26
novembre

VALERIO SCHIAVONE ‘BONUS’ DI AVANTI UN ALTRO A DM: “LEGGO LA BIBBIA OGNI GIORNO. CHI NON E’ VICINO A DIO E’ UN POVERETTO. COSTANTINO? MA CHI E’?”

Avanti Un Altro

A vederlo così non si direbbe. Eppure Valerio Schiavone (qui il video che ha girato per noi), meglio conosciuto come ‘Bonus’ della trasmissione Avanti Un Altro nasconde una forte personalità ma soprattutto una fede religiosa molto forte che lo spinge a leggere la Bibbia tutti i giorni e a mettere in tutto ciò che fa il massimo dell’impegno e della serietà. Per questo motivo, Valerio, attore teatrale da circa dieci anni, non è mai sceso a compromessi e non lesina critiche verso la tv dei reality e dei tronisti.

Come vivi il successo che stai riscuotendo con Avanti un Altro?

Il successo è un altro. Questa è una bella esperienza dove sto cercando di rubare qualcosa da un professionista come Paolo Bonolis. Per me che vorrei lavorare in questo settore, e faccio l’attore di teatro, è sempre un bene rapportarsi ad un numero uno. Vivo con molta serenità questo momento, è un percorso lungo per il quale sto studiando e poi quando arriverà – se arriverà – la mia grande opportunità sarò felice altrimenti continuerò a coltivare la mia passione per il teatro.

Come un attore di teatro è arrivato a fare il Bonus?

Per puro caso, lavoravo per conto di una società sportiva quando mi hanno fermato dicendo che stavano facendo dei provini per trovare una persona con le mie caratteristiche. Ho fatto, dunque, il casting, pur non avendo aspettative, e alla fine Paolo e gli altri hanno preferito me.

A proposito di teatro, hai scritto e interpretato uno spettacolo…

Sì faccio teatro da circa dieci anni interpretando ruoli per lo più comici allo scopo altresì di creare un distacco con il mio aspetto fisico. Siccome mi è sempre andata bene, e già scrivevo poesie e canzoni, ho pensato di cimentarmi con la stesura di un testo. A breve ci sarà l’ultima tappa della tournée in Puglia, nella mia città. Una bellissima sfida, quella del teatro. A me piace puntare in alto per arrivare perché se non punti in alto non arrivi da nessuna parte. Bisogna studiare, darsi da fare, e metterci tanta passione e serietà.

Non credi che fare il bellone in tv possa limitare la tua credibilità di attore teatrale?

Io sto portando avanti la mia figura in una maniera più sobria, senza fare il deficiente. Se il Padre Eterno mi ha dotato di un bel aspetto perché non usarlo in una maniera elegante? La credibilità poi dipenderà dalle emozioni che dai.

Che rapporto hai con le altre figure femminili del cast?

Un rapporto tranquillo, si scherza ma alla fine il mio carattere mi porta a starmene per i fatti miei. Sono riservato, osservo molto e cerco da imparare da ogni singola persona perché anche quelle più stupidine possono arricchirti. Inoltre, mi rintàno sempre nel mio camerino a studiare per il mio spettacolo, poi cerco anche di leggere altro per avere più scioltezza linguistica.

Come mai passati i 30 anni decidi di andare in tv?

Quando ero più ragazzino, stupidello, avevo puntato sull’aspetto e fatto qualcosina ma quando cresci comprendi che la tv ha dei meccanismi  per i quali sei preso e buttato nel cesso. Ecco perché ho deciso anche di studiare, mi sono laureato in scienze della comunicazione e marketing per imparare a parlare italiano, cosa oggi molto complicata, e quindi ci ho provato ora ma con un approccio differente. Io non ho l’ansia della telecamera, vivo l’opportunità affidandomi a Dio che mi ha dato uno pseudo talento che credo vada coltivato.

Sarai critico nei confronti della tv dei reality e dei tronisti…

Non mi piace quella tv. Ci sono degli ambienti in cui si cerca di lavorare sull’apparenza ma questa lascia il tempo che trova. Se non ti chiama più nessuno, poi, vai in depressione. Questi so’ poveracci. Costantino, per esempio, ‘ma chi è?’ E’ uno che ha usato il suo corpo, avrà guadagnato tanti soldi, si sarà comprato casa, alberghi, ma mi domando ‘quando hai finito i tuoi dieci anni di gloria, cosa fai? Finisci di campare a 40 anni?’. Anche perché quando i soldi non sono stati lavorati vengono bruciati e quando non hai più soldi ma c’hai la panza ‘che fai? ti butti a mare?’. Anche se apri un ristorante non è facile gestirlo se non sei capace. Io faccio l’attore perché amo farlo e non cerco soldi, poi, se il Padre Eterno lo vorrà, bene. Intanto sono laureato e nella peggior ipotesi lo spazzino riesco a farlo.

Sei molto credente?

Sì, studio la Bibbia ogni giorno e anche testi di fisica quantistica, di psicologia per rilevare a livello scientifico e tangibile quella che è l’opera di Dio. Non molti credono in Dio perché è intangibile, ma io ho avuto la fortuna di poter comprendere in prima persona quello che è.

Hai avuto qualche esperienza particolare?

No, anche se da quando ho perso mio padre, colui che mi ha insegnato ad amare, ho fatto delle cose particolari che normalmente non si riescono a fare, come prendere due lauree in tre anni. Sto cercando pian piano e con umiltà di migliorarmi, cosa che è lo scopo ultimo dell’essere umano. Ringrazio anche per tutte le cose brutte perché mi hanno fatto crescere.

Perché senti il bisogno di collegare in qualche modo scienza e religione?

La scienza è semplicemente un metodo che Dio usa per dar modo all’essere umano di capire la sua grandezza. L’uomo non può capire, in quanto umano, quello che è ‘disumano’ e quindi, dato che ho questa predisposizione a Dio, cerco di arrivare a Lui ancora di più. Spesso non ci si avvicina perché comporta impegno e dedizione. E’ un discorso complesso comunque. In generale  credo  che Dio sia la chiave della vita, e a chi non è vicino a lui, perché la società ti impone altro, mi permetto di dire che è un poveretto. La gente mi dirà: ma come ti permetti? Io non dico un punto di vista ma una verità, ciò che dico è una grande verità. Cito una frase che mi piace: “fare tutto ciò che posso è normale, fare al di là delle mie capacità è una sfida…dove finiscono le mie capacità comincia la fede, ed una forte fede vede l’invisibile, crede l’incredibile e riceve l’impossibile (l’autore è Daisaku Ikeda, insegnante buddista!, ndDM).

Non ti ha mai creato problemi la tua fede?

Io rispetto gli altri, ognuno ha un suo modo di vedere le cose, il problema è che alla lunga i conti tornano. Ci tengo a ribadire che non parlo sempre delle stesse cose, non sono ‘un soggetto’, faccio vita mondana, mi diverto nei limiti. Ad esempio il fatto che la mia ex avesse dei punti di vista diversi dai miei non mi ha impedito di starle a fianco.

Fai volontariato?

Se lo faccio non lo dico.

Il tuo rigore non ti ha mai penalizzato?

Allora perché a 33 anni non ho ancora fatto quello che avrei potuto? Ma almeno io posso guardarmi allo specchio. E comunque lo schifo sta dappertutto, non solo in tv, sta a te vivere questo mondo in maniera buona. Io faccio il dj da 20 anni, ho visto di tutto, non ho mai bevuto nè tirato cocaina o fumato. Vuol dire che non mi posso divertire?



Articoli che potrebbero interessarti


VALERIO SCHIAVONE 'BONUS' DI AVANTI UN ALTRO A DM: "LEGGO LA BIBBIA OGNI GIORNO. CHI NON E' VICINO A DIO E' UN POVERETTO. COSTANTINO? MA CHI E'?"
VALERIO SCHIAVONE, IL BONUS DI AVANTI UN ALTRO


Saranno Isolani
Saranno Isolani: ecco i tre concorrenti che si contendono un posto tra i Famosi


Lorenzo Patanè
Lorenzo Patanè a DM: «Robert tornerà ancora a Tempesta d’Amore»


Flavio Insinna
Flavio Insinna: «Ho una persona potentissima contro di me». «Non ho problemi a chiudere per sempre con la tv»

20 Commenti dei lettori »

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

26 novembre 2011 alle 17:26

ecco ci mancava anche la lezione di religione.
vabbè



2. MisterGrr ha scritto:

26 novembre 2011 alle 17:28

Opinabile la questione divina.

C’è qualcosa di quest’intervista che…boh.



3. Irissa ha scritto:

26 novembre 2011 alle 18:12

Maniera dignitosa. Bellezza senza cervello questo traspare, può anche mettersi a leggere tutta la divina commedia in diretta tv…rimane quello che è, una figura.



4. lillina ha scritto:

26 novembre 2011 alle 18:32

Sarà vero? A posteri…..



5. la Ucci ha scritto:

26 novembre 2011 alle 18:50

Strano che non abbia citato gli evergreen Medjugorje e Padre Pio…



6. lucia ha scritto:

26 novembre 2011 alle 19:41

Perchè criticare un ragazzo normale di sani principi e che legge la bibbia ! Dovrebbe essere un esempio per tutti. Anche perchè è difficile trovare persone così nel mondo dello spettacolo..Complimenti Valerio, continua cosi! Che Dio ti benedica:)



7. JJ ha scritto:

26 novembre 2011 alle 19:53

Mi da tanto l’idea di essere un perbenista e anche un pochino paraculo… Boh, non mi convince neanche un pò! E poi, bell’aspetto? Parliamone.



8. tania ha scritto:

26 novembre 2011 alle 20:16

a Mattì volemo l’intervista dell’alieno



9. Claudio ha scritto:

26 novembre 2011 alle 20:23

@Lucia
Di sani principi perché legge la bibbia? No vabbè, ma per favore.

Abbiamo trovato il nuovo Don Matteo! Ma va’ va’…



10. iTruth ha scritto:

26 novembre 2011 alle 20:57

Io non bevo, non tiro e non fumo.

Ho valori morali in cui credo, e non penso di aver mai nuociuto a qualcuno (volontariamente).

E sono ateo.

Dunque? :-)



11. luke ha scritto:

26 novembre 2011 alle 21:38

A leggere certi commenti ci si rende conto di quanto la nostra mentalità e cultura sia veramente indietro, piena di schemi, di pregiudizi, di malizia.

Io l’ho trovata una bella intervista, sincera e pulita.
A dimostrazione del fatto che bisogna saper andare oltre l’aspetto fisico.



12. bs ha scritto:

26 novembre 2011 alle 22:04

C’è bisogno di mettere in piazza le proprie credenze religiose? mah



13. leo ha scritto:

27 novembre 2011 alle 02:27

Be’ la bellezza è soggettiva, secondo me non è nemmeno tanto bello, ed è quello che dovrebbe mostrare, andiamo bene!

Be’ è pronto per un bel articolo su Di+.



14. lele ha scritto:

27 novembre 2011 alle 10:42

quoto luke



15. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

27 novembre 2011 alle 11:15

il problema è che molti tizi pensano di avere tra le mani la verità assoluta. e pensano male di coloro che non hanno le loro stesse credenze.
Ma una verità assoluta non esiste, come non esiste la verità su quale possa essere la vera religione e il vero dio.
Morale della favole: va bene essere credenti, ma bisogna tenerselo per se o quanto meno non denigrare gli altri.
ps: è brutto brutto.



16. nicola83 ha scritto:

27 novembre 2011 alle 13:50

E questo dove l’hanno preso? Si crede tanto superiore… io sono religioso, io non farò mai il tronista, io ho studiato.. ma mi faccia il favore e se ne torni da dove è venuto!!!



17. thepunish3r ha scritto:

3 dicembre 2011 alle 22:03

l idiozia non ha età razza colore e aspetto fisico.. una persona si dimostra *normale* e tutti a sparargli.. ma si in italia per gli idioti che criticano.. va bene un vasco rossi.. che nelle sue canzoni parla di sesso,droga,ecc.. ma abbraciate il cesso e cantategli non son degno di te.. neanche a me sta simpatico.. ma non mi metto a prendere per culo le persone solo perchè non mi sono simpatici..



18. giancarlo ha scritto:

5 dicembre 2011 alle 23:34

avete notato quanto si adora?non c’é nessuno “falsamente”umile e perfetto come lui!E cosa é quella storia della panza di Costantino tra dieci anni? e perchè non potrebbe succedere anche a lui?Ma finiamola Ho già perso anche troppo tempo com questo presuntuoso paraculo!



19. VALERIO ha scritto:

10 dicembre 2011 alle 14:11

LA TRISTEZZA DI QUESTI COMMENTI STA NEL FATTO CHE NESSUNO HA ATTACCATO NESSUNO. MI SONO STATE FATTE DELLE DOMANDE E A CASA MIA, QUANDO TI FANNO UNA DOMANDA, L’INTERESSATO DEVE RISPONDERE. C’ERA UN SIGNORE DI NOME CONFUCIO CHE AFFERMAVA CHE OGNI PUNTO DI VISTA HA UNA SUA VERITà ASSOLUTAMENTE CORRETTA MA NON ASSOLUTA. LEGGERE LA BIBBIA NON VUOL DIRE COMPRENDERNE NECESSARIAMENTE I CONTENUTI CORRETTI SE NON HAI UNA PREDISPOSIZIONE O MEGLIO LA VOGLIA DI AVVICINARTI A CAPIRE………
DIRE AD UNA PERSONA : SEI SENZA CERVELLO , SEI SOLO UNA FIGURA, SEI DAVVERO BRUTTO SENZA CONOSCERE UNA PERSONA , RITENGO SIA DAVVERO TRISTE ED INFANTILE. SAREBBE STATO OPPORTUNO NON RISPONDERE A QUESTE EFFIMERE PROVOCAZIONI, COMUNQUE FA PARTE DEL GIOCO. IO NON SONO MIGLIORE DI NESSUNO NE PIU’ BELLO DI NESSUNO, FACCIO UN’ ESPERIENZA MI ARRICCHISCO E POI COME DICE QUALCUNO ME NE VADO A CASA.

PS RICORDATE QUELLA FAMOSA FRASE DEL FILM: “LA RICERCA DELLA FELICITA’” ?

DICEVA: ” QUANDO QUALCUNO NON SA FARE UNA COSA, DICE A TE CHE NON LA SAI FARE”….

BUONA GIORNATA DAL DIRETTO INTERESSATO , CIOE’ IL BRUTTO SCEMO E PRESENTUOSO VALERIO SCHIAVONE!!!!! CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO



20. FRANCESCO ha scritto:

11 dicembre 2011 alle 19:44

CARISSIMI OPINIONISTI, VORREI RACCONTARVI UN ANEDDOTO CHE POTREBBE SVELARE PERCHE’ PAOLO BONOLIS HA SCELTO PROPRIO VALERIO SCHIAVONE, IL GIGANTE BUONO CHE TANTO ATTACCATE.
ANNI FA ABITAVO A LAMPEDUSA PER LAVORO, ERANO APPENA NATI I MIEI DUE GEMELLINI PATRIZIO E GIORDANO. ERA SETTEMBRE, E COME OGNI ANNO CLAUDIO BAGLIONI, ORGANIZZO’ IL FESTIVAL CANORO DENOMINATO “OSCIA’” . NELLA CIRCOSTANZA, COME GRANDE OSPITE D’ONORE, INTERVENNE PAOLO BONOLIS, A MIO AVVISO UNO DEI PIU’ BRILLANTI ED INTELLIGENTI PRESENTATORI DELLA NOSTRA EPOCA. POCO PRIMA DEL SUO INGRESSO SUL PALCO, EBBI LA FORTUNA DI AVVICINARLO PER ESPRIMERGLI LA MIA PROFONDA AMMIRAZIONE, ATTESO CHE LO SEGUO SIN DA “BIM BUM BAM”.
AVEVO IN BRACCIO PATRIZIO (QUATTRO MESI). PAOLO IGNORO’ COMPLETAMENTE LA MIA PRESENZA E LE MIE PAROLE E COME RAPITO DAGLI OCCHIONI DI PATRIZIO, LO PRESE IN BRACCIO. PAOLO ERA INCANTATO DALLO SGUARDO INNOCENTE DI QUEL BIMBO E DOPO UNA LUNGA PAUSA, EMOZIONATO, MI DISSE DI AMARE I BAMBINI ED ESSERE ISPIRATO DALLA LORO PROFONDA INGENUITA’.
CHI LO CONOSCE PERSONALMENTE, PUO’ AFFERMARE CHE DAGLI OCCHI DI VALERIONE TRASPARE L’INEGENUITA’ DI QUEL FANCIULLO CHE COLPI’ LA SENSIBILITA’ DI PAOLO A LAMPEDUSA E CHE E’ STATA DETERMINANTE PER LA SUA SCELTA AD AVANTI UN ALTRO .
VALERIO E’ UN RAGAZZONE ANIMATO DAI SAGGI INSEGNAMENTI DI UN PADRE SCOMPARSO PREMATURAMENTE, FORSE PER LA MEDESIMA INGENUA PRESUNZIONE DI VIVERE SENZA QUEL CINISMO CHE ORMAI SERPEGGIA OVUNQUE. SICURAMENTE VALERIO IN QUESTA INTERVISTA SI SARA’ IMPRUDENTEMENTE ESPOSTO SVELANDO IL SUO LATO INTERIORE, SCIORINANDO I SANI VALORI EREDITATI DALL’AMATO PAPA’, DANDO L’IMPRESSIONE DI ESSERE UN PARACULO PERBENISTA, COME QUALCUNO LO HA APOSTROFATO, MA PER CHI LO CONOSCE BENE SA CHE SI E’ TRATTATO DI UN TENTATIVO DI METTERE IN EVIDENZA IL BELLO CHE C’E’ DENTRO DI LUI E SOTTOLINEARE LA FELICITA’ DI ESSERE STATO SCELTO DA PAOLO BONOLIS NON SOLO PER IL SUO BELL’ASPETTO MA SOPRATTUTTO PER LA SUA INTERIORITA’ CHE SOLO UN GRANDE UOMO COME PAOLO HA POTUTO SUBITO APPREZZARE.
L’IPOTESI DEL PERBENISMO E’ TROPPO SCONTATA. SOLO UNO SPIRITO PURO COME VALERIO POTEVA INGENUAMENTE ESPORSI LIBERAMENTE AL COPSETTO DI INDIVIDUI ORMAI ASSUEFATTI AL CINISMO DEL MONDO E FARSI MASSACRARE PUBBLICAMENTE. SONO CERTO CHE VALERIO CON LA SUA INGENUITA’ E I SUOI SANI VALORI RISULTA SICURAMENTE ORIGINALE ED ALTERNATIVO A TANTI ALTRI PERSONAGGI FALSAMENTE COSTRUITI . NON MOLLARE MAI, HAI GRANDI POTENZIALITA’, COLTIVALE CON IMPEGNO E PROFESSIONALITA’ E DISARMA IL PUBBLICO CINISMO CON LA TUA IMMENSA BONTA’. TI VOGLIO BENE FRANCESCO



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.