Serie TV


6
dicembre

CARA PUBBLICITA’, QUANTO MI COSTI! UNO SGUARDO OLTREOCEANO SUI COSTI DEGLI SPOT DURANTE I PROGRAMMI DI PUNTA

Spot USA

Grey’s Anatomy, Flash Forward, CSI, American Idol: la sorte di molti di questi programmi, oltre a dipendere dagli ascolti, è legata a doppio filo ai guadagni che il network incassa dagli spot trasmessi durante gli appositi intervalli. Un’interessante indagine di Advertising Age, che vi riportiamo di seguito, svela alcuni retroscena sui costi degli spot durante i programmi di punta e ci permette di comprendere l’appeal che questi hanno sul pubblico americano.

Per il secondo anno consecutivo NBC detiene il primato della rete con gli spot più costosi, grazie soprattutto al grande sport. In vetta alla classifica dei programmi più costosi veleggia quindi il Sunday Night Football, in onda su NBC la domenica, per cui gli investitori devono spendere, per ogni spot da trenta secondi, 339.700 dollari. Escludendo lo sport, a dominare la topten sono comunque le serie tv, apprezzate ed esportate in tutto il mondo. Trenta secondi durante Grey’s Anatomy (in onda su ABC) costano ben 240.462$ mentre durante Desperate Housewives (sempre su ABC) 228.851 dollari. Per Two and a Half Men (CBS) gli investitori spendono 226.635$, per Family Guy su Fox (in Italia I Griffin) 214.750$ mentre per i Simpson il costo è leggermente più basso: 201.920$. Durante CSI (CBS) trenta secondi di spot si assestano sui 198.647$ mentre durante The Bing Bang Theory (CBS) sui 191.900$. Con 135.357$ si posiziona per ultima la serie targata NBC The Office.

La nuova serie ABC Flash Forward è l’esordio più costoso per gli investitori (175.724$ per spot), a cui seguono Glee (Fox), la serie animata The Cleveland Show (Fox) e Modern Family (ABC). Male, invece, il nuovo “anti-Letterman” in onda su NBC Jay Leno Show i cui spot costano tra i 48.803 e i 65.678 dollari (in base al giorno di programmazione).

Dopo il salto una panoramica generale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,




4
dicembre

NINO FRASSICA A DM TV: “STANNO GIA’ SCRIVENDO DON MATTEO 8″

Video intervista a Nino Frassica

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


3
dicembre

IL TELECOMANDO, LA GUIDA TV DI DM: 3 DICEMBRE 2009

Guida TV 3 dicembre 2009

Prime time

Raiuno, ore 21.10: Don Matteo 6 Bentornato Don Matteo! e Profumo di caffè

Bentornato Don Matteo!: Tra lo stupore e la gioia di tutti, Don Matteo è di nuovo a Gubbio! Ma dopo il ritrovamento del corpo di un noto agronomo, cala un’ombra sulla comunità. Stavolta sembra che il nostro sacerdote non voglia più saperne di indagare…Riuscirà Cecchini, al settimo cielo per il suo ritorno a coinvolgerlo nel caso? Profumo di caffè: L’amministratore delegato di una nota fabbrica di caffé viene trovato in fin di vita. Accanto a lui Beatriz, una bella ragazza brasiliana, con l’arma del delitto in mano. Don Matteo si sente coinvolto in prima persona. È stato lui a trovare lavoro a Beatriz in casa della vittima. Nel frattempo Cecchini, è impegnato nella disperata ricerca di una casa per il capitano Tommasi…

Raidue, ore 21.05: Annozero

Nella puntata si espongono  e commentano i contenuti delle sentenze di primo e secondo grado che hanno condannato l’avvocato David Mills a 4 anni e mezzo per corruzione. I fatti emersi nei processi (sulle condanne a Mills si deve ancora esprimere la Corte di Cassazione), lasciano intravedere un “fumus persecutionis” nei confronti di Silvio Berlusconi, o peggio un complotto nei confronti del Presidente del Consiglio? Berlusconi deve difendersi nel processo nel quale e’ imputato, che era stato stralciato dal processo Mills e adesso inziera’ dopo la bocciatura del Lodo Alfano? Oppure deve difendersi dal processo facendo ricorso a tutti gli strumenti possibili per evitarlo? Ospiti di Michele Santoro  l’onorevole del PdL Niccolò Ghedini, legale di Berlusconi, i giornalisti Maurizio Belpietro, direttore di Libero, e Peter Gomez de Il Fatto Quotidiano, l’imprenditore franco-tunisino Tarak Ben Ammar e Umberto Ambrosoli, terzo figlio di Giorgio, l’avvocato liquidatore della Banca Privata italiana, ucciso a Milano – nella notte fra l’11 e il 12 luglio 1979 – da un sicario ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona.





2
dicembre

UNITED STATES OF TARA: I QUATTRO VOLTI DI UNA DONNA, DA STASERA SU MYA

United_states_of_tara(mya-prima stagione)

Buck è un rozzo camionista, bevitore di birra e maschilista; Alice è una casalinga perfetta, sin troppo; T. è un’ adolescente disinibita e consumatrice di marijuana. Tre personalità che definire all’antitesi è un eufenismo ma che, nonostante questo, hanno qualcosa, anzi qualcuno, in comune. Buck, Alice e T. sono, infatti, gli Stati Uniti di Tara.

United States of Tara è la  nuova situation comedy, da stasera ore 21 su Mya, che ruota attorno a Tara Gregson (interpretata da Toni Collette, vincitrice di un Emmy per questo ruolo) affetta da un disturbo di personalità multipla. Quello di cui soffre la donna è una patologia che, in particolari momenti di tensione, genera in lei la comparsa di vere e proprie personalità che si impossessano momentaneamente del suo corpo. La cosa singolare, per giunta, è che quando Tara torna in sè non ha idea di cosa sia successo, al contrario dei suoi alter ego, i quali sono al corrente di tutto ciò che riguarda la vita privata della donna.

Una tale malattia non può, ovviamente, non avere ripercussioni, caotiche, sul lavoro e la famiglia di Tara. Quest’ultima, infatti, è un’arredatrice d’interni, sposata con Max (John Corbett, Il mio grosso grasso matrimonio greco) e madre di due figli adolescenti: Marshall (Keir Gilchrist) 14enne bravo ragazzo, gay dichiarato in preda alla prima cotta per un compagno di classe; Kate (Brie Larson) adolescente ribelle che lavora in una catena di ristoranti e che intraprende una relazione con il suo datore di lavoro. Nella vita di Tara, c’è spazio anche per sua sorella Charmaine (Rosemarie DeWitt) che, però, poco solidalmente l’accusa di essere sempre al centro dell’attenzione per il suo disturbo. La serie, negli Stati Uniti in onda sulla cable Showtime, è nata dal genio di Steven Spielberg, ed è stata sviluppata dalla sceneggiatrice Diablo Cody, ex blogger spogliarellista, salita alla ribalta per il pluripremiato Juno.


2
dicembre

IL TELECOMANDO, LA GUIDA TV DI DM: 2 DICEMBRE 2009

guida tv 2 dicembre 2009

Prime time

Raiuno, ore 21.10 Medicina Generale 2 - Seconda puntata 1^Tv

Le Regole del gioco e Oltre le regole: Nonostante il coraggio mostrato durante l’esplosione, Giacomo ed Elia vengono convocati dalla commissione di disciplina per rispondere del loro operato: il direttore dei soccorsi, con il quale i due si erano scontrati durante l’emergenza, ha presentato infatti un richiamo nei loro confronti. Per Elia è l’occasione per ricordare un passato doloroso, in parte ancora velato dal mistero, per Giacomo invece la vicenda si conclude con una seconda lettera di censura, che porta inevitabilmente allo scontro con Bergamini. Il primario, il cui posto è messo a rischio, decide di ottenere la Certificazione di Qualità per rilanciare la reputazione del reparto: per Anna significa un carico di lavoro extra, in un momento in cui la situazione familiare non è delle migliori. Un litigio con Giacomo, infatti, crea tensione con il figlio Pietro. La situazione alla fine si risolve, ma nuovi pericoli insidiano la stabilità familiare: Giacomo, in un momento di debolezza, cede infatti al fascino della maestra Bianca e la bacia. Chi invece non cede è Elia, di fronte all’interesse di Letizia, conosciuta in un momento di lavoro. La Conti si sfoga con Gabriella, che ha ripreso servizio dopo un breve ricovero e che, dal canto suo, ha risolto i problemi d’amore cacciando di casa il marito.

Raidue, ore 21.05   X Factor – Ultima puntata

Gran finale  per il talent show targato Raidue. Chi vincerà? Per maggiori info clicca qui

Raitre, ore 21.05 Un caso per due - 1^ TV

A partire da stasera, torna su Rai Tre alle ore 21.10 Un caso per due, la serie cult tedesca che vede protagonisti non i soliti commissari, ma un avvocato ed un detective privato. Grazie alla penna di Karl Heinz Willschrei nasce nel 1981 Un caso per due (Ein Fall für zwei) una delle serie poliziesche più longeve e più amate dal pubbilco tedesco, trasmessa initerrottamente per 27 stagioni sull’emittente pubblica ZDF. In Italia è andata già in onda su Rai Due nel 1986 e nel 2007 su Rai Tre con gli episodi della ventunesima serie.La particolarità del telefilm è che i protagonisti sono un detective privato e un avvocato che, dopo essersi conosciuti durante un processo, decidono di creare un inedito duo investigativo al servizio della giustizia. 





1
dicembre

IL TELECOMANDO, LA GUIDA TV DI DM: 1 DICEMBRE 2009

Guida TV del 1 Dicembre 2009

Prime time

Raiuno, ore 21.10: Medicina Generale 2 Incontri e Scontri - 1^ TV

Incontri: Anna e Giacomo vivono finalmente insieme e, con Pietro ed Emma, formano una famiglia felice. Anna sta finendo un corso di specializzazione e deve sostenere l’ultimo esame. Ad interrogarla si ritrova il dottor Sassi e, di fronte all’offerta di un voto ingiustamente basso, rifiuta. Anche per la dottoressa Boschi non è un momento felice: a un passo dall’ottenimento dell’adozione, Gabriella scopre infatti il tradimento del marito Sandro, e cade in crisi. Scontri: Un’improvvisa esplosione scoppiata poco lontano sconvolge l’ospedale. Angelo de Santis, divenuto caposala del Pronto Soccorso, accoglie i feriti in arrivo, mentre Giacomo percorre la zona a rischio per portare assistenza. Durante le operazioni di soccorso incontra Elia, un vecchio amico che non vedeva da anni, che si appresta a prendere servizio come medico al Pronto Soccorso. Pur di soccorrere Agnese, un’anziana donna in fin di vita, i due colleghi si scontrano con il direttore dei soccorsi. Agnese alla fine è salva, mentre altrettanto non si può dire di un giovane operaio soccorso da Elia. A mettere a rischio la propria vita è anche Gabriella, coinvolta in una seconda esplosione che la ferisce e la porta di corsa in ospedale. Altre info sulla seconda stagione qui.

Raidue, ore 21.05: Senza Traccia Azzerare (6×13) e Questioni di cuore (6×14) - 1^TV

Azzerare (titolo originale: Hard reset): Stavolta la squadra deve usare tutta la sua abilità per rintracciare Jack Malone, scomparso mentre stava indagando su un caso da solo. Si scopre che la sua indagine è collegata a un caso di Vivian, che sta seguendo un traffico di schiavi umani avviati alla prostituzione. Questioni di cuore (titolo originale: A Bend in the road): Il team si sta ancora riprendendo dopo l’incidente subito da Jack e sta lavorando sulla scomparsa di una teenager che ha subito un trapianto di cuore. Gli agenti sospettano che la sua sparizione sia collegata al donatore che le ha permesso di avere un cuore. Nel frattempo Samantha parla con Brian.

Raitre, ore 21:10: Ballarò

Lodo Mondadori, deposizione del pentito Spatuzza, udienza del processo Mills: una settimana decisiva per i difficili rapporti tra politica e giustizia, mentre in Parlamento si decide sull’entità della legge finanziaria. Sono questi i temi della puntata di stasera che vede ospiti il ministro dei beni culturali Sandro Bondi, il leader dell’IdV Antonio Di Pietro, il presidente della commissione finanze del Senato Mario Baldassarri, Bruno Tabacci di Alleanza per l’Italia, l’economista Giacomo Vaciago, il direttore dell’Unità Concita De Gregorio. La copertina satirica è di Maurizio Crozza.


1
dicembre

MEDICINA GENERALE 2: IL MARTEDI’ DI RAIUNO RIMANE “IN CORSIA”, ANCHE SE…

medicina generale 2

Ritorna da martedì 1 dicembre in prima serata su Raiuno Medicina Generale 2. La seconda serie della fiction medica di maggiore successo della televisione italiana“: recita così il claim di presentazione del telefilm di Raiuno sul suo sito internet. In realtà, escludendo l’ipotesi per cui soffriamo di vuoti di memoria tali da aver rimosso gli strepitosi successi della prima serie, è più probabile che la presentazione di cui sopra sia solo una trovata dell’ufficio marketing della Rai per innestare sul prodotto quell’appeal che di fatto non ha mai avuto.

Si, perchè in verità la prima serie di “Medicina Generale” fu vittima di molti spostamenti di palinsesto ed il fatto che molte delle tredici serate (26 episodi in tutto) andranno in onda (da stasera, il martedì e il mercoledì) fuori dal periodo di garanzia, la dice lunga sull’affidamento che Mauro Mazza e company fanno su questo prodotto. Un pò E.R., un pò Grey’s anatomy, la serie medica basata sulla storia di Anna Morelli, infermiera caposala (Nicole Grimaudo) e del dottor Giacomo Pogliani (Andrea Di Stefano), non brilla per originalità nonostante un buon cast che vede, tra gli altri, Francesca Reggiani e Antonello Fassari.

Se aggiungiamo al “confino” della fiction con la Grimaudo a dicembre, la stagione tiepida del “Dr House” e l’iniziale interruzione della nuova serie di Grey’s, si potrebbe dire che il genere medical non stia in realtà vivendo un grande momento. La fine di un genere? Non esageriamo. Il tema ospedaliero rimane pur sempre un evergreen della produzione seriale (straniera e nostrana); è pur vero però che il genere sta subendo un’evidente flessione di gradimento, a causa di storie oramai trite e ritrite, e di un minore appeal sul pubblico degli aspetti più “pulp” e “diagnostici” delle trame.


1
dicembre

MOANA, L’EVENTO: VIVI COME SE DOVESSI MORIRE DOMANI E PENSA COME SE NON DOVESSI MORIRE MAI

Moana, Sky (Violante Placido)

La trasgressione che diventa sinonimo di libertà, che sovrasta il perbenismo e riesce a imporsi oltre lo scandalo. La continua rincorsa verso tutto ciò che è estremo, tra le mille contraddizioni dei tempi e l’ossessiva ricerca dell’effimero. Le luci e le ombre che hanno consegnato alla storia un’icona libera da tutto e tutti ma prigioniera di sé stessa. Tutto questo è Moana,  la miniserie in due puntate, in onda su SKY Cinema e SKY Cinema HD, stasera e domani alle 21, con cui l’emittente satellitare sembrerebbe aver centrato il bersaglio.

L’idea della fiction, in effetti, riesce perfettamente a conferire all’elitarismo pay le fattezze di evento da televisione generalista. Diretta da Alfredo Peyretti (Gente di mare), si è posta, sin dal principio, l’obiettivo di scavare gli aspetti più intimi di Moana Pozzi, quelli meno esplorati e più nascosti della regina delle pornostar. Una donna che nasce borghese, nella piccola provincia italiana, e che sceglie di ribellarsi ad un’educazione cattolica per condurre una vita estrema e ambiziosa. Una donna che, con intelligenza e savoir faire, ha fatto della rivendicazione della propria identità una missione, e che, per questo, è clamorosamente riuscita a farsi apprezzare anche da coloro i quali, all’inizio, la additavano. Ma la storia di Moana è anche quella di una vita tragica, prematuramente spezzata all’età di trentatrè anni, che la miniserie non ha mancato di raccontare. Allo stesso modo, la fiction è, altresì, un pretesto per narrare il mondo del porno degli anni ‘80, una realtà in fermento e molto diversa da quella attuale.

A prestare volto, ma soprattutto corpo, a Moana è una più che mai splendida Violante Placido, entusiasta del ruolo ricoperto al punto da dichiarare di aver sentito la presenza dell’attrice scompasa affianco a lei per tutte le riprese. Accanto alla Placido troviamo Fausto Paravidino, nei panni del manager Riccardo Schicchi, e Michele Venitucci, in quelli del marito di Moana, Antonio Di Ciesco. Ad interpretare Cicciolina, che recentemente aveva tentato invano di adire le vie legali contro l’uso improprio della sua immagine nella fiction, la giovane Giorgia Wurth

[nggallery id=10]