Dietro le Quinte


21
gennaio

RAI YOUNG: GUBITOSI ANNUNCIA L’ENNESIMO CANALE DEDICATO AI GIOVANI. E A CHE SERVE RAI4?

Gubitosi annuncia Rai Young

Gubitosi annuncia Rai Young

Invece di razionalizzare l’offerta per renderla coerente e al tempo stesso più competitiva, anche in virtù del modello di riferimento inglese, in Rai si pensa ad un ennesimo potenziamento con l’incremento dei canali. Stando alle dichiarazioni del Direttore Generale Luigi Gubitosi rilasciate durante il convegno L’offerta del servizio pubblico, infatti, a breve l’offerta dell’azienda pubblica potrebbe passare dagli attuali 14 canali a ben 15, con l’arrivo di una new entry ancora in fase di studio ma con un target già ben definito: Rai Young.

Già il nome è tutto un programma: nelle intenzioni sarà un canale rivolto ad un pubblico giovane e giovane adulto, vero cruccio per il settimo piano, che vive su molteplici schermi, del televisore ovviamente ma anche dei computer e degli smartphone, grazie ad un’interazione senza precedenti con il web. Un canale – promettono – che nascerà con l’obiettivo primario di sperimentare nuovi talenti e formati. Insomma, Rai Young si preannuncia come il nuovo Rai4, nato con le stesse premesse grazie a Carlo Freccero e poi gradualmente depotenziato fino alla trasformazione a mero raccoglitore di serie tv e pellicole (spesso in diretta concorrenza con Rai Movie e con le generaliste). Evoluzione che peraltro si è ripercossa -e non poco- sugli ascolti medi mensili, crollati al di sotto dell’1% di share.

Pur di non sfruttare i brand attuali, insomma, dalle parti di viale Mazzini si aggiunge ulteriore carne al fuoco, nonostante le evidenti difficoltà nel raggiungere un pubblico così sfuggente, come peraltro dimostrato dalle continue rivoluzioni operate da Mediaset su Italia 2. Curioso poi che con Young si voglia creare un ponte con il web, considerando che l’azienda pubblica ha ancora seri problemi a sfruttare il mezzo, al di là di qualche lodevole iniziativa (spesso in appalto ai produttori esterni) e agli spoglissimi siti web dei programmi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




10
gennaio

CHARLIE HEBDO: DOMENICA IN SALTA PER DARE SPAZIO A L’ARENA E ALLA MANIFESTAZIONE ANTITERRORISMO

Paola Perego e Pino Insegno

Paola Perego e Pino Insegno

Radicale cambio di programmazione per la domenica di Rai1. Dopo la polemica che ha investito la Rai sulla gestione giudicata superficiale dell’attentato a Charlie Hebdo, nonostante la copertura fosse garantita appieno da Rai News, l’azienda pubblica sembra tornare sui suoi passi. Così domani in occasione del corteo parigino, in onore delle vittime dell’attentato al giornale francese, – a cui parteciperanno anche le massime istituzioni europee, compreso il Premier italiano Matteo Renzi – salta il palinsesto canonico della prima rete.

L’Arena si sdoppia in onda alle 14 e alle 17

Si partirà dopo il TG1 alle 14 con l’Arena con Massimo Giletti che però, alle 15, cederà la linea alla manifestazione antiterrorismo live da Parigi. La diretta, che sarà curata interamente dal TG1, si protrarrà fino alle 17 (salvo slittamenti), e al termine verrà data la linea alla seconda parte dell’Arena che in via del tutto eccezionale sostituirà Domenica In con Paola Perego e Pino Insegno fino alle 18.45. In preserale, invece, rimane confermato l’appuntamento con l’Eredità.

La puntata di Domenica In post-Epifania, quindi, verrà presumibilmente recuperata la prossima settimana, e con lei l’omaggio a Pino Daniele, che i due conduttori avrebbero dovuto ricordare assieme a Rocco Hunt, Tony Esposito, James Senese, Bianca Guaccero e Sergio Assisi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


7
gennaio

GXT CESSA LE TRASMISSIONI SU SKY, iLIKE TV RIMANE SUL WEB, LA3 LASCIA IL DTT E TORNA IN ESCLUSIVA SU SKY

Chiusura canali: GXT, La3, iLike TV

Chiusura canali: GXT, La3, iLike TV

Aria di generale riorganizzazione dalle parti di Sky. Già vi abbiamo accennato alla fuoriuscita di Fox Retro, che dal 1 gennaio 2015 è stato completamente assorbito da Fox Comedy, ma purtroppo le novità non sono finite qui. Anche GXT, e il relativo time shift, salutano definitivamente gli spettatori della piattaforma satellitare.

Chiude GXT su Sky

Il canale è nato dalla volontà di Switchover Media di espandere il proprio pubblico raggiungendo, oltre al target kids, anche quello giovane adulto nella fascia 15-25 anni, prevalentemente di sesso maschile. Dopo un inizio sfavillante con una programmazione ben delineata, ha perso smalto negli anni fino all’acquisto dell’editore italiano da parte di Discovery Communications, che ha investito pesantemente sull’intero nuovo bouquet ad esclusione – non a caso – proprio di GXT, forse per via della parziale sovrapposizione di pubblico con DMAX.

La3 in esclusiva su Sky, chiude iLike TV

Se Sky perde due canali, il digitale terrestre non ne beneficia affatto. Anche sulla televisione free, infatti, cessano le trasmissioni di ben due reti. La prima, iLike TV, abbandona gli schermi televisivi (non avendo mai ottenuto chissà quali consensi) per trasferirsi in via definitiva sul web, dove peraltro è nato, mentre la seconda è una fuoriuscita di peso: La3. Il canale televisivo del gruppo telefonico H3G Italia nato anni fa sul digitale terrestre mobile cessa le trasmissioni per trasferirsi nuovamente in esclusiva su Sky (canale 163, quindi pure ad una numerazione sfavorevole).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





5
gennaio

FOX RETRO CHIUDE E “TRASLOCA” SU FOX COMEDY

Fox Retro

Fox Retro

Brutte notizie per i fan delle serie vintage. Fox Retro saluta definitivamente la piattaforma Sky lasciando i più fedeli spettatori con l’amaro in bocca. E pensare che recentemente aveva anche cercato la ribalta con una partnership con una nota catena di abbigliamento, per rivivere assieme ai fan i fantastici decenni ‘70, ‘80 e ‘90 con speciali outfit.

Che a convincere i piani alti di Fox International Channels Italy siano stati gli ascolti non proprio esaltanti non abbiamo particolari dubbi: lo scorso settembre il canale si è fermato allo 0.07% nelle 24 ore, dato poi confermato ad ottobre mentre a novembre è calato allo 0.06%. La sensazione è che – dopo l’euforia del lancio – Sky non abbia più creduto nelle potenzialità del canale, abbandonandolo al suo destino (la numerazione è diventata sempre meno favorevole) e dando maggiore spazio e visibilità a proposte più allettanti in quanto a target commerciale.

Tant’è che di ritorno dalle vacanze natalizie gli spettatori si ritrovano un canale Fox in meno, ma già a novembre ne hanno guadagnati due, proposti in esclusiva dalla divisione italiana del gruppo: il ben noto Fox Animation che ha conquistato a novembre lo 0.17% nel totale giornata, e Fox Comedy che – non a caso visto il contesto in cui è nato – ha ospitato dal 1 novembre 2014 alcune delle serie in onda sul defunto canale vintage del gruppo, mentre dal 1 gennaio 2015 il trasloco è stato definitivo. Peccato che proprio questa seconda new entry – a fronte di un palinsesto più variegato e interessante in linea teorica per il pubblico televisivo – si sia fermata a novembre ad un risibile 0.04% nelle 24 ore, facendo rimpiangere  quel misero 0.06%.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


5
gennaio

MORTE PINO DANIELE: LE REAZIONI DEI COLLEGHI

Pino Daniele e Laura Pausini

“Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perchè eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo?“.

Con queste parole Eros Ramazzotti ha annunciato sul proprio profilo Instagram la morte di un caro amico come Pino Daniele. E’ stato il primo a dare la notizia e molti, nel leggerla, hanno sperato nell’ennesima bufala da parte del mondo del web. Nei minuti successivi è partito il tam tam sui social network – caratterizzati da post pieni di incredulità – fino alla conferma del manager Ferdinando Salzano: Pino è stato stroncato da un infarto nella sua casa di campagna in Toscana. Vani i tentativi di prestagli soccorso.

Il tragico evento ha colpito molti degli amici/colleghi dell’artista partenopeo. Laura Pausini, pubblicando su Facebook una sua foto assieme al cantautore, scrive:

Alla tua famiglia e ai tuoi figli, il mio pensiero e il mio abbraccio. A noi tuoi fan rimani per sempre tu Pino Daniele. Con la tua arte unica. E questa foto, con la mia testa sulla tua spalla per dirti “grazie”. Per avermi permesso di conoscerti da vicino. Per cantare con te e per te. Laura“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





5
gennaio

PINO DANIELE È MORTO. LA CARRIERA TRA ALBUM, CINEMA E TELEVISIONE

Pino Daniele

Pino Daniele

Arriva come un fulmine a ciel sereno la notizia della scomparsa di un apprezzato artista che, tra l’altro, il pubblico ha avuto modo di ascoltare proprio alcuni giorni fa in occasione del Capodanno televisivo di Rai 1.

È morto Pino Daniele. Il cantautore e chitarrista napoletano è stato stroncato da un infarto nella sua casa di Magliano, in Toscana. Avrebbe compiuto 60 anni il prossimo 19 marzo.

A darne notizia per primo è stato Eros Ramazzotti che sul suo profilo Instagram ha scritto:

Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo…

Morte Pino Daniele: a Napoli lutto cittadino

(ANSA) – Nel giorno dei funerali di Pino Daniele, morto nella notte, a Napoli sarà proclamato il lutto cittadino. Lo ha annunciato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che ha espresso il desiderio di allestire la camera ardente nelle sale del Maschio Angioino, ma – ha sottolineato – ”bisogna ascoltare le volontà della famiglia”.

Pino Daniele: i 38 anni di carriera riassunti in cinque album

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


17
dicembre

IL LEONE DA TASTIERA

(Giancarlo) Leone da tastiera

(Giancarlo) Leone da tastiera

Ora, che il direttore Giancarlo Leone si cimenti da tempo immemore con i cinguettii è cosa nota. Spesso e volentieri, Gianka ci regala alcune perle; perle che, in alcuni casi, rasentano la risibilità, in altri suscitano compassione. Ma ci siamo ben guardati dal ‘ricamarci’ su o, più semplicemente, dal riprenderle. Nel primo caso per questioni di uno stile che non ci appartiene; nel secondo per il rispetto che portiamo nei confronti di una persona âgé, soprattutto se questi si confronta col ‘nuovo’, a noi affine, come un bambino alle prese con barattoli di cioccolata.

Succede, però, che l’ultima Gianka-perla ci riguardi da vicino. “Questa volta @davidemaggio l’ha sparata più grossa del solito. Capita. Ma basterebbe verificare. Comunque buon lavoro. Meglio se informato.“, tuona twittando il direttore. E, a dire il vero, se non ci fosse stato quel comparativo – che ha tutto il sapore di una volontà screditatoria – avremmo probabilmente soprasseduto anche questa volta, sempre in nome di quel rispetto di qualche riga fa. D’altro canto abbiamo messo in conto sin da subito che l’essere poco governabili avrebbe potuto urtare la sensibilità di qualcuno.

Ma da una persona che ha giocato nei giardinetti del Quirinale ci saremmo aspettati un atteggiamento differente, foss’anche solo la diplomazia propria di quegli ambienti. Tuttavia, nel caso specifico, sarebbe bastata una semplicissima… lettura! Eh già, Gianka ci “accusa” di averla sparata grossa in relazione alla sostituzione di Veronica Maya alla guida di Linea Bianca. Attenzione, però: mica il direttore contesta la notizia (perchè quella è!). Contesta le motivazioni: ovvero che l’ex padrona di casa di Verdetto Finale sarebbe stata allontanata dalla tv pubblica a causa dell’incidente occorsole a Tale e Quale Show.

Bene. Volete ridere?! Non l’abbiamo mai scritto. A scriverlo, invece, sono state le numerosissime testate che hanno ripreso la nostra notizia ‘ricamandoci’ un po’ sopra e affibiandoci in alcuni casi la paternità della ‘correlazione’ scapezzolamento-epurazione. Bastava, dunque, che il direttore facesse un salto su davidemaggio.it e si informasse leggendo il pezzo piuttosto che affidarsi alla carta stampata, che evidentemente gli è tanto cara. Oppure, se proprio non sapeva come digitare d-a-v-i-d-e-m-a-g-g-i-o-.-i-t, poteva chiamare l’ottimo Fabrizio Casinelli della Comunicazione Rai per chiedergli lumi. Sicuramente si sarebbe illuminato seduta stante. Ma abbiamo il presentimento che un amorevole tweet come quello indirizzatoci ieri non sarebbe stato riservato ai ‘genitori’ dell’equivoco. In questo caso, forse, la diplomazia del Quirinale sarebbe stata rispolverata immantinente.


14
dicembre

FORTE FORTE FORTE: REGISTRATA LA PRIMA PUNTATA. CARRA’ “TUTTOFARE”, IN GIURIA CON ASIA ARGENTO, PLEIN E CORTES

Forte forte forte - Anticipazioni

Forte forte forte - Anticipazioni

Chiuso il periodo di garanzia autunnale, per la prima rete pubblica è già tempo di pensare ai programmi che verranno, nella speranza di confermare la leadership in prima serata anche per la prossima primavera. Diverse le novità previste: non solo Notti sul ghiaccio, il talent condotto da Milly Carlucci nato da una costola di Ballando con le stelle, di ritorno con una terza edizione a fine febbraio, ma anche Forte forte forte, nuovo talent ideato da Raffaella Carrà che, dopo la fortunata esperienza con The Voice, ritorna su Rai1 in veste di assoluta protagonista. O quasi.

Forte forte forte anticipazioni – In giuria Carrà, Asia Argento, Joaquin Cortes e Philipp Pein

In onda dagli studi Voxson di Roma, la nuova produzione Ballandi vede infatti il caschetto più famoso del Belpaese tornare dietro al bancone dei giudici, in un ruolo non proprio inedito per gli spettatori ma sicuramente più efficace ai fini del programma. Con lei anche Asia Argento, Joaquin Cortes e Philipp Plein, nomi su cui onestamente nutriamo dei forti dubbi in termini di attrattività. In Forte forte forte comunque, al motto di “Se hai un talento sei forte, se sei un talento sei forte forte forte”, si cercano performer a 360 gradi, capaci di saperci fare in tutte le discipline artistiche: canto, ovviamente, ma anche ballo, recitazione e conduzione. In altre parole si vuole trovare la Carrà del futuro.

Forte forte forte anticipazioni – Prima fase registrata di Audizioni

Il nuovo talent è diviso in più fasi, come peraltro lo è The Voice da cui – curiosamente – sembra riprendere parte della scenografia, a partire dal palco strutturato a rombo. Nella prima fase di audizioni (3 puntate, di cui la prima registrata ieri) salgono sul palco una serie di talenti le cui performance devono essere valutate dai quattro giudici, a cui spetta dunque il difficile compito di scartare il talento o spedirlo alla fase successiva.

Forte forte forte anticipazioni – Raffaella Carrà Presidente di Giuria