Interviste


Le più importanti interviste ai personaggi della televisione italiana.


26
novembre

VALERIO SCHIAVONE ‘BONUS’ DI AVANTI UN ALTRO A DM: “LEGGO LA BIBBIA OGNI GIORNO. CHI NON E’ VICINO A DIO E’ UN POVERETTO. COSTANTINO? MA CHI E’?”

Avanti Un Altro

A vederlo così non si direbbe. Eppure Valerio Schiavone (qui il video che ha girato per noi), meglio conosciuto come ‘Bonus’ della trasmissione Avanti Un Altro nasconde una forte personalità ma soprattutto una fede religiosa molto forte che lo spinge a leggere la Bibbia tutti i giorni e a mettere in tutto ciò che fa il massimo dell’impegno e della serietà. Per questo motivo, Valerio, attore teatrale da circa dieci anni, non è mai sceso a compromessi e non lesina critiche verso la tv dei reality e dei tronisti.

Come vivi il successo che stai riscuotendo con Avanti un Altro?

Il successo è un altro. Questa è una bella esperienza dove sto cercando di rubare qualcosa da un professionista come Paolo Bonolis. Per me che vorrei lavorare in questo settore, e faccio l’attore di teatro, è sempre un bene rapportarsi ad un numero uno. Vivo con molta serenità questo momento, è un percorso lungo per il quale sto studiando e poi quando arriverà – se arriverà – la mia grande opportunità sarò felice altrimenti continuerò a coltivare la mia passione per il teatro.

Come un attore di teatro è arrivato a fare il Bonus?

Per puro caso, lavoravo per conto di una società sportiva quando mi hanno fermato dicendo che stavano facendo dei provini per trovare una persona con le mie caratteristiche. Ho fatto, dunque, il casting, pur non avendo aspettative, e alla fine Paolo e gli altri hanno preferito me.

A proposito di teatro, hai scritto e interpretato uno spettacolo…

Sì faccio teatro da circa dieci anni interpretando ruoli per lo più comici allo scopo altresì di creare un distacco con il mio aspetto fisico. Siccome mi è sempre andata bene, e già scrivevo poesie e canzoni, ho pensato di cimentarmi con la stesura di un testo. A breve ci sarà l’ultima tappa della tournée in Puglia, nella mia città. Una bellissima sfida, quella del teatro. A me piace puntare in alto per arrivare perché se non punti in alto non arrivi da nessuna parte. Bisogna studiare, darsi da fare, e metterci tanta passione e serietà.

Non credi che fare il bellone in tv possa limitare la tua credibilità di attore teatrale?

Io sto portando avanti la mia figura in una maniera più sobria, senza fare il deficiente. Se il Padre Eterno mi ha dotato di un bel aspetto perché non usarlo in una maniera elegante? La credibilità poi dipenderà dalle emozioni che dai.




25
novembre

MARIA DE FILIPPI A TV TALK: “GLI SCENARI FUTURI POSSONO ESSERE VARI. IL MIO CONTRATTO SCADE A GIUGNO”

Maria De Filippi

Chi pensava che Maria de Filippi avesse giurato fedeltà assoluta al Biscione si sbagliava. La padrona di casa di C’è Posta per Te non esclude di poter abbandonare la rete che l’ha lanciata con o senza i suoi gioielli. La conduttrice pavese sarebbe infatti intenzionata, per la prossima stagione, a vagliare nuove opportunità. A rivelarlo ci pensa la Signora Costanzo in persona in un’intervista rilasciata a Tv Talk (in onda domani alle 14.50 su Rai3), della quale vi forniamo qualche stralcio in anteprima.

A proposito della conferma di C’e’ posta per te da parte di Massimo Donelli, la De Filippi dichiara:

Se fossi in lui confermerei anche io, lui poi e’ un positivo. Io penso che bisogna sempre vedere, gli scenari futuri possono essere vari. Il mio contratto scade a giugno… non e’ che sto dicendo che vengo in Rai, nessuno me l’ha mai offerto”.

Parole ‘ambigue’. Le eventualità, infatti, che la Castigatrice, considerati gli interessi societari di Fascino, possa abbandonare l’azienda di Cologno sono, a parer nostro, poche e l’ipotesi più probabile potrebbe risiedere in un gioco al rialzo della De Filippi in vista del rinnovo contrattuale. Un rialzo che, nel caso della De Filippi, non è necessariamente economico. Allo stesso tempo, non sarebbe irrealistico pensare che nella testa di Maria De Filippi, alle prese con cali d’ascolto dei suoi programmi (che si mantegono comunque su buoni livelli rispetto al resto dell’offerta televisiva), possa balenare quanto meno il pensiero di abbracciare Mamma Rai, che con il suo zoccolo duro di affezionati (e anziani) costituisce una garanzia per quanto riguarda il raggiungimento di determinati obiettivi di ascolto, tanto cari alla conduttrice.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


23
novembre

RAHMA A DM: “LA VENTURA MI HA ELIMINATA PERCHE’ MI VEDEVA COME UNA RIVALE PER LE SUE RAGAZZE. PER XFACTOR SONO STATA CONTATTATA DALLA PRODUZIONE”

Rahma

Update: Rahma ci contatta precisando di essere stata invitata dalla produzione a partecipare ai casting. La parola cast è perciò stata da lei erroneamente utilizzata.

Per lei la musica è finita. Rahma Hafsi è la prima eliminata del nuovo XFactor targato Sky Uno. Un’eliminazione che la venticinquenne tunisina riesce a spiegare ma solo a metà. Rahma è rammaricata per aver abbandonato il talent malgrado gli applausi del pubblico e forse perchè penalizzata dall’esibirsi poco prima della chiusura del televoto. A non averla convinta neanche le motivazioni di Simona Ventura che, secondo lei, l’avrebbe eliminata per puro spirito di  competizione. A DM, che l’ha contattata, l’ex componente della squadra di Arisa racconta il suo excursus a XFactor: dal momento in cui ha accettato di partecipare, su richiesta della produzione, all’addio al talent e alle speranze per l’evolversi della sua carriera.

Allora Rahma perché sei stata eliminata?

Piacerebbe saperlo anche a me. Non mi so ancora dare una risposta reale, sicuramente siamo state penalizzate sia io che Le 5 per quanto riguarda il televoto. Mi viene da pensare, poi, che sono stata eliminata dalla Ventura perchè mi vedeva come una rivale per le sue ragazze. Non credo, infatti, fosse realmente interessata all’esperimento de Le 5. Quando ha dato la sua motivazione mi è sembrato si stesse aggrappando sugli specchi, non era reale anche perché per fare un esperimento, dall’esito comunque incerto, non elimini una persona valida. Addirittura mi ha detto: “comprerei un tuo disco”, ma se è così perché buttarmi fuori?

Credi che Simona Ventura non abbia le credenziali per giudicare?

Secondo me è giusto che ci sia. Lei è la rappresentante del pubblico che è vasto e non è sempre esperto. Allo stesso tempo deve essere coerente se, come ha visto, durante la mia esibizione c’è stato il pubblico in sala che ha applaudito, entusiasta della performance, doveva far di tutto per non andargli contro.

Anche Arisa, la tua giudice, ha ricevuto critiche.

Ad Arisa, secondo me, pesa il suo essere la nuova arrivata. E’ inesperta e non sapeva quanto agguerriti  fossero gli altri. Con tutta la sua educazione e bravura ha fatto la sua parte però per riuscire a vincere deve tirare fuori il carattere. Credo, comunque, che la mia eliminazione le sia servita.

Il brano che aveva scelto per te, Street Life, però, è stato molto criticato perché ricordava la pubblicità di un noto aperitivo.

La scelta mi è piaciuta, quel brano è parte delle mie collezioni musicali e rappresenta gli anni ’70. E’ chiaro che chi lo conosce solo per la pubblicità ci ride su, invece io no e l’ho accettato con favore anche di più del cavallo di battaglia che ho cantato dopo.

Tornando al televoto, le giustificazioni di Cattelan in puntata sul fatto che il meccanismo fosse rodato nelle precedenti edizioni non ti hanno convinto?

Giustamente Alessandro ha voluto salvare la situazione ma la cosa era palese. Negli altri paesi è diverso l’esibizione c’è il sabato, l’eliminazione la domenica e il televoto dura 24 ore in modo da dare tutto il tempo al pubblico per valutare le esibizioni e votare.

Quest’anno pare anche che per il nuovo televoto via web occorresse un po’ più di tempo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





22
novembre

PAOLA CARUSO ‘BONAS’ A DM: “CON AVANTI UN ALTRO POSSO FINALMENTE ESSERE ME STESSA. UOMINI E DONNE? MI HA SCONVOLTO”

Paola Caruso 'bonas' di Avanti Un Altro

All’anagrafe è Paola Caruso, ma il suo nome forse vi dirà poco, a differenza delle sue fattezze fisiche. Paola è infatti la ‘Bonas’ di Avanti Un Altro. Dopo un primo video di ‘assaggio’, l’abbiamo intervistata per scoprire di più sulla sua attuale avventura televisiva e su quelle passate che lei definisce ‘traumatizzanti’. L’avvenente calabrese è stata, infatti, corteggiatrice di Fernando Vitale a Uomini e Donne, concorrente di Veline, e ’amante’ presunta di Daniele Interrante quando lui era già il compagno di Guendalina Canessa.

Soddisfatta del successo riscosso con Avanti un altro?

Sì, contentissima perché posso essere finalmente me stessa ed esprimermi. Io sono molto solare, spontanea, tant’è che in trasmissione non ho autori. Mi rende felice il fatto che non solo gli uomini, attratti magari dal vestitino corto, ma anche le signore e i bambini mi facciano complimenti.

Non hai paura di passare per la svampita di turno?

No, perché essere belli e simpatici non vuol dire essere svampiti né tanto meno stupidi. Io comunque ho studiato, ho una laurea triennale in giurisprudenza e faccio l’amazzone di mestiere.

L’amazzone?

Sì, io monto a cavallo, insegno anche equitazione. Il fatto che io sia carina e con le tette non vuol dire che non ci sia altro, quella della svampita sarebbe un’etichetta brutta senza senso. Poi, nel mio caso, io sono sempre molto ironica, una dote non facile da trovare.

Come sei arrivata ad Avanti un Altro?

Ho fatto un semplice casting. Non facevo più televisione, mi ero completamente dedicata ai cavalli partecipando anche a gare nazionali e internazionali. La mia vita aveva preso un’altra direzione, quando mi hanno informata del casting mi sono detta: ‘proviamo, perché dire di no’. E’ stata una cosa comunque incredibile, quando pensavo di non fare più tv mi è arrivato il programma che ho sempre sognato di fare.

Dopo il salto: “A Uomini e Donne mi dicevano: ciao brutta stronza”.


22
novembre

GRANDE FRATELLO 12, FILIPPO PONGILUPPI A DM: ILENIA PARLAVA DI ME PER ATTIRARE L’ATTENZIONE. FLORIANA? CARINA MA FURBA. CON LA MINETTI UN GRANDE AMORE GIOVANILE

Filippo GF12

E’ uscito di scena ieri sera l’antipatico per eccellenza del Grande Fratello 12: l’eliminazione del latin lover Filippo è stato accolta da un boato del pubblico in studio. Nella Casa ha detto di aver mostrato il suo lato peggiore tra liti e insulti che lo hanno portato alla guida di un ristretto gruppo di ’scissionisti’, prontamente tornati sulla ‘retta’ via (il fido Luca, Floriana e Mario). Lo ricorderemo come l’unico latin lover del GF che conteso a suon di cannonate tra due ragazze, ne è uscito a mani vuote.

Senti Filippo, ieri sera il GF ha sacrificato uno dei suoi personaggi di punta…

Sono proprio finito nel posto sbagliato, nella serata sbagliata! Quando il GF ha reso tutti nominabili, venivo da una settimana di tensioni nei miei confronti ed era normale che finissi in nomination, così come era normale che la gente, avendo conosciuto solamente un aspetto del mio carattere, avrebbe potuto interpretarmi in modo negativo e, conseguentemente, mandarmi a casa. Mi dispiace, mi rende felice sentirmi dire che sono stato un personaggio nel bene e nel male importante per questo inizio del Grande Fratello però purtroppo non mi è servito per stare dentro la Casa.

Come ti spieghi questa decisione del GF che a un certo punto ha deciso di rendervi tutti nominabili?

Io credo che quello sia stato un monito da parte del GF per far capire che i toni si erano accessi e non voleva essere una punizione nei confronti di pochi ma una punizione generale nei confronti di tutti i ragazzi. Da parte di tutti ci sono stati atteggiamenti fuori dalle righe e poichè il comunicato ufficiale che ci invitava ad abbassare i toni non ha portato i frutti sperati, il GF credo abbia reputato giusto mandarci tutti in nomination e basta. Poi Filippo è finito in nomination, ma si commenta da solo chi mi ha nominato!

Di chi parli?





20
novembre

FIAMMETTA CICOGNA A DM: ‘WILD NON E’ TRASH, TAMARREIDE SI. PER COTTO E MANGIATO SONO TROPPO GIOVANE’

Fiammetta Cicogna

Ha spiccato il volo grazie ad un celebre spot e da allora non si è più fermata. Fiammetta Cicogna, a soli 23 anni, ha già all’attivo una serie di esperienze televisive di primo piano. Pianista ‘antipatica’ in Chiambretti Night, esploratrice in Wild, narratrice del discusso Tamarreide e, da qualche mese, commentatrice ironica del programma cult Takeshi’s Castle (Cartoon Network, dal lunedì al venerdì alle 20.00 e nel weekend alle 13.20. Su Boing dal lunedí al venerdí alle 22.00 e il sabato e la domenica alle 20.15) che in passato aveva regalato la notorietà niente meno che alla Gialappa’s Band. Una carriera fulminea ma intensa che abbiamo voluto approfondire con la diretta interessata partendo proprio dall’ultima avventura in tv fatta in tandem con Federico Russo.

Com’è nata la collaborazione con Cartoon Network?

Cercavano due volti giovani che si guardassero le puntate di Takeshi’s Castle e hanno pensato a me e Federico (Russo, ndDM), che è anche un amico. Abbiamo commentato i vari filmati divertendoci come se fossimo sul divano di casa.

Tra l’altro è il programma con il quale la Gialappa’s Band ha cominciato a farsi conoscere.

Esatto, mi ricordo bene di Mai dire Banzai. Takeshi è un programma assurdo, magnetico, che piace a tutti quanti, anche se ha un sacco di anni c’è sempre una generazione che non l’ha ancora visto. Io guardavo la gialappa e ridevo come una matta, ora ci sono i miei nipotini di sei anni che ridono come dei matti guardando me e Federico e per loro non sarà Mai dire Banzai ma Takeshi’s Castle.

Vuoi essere l’idolo dei bambini?

Mi piacerebbe, non c’è cosa più bella.

Cos’è per te la tv trash?

La tv trash è la televisione che va a cercare quelle cose che anche nella vita quotidiana non esistono. In definitiva direi quella televisione di cui non c’è assolutamente bisogno.

Un esempio?

La tv inglese, Channel 4 mi sembra, che poco tempo fa ha mostrato la mummificazione in diretta di un tassista che aveva espresso questo desiderio. Direi, chissenefrega.

Si è detto che anche Tamarreide e Wild fossero trash.

Wild, chi è che ha mai detto che è trash?

[Dopo il salto la verità su Chiambretti e Baila]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


18
novembre

ALESSANDRO CATTELAN A DM: RACCOMANDATO DI SIMONA VENTURA? NE SAREI ORGOGLIOSO! HO SCOPERTO SU DM DI ESSERE IL CONDUTTORE DI XF5

Alessandro Cattelan - X Factor 5, premiere

Il primo live show di X Factor 5 ha visto debuttare Alessandro Cattelan al timone di una prima serata di tutto rispetto. Abbiamo raccolto le prime impressioni del nuovo padrone di casa del talent di Skyuno a poche ore dalla fine della premiere.

Tanto per iniziare, sei soddisfatto?

Direi di si. Non ho ancora rivisto niente ma mi fido dei commenti della gente veramente superpositivi nei confronti del programma e nei miei. Per essere la prima, è stata una buona partenza.

Contento anche di te stesso?

Abbastanza. Volevo rendermi comprensibile e rendere comprensibile il meccanismo del programma alla gente ma anche un po’ a me stesso. Era la prima volta che mi ci rapportavo. Facevo attenzione a che fosse tutto chiaro. Nel corso della stagione ci sarà modo di godersela di più.

Cosa c’era da cambiare rispetto all’XFactor che abbiamo visto in Rai?

Ogni edizione ha sempre dei punti forti e dei punti deboli, compresa la nostra. Quando un programma è seriale ogni anno c’è l’obiettivo di fare meglio rispetto all’edizione precedente.

Capita raramente che uno show con un marchio forte cambi conduzione e soprattutto cambi rete. Hai sentito il peso del passaggio e il confronto con Facchinetti?

Non ho sentito il peso del cambio di rete perchè fortunatamente il pubblico l’ha accolto con favore. Sky ha una modernità che in questo periodo è difficile trovare in altri contesti. C’è un linguaggio più vicino al 2011. In relazione al confronto con Francesco, no, non ho mai pensato di rapportarmi col passato perchè avrei dovuto fare una prova d’attore. Francesco ha un modo di condurre, io ne ho un altro. Non si poneva il problema, Francesco è un’altra persona.

Definisci il tuo stile e quello di Francesco con un aggettivo…

Questo è un trappolone! (ride, ndDM). L’ho detto nelle prime interviste e sono stato frainteso, per cui non lo dirò più. Però se io faccio A anzichè fare B, è perchè ritengo che A sia migliore di B. Leggevo i commenti e penso che la gente abbia apprezzato la compostezza e il linguaggio della mia conduzione.

Quanto il tuo approdo ad XFactor è merito tuo, quanto merito di strategie di agenzia, quanto merito della Ventura?

A volte leggo “raccomandato di Simona Ventura”. Io sarei orgoglioso perchè quando si parla di raccomandazioni bisogna fare una distinzione: le raccomandazioni di piacere (figlio, amante, amico del cuore, cugino dell’amico etc etc) e quelle che in tutto il mondo si chiamano referenze, ovvero quelle delle persone con cui hai lavorato e che, essendosi trovate bene, dicono ad agenzie, aziende, case di produzione: “guarda che questa persona è valida”. Ed è merito mio, come è merito mio essermi conquistato la fiducia di Simona Ventura, è merito di Simona Ventura aver fatto il mio nome a Sky ed è merito di Sky aver creduto in me. So che anche Fiorello, rimasto in ottimi rapporti con Sky, quando è stato interpellato aveva fatto il mio nome. Sono giudizi di persone che sanno fare questo lavoro, con le quali non vado in vacanza o a pranzo insieme, ma che sono contento stimino me.

Senti, io un difetto te l’ho trovato!


18
novembre

SIMONA VENTURA: GENERALISTA IN CRISI? HO TOLTO LA GAMBA PRIMA DEL DISASTRO

Simona Ventura

Sembra passata una vita e invece di mezzo c’è soltanto un’estate a “spezzare” la carriera di Simona Ventura, che ha debuttato ieri sera nel suo nuovo mondo targato Sky; al via con la prima puntata live di X Factor 5, sulla scia di un successo satellitare che fa da contraltare agli spettatori in fuga dalla tv generalista. Lei ringrazia il suo intuito perchè mi ha sempre aiutato a togliere la gamba prima del disastro ma, seppur decisa a brillare per la sua assenza, non esulta degli insuccessi in quel di Viale Mazzini:

Hanno perso una grande occasione (di fare X Factor 5, ndDM) – dichiara in un’intervista a Chi – Ma non godo delle disgrazie degli altri, e in Rai ci sono persone alle quali voglio bene. Le sconfitte favoriscono i cambiamenti, anch’io ho imparato dai miei errori”.

E a proposito di Rai, è curioso che le sue due creature siano state affidate a due conduttori a lei molto vicini, nonostante l’addio non idilliaco alla tv di Stato: prima la scelta di affidare Quelli che il Calcio a Victoria Cabello, che per anni ha definito come la sua erede, e ora la decisione di mettere Nicola Savino, uno degli ultimi entrati nel “clan Ventura”, al timone dell’Isola dei Famosi:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,