Grey's Anatomy


4
febbraio

GREY’S ANATOMY 9: CRISTINA E MEREDITH AL CENTRO DELLA QUINTA PUNTATA

Ellen Pompeo e Sandra Oh

Alla fine della quarta puntata non sappiamo se essere più felici per lo sblocco emotivo di Cristina, che allarga il suo concetto di amicizia includendo uno che non si chiama Meredith di nome e Grey di cognome o tristi per Owen che si trasferisce nella vecchia roulotte di Derek, perché continuare a vivere nella casa che un tempo condivideva con Cristina gli è insopportabile. Il fatto che sua moglie, quasi ex, se la spassi con il dottor Parker ci fa leggermente pendere dalla parte della tristezza per l’uomo abbandonato. E che se si trasferisce volontariamente in una roulotte in mezzo al nulla deve essere pure seriamente disperato.

Ormai però siamo già proiettati verso lunedì prossimo e la domanda è: “cosa succederà nella quinta puntata di Grey’s Anatomy 9 di lunedì 11 febbraio 2013?” La risposta è in due nomi, Cristina e Meredith. Sarà tutto incentrato sul loro rapporto. Non su quanto sia morboso perché quello ci è stato già abbastanza chiaro fin dalla prima stagione, ma su come le due ragazze applicano questo rapporto morboso alla risoluzione di situazioni di crisi. Come d’altronde, di solito, fanno tutte le amiche. Nel loro caso, però, non si tratta di banalità tipo un uomo che non ti chiama o la cellulite che non va via nonostante l’abuso di tisane altamente drenanti, ma di cose che solitamente capitano ai medici, con più o meno frequenza. Nel caso di Meredith, è innegabile che sei un medico un po’ sfigato se ti si presenta un caso di schiacciamento molto simile a quello che ha ucciso tua sorella, dopo solo sei puntate dall’incidente aereo in cui appunto Lexie è morta. Certo, c’è stato il cambio stagione, dall’ottava alla nona, in mezzo, ma comunque lei resta un po’ sfigata e noi dobbiamo preparaci alla solita menata del coinvolgimento emotivo del medico.

Cristina, invece, continua a coltivare il suo rapporto di amicizia con l’anziano dottor Thomas che però ha un problema. Quando addirittura la Fornero avrebbe acconsentito a mandarlo in pensione con il pieno di contributi, lui rifiuta di andarci e Cristina non vuole incoraggiarlo a farlo. Subentrerà un evento inaspettato a risolvere la questione. Che poi… inaspettato. Medico anziano, sottoposto a grosso stress emotivo. Shonda Rhymes non è che si è dovuta concentrare più del minimo sindacale richiesto per mettersi davanti a una tastiera e digitare i tasti per scrivere il naturale epilogo della faccenda.




28
gennaio

GREY’S ANATOMY 9: ALEGGIA ANCORA IL FANTASMA DEL DISASTRO AEREO

Grey's Anatomy

Non sappiamo se vi è chiaro, ma i protagonisti di Grey’s Anatomy 9 sono sopravvissuti ad un disastro aereo di tali dimensioni che gli autori di Lost ci hanno tirato su sei stagioni. Ci sta dunque che ce lo porteremo dietro almeno per qualche altra puntata. Tanto più che, se la vita al Seattle Grace continua nonostante le perdite di Lexie e di Mark, abbiamo ancora la questione di Arizona in sospeso. Lei è ancora lì a fare il gioco del silenzio con la moglie, ritenuta colpevole dell’amputazione della sua gamba. E se nella vita di coppia anche solo dimenticarsi un anniversario può diventare una tragedia, allora dovremmo prepararci a vivere qualche momento particolarmente drammatico durante la terza puntata in onda stasera in prime time su Fox Life.

Intanto, quelli della compagnia aerea vorrebbero patteggiare con i sopravvissuti. Fossimo in loro punteremo tutto sull’innegabile evidenza che quell’aereo qualcosa di buono doveva pur averlo se dopo uno schianto al suolo in mezzo a una foresta impervia, senza nemmeno un panettone di quelli lievitati seconda la più antica tradizione meneghina a fare da cuscinetto, stanno portando avanti una trattativa di risarcimento direttamente con i passeggeri dell’aereo e senza bisogno di cross over con Ghost Whisperer o Medium. Chi lo sa, magari abboccano. O magari no. E sulla questione, sì o no al patteggiamento, ci potremmo passare tutta una puntata.

E Cristina? Con il costo della benzina alle stelle e il legittimo nonché realistico, e sottolineiamo realistico, trauma che le impedisce di prendere di nuovo un aereo, è inevitabile che il suo rapporto con il Seattle Grace continui a svilupparsi a distanza. Ma Owen? Presi da gambe amputate, tristi dipartite e mani tremanti avremmo mica dimenticato che c’è un matrimonio in sospeso? Che poi il detto “chiodo schiaccia chiodo” è difficile che funzioni se non lavori in una ferramenta, ma se diventa “chirurgo schiaccia chirurgo” e sei in un ospedale, le probabilità di concretizzazione si alzano notevolmente.


21
gennaio

GREY’S ANATOMY 9: DALLA PRIMA ALLA SECONDA PUNTATA

Grey's Anatomy

Che Lexie Grey non sarebbe stata l’unica vittima dell’incidente aereo che ha concluso l’ottava stagione di Grey’s Anatomy, lo sapevamo un po’ tutti. E’ che c’era un dubbio su chi si sarebbe aggiudicato/a l’altro posto. Fatte un paio di associazioni, spiato un po’ di anticipazioni e lette alcune dichiarazioni, in lizza, per il posto di seconda vittima dell’incidente nonché prima della nona stagione, restavano Mark e Arizona.

Alla fine è stato strappato al set, il dottor Mark Sloane. Per tutta la prima puntata abbiamo ripercorso momenti della sua vita tra il commovente e il divertente e poi abbiamo assistito alla linea dell’elettrocardiogramma che si appiattiva sempre di più fino a diventare una tristissima linea retta. Quelli che hanno trattenuto le lacrime anche in questo momento, sono crollati a fine puntata quando sullo schermo è comparsa la scritta Mark Sloane con la data di nascita e di morte. Non siamo ai livelli della morte del Commissario Cattaneo (La Piovra, ndDM), ma, insomma, il momento ha lo stesso raggiunto un buon livello di tristezza.

Arizona non è morta, ma ha perso la gamba. E’ stata sua moglie Callie a fargliela amputargliela. Non perché gli autori dovessero aumentare la drammaticità della situazione, ma semplicemente perché Callie è un ortopedico e non una ballerina e quindi ci sta che sappia di questo tipo di operazioni. Giochiamo di anticipo sulle critiche alle scelte degli sceneggiatori! Quindi il bilancio definitivo è di due vittime, tre se contiamo anche la mano di Derek che sembra essere stata seriamente compromessa, e una la cui vita è, con certezza, seriamente compromessa. Tutti gli altri, chi più chi meno, sono traumatizzati, ma è giustificabile. Erano appena riusciti a riprendersi dalla sparatoria. E anche lì Derek se l’è vista brutta. Poi gli hanno adeguato il contratto e ce l’ha fatta!





14
gennaio

GREY’S ANATOMY 9: ANCORA UN BISTURI PER MEREDITH & CO. SU FOX LIFE

Grey's Anatomy 9

Donne molto vicine a davidemaggio.it usano questa serie come metro di valutazione per uscire con gli uomini. E’ vero, si tratta solo di medici, storie d’amore, miracoli e tragedie tra anestesie e laparoscopie, ma se, a conti fatti, guardare Derek (Patrick Dempsey) in tv sembra più appagante di cenare con uno dal vivo, un motivo ci sarà. Nessun uomo guarderà mai una donna come lui guarda Meredith (Ellen Pompeo). Anche se pure lo sguardo di Mark Sloane (Eric Dane) non è che lo danno via con i saldi. Tutta questa premessa per dare un consiglio agli uomini.

Evitate di chiedere a una donna di uscire stasera, lunedì 14 gennaio, perché, alle 21:00, Fox Life manda in onda la prima puntata della nona stagione di Grey’s Anatomy, il medical drama ideato da Shonda Rhimes (Private Practice, Scandal) che ha brillantemente superato qualsiasi crisi del sistema sanitario televisivo. Dunque, sì, siamo arrivati alla stagione numero 9. Con Grey’s Anatomy, tra repliche mandate in onda su Fox Life, quelle su Italia 1 e i passaggi su La7, si rischia sempre di fare un po’ di confusione. Molto spesso al posto del numero di stagione, ci si orienta in base ai morti, visto che più o meno ogni stagione si lascia dietro un cadavere o almeno uno che è stato lì lì per…

Quindi se l’ultimo morto che ricordate è il medico che nessuno aveva riconosciuto (meglio non fare nomi!), per prima cosa datevi una mossa perché siete davvero antichi, per seconda smettete di leggere perché siamo arrivati al punto in cui vi raccontiamo dove eravamo rimasti con l’ottava stagione, includendo anche i tre minuti tagliati da La7, quelli in cui c’è stato il cross over con Lost. Sono tutti morti. No, scherziamo. Immaginate che competizione per Jack con tutti quei medici sull’isola! Che poi con il fatto che lui e Derek hanno lo stesso cognome… vuoi vedere che…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


19
dicembre

GREY’S ANATOMY: LA7 TAGLIA IL FINALE DELL’EPISODIO DI IERI E SI SCUSA CON GLI SPETTATORI

Grey's Anatomy - Episodio 8x22

Diciamo che con Grey’s Anatomy La7 ha messo a segno un bel colpaccio. Gli episodi dell’ottava stagione (in prima tv free dopo il passaggio della scorsa stagione su Fox Life) dopo un inizio stentato e un ascolto che non riusciva a decollare facendo segnare uno share inferiore al 3% hanno man mano conquistato sempre più affezionati e nelle ultime settimane sono riusciti anche a superare la soglia del milione di spettatori. Ieri sera, ad esempio, complice anche lo scarso appeal delle proposte mandate in onda dalle reti concorrenti, il ventunesimo e il ventiduesimo episodio hanno fatto segnare una media di 1.154.000 spettatori per uno share del 4.12%.

All’onore di possedere i diritti di una serie così importante corrisponde però l’onere di garantire al prodotto un trattamento di tutto rispetto. E se, da un lato, fino a questo momento gli spettatori più affezionati non sono incorsi in cambi di palinsesto o di orario e in brusche sospensioni della messa in onda, ieri sera è accaduto un fatto che ha letteralmente fatto inviperire tutti coloro i quali erano sintonizzati in trepidante attesa del finale dell’episodio 8×22 dal titolo Lascia passare i brutti momenti.

La7 ha infatti bruscamente interrotto la messa in onda della parte conclusiva della puntata, omettendo la trasmissione degli ultimi tre minuti e scatenando così le proteste dei telespettatori che non hanno potuto vedere chi, tra gli specializzandi alle prese con l’esame finale, non è riuscito a superare l’ostacolo. Resosi conto dell’errore (anche in virtù delle segnalazioni arrivate sui social network), La7 si è scusata con tutti coloro i quali erano all’ascolto e ha così deciso di trasmettere la parte mancante sul proprio sito ufficiale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





23
ottobre

GREY’S ANATOMY 8: COME ANDRA’ IL DEBUTTO SU LA7?

Patrick Dempsey

In una tv generalista dove le serie faticano per via di una precedente visione sul satellite o in rete, molti sono stati i prodotti sovrastati dall’incommensurabile potere dell’audience, responsabile di alcuni importanti traslochi delle stagioni più gettonate fra i telespettatori: è successo con Desperate Housewives, dapprima su Rai2, poi su Rai3 e, infine, su Rai4 con la messa in onda dell’inedita settima stagione, e ora anche con Grey’s Anatomy.

Dopo sette fedeli anni di militanza presso Italia 1, i medici del Seattle Grace traslocano su La7, ansiosa di avvicinare pubblico giovane con la messa in onda dell’ottava stagione, a partire da stasera alle 21.10 con i primi tre episodi. I numeri di Grey’s Anatomy sulla rete Mediaset, di anno in anno, erano precipitati sempre più finché la furba La7 non abbia pensato di accaparrarselo. La rete di Telecom Italia Media riuscirà a trovare conferma della propria intuizione o perirà sepolta dall’agguerritissima concorrenza del martedì?

Certo i numeri di Italia 1, benché non fossero particolarmente brillanti, con molta probabilità non verranno raggiunti dalla messa in onda della medesima serie su La7 che, a differenza del Biscione, può contare su un pubblico di nicchia ben più ristretto ed esigente. Indipendentemente dal numero effettivo di telespettatori che stasera si sintonizzeranno sulla rete per scoprire le rocambolesche avventure di Meredith (Ellen Pompeo), Derek (Patrick Dempsey), Mark (Eric Dane) & Company, bisogna tener conto che chi era davvero ansioso di aggiornarsi sui nuovi drammi e sentimenti sbocciati al Seattle Grace, probabilmente ha già avuto modo di farlo e potrebbe tornare stasera su La7 o per una “ripassatina” o per nostalgia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


21
ottobre

LA7 PUNTA IN ALTO CON CROZZA, MICHELE SANTORO E GREY’S ANATOMY

Grey's Anatomy - La7

In queste settimane la media del prime time ha oscillato tra il 3.50% e il 4% di share ma ora La7 potrebbe fare il salto di qualità, o meglio di quantità, potendo contare su tre assi nella manica. Il primo è Maurizio Crozza che al debutto (venerdì), con il suo Crozza nel Paese delle meraviglie, ha totalizzato il 7.71% di share con 2.149.000 spettatori. Un’ora di satira e imitazioni, un risultato ben sopra la media che Crozza potrebbe regalare alla rete per mesi: il programma è previsto, infatti, fino a giugno.

A dare una svolta nei palinsesti de La7, pregni di news e attualità, ci penserà la serie Grey’s Anatomy che da Italia1 sbarca appunto sul canale Telecom da martedì 23 ottobre con gli episodi inediti in chiaro dell’ottava stagione. In attesa di scoprire il gradimento dei telespettatori per uno dei medical drama più amati, Cristina Parodi, anche lei alla ricerca di un pubblico più ampio con i suoi Live e Cover, lancerà il nuovo acquisto con uno speciale in onda stasera con i primi due episodi della prima stagione della serie.

Terzo asso nella manica sarà il debutto di Michele Santoro con Servizio Pubblico giovedì 25 ottobre. Preso il testimone (e un’ottima media di ascolto) da Formigli, ci sono molte aspettative e già le prime polemiche attorno al ritorno in video del giornalista campano. Da un “leone” dell’informazione come lui è facile aspettarsi un numero a due cifre ma da una serata come quella del giovedì sera niente è prevedibile.


12
ottobre

GREY’S ANATOMY: IL MEDICAL DRAMA LASCIA ITALIA1 E APPRODA IN PRIMA TV SU LA7

Grey's Anatomy

E’ quella che si definisce una “serie bandiera”. Non tanto per una questione d’ascolti (da record sul satellite, discreti per la messa in onda in chiaro) quanto per l’influenza che ha avuto sui telespettatori e per la forza dei contenuti. Con la chiusura di Dr House, Grey’s Anatomy è l’unico medical drama di successo rimasto così come è l’ultimo telefilm superstite – con una media di spettatori che in Usa supera i 10 milioni – della golden age di Abc che tra il 2004 e il 2006 ha varato serie come Lost, Desperate Housewives e Brothers and Sisters.

Tutto ciò non è bastato per convincere Mediaset a trattenere la serie, però. Ebbene sì, caso più unico che raro per un telefilm ancora in corso, Grey’s Anatomy cambia casacca e passa da Italia 1 a La7. Luca Tiraboschi perde una serie identitaria per motivi ufficialmente non ancora noti – anche se qualche mese fa il direttore dichiarava che per ragioni economiche Italia1 avrebbe ridotto le ore di programmazione destinate ai telefilm – mentre La7 punta su un prodotto di sicuro appeal che va a catturare quel pubblico femminile che finora ha faticato a pigiare il tasto sette del telecomando. E, a questo proposito, sarà interessante conoscere il responso auditel sulla nuova rete abituata ai nano share. Il dato da cui partire è quel 7.93%, pari a 1.533.000 spettatori, fatto segnare, il 6 agosto 2012, dall’ultimo episodio della settima stagione trasmessa da Italia1.

Il debutto di Grey’s Anatomy è fissato per martedì 23 ottobre alle 21.10 quando assisteremo ai primi due episodi, in prima visione in chiaro, dell’ottava stagione, cui seguirà, tra un anno, la nona. Le vicende del Seattle Grace ripartono dalla difficile situazione della dottoressa Meredith Grey (Ellen Pompeo) che deve affrontare a livello professionale e personale le conseguenze della manomissione dei risultati delle ricerche scientifiche sull’Alzheimer portate avanti dal marito Derek Shepherd (Patrick Dempsey). Un gesto estremo quello di Meredith, messo in atto per curare Adele Webber (Loretta Devine), la moglie del primario dell’ospedale (James Pickens Jr.), una sorta di padre acquisito per la giovane in virtù del forte legame che in passato lo unì a sua madre.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,