella di Sister Act che, forse non a caso e più probabilmente per pura coincidenza, sarà schierato da Raiuno, con il secondo capitolo della fortunata saga cinematografica. Ma torniamo al professore che da questa sera cercherà di recuperare i ragazzi cresciuti in una realtà difficile e di scongiurare la chiusura della scuola del Rione Sanità (state certi che non ricorrerà alla costituzione di un coro come Suor Maria Claretta) che conta più assenti che presenti. Pietro Filodomini, questo il nome del personaggio interpretato da Castellitto, più che insegnare italiano, materia che dovrebbe proporre fra i banchi di scuola, si trova a dover affrontare questioni legate a camorra e violenza, aspetti dominanti della vita dei suoi latitanti, in senso scolastico e non giuridico, studenti. Il protagonista è sostenuto nella sua ‘missione’ dalla compagna e collega Manuela (Luisa Ranieri).


29
agosto

DEXTER: DAL 5 SETTEMBRE SU ITALIA1

Dexter @ Davide Maggio .it

Almeno una volta nella vita tutti noi fingiamo. Indossiamo una maschera per apparire migliori o semplicemente differenti da come siamo. Dexter, il protagonista dell’omonima serie (dal 5 settembre su Italia1 in seconda serata) è costretto a fingere ogni giorno fin dalla sua infanzia, fin dal giorno in cui bambino ha assistito alla truculenta morte di sua madre.

Fingere di essere normale, di provare dei sentimenti è ciò che Dexter fa ogni giorno. Ma Dexter non è normale. Dexter ha un irrefrenabile istinto di uccidere. E’ un predatore di uomini, un freddo serial killer che colleziona gocce di sangue delle sue vittime, ma è anche un fratello premuroso, un amico fidato e un fidanzato modello. Tutte maschere che egli indossa per nascondere la sua vera natura.

Dexter però non è un serial killer come gli altri. Ha un’etica nell’uccidere che gli deriva dal cosiddetto “Codice di Harry”. Harry era il suo padre adottivo (ora morto), che, impotente dinanzi alle sue incontrollabili pulsioni, gli impone un singolare codice di comportamento: Dexter dovrà uccidere solamente gli assassini, la feccia che la società non riesce ad espellere.

Particolare non trascurabile è che Dexter è un esperto ematologo del Dipartimento di Polizia di Miami, particolare quest’ultimo che rende ancora più avvincente la serie.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





14
agosto

IL SANGUE E LA ROSA: GABRIEL GARKO TRA AMORI E INTRIGHI NELLA ROMA PAPALINA

Gabriel Garko @ Davide Maggio .itUna storia d’amore, amicizia, intrighi e potere nella Roma papalina. E’ questo in sintesi il tema della nuova fiction di Canale5, Il sangue e la rosa, che vedremo in onda da martedì 2 settembre. Una serie tv in quattro puntate con un cast d’eccezione: i protagonisti Gabriel Garko, Isabella Orsini, Mirko Petrini con la partecipazione di Giancarlo Giannini, Virna Lisi, Alessandra Martines, Ornella Muti, Cosima Coppola e tanti altri. Un cast prestigioso ma sicuramente “già visto”. Non a caso la fiction è prodotta dalla Janus international, casa di produzione che sceglie sempre più spesso i soliti volti noti della fiction nostrana.

Il sangue e la rosa si inserisce perfettamente nel filone delle fiction amore e sangue, passione e morte. Negli ultimi anni la fiction Mediaset ha puntato molto su questi prodotti. Basti pensare a L’onore e il rispetto, con gli immancabili Garko, Giannini e Lisi, andata in onda nell’autunno 2006 con buoni ascolti (23.81% di share di media) e che sta per tornare con la seconda serie. O a Io ti assolvo, film tv con Garko e Lorenzo Flaherty,  che ha ottenuto un ottimo successo di pubblico (26.08% di share). O alla miniserie Io non dimentico con protagonista Manuela Arcuri che ha raccolto il 25% di share medio nelle due puntate. Tutte fiction caratterizzate da amori eclatanti, passioni esplosive ma anche da morti e delitti improvvisi. Il giallo si mescola al rosa e ne esce un mix che il pubblico ha quasi sempre premiato.

Tornando a Il sangue e la rosa, sul set della fiction si sono improvvisate attrici anche tre perfette sconosciute. Sono Jessica Bianchetti, Caterina Milicchio e Francesca Ieranò. Tre ragazze che hanno avuto la possibilità di recitare al fianco di Gabriel Garko grazie a un concorso di Janus in collaborazione con Tv Sorrisi e Canzoni. Dopo varie selezioni sono state loro le prescelte e hanno ottenuto una piccola parte nella serie. Dopo il salto la sinossi della prima puntata.


12
agosto

DISTRETTO DI POLIZIA 8: LA RINASCITA?

Simone Corrente @ Davide Maggio .it

Giovedi 4 settembre ritorna su Canale 5 Distretto di Polizia. Ebbene sì, dopo nove anni e otto edizioni, Distretto di Polizia ritorna con le solite premesse: nuove storie, nuovi personaggi, nuove avvincenti trame; e con un obiettivo preciso: arrestare la comprensibile, a tratti inevitabile (siamo all’ottava serie), parabola discendente che ha investito la serie. 

Dopo lo scialbo commissario interpretato da Massimo Dapporto (ancora oggi sfuggono i motivi della scelta di un attore “anziano” in un cast e in una serie “giovane”), quest’anno il capo è Luca Benvenuto (interpretato da Simone Corrente), il poliziotto gay (“e venne il momento in cui il realismo lasciò spazio al pedagogismo”..) presente fin dalla prima edizione. Ad onor del vero, Luca è commissario pro-tempore in attesa che venga nominato il nuovo dirigente.

La consueta linea orizzontale, quella che negli anni ha caratterizzato Distretto, quest’anno appare più lineare e semplice ma comunque promettente. Infatti, l’elemento scatenante della “caccia ai cattivi” è… l’assassinio, nel bel mezzo di una rapina, di Irene Valli, ispettrice del X Tuscolano e fidanzata del collega Alessandro Berti (interpretato da Enrico Silvestrin). Ciò porterà ad un’inevitabile commistione tra sentimenti personali e doveri professionali capace di innescare nuove e interessanti dinamiche tra i poliziotti del Distretto.


6
agosto

DIRTY SEXY MONEY: VI PRESENTO i DARLINGS

Dirty Sexy Money @ Davide Maggio .it

E’ l’amore per il denaro la causa di tutti i mali? Oppure qualcos’altro? E’ l’amore per la libertà? L’amore per la fama? O è l’amore per la virtù? L’amore del vizio? E’ l’amore per le storie d’amore? Oppure l’avere troppo di tutto? E’ questo il problema? Non lo so. Io voglio solo scoprire chi ha ucciso mio padre.

A parlare è Nick George (Peter Krause), protagonista di Dirty Sexy Money, la nuova serie di Canale 5. Nick è un avvocato idealista, sposato, con una figlia, che mosso dal desiderio di scoprire la verità sulla tragica morte del padre, prende il suo posto come avvocato di fiducia per la prestigiosa famiglia Darling.

La famiglia è composta da sette componenti, ognuno dei quali vive e rifugge i propri mali, infatti dietro l’aspetto glamour e patinato dei Darlings si celano i più improbabili scheletri nell’armadio. Il patriarca è Tripp Darling (Donald Sutherland), uomo tutto d’un pezzo, sposato con Letitia, amante per ben quarant’anni del padre di Nick. Tripp e Letitia hanno cinque figli: Patrick, il primogenito, in procinto di candidarsi al Senato degli Stati Uniti, che tradisce la moglie con un transessuale; Karen che sta per sposarsi per la quarta volta, ma è da sempre innamorata di Nick; Brian, pastore protestante dai modi sgarbati e con un figlio illegittimo; e infine i venticinquenni e immaturi gemelli Jeremy, che passa il suo tempo tra feste, alcolici e partite di poker e Juliet “piccola Paris Hilton”.