RAI Gulp



21
dicembre

WINX: MARATONA NATALIZIA SU RAI GULP

Le Winx su Rai Gulp

Nella grandissima offerta di palinsesto del digitale si pensa anche al Natale dei più piccoli. Dato che i canali tradizionali hanno smarrito la traccia di intrattenimento pomeridiana dedicata alla formazione dei futuri italiani, ci pensa Rai Gulp, che non va in vacanza per le festività a cavallo tra dicembre e gennaio, e prepara alcuni appuntamenti speciali per tenere compagnia ai bambini durante le giornate senza scuola.

I fan delle Winx potranno godere di una vera e propria maratona che parte al canale 42 del digitale terrestre il 24 dicembre, nella mattina della Vigilia, dalle ore 9,00 e per tre ore consecutive, con la messa in onda dei primi sei episodi di Winx Club 5. La maratona poi proseguirà nello stesso slot orario proprio il 25 dicembre, giorno di Natale, con ben altri sette episodi.

Nella nuova serie  Bloom, Flora, Stella, Aisha Musa e Tecna si troveranno davanti ad un’importante sfida: salvare l’oceano dall’inquinamento e dalle minacce dell’ex tritone Tritannus, brutale nemico acquatico che rappresenta un serissimo pericolo per tutti. Per portare a compimento la sua missione criminale Tritannus ha stretto un’alleanza con le perfide streghe Trix, ben liete di collaborare per raggiungere l’obiettivo di regnare sul mondo intero e su Infinity Ocean.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




24
settembre

RAI GULP E RAI YOYO: ECCO LE NOVITA’ DEI CANALI PER RAGAZZI DELLA RAI

Carolina Benvenga

Carolina Benvenga

E anche per Rai Ragazzi è arrivato il momento di mettere la quinta e partire ufficialmente con la stagione autunnale. Se per ora Rai YoYo di problemi non ne ha avuti – nonostante l’agguerrita concorrenza targata Mediaset-Warner con Cartoonito – lo stesso non si può certo dire per Rai Gulp, che invece sta incontrando non poche difficoltà ad intercettare il pubblico più giovane, fortemente fidelizzato da Boing e diviso anche tra K2, Frisbee e Super!.

Partiamo dalle novità di YoYo. Il canale prescolare della Rai (canale 43) da oggi 24 settembre entrerà a pieno regime e proporrà La Posta di YoYo con l’ex liceale Carolina Benvenga (tutti i giorni, 8.15, 16.00), che ogni giorno leggerà le letterine arrivate in redazione cercando di rispondere alle curiosità dei piccoli spettatori, i classici della Melevisione (17.30), fiore all’occhiello del Centro di Produzione Rai di Torino con alle spalle la bellezza di 1800 puntate, e Buonanotte con le favole di YoYo (21.45), con la new entry Greta Pierotti, che dal Teatro India di Roma leggerà alcune delle fiabe più famose, accompagnata dalle immagini di Gabriella Compagnone, realizzate con la tecnica della sand-art. Chiude il palinsesto la Ninna Nanna, firmata da Massimo Di Cataldo.

Produzione cardine di Rai Gulp (canale 42) sarà invece il rinnovato Tiggì Gulp (tutti i giorni alle 16.45), che prende il posto di GT Ragazzi rinnovandosi nella grafica, nel confezionamento e nei contenuti. Coprodotto con il Tg3, il notiziario dei più piccoli – condotto da quest’anno da Carolina Benvenga – ospiterà i temi più in voga tra i ragazzi: moda, sport, gossip, musica e nuove tendenze. Spazio anche ai videogiochi e, soprattutto, al web: gli spettatori potranno anche interagire con il pubblico in studio attraverso il sito ufficiale che, promettono, sarà in chiave 2.0.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


22
aprile

DM LIVE24: 22 APRILE 2012. GUARDARE LE PARTITE AUMENTA IL TESTOSTERONE, GUARDARE I PORNO RENDE CIECHI, GRILLO VS TELEVISIONE, LA TV RIBELLE SU RAI GULP

Diario della Televisione Italiana del 22 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Guardare le partite aumenta il testosterone

Giuseppe ha scritto alle 11:31

Guardare le partite in tv fa aumentare il testosterone. Testosterone e cortisolo aumentano durante la visione di una partita, anche se la squadra del cuore non vince. E’ quanto emerge da uno studio congiunto dell’Università di Valencia e della VU University Amsterdam, pubblicato su PLos One. La ricerca e’ stata condotta su 50 tifosi della nazionale spagnola durante la finale 2010 Fifa World Cup contro i Paesi Bassi, che hanno assistito al match con amici o famiglia, in un luogo pubblico o a casa, e si sono sottoposti alla verifica sui livelli ormonali anche in giorni neutri di controllo. I livelli di testosterone (i cui eccessi sono legati all’aggressivita’) e cortisolo (ormone dello stress) erano piu’ alti durante la visione della gara. Mentre la secrezione del primo ormone non ha mostrato legami con il sesso, l’eta’ o il livello di fanatismo, il cortisolo risultava piu’ alto tra gli uomini e tra i fan, aumentando proporzionalmente all’intensita’ del tifo. (fonte AGI)

  • Guardare i porno rende ciechi

Giuseppe ha scritto alle 11:32

E’ provato: guardare porno (anche in tv) rende ciechi. A sostenerlo, una nuova ricerca del Groningen Medical Centre in Olanda che dimostra come la visione di filmati pornografici provochi effettivamente l’arresto di quei processi cerebrali rivolti agli stimoli visivi. In particolare nelle donne. Il team di ricercatori ha sottoposto a scansione le cortecce visive primarie di 12 donne sane in pre-menopausa mentre guardavano due film porno: uno mostrava solo preliminari, un altro scene esplicite. I risultati delle scansioni hanno mostrato che il film più esplicitamente erotico ha portato meno sangue alla corteccia visiva primaria. L’indagine è stata pubblicata su LiveScience e mostra come il cervello, durante la visione del film, indirizzi maggiore energia sul piacere sessuale che sulla ricezione delle immagini. (fonte Quotidiano.net)

  • Beppe Grillo contro i talk show

Giuseppe ha scritto alle 16:15

Beppe Grillo dichiara guerra alle tv: «Mai più a talk show. Sono spazi poco igienici dove chi partecipa viene omologato alle scorie del Sistema. Chi si siede su quella poltroncina, su quella sedia, è alla mercè di conduttori schierati che hanno due obiettivi: lo share e l’obbedienza al partito o allo schieramento di riferimento». Grillo non ha dubbi: «La rivoluzione non sarà televisiva. La televisione è in mano al potere costituito. O ti oscura o deforma il tuo messaggio». (fonte il Messaggero.it)

  • La Tv ribelle su Rai Gulp

Giuseppe ha scritto alle 16:10





12
ottobre

SOCIAL KING: IL BABY RUGGERO PASQUARELLI SCALZA TUTTI E PRENDE LA GUIDA DEL PROGRAMMA

Ruggero Pasquarelli (dalla sua pagina Facebook)

Ruggero Pasquarelli (dalla sua pagina Facebook)

Vi ricordate del baby talent dell’ultima edizione di XFactor targata Rai2? Nonostante la tenera età, da molti ritenuto più adatto ad un programma come Ti Lascio una Canzone, il pupillo di Mara Maionchi, Ruggero Pasquarelli, sembra aver trovato la via giusta per sfondare, anche grazie al Direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi. Fuori il primo signorino buonasera Livio Beshir e la compare tutto fare Metis Di Meo, alla guida di una rivoluzionata seconda edizione di Social King (da domenica 23 ottobre alle 9.20, dal lunedì al venerdì su RaiGulp alle 18.25) arriverà proprio l’ex fanciullo di XFactor.

Il “ragazzino”, ormai diciottenne liceale, ha già avuto a che fare con la televisione. Dopo l’esperienza di XFactor, quel visino acqua e sapone deve aver talmente incantato i vertici di Disney Channel, che non si sono fatti problemi ad arruolarlo in men che non si dica nella serie In Tour e nel musical Disney Channel Show, nei teatri italiani a partire da novembre. Anche l’azienda pubblica, alla perenne ricerca di un nuovo Massimiliano Ossini, non se l’è fatto sfuggire piazzandolo subito a Cartoon Magic su Rai2 (sabato e domenica dalle 7).

Piccoli talenti crescono insomma: Pasquarelli, uno che su Facebook ci campa, scalza tutti i contendenti e prende la guida in solitaria del social talent prodotto dalla struttura Rai Ragazzi di Torino. Nuovo conduttore ma anche un nuovo meccanismo, che ammicca all’ormai vecchio Amici: i componenti del cast, scelti tra i protagonisti della scorsa edizione, verranno sfidati ad ogni puntata dai webcandidati con esibizioni di canto, ballo, recitazione e chi più ne ha più ne metta. A decretare chi dovrà rimanere o entrare nel cast sarà il pubblico da casa tramite il voto via web sui social network.


14
aprile

RAI RAGAZZI: ANCHE VIALE MAZZINI PUNTA SUI CARTONI ANIMATI SUL DTT

La nuova programmazione di Rai Ragazzi

La nuova programmazione di Rai Ragazzi

Bisogna minimizzare i costi e massimizzare le risorse a disposizione. Italia 1 non è l’unica che si sta muovendo per rinnovare il proprio palinsesto con la frammentazione degli ascolti, rinunciando definitivamente (o quasi) agli anime. Anche l’azienda pubblica si sta muovendo su questa strada appaltando l’intera programmazione per ragazzi al Centro di Produzione TV di Torino (come richiesto dal nuovo Contratto di servizio), donandogli nuovi spazi sui canali tematici della propria offerta digitale.

Per dare nuova linfa a Rai YoYo, canale capostipite nel suo genere (dagli ascolti da capogiro), arrivano tutte le produzioni “storiche” della terze rete pubblica - La Melevisione, E’ Domenica Papà, Il videogiornale del Fantabosco – e marchi indelebili del mondo animato tra cui i Cuccioli, con la quinta stagione in 3D,l’Ape Maia, presto in una nuova serie tutta in tre dimensioni, La Pimpa, che torna dopo 14 anni con una terza serie inedita, la particolare Mofy, coprodotta con Sony Creative Products, e un film tv sui Saurini. La visione di Rai YoYo sarà inoltre accompagnata da due personaggi d’eccezione: i gemelli Yoyo.

Per i più grandi, in diretta competizione con Boing, K2 e Frisbee, la Rai punterà su Rai Gulp che, oltre agli anime e alle varie serie talent per teenager, proporrà una serie di programmi sugli hobby che stanno più a cuore ai giovani: allo storico Pausa Posta si affiancheranno quindi Music Planet, “una finestra sul mondo della musica”, Gulp Game, dedicato ai videogiochi, e Social King Replay, lo spin-off del game show social di Rai2, che sta riscuotendo un discreto successo in rete.





5
agosto

LA TV PER RAGAZZI LASCIA RAITRE PER RAI GULP E RAI YOYO SUL DIGITALE TERRESTRE

Melevisione, Milo Lupo

L’11 settembre 2010 non sarà solo ricordato per essere il nono anniversario degli attacchi alle Twin Towers di New York, ma anche perché lo spazio di Rai 3 dedicato ai più piccoli cesserà di esistere, almeno nella sua versione generalista. Vi avevamo già parlato lo scorso febbraio della “dipartita” della Melevisione, e del suo spin-off Il videogiornale del Fantabosco, dal terzo canale Rai; al contempo, si parlava anche della seconda vita che avrebbero avuto sul digitale terreste. Ma solo ora è arrivata la conferma (e la data) definitiva del trasloco della tv dei ragazzi sul DTT.

Mussi Bollini,  responsabile dell’intrattenimento per il pubblico dei baby telespettatori, ha dichiarato a Tv Oggi che i programmi dei più piccoli avranno un’altra collocazione, che non sarà più quella del pomeriggio di Rai 3: “I programmi di Raitre passeranno sui canali digitali Rai Gulp e Rai Yoyo”. Il Gt Ragazzi e Il Gran Concerto (programma pensato dalla coppia Carrà-Iapino per avvicinare i più piccoli alla lirica) saranno gli unici superstiti al massacro della Tv dei ragazzi. Questo significa che, oltre alla Melevisione (e di conseguenza anche alle produzioni esterne come “Il mio cibo preferito” e “La mia Casa”) e al videogiornale del Fantabosco, saluteranno il pubblico generalista anche E’ domenica papà e Trebisonda.

La Bollini si è detta dispiaciuta per quanto accaduto, spiegando che la chiusura della Tv dei ragazzi non è da considerarsi un scelta tutta italiana, ma un fenomeno che sta avvenendo in tutta Europa, diretta conseguenza della crisi economica:  “Certo, un cambiamento così radicale non fa piacere a nessuno. Il dispiacere c’è: la tv dei ragazzi l’ho portata io su Raitre nel 1998. Però capisco la logica aziendale. La produzione costa e gli ascolti dei programmi per ragazzi negli ultimi anni sono diminuiti. In più – conclude Mussi Bollini – l’offerta dei canali satellitari e digitali rivolta ai ragazzi è cresciuta ed è considerata dalle famiglie più sicura, senza spot e brutte sorprese”.


30
aprile

ECCO LA NUOVA RAI: NUOVA GRAFICA E NUOVI CANALI PER LA SFIDA DIGITALE

Nuovi Loghi Rai

Farfalle in pensione e nuovi canali. Sono queste le novità principali della conferenza stampa che stamane ha presentato il “new deal” della Rai. Ben 13 canali, suddivisi tra generalisti e tematici, spalmati tra analogico e digitale, andranno a costruire l’offerta del Servizio Pubblico che per l’occasione rinnova anche l’immagine aziendale.

Dieci anni dopo l’introduzione della celeberrima farfalla, dal prossimo 18 maggio l’offerta Rai sarà, infatti, caratterizzata da una nuova veste grafica che accompagnerà la ridefinizione dell’intera offerta e la transizione al digitale terrestre.

Mentre Rai 1 non avrà, almeno in linea di principio, sconvolgimenti al palinsesto a cui siamo abituati, Rai 2 sarà completamente rinnovata e punterà al pubblico giovane. Elemento centrale sarà, infatti, l’integrazione con le più note piattaforme di comunicazione, oggi molto diffuse tra i giovani. Rai 3 manterrà, invece, il suo stretto legame col territorio dedicando spazio all’ormai consueta attenzione al sociale.


10
febbraio

LA MELEVISIONE E TREBISONDA ABBANDONANO RAITRE PER IL DTT. ADDIO AI CARTONI SULLE GENERALISTE?

Il passaggio definitivo dell’intera Penisola al digitale si avvicina, e le strategie per la ristrutturazione e l’arricchimento del multiplex Rai si fanno sempre più concrete e competitive. Oggi si torna a parlare di TV dei ragazzi, di sempre maggiore appeal sul Digitale Terrestre (vedi Boing, primo canale del DTT per share nelle 24 ore).

Con stupore di molti, infatti, la Melevisione e Trebisonda, gli unici grandi contenitori per bambini rimasti nel pomeriggio della tv generalista, traslocheranno a partire dal prossimo autunno da Rai Tre sui canali digitali Rai Gulp e Raisat YoYo. L’intenzione della Rai è quella di concentrare e potenziare tutta l’offerta per bambini della tv pubblica sulle reti tematiche del dtt, nell’ottica di delegare ai diversi centri di produzione italiani i vari generi televisivi esistenti. In questo caso, il centro di Torino curerebbe – quale responsabile dell’animazione Rai - sia Rai Gulp che Raisat YoYo, partendo dall’ideazione dei programmi sino alla messa a punto dei palinsesti.

Proprio a seguito di questa razionalizzazione, però, sarebbero in bilico, secondo i sindacati, fino dieci posti di lavoro, dato che i canali tematici non possiedono né i budget né i ritorni (in termini di ascolti e di introiti pubblicitari) di RaiTre, anche se la Rai tiene a precisare il suo impegno ad investire nella tv per ragazzi. Impegno che, in realtà, a noi pare in diminuzione, soprattutto dal punto di vista dell’offerta, sempre più assottigliata intorno ai prodotti per piccini, ed in calo per i pochi finanziamenti alle nuove serie autoprodotte.