24
maggio

L’INFEDELE, CLAUDIO BISIO SOSTIENE PISAPIA SINDACO E INSISTE: I CENTRI SOCIALI SONO BELLISSIMI, A MILANO NE SERVONO DI PIU’ (VIDEO)

Claudio Bisio ospite all'Infedele

La ‘torre di Pisapia‘ pende a sinistra, ma solo perchè è sovraffollata e frequentatissima. Di recente ai suoi robusti torrioni si sono appesi giornalisti, artisti, volti noti della tv e dello spettacolo. Tutti intruppati nella poderosa vulgata anti-Moratti. Non ultimo, è arrivato anche Claudio Bisio che ieri sera all’Infedele di La7 ha manifestato il suo appoggio al candidato sindaco di Milano del centrosinistra. Con un messaggio registrato spedito a Gad Lerner (altro sostenitore di  ferro dell’avvocato), l’attore e capocomico di Zelig ha raccontato al pubblico del prime time le motivazioni del suo voto.

Io sono milanese da sempre pur non essendo nato a Milano (…) e soprattutto nel frattempo sono un papà di due ragazzini che crescono, e ogni tanto mi chiedo come fanno a crescere in una città così. Una città che negli ultimi anni non mi piace più. Io amo questa città, voglio rimanerci e se possibile cambiarla: non ci sono piste ciclabili, non ci sono spazi verdi” ha detto Bisio all’Infedele. Poi l’artista ha cercato di interpretare i motivi del risultato delundente incassato dalla Moratti al primo turno. Le ragioni di quella debacle elettorale, dice il comico, vanno viste in tutti i posti in cui la Giunta avrebbe agito male. “I cittadini di Milano hanno capito. Quindi non è una questione di destra o di sinistra, ma proprio di una cattiva amministrazione. E non lo dico io, ma addirittura Feltri” aggiunge.

Poi scatta lo spot pro-Pisapia, “una persona civile, a modo, per niente estremista che promette il cambiamento. Se vincerà gli resteremo dietro. Ci crediamo tanto in questo cambiamento“. Bisio parla così della paura usata come strumento di propaganda elettorale, riprendendo il tema scelto dall’Infedele per la puntata di ieri. E difende i tanto discussi centri sociali: “Centro sociale è una cosa bellissima, è un centro di aggregazione. I centri sociali servono a Milano, ne servono di più e non fanno paura” afferma, ricordando con nostalgia le sue frequentazioni di gioventù quando muoveva i primi passi nel mondo del teatro.

L’amarcord di Bisio si fa rassicurante, e nel racconto rilasciato all’Infedele i centri sociali diventano per magia una tranquilla bocciofila, un luogo che non conosce estremismi politici né comportamenti sopra le righe. Un centro benessere per bravi ragazzi, isola felice nella Milano brutta sporca e cattiva. “I capelloni non fanno paura, poi detto da me….” ironizza il comico, suscitando l’ilarità dello studio.

Il messaggio arriva forte e chiaro in diretta tv: milanesi, ora sapete chi votare. La torre di Pisapia non l’abbatte più nessuno.

Di seguito il video di ieri:



Articoli che potrebbero interessarti


Giuliano Ferrara
AMMINISTRATIVE 2011, GIULIANO FERRARA: IL MONOLOGO DI BERLUSCONI HA STUFATO GLI ITALIANI.


Bianca Balti Zelig
ZELIG 2014: LE COPPIE DI CONDUTTORI E GLI OSPITI DELLA NUOVA EDIZIONE


Zelig - Virginia Raffaele sarà la nuova conduttrice?
ZELIG 2014: IN ARRIVO VIRGINIA RAFFAELE?


Anna Valle
ZELIG: ANNA VALLE SI CANDIDA AL FIANCO DI BISIO

67 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. Nina ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:13

Che servo….



2. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:14

Oh mio Dio che mi tocca leggere…servono più centri sociali? I centri sociali sono una cos bellissima????? Quelli che vanno nei ristoranti a mangiare a sbaffo e dicono poi ai gestori di mettere sul conto dello stato? No dico perchè nella mia città succede anche questo…trovo, a mio avviso, piuttosto forti queste parole, come se i centri sociali fossero limpidi…io non sò…
i suoi figli gli chiedono come possono crescere in questa città? Nemmeno se li vedo…Bisio mi piace, anche come attore, ma non sono d’ accordo su quello che dice. La Moratti avrà mal amministrato ma sinceramente è facile ora darle tutti addosso…sicuramente meglio lei, a mio avviso, dei centri sociali in giro per la città…ormai le storie dell’ aggregazioni hanno fatto i loro tempi, c’ è una ipocrisia e un marciume imperante in queste parole…



3. morgatta ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:34

marco se devo scegliere cosa frequentare meglio un centro sociale che la villa di arcore…
o l’olgettina, ecc. ecc.
secondo te lo sporco dove lo trovo piu’ facilmente?



4. Nina ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:39

Non è che Bersani ha paura di vincere VERAMENTE le elezioni? No, perchè se parliamo di quanto belli sono i centri sociali, ci vengono in mente le immagini di certi dementi, tipo la figliola del giudice che tira i fumogeni.



5. Zoro ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:40

grandissimo Bisio, ha avuto anche un bel coraggio direi a dirlo!



6. Nina ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:45

Zoro: a dire che i centri sociali sono belli? Beh, certo ci vuole una faccia come… da schiaffi, diciamo.



7. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 18:54

Ciao Morgatta!
Guarda se devo essere sincero, io come io, preferisco passare una serata, purchè non ci sia il bunga bunga, ad Arcore e ad ascoltare discorsi beceri e insulsi che in un centro sociale, poi per carità, non è che il mio giudizio valga più di altri…
Io la penso così, i centri sociali se estremizzati possono portare a risultati pericolosi, e non c’ è da scherzare…
se dovessi comunque scegliere preferisco passare le mie serate in maniera diversa eh…trovo comunque in parte gravi le parole di Bisio, a mio modo di vedere…la Moratti deve aver fatto proprio dei danni irreparabili se Milano si affida a Pisapia…e poi siamo come nel ventennio fascista a sentire alcuni, mi sembra che la gente non si esima da dire certe cose…



8. pig ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:07

Multati 5 tg per aver fatto propaganda al sindaco Moratti.Claudio Bisio ieri che ha fatto??Non ha fatto propaganda a Pisapia??
Due pesi e due misure??



9. ester ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:14

Francamente ne ho le scatole piene di sentire idiozie da personaggi dello spettacolo che si professano di sinistra ma che con la destra contano un sacco di quattrini con i loro contratti milionari
Ridicoli….. facile fare i comunisti così



10. Luca ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:15

Ma siete mai stati in un centro sociale?
Vi spiego cos’è: un punto di ritrovi per persone di solito giovani in cui si organizzano serate musicali e eventi artistici come esposizioni di installazioni e quadri. L’entrata di solito è libera o si entra con uno o due euro. E’ ancora oggi checchè ne pensi la Colli un posto dove si sperimenta. L’unico oramai (ci sono stato tre volte in vita mia e non sono comunista “but I wish I could” cit. Lady Gaga)



11. claudia ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:16

Complimenti a Bisio per essersi esposto e con questi toni, tra il serio (ed informato) e il comico (è il suo lavoro e lo fa molto bene).
Nina: “Che servo….”: la tua è una provocazione da quattro soldi, nel senso che… servo di chi? La sinistra ha, dal punto di vista “mediatico”, proprio questa grande pecca, cioè quella di non avere padroni. E’ divisa in mille partiti con mille capi ma nessun “leader” e forse è proprio questa la ragione per cui perde… le persone hanno bisogno di affezionarsi ad una faccia, rassicurante e comunicativa, che fà loro le promesse che si aspettano. Bisio, nei pochi secondi che ha avuto a disposizione, ha parlato di problemi, i problemi della città. Quelli che lui vive da milanese e quelli che la Moratti non ha risolto. Quindi altro che servo, a me sembra un milanese informato e desideroso di cambiare aria nella sua città.
“a dire che i centri sociali sono belli? Beh, certo ci vuole una faccia come… da schiaffi, diciamo”: io non conosco la realtà dei centri sociali milanesi, quindi non mi pronuncio. Tu sembri conoscerla bene, me la descrivi? Grazie.



12. Davide Maggio ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:17

claudia: pensa tu se si fosse esposto qualcuno a favore della Moratti. Sarebbe successo il finimondo ;-)



13. warhol_84 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:20

Direi che Claudio Bisio non è nè il presidente del consiglio, nè un politico, nè il leader di un partito. Quindi smettiamola di buttarla sempre in caciara. Voglio sapere chi pagherà le multe del tg1, gli 8 milioni di Sgarbi e tutti gli stipendi delle sgallettate passate da Arcore!



14. Nina ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:23

Se uno si fosse esposto per la Moratti, sarebbe stato etichettato come servo.



15. Zoro ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:25

Nina

no certamente, ma per chi vuole come sindaco!!!



16. Luca ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:59

@Davide Maggio: il finimondo accade quando la tv di regime agisce sotto le direttive dell’Uno. Epperò qualcuno è intervenuto stavolta.
Ieri sera a Porta a Porta l’onnipresente Belpietro sparava le sue solite senza contraddittorio reale. E come sempre accade da Vespa (persino lunedi scorso quando i dati erano definitivi o quasi) i fatti vengono raccontati sotto la chiave di lettura governativa. La disfatta di milano come l’errore di Berlusconi a non parlare dei problemi reali e quella di Napoli mischiata con quella (praticamente telefonata) del PD. Bisio ha parlato del “suo” Sindaco, è qualcun’Altro che ha spostato la sfida sul piano politico. Predendola. E tu con questo post non fai altro che avallare la tesi dela politicizzazione della sfida.



17. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 19:59

@ Nina: non solo…ma sarebbe un mostro che vuole tarpare le ali agli artisti, che odia il verde e vuole costruire grattacieli ovunque…non solo: dei servi del potere che vanno a cena ad Arcore e che sicuramente per parlare così avranno sicuramente ricevuto pure qualche marchetta…

@ Luca: forse una volta…i centri sociali oggi hanno ahimè, una funziona tremendamente politica…e poi stì personaggi hanno rotto…predicano pagati da Berlusconi…



18. claudia ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:00

DM: “pensa tu se si fosse esposto qualcuno a favore della Moratti. Sarebbe successo il finimondo”: se si fosse esposto qualcuno a favore della Moratti sarebbe stato a mio parere meno credibile, ma per un motivo preciso: non avrebbe avuto la possibilità di sostenere la sua candidata preferita vantandosi dell’amministrazione impeccabile di quest’ultima negli ultimi 5 anni, o comunque tale convinzione non avrebbe trovato riscontro nel parere della maggior parte dei milanesi. Bisio invece ha interpretato il desiderio di molti milanesi, cioè quello di un rinnovo nell’amministrazione della città, causato dal fatto che la città non è cresciuta, anzi, sono cresciuti solo i suoi problemi e quelli dei suoi cittadini.
Nina: non limitarti a fare copia e incolla dei commenti di qualcun altro… Dì la tua e, se ti va, rispondi alla mia domanda (“io non conosco la realtà dei centri sociali milanesi, quindi non mi pronuncio. Tu sembri conoscerla bene, me la descrivi?). Parliamone… se no rischi di passare per una che spara sentenze per partito preso, senza essere informata.



19. claudia ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:03

Marco89: “e poi stì personaggi hanno rotto…predicano pagati da Berlusconi…”: è questa l’indipendenza. Essere liberi di pensarla diversamente dal tuo capo, dal punto di vista politico, tanto lui ti avrà sicuramente assunto per le tue doti artistiche e di certo non si pentirà di questo se tu ti dichiari a favore del suo avversario.



20. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:08

@ Luca: Ma se Vespa narra il suo racconto con chiave di lettura governativa, che cavolo fanno Fazio, Gabanelli o il bravo Santoro che proprio in par condicio ( che io ABOLIREI) ha fatto in modo di far parlare Pisapia tramite la telefonata di Celentano…ma siamo obiettivi…e comunque io non ho politicizzato nulla, te lo assicuro…dico solo che per me non è bello auspicarsi che i centri sociali vaghino per Milano, tutto qua…anche Bisio ha espresso il suo parere in chiave politica, non viviamo in un disincanto



21. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:27

@ Claudia: certo, io non ce l’ ho con Bisio come persona, a me stà simpatico…trovo che però, in un momento dove l’ incoerenza non ha limite, di non fare i paladini della libertà assoluta se poi si è pagati, come pensano alcuni, da un tiranno…o si tace e si stringe i denti oppure se si è così puri e limpidi come molti vogliono far passare parlando di diritti e libertà, non devono poi essere retribuiti con soldi, che stando alle loro convinzioni, non si sà da dove provengono…e Bisio di soldi ne prende pure molti…questo è il mio ragionamento, il pensiero politico è un conto, il fatto poi di divenire paladino e rappresentante di sogni cristallini e collettivi mi stà un pò meno bene…poi è sacrosanto non pensarla come il proprio ” capo”, anzi…ma mi sembra che tutto sommato non ci sia di che preoccuparsi…
Cioè in parole povere, è ridicolo sentir parlare Bisio di spazi verdi e piste ciclabili, usando il termine ” centro sociale ” nel termine meramente letterario senza contestualizzarlo nella realtà moderna…a me interessava poco se lui diceva voterò Pisapia…ma è tutta la ramanzina che fa poi che mi piace meno…



22. Roy79 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:28

Oddio c’è ancora chi difende Berlusconi? Ma siamo proprio alla frutta democratica!!!!

Che pena!!!!



23. claudia ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:40

Marco89: Bisio non approva l’operato politico di Berlusconi allora non dovrebbe farsi pagare da lui, pur lavorando per Mediaset? Questa è follia. Il fatto che Bisio sia pagato da Berlusconi sarebbe stato influente se Bisio si fosse dichiarato un sostenitore della Moratti, cioè la candidata di Berlusconi stesso. Bisio sostiene Pisapia, dal quale, fino a prova contraria, non riceve nè denaro nè lavoro nè favori. E poi io trovo tutto tranne che ridicolo sentir parlare Bisio di spazi verdi e piste ciclabili, perchè sono questi i problemi della città che i milanesi si aspettano che i loro politici risolvano. Se un personaggio noto appoggia un politico (o comunque non sostiene il suo avversario) per reale convinzione politica e perchè condivide i suoi progetti per l’amministrazione della città a mio parere è da lodare… Bisio avrebbe meritato queste critiche se, al contrario, avesse parlato a vanvera, senza parlare di problemi reali, o se non fosse stato di Milano e si fosse schierato senza alcun “coinvolgimento”.



24. dert86 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 20:55

Bravo Bisio!



25. lauretta ha scritto:

24 maggio 2011 alle 21:17

io credo che i personaggi pubblici dovrebbero cercare di tenere per loro le loro preferenze politiche. E lo dico sia da una parte che dall’altra. Ognuno ha le proprie idee e le tenesse per se.



26. edmond ha scritto:

24 maggio 2011 alle 21:24

…”cambiamento”… ciò che fa ridere è che c’è ancora qualcuno che ci crede…



27. Luca ha scritto:

24 maggio 2011 alle 21:27

da Santoro e Lerner c’è sempre il contraddittorio. Ora a ballarò c’è il ministro della guerra La Russa. Trovi sempre una Santanchè che urla e dice cose inesatte offensive, uno Stracquadanio che fa l’insolente, e Belpietro che dice menzogne, ieri da Vespa oltre a De magistris candidato a Napoli c’era un tizio molto moderato che quasi pareva amico di Lupi. Ricordo il Vito show di qualche anno fa da Santoro. Ora è un più che onorevole deputato. Li mandano a fare propaganda. Relativamente ai centri sociali le tre volte che ci sono stato è accaduto fino a 5 anni. Non sono un bacucco :P



28. Marco89 ha scritto:

24 maggio 2011 alle 21:29

@ Claudia: la vediamo in maniera diversa…nelle parole di Bisio avverto un’ eccessiva ostentazione delle sue idee…tu scrivi cose giuste, non lo metto in dubbio, è tutto vero quello che dici.
Io tuttavia continuo a pensare che l’ intento di Bisio sia stato politico e in parte pretestuoso…poi mi sbaglierò, non lo conosco personalmente.
E comunque non è un normale rapporto tra capo e lavoratore…si sà quanto Berlusconi sia odiato, per cui lavorare nelle proprie aziende per molti è una colpa…e questi artisti sembrano poi doversi giustificare lanciando certe frasi ad effetto come quella dei centri sociali a cui secondo me neppure Bisio crede più… per cui il dover spesso e sempre rimarcare, come mi pare Bisio faccia, di non essere assolutamente inclini alle idee di Berlusconi mi dà nervosismo…se ti fa così schifo, come da qualche intervista passata mi sembra di ricordare, non lavorarci più…se sei uno dai valori puri come gli spazi verdi e le piste ciclabili, non lavorare per una persona che spesso attacchi anche senza motivo… un conto è non approvare l’ operato, un conto poi è in campagna elettorale lanciare certi messaggi…dai sappiamo quanto Milano conti per Berlusconi e dire certe cose è un chiaro attacco a lui, per cui secondo me potrebbe pure evitare di dire certe cose…



29. cla ha scritto:

24 maggio 2011 alle 21:54

claudia, sono pienamente d’accordo con te. totalmente.



30. Nina ha scritto:

24 maggio 2011 alle 23:38

Claudia, mai fatto copia e incolla e, se permette signorina, parlo di ciò che mi pare tanto e quanto fa lei a cui non è mai stato chiesto il conto di alcune sciocchezze che anche lei ha detto. Un po’ va bene, ho tollerato con pazienza i tuoi numerosi attacchi, ora ti chiedo di smettere di essere così supponente ed arrogante.



31. Cristian Tracà ha scritto:

25 maggio 2011 alle 01:47

siamo messi proprio male…una definizione neutra e in sè positiva di centro sociale in bocca alla propaganda elettorale è diventata equazione di non si capisce bene quali misfatti…

pensano ancora di giocare sulla parola comunista come male assoluto da cui ci deve salvare il partito di non si sa quale amore e libertà.

Bravo Bisio che ha precisato che non si fa di tutta l’erba un fascio e che i giovanni vanno ricondotti all’esperienza della solidarietà di gruppo pacifica



32. Simone ha scritto:

25 maggio 2011 alle 07:46

Cavolo, è così difficile per alcuni capire che Bisio LAVORA per Mediaset, non è stato COMPRATO!! Quindi ha tutto il diritto di dire la sua. Il terreno dello scontro contro Bisio semmai può essere quello di “non sono d’accordo con quello che dice Bisio”, non “Bisio non può parlare perchè prende i milioni da Mediaset”. Sveglia…



33. sirgeorgebest83 ha scritto:

25 maggio 2011 alle 08:59

ha fatto un endorsement…non vedo niente di strano….ed è normale che gli attori siano di sinistra…è così in tutto l’occidente….sarebbe da stupirsi del contrario



34. lele ha scritto:

25 maggio 2011 alle 09:17

due pesi e due misure



35. PeregoLibri ha scritto:

25 maggio 2011 alle 09:31

Premettendo che non ho letto tutti i commenti ma solo il primo… Bisio sarebbe un servo perchè ha detto di votare Pisapia? E i direttori di 5/7 dei TG nazionali allora cosa sarebbero? Quelli non sono servi? Eh no, forse perchè sono a favore dell’altra fazione politica evidentemente… Ma toglietevi ’ste fette di salame grosse così dagli occhi, diamine, e guardate le cose con più obiettività invece di parlare a vanvera.



36. roland ha scritto:

25 maggio 2011 alle 10:05

Claudia e Nina:
a dirla tutta, mi sembra che claudia parli soltanto di ciò che può testimoniare con fatti. Forse è stata un pò eccessiva in alcune frasi e credo che anche lei se ne sia accorta. Nina invece mi sembri eccessiva però senza corroborare ciò che dici con i fatti. Sinceramente è un pò vero che sembri, e bada bene ho detto sembri non sei, una sputasentenze che parla “come mille riassunti, leggera leggera…”….senza rancore.

ps ho citato bersani. quello bravo, non il politico.



37. Nina ha scritto:

25 maggio 2011 alle 10:46

Andiamo con ordine.
Peregolibri: mi pare che quelli tu citi siano ampianente accusati di servilismo.
roland: vabbè, citare “fatti”, quando non sapete cosa dire tirate fuori questa cosa. Qui si trattava di esprimere un’opinione su ciò che ha detto Bisio, la mia è negativa. Ti ringrazio per avermi dato della stupidina. Anche se di stupidaggini ne ho lette anche da parte di altri, tipo dire che io faccio “copia e incolla” oppure che è normale che gli attori siano di sinistra.
Cristian: davvero pensi che basti metterci la parola sociale per dare una connotazione positiva? Boh…



38. PeregoLibri ha scritto:

25 maggio 2011 alle 10:59

@Nina: appunto, è proprio così! Con la differenza però che quello di B. era un vero e proprio comizio elettorale mandato in onda da ben cinque telegiornali nazionali, questa di Bisio era solo un’opinione espressa da un milanese insoddisfatto (Bisio non è un politico e non ha la minima influenza all’interno di alcun partito), se le stesse cose le avesse dette al suo posto un altro milanese qualunque, allora sarebbe stato un servo anche lui?! È qui che non mi trovo d’accordo con te, perchè pare che il fatto di esprimere un’opinione politica diversa equivalga ad essere servi di qualcuno, e non trovo affatto che sia così.



39. Nina ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:12

Peregolibri: sottoscrivo in pieno la tua affermazione sul fatto che esprimere un’opinione politica non significhi essere servi di qualcuno, infatti la mia era una provocazione. Non sono d’accordo sul fatto che Bisio sia un milanese qualunque, è da ipocriti pensarla così. E’ popolare, è simpatico, non è un invasato alla Luttazzi quindi il suo potere persuasivo può essere determinante.
Visto che qualcuno mi accusa di non citare i fatti lo faccio. Dunque Pino Daniele, mi pare fosse stato San Remo dello scorso anno, ringraziò Bassolino per avere collaborato con Berlusconi alla pulizia di Napoli. E’ risaputo che Pino Daniele ha sempre appoggiato Bassolino, una volta ha suonato in una specie di crociera organizzata da Bassolino e varie cose che io non ricordo. Perchè nessuno gliene ha chiesto conto?



40. Marco89 ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:20

Scusate ma mi sento chiamato in causa, anche da Cristian Tracà, che qua dentro secondo me, non me vogliano gli altri, è il mio preferito…però non posso credere, perdonami, che Bisio speri ancora nei centri sociali come gruppo di aggregazione, non ci credo…vedrò forse io di persona una realtà molto diversa…il centro sociale forse era una cosa, gli esponenti del centro sociale, OGGI COME OGGI, CONESTUALIZZATI NEL 2011, non sono pacifici, qusto per me è un fatto, mi dispiace. Non dico che il centro sociale possa essere di per sè negativo, se si tien conto del suo gergo originale ( anche se io a questi gruppi di aggregazione non ci credo proprio, anzi, nascondono ahimè molte pecche fingendosi paladini della lbertà), ma oggi gli esponenti del centro sociale non fanno solo gruppo di aggregazione…quindi non premndiamoci per i fondelli, non siamo rimasti a venti anni fa, le cose sono cambiate…quelli che dopo la reinvestitura di Berlusconi hanno assalito il Parlamento erano in parte esponenti dei centri sociali, a mio avviso ingaggiati da paritit estremisti…non bisognerà fare tutta d’ erba un fascio però a non generalizzare a volte si rischia di non prendere ben coscienza di alcune cose cicliche e periodiche…e ci sarebbe una sfilza di altre cose che non finirei più. Dire che però il centro sociale è positivo è inesatto, bigogna capire chi lo frequenta, perchè e quale sia oggi il suo ruolo nella società, per me molto vicina ad una congettura partitica del tutto, non m’ incanto davanti le parole di Bisio.

@ Perego Libri: Bisio, spesso, sfrutta quasi ogni intervista per dire di essere di sinistra e ogni volta prende le distanze sempre più serrate da Berlusconi, quasi con disgusto…ora, che venga pure a parlare in questo clima così incandescente è un chiaro segnale…se non sopporta nulla di Berlusconi e ogi volta, anche se non è necessario, lo attacca, se ne andasse, non sopporto queste cose, mica stà in rai ma in una tv privata e se ogni volta deve esprimese il suo schifo per quello che il berlusconismo stà generando in Italia, faccia lui il primo passo e dico no ai sui soldi..e dai…dobbiamo continuare a regnare nell’ ipocrisia? Stò coi centri sociali che non hanno nulla ma ho le tasche piene di soldi? Io non mi fermo solo alle parole dette, cerco di capirci la matrice, la connotazione…sennò finiamo per pigliarci in giro tutti
@ sirgeo: gli attori sono di sinistra perchè la destra ha deciso di dar loro meno possibilità per creare alcuni film dementi e triti e ritriti…devono avere il contributo statale loro…il lavoratore che stà a casa che contibuto ha? Comunisti solo a PAROLE…



41. roland ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:25

Nina:
non ti ho dato della stupidina. Lungi da me.
Circa pino daniele, beh, prenditela con davide maggio che non ha messo un post su di lui quando è accaduto ;-)
In ogni caso credo che l’esporsi non sia reato, sia che lo faccia Bisio o che lo faccia Pino Daniele.
E’ grave invece quando un giornalista, che deve avere una deontologia professionale, racconta i fatti in modo parziale.
Insomma Pino Daniele può dire “Berlusconi è bello, forte e capace” così come Bisio può dirlo di Pisapia. La gravità sta quando a dire una di queste due cose sia, senza motivo, il Tg1 per esempio.
Le persone danno le proprie opinioni, i giornalisti di telegiornali devono riportare i fatti oggettivi.



42. PeregoLibri ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:26

Sì vabbè… ma allora vogliamo parlare di quanti “portabandiera” ha B.? Fede ogni sera gli fa propaganda, ed essendo in video da trenta/quarant’anni anche lui non è proprio il primo che passa per strada… credere che Bisio sia in grado di “convertire” l’Italia con un discorso isolato che ha fatto ieri da milanese (e lo ribadisco, dato che non ha detto “Berlusconi è un idiota”, ma ha espresso un’opinione relativa alla città di Milano e alla sua amministrazione comunale) mi sembra una follia… altrimenti bisognerebbe seriamente multare Fede per il solo fatto di andare in onda (per citarne uno), e non mi pare sia così…

Anche per Iva Zanicchi allora si potrebbe fare lo stesso discorso… anche per Dolcenera dato che l’altro giorno ho letto una sua intervista in cui diceva di votare a sinistra… se si ragiona così non si va avanti più. Dico che Bisio ha espresso un’opinione da milanese nei confronti dell’amministrazione di Milano su UN canale tv; B. ha invece trasformato queste elezioni amministrative in un’occasione per fare campagna elettorale in ogni dove. Se devi parlare del sindaco di Milano, prima di tutto non ci vai tu Presidente del Consiglio, secondo non ti piazzi lì da parte il logo del tuo partito (i messaggi subliminali sono brutte bestie, sai?) e terzo parli di Milano e di quello che hai intenzione di fare e come migliorare dopo cinque anni di amministrazione scadente (stando a quel che dicono i milanesi, non essendo io milanese non parlo per esperienza personale), ma non dici che “Pisapia è cattivo perchè ruba le macchine” e le altre cose che ha detto, perchè neanche all’asilo Mariuccia si comportano così.



43. Marco89 ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:31

@ Peregolibri: a parte he Fede che stà in una tv privata e non trovo così assurdo che qualche tg non parli male di Berlusconi, lui l’ ha creata…i conti in tasca vanno fatto ai tg della RAI…se mi dici che un proprietario di tv non può fare il Pres del consiglio è un conto ma dire così a vanvera fede lo difende, non è sensato perche non è tv pubblica…la differenza è che se uno parla bene di Berl. è un SERVO mentre gli altri hanno diritto di esprimere le loro libertà…ma dai, è così, punto.



44. claudia ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:32

edmond: io non ho nessuna convinzione che Pisapia possa portare un cambiamento, ma ho invece la certezza che la Moratti non lo porterebbe. Lo ha dimostrato nel corso del suo primo mandato… allora perchè confermarla?
cla: grazie! :-)
Simone: è esattamente quello che ho cercato di spiegare a Marco89, condivido!
nina: “parlo di ciò che mi pare tanto e quanto fa lei a cui non è mai stato chiesto il conto di alcune sciocchezze che anche lei ha detto”: il mio è stato un semplice invito a giustificare le tue sentenze nei confronti dei centri sociali, realtà che io non conosco e per questo motivo non mi sono pronunciata in merito. Non ti ho invitata a parlare dei centri sociali perchè tu debba spiegazioni a me (non mi interessano neppure molto, fidati), ma perchè rischi di passare per una di quelli che parlano male dei centri sociali sulla scia degli attacchi a Pisapia (“è sostenuto dai centri sociali, covi di facinorosi e drogati…”) senza in realtà aver nulla da dire in merito.
“dire che io faccio “copia e incolla””: mi scuso se questa frase ti ha offesa, ma il tuo commento 14 è uguale al commento 12… per questo ho osato. Ma la cosa “grave” (ovviamente “grave” relativamente al contesto), dal mio punto di vista, è che non sei stata in grado di giustificare le tue convinzioni. Così le tue sentenze perdono di credibilità, almeno ai miei occhi.



45. claudia ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:32

Cristian Tracà: bravissimo! E’ vergognosa questa strumentalizzazione nonchè deformazione dei significati stessi delle parole… Sembra però che ultimamente gli italiani preferiscano la moderazione, chissà che queste scelte comunicative così “estremiste” si rivelino un boomerang.
roland: esatto, cerco di parlare con stretta aderenza ai fatti. L’opinione personale, se non si basa su fatti, rischia di essere influenzata da pregiudizi, slogan… e si finisce di parlare per dare aria ai denti! Nina dà l’impressione (in merito al suo commento sui centri sociali) di essere appunto una che parla per partito preso e non perchè conosce la realtà e su tale realtà ha un’opinione negativa. Io la rispetterei, quest’opinione negativa, se solo fosse consapevole e derivasse da un’esperienza personale. Ma Nina nega ogni spiegazione in più e per questo il suo commento, a mio modesto parere, vale proprio poco.



46. Marco89 ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:34

@ Roland: ma perchè sempre e solo tg1 e non tg3???? Mai negli esempi di nessuno…nessuno dice che Bisio abbia fatto un reato, però dice cose per me piuttosto discutibili e per alcuni casi gravi…



47. Nina ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:35

No, esporsi non è un reato ma voi guardate la pagliuzza e non vedete la trave. Per quanto riguarda Pino Daniele non hai capito l’esempio: nonostante il disastro di Bassolino, visto che è suo amico ed è di sinistra lui lo ha ringraziato lo stesso. Capito cosa volevo dire?
Peregolibri: macchè convertire l’Italia, dico solo che derubricarlo a milanese qualunque è una forzatura. Per quanto riguarda la campagna elettorale sbagliata gli si è ritorta contro mi pare. I messaggi subliminali ci sono, hai ragione basta ascoltarsi i lanci del TG3, i più insinuanti, per non parlare di Santoro, Floris, Annunziata e vari contorni.



48. PeregoLibri ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:40

@Marco89: Ma è proprio questo il punto, leggendo questo post non mi pare di averci trovato dentro la parola “Berlusconi” una sola volta, Bisio ha pure detto che “non è una questione di destra o di sinistra, ma proprio di una cattiva amministrazione. E non lo dico io, ma addirittura Feltri”, ed è scritto pure in neretto! Perciò… e basta, sempre a tirare in ballo Berlusconi anche quando non c’entra! Vabbè che è stato lui stesso a trasformare queste elezioni amministrative in una battaglia personale (e dalle interviste ai TG dell’altro giorno la cosa è più che evidente)…

E come seconda cosa, se dovessimo ragionare tutti così allora nessuno dovrebbe più lavorare per un capo che vota un partito diverso? Allora al Milan non dovrebbe più giocare chi vota sinistra? Nella Banca Mediolanum non dovrebbero più lavorare simpatizzanti di Bersani? A Medusa non dovrebbe più lavorare chi odia Berlusconi? Dicendo che “a non generalizzare a volte si rischia di non prendere ben coscienza di alcune cose cicliche e periodiche”, vuoi dire che quindi un immigrato in Italia è per forza di cose un assassino stupratore pedofilo? Allora hanno ragione all’estero a dire che gli italiani sono tutti mafiosi?! Ma per favore!



49. PeregoLibri ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:48

@Nina: tant’è vero che il TG3 e Santoro mandano talmente tanti messaggi subliminali che il TG3 è l’unico TG insieme al Tg La7 a non essere stato sanzionato; Santoro volevano zittirlo e invece i giudici hanno sentenziato che non ha infranto alcuna legge (ma si sa, i giudici sono rossi), perciò continua con la sua trasmissione e non mi sembra di ricordare multe a Santoro, perlomeno non recenti, e comunque non certo per messaggi subliminali.

@Marco89: La par condicio mi pare l’abbia voluta Berlusconi stesso, e mi sembra che Mediaset non ne sia esclusa, così come non ne è esclusa La7, Sky e i maggiori canali nazionali. Perciò non m’importa una cicca che Rete 4 è di Berlusconi, se una regola c’è va rispettata come fanno tutti (o dovrebbero farlo). E ripeto quello che diceva roland: un giornalista (quale Fede dovrebbe essere, fino a prova contraria) deve riportare fatti oggettivi, non le proprie opinioni personali.



50. Nina ha scritto:

25 maggio 2011 alle 11:57

Ma li multano i messaggi subliminali? Senza ironia, confesso la mia ignoranza.



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.