11
luglio

DM LIVE24: 11 LUGLIO 2009

DM Live24: 11 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Roma Fiction Fest: vincitori del Concorso Fiction Italiana Edita

Mattia Buonocore ha scritto alle 16:18

La giuria (Enrica Bonaccorti, Arnaldo Colasanti e Maurizio Gianotti) ha decretato i vincitori del Concorso Fiction Italiana Edita, riservato a fiction, documentari per la TV e docu-fiction prodotti in Italia e trasmessi dalle emittenti televisive italiane nel periodo compreso fra il 1° settembre 2008 e il 30 aprile 2009. Eccoli:

Miglior regia
Alex Infascelli e Francesco Patierno per Donne Assassine

Miglior sceneggiatura
Fabrizio Bettelli e Alberto Simone per In nome del figlio

Migliore musica
Germano Mazzocchetti per Carabinieri 7

Migliore attore per la categoria TV Movie
Massimo Ghini per Dr. Clown

Migliore attrice per la categoria TV Movie
Angela Finocchiaro per Due mamme di troppo

Migliore attore per la categoria Miniserie
Pier Francesco Favino per Pane e Libertà

Migliore attrice per la categoria Miniserie
Maya Sansa per Einstein

Migliore attore per la categoria Lunga Serie
Vinicio Marchioni per Romanzo Criminale

Migliore attrice per la categoria Lunga Serie
Sandra Ceccarelli per Donne Assassine

Migliore attore non protagonista
Primo Reggiani per Raccontami

Migliore attrice non protagonista
Sonia Bergamasco per Tutti pazzi per amore

Miglior documentario edito* (assegnato al produttore ed al broadcaster)
Steno Genio Gentiledi Maite Carpio

*=assegnato dalla Direzione artistica




10
luglio

GABRIELLA CARLUCCI A DM TV: LA MIA “BUONA DOMENICA” E’ STATA IRRIPETIBILE


10
luglio

ECCO A VOI NICOLETTA PACIARONI, LA REALE POTENTE VEGGENTE: “ME NE DISPIACCIO MA IO ESISTO!”

Nicoletta Paciaroni

Veggenti, medium, cartomanti o, più semplicemente, fattucchieri occupano un posto predominante nella nostra televisione; una tradizione molto più consolidata nelle televisioni locali dove questi personaggi trovano decisamente più spazio di quanto possano aspirare ad averne a livello nazionale, ma che restano comunque una realtà che non può passare di certo inosservata.

In alcuni casi, poi, la visibilità limitata non intacca affatto le potenzialità di uno o più personaggi e da una piccola syndication italiana alla ribalta nazionale, il passo può essere più breve di quanto si pensi. In caso contrario, ci pensiamo noi.

E’ il caso di Nicoletta Paciaroni, gentilmente segnalata da Mauro (che ringraziamo ora perchè dopo non so se avremmo il coraggio di farlo), non una semplice medium ma bensì una terapeuta spirituale o “reale potente veggente” come ama lui lei stessa definirsi. Se questo nome non dovesse dirvi nulla, godetevi a fondo questi ultimi momenti di santa pace e mite armonia; ma se, invece, la conosceste già, sappiate che noi di DavideMaggio.it vi offriamo tutto il nostro appoggio nella speranza di una quanto mai rapida guarigione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





10
luglio

ANTONELLA CLERICI ORA IN LIZZA PER “LA PROVA DEL CUOCO FLASH”? MA SE S’ACCONTENTASSE DEI SUCCESSI IN PRIME TIME E LA PIANTASSE DI AMMORBARCI CON INCREDIBILE COSTANZA?

Antonella Clerici e Elisa Isoardi

Antonella Clerici mi ha rotto le palle. Per la verità ha cominciato a rompermele da quando l’animatore al quale s’accompagna ha iniziato a comparire timidamente nei titoli di coda dei suoi programmi in veste d’autore. Ma quanto meno ad Eddy Martens si deve la segnalazione del format Tutti Pazzi per la Tele che, grazie a lui, sarebbe arrivato in Italia. Ma questa è un’altra storia.

Sfortuna ha voluto, però, che l’amore tra la conduttrice e l’animatore sia culminato in quella che dovrebbe essere la gioia più grande per una coppia affiatata: la nascita di un bambino. Ma, ahinoi, la maternità della Clerici anzichè essere motivo di gioia per la coppia, è stata la causa prima per ammorbare gli osservatori del piccolo schermo che hanno dovuto subire passivamente, negli ultimi mesi, un’infinita querelle tra l’epurata – causa maternità – dalla Prova del Cuoco e l’ex Direttore di Raiuno, Fabrizio del Noce. Il motivo? Stranoto! Antonella non ha digerito che Elisa Isoardi le abbia soffiato la poltrona del mezzogiorno della prima rete di Viale Mazzini.

Il problema è che non solo ne abbiamo decisamente abbastanza delle lamentele della Clerici, che sembra l’ultima delle Parietti incazzate per il mancato ritorno di Grimilde, ma ci siamo anche stancati di dover assistere a quelli che qualcuno chiama, giustamente, ”segnali di fumo”. Se avessimo dovuto dar credito a tutte le offerte che la “cuoca degli Italiani” avrebbe ricevuto negli ultimi mesi e agli innumerevoli contatti presi con la concorrenza, avremmo allo stesso tempo dovuto esser pronti ad etichettare Antonella Clerici come la star più in vista del piccolo schermo italiano. D’altro canto, non è un caso che il buon Maurizio Costanzo ci abbia costruito su uno dei suoi “gialli dell’estate” che impazzano su TV Sorrisi e Canzoni. 


10
luglio

Protetto: ASCOLTI TV DI GIOVEDI 9 LUGLIO 2009: VINCE ZIG ZELIG, SUPER QUARK A 5 PUNTI DI DISTANZA. REAZIONE A CATENA VS SARABANDA: 24% – 18%. LA SECONDA SERATA A RETE4

Questo post è protetto da password. Per leggerlo inserire la password qui sotto:


Inserire la propria password per visualizzare i commenti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





10
luglio

DA 90210 A MELROSE PLACE, DAI VISITORS A TWIN PEAKS: È FEBBRE DA REMAKE

Remake

Abbasso la creatività e spazio al vecchio. Vestito di nuovo. Il restyling è diventato oggi un trend piuttosto sterile che domina con prepotenza le “fervide” menti degli sceneggiatori americani. Se già nel passato l’imitazione dei modelli antichi nell’arte come nell’architettura portava a soluzioni dinamiche e innovative, trascendendo la banale riproposizione meccanica, oggi nei serial tv americani si rischia una pedissequa aderenza a stili e storie di una vita passata, che odora ormai di vecchio e che poco si addice ai nostri tempi.


10
luglio

DM LIVE24: 10 LUGLIO 2009

DM Live24: 10 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Indovina indovinello

Mattia Buonocore ha scritto alle 21:08 [via iltempo.it]

Indovina indovinello: lei è un’attricetta (per mancanza di prove) di fiction che, nonostante i ruoli da protagonista che le affibbiano non proprio per meriti artistici, non ha ancora imparato a recitare. Dicono che sul set dell’ultimo lavoro pieno di ritmo, sia andata veramente in crisi. Stizzita oltremodo perchè non riusciva a girare una scena, che la regista continuava a farle ripetere, rispiegandole per la centesima volta come la doveva fare, l’algida bellezza venuta dall’Est si è tolta una scarpa e l’ha lanciata con rabbia verso la regista di chiara fama.

Che è rimasta basita. “Ma guarda questa: braccia rubate all’agricoltura”, hanno commentato i colleghi presenti sul set. “Ma noi, si sa, siamo il paese dove la meritocrazia va a farsi benedire, basta la bellezza e una certa abilità nel farsi le amicizie giuste per lavorare!”.

  • Meteoman

Giulio ha scritto alle 09:53

Paolo Corazzon [lascia Mattino Cinque] per “Domenica Cinque″ e “Pomeriggio Cinque″. Vestirà i panni di Meteoman, un supereroe maldestro.

  • Deliri

Giulio ha scritto alle 09:53

Secondo Vero, Antonella Clerici da settembre condurrebbe una versione flash de “La prova del cuoco” che andrebbe in onda prima del Tg delle 20. Confermata l’edizione tradizionale con La Isoardi.

  • Deliri 2

Giulio ha scritto alle 14:08

Il neo sindaco di Sanremo avrebbe avanzato un nome per la conduzione del Festival 2010: Francesco Facchinetti.

  • Quando un taglio sarebbe opportuno

Mattia Buonocore ha scritto alle 21:29

Su Zig Zelig un Ranzani d’annata che prende in giro Micheal Jackson…


9
luglio

IRENE PIVETTI SALE A BORDO DI DM. “I REALITY? LA CATENA DI MONTAGGIO DEI NUOVI METALMECCANICI”

Il Post di Irene Pivetti
Learn to be Free

Ci siamo! L’aspettavamo e non ha deluso le nostre aspettative. Da quest’oggi Irene Pivetti sale ufficialmente a bordo di DM e verrà a “farci visita” spesso e volentieri per disquisire di televisione, interagendo con i lettori. Questo nuovo spazio di davidemaggio.it, infatti, avrà una caratteristica: il Presidente affronterà di volta in volta degli argomenti (televisivi, naturalmente) prendendo spunto dai suggerimenti e dalle richieste di chi sfoglia queste pagine.  Qualora aveste, dunque, domande o voleste sottoporre al nostro prestigioso ospite un racconto, una riflessione o chiederLe un parere che funga da spunto per un prossimo post, potrete inviare una mail a irenepivetti@davidemaggio.it. Benvenuta, dunque, Irene e buona lettura a tutti voi.

Se chi naviga in rete è un internauta, chi si fa accogliere dalla barca di un altro è un internaufrago. Chiaramente. Così io, che dico vabbé a Davide che mi ha presa a bordo, mentre nuotavo beatamente fra i bit.

Eccomi perciò a disquisire di tv, come se fossi una che ne vede tanta – e invece ne vedo poca, un po’ perché ho poco tempo un po’ perché mi annoio. Ebbene sì, l’ho detto, il teleschermo passivo mi abbiocca. A meno che risplenda fra i led un sordido action movie, trama semplice, tante botte e proiettili, e Jack, e “Bastardo!”, e Nick – che poi è un nome da quello che prima della fine è morto, questo Nick, magari mostrando un coraggio insospettato fino a quel momento. Nome un po’ rachitico, Nick.

Davide mi ha chiesto di parlare dei reality, che sono diventati una fucina di talenti, no, non proprio talenti, ma comunque di occupanti i palinsesti tv in pianta stabile, a basso costo e rapida consumazione. D’accordo, lo faccio. Ma la notizia dov’è? Non deve forse funzionare proprio così la televisione, che non diversamente da una fabbrica di scarpe deve costare meno di quanto rende, altrimenti chiude? I reality sono ovviamente la catena di montaggio dei nuovi metalmeccanici, i maratoneti dei provini di massa, gli eletti delle preselezioni, i benedetti-da-Dio del cast definitivo. E finalmente, quando hai guadagnato sul campo il tuo posto da cavia di laboratorio, onde il mondo intero conosca, qualora mai gliene importi, i tuoi bioritmi, le tue lacune scolastiche e possibilmente i tuoi umori corporali, eccoti in realtà al decollo della sola carriera da star che la televisione consenta, carriera cioè di persona irragionevolmente venerata e sproporzionatamente quanto superficialmente osservata, con il gossip che per un po’ si occuperà di te, gli uomini e le donne a misurarsi con le tue tette o le tue stempiature, e finalmente un appagante oblio mediatico, dopo circa un anno dalla conclusione del programma. Oblio relativo poi, punteggiato comunque di serate a prezzo di dumping, rigorosamente in nero sennò non c’è margine. Sempre meglio che lavorare, direbbe un vecchio adagio.

E tu ti crogioli nell’illusione non che duri a lungo (questa nemmeno il più fesso lo può pensare) ma che sia tanto, tanto divertente. Vabbé, un certo gusto immagino ci sia a vedere i tuoi compagni di liceo che sgobbano come ciuchi per sbarcare il precariato, e tu che te la passi a discoteche, e già che ci siamo sarà penso una goduria vedere i professionisti che si rodono perché la conduzione la danno ad uno come te, che conosce l’italiano dal sommario, invece che a quello che regge il video da vent’anni. Giusto, si cambia.

Ma sai che gioia quando non ti vuole più nessuno, solo perché sei “quello dell’altro anno”, e tu non ti capaciti che un altro un po’ più scemo possa prendere il tuo posto.

L’ho detto, adesso ributtatemi in mare.

Irene Pivetti


Davide Maggio consiglia...

Il Moige premia Chef Save the Food

Anche la stagione tv che va concludendosi, sacrificata e limitata dalla pandemia, ha offerto programmi family friendly e buoni progetti che il Moige (Movimento Italiano Genitori) ha voluto

Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna

Sesso, Sangue, Spagna. La popolarità su Netflix riscrive la regola delle 3 s (sesso, sangue, soldi); gli abbonati della piattaforma prediligono prodotti dai “contenuti bollenti”, infarciti di omicidi

Ascolti TV: i debutti della stagione 2019/2020 confrontati con quelli dell’anno precedente

La stagione tv 2019/2020 è ormai nel vivo e il tema caldo degli ascolti, crocevia per la riuscita o meno di un programma, anima (e agita) diretti interessati

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi