28
maggio

(NON) SI PUO’ FARE! E’ CAOS PER LE SCELTE

Si può fare - Sergio Muniz

Venerdi si concluderà l’avventura di Si può fare!, lo show del venerdì sera di Rai 1 condotto da Carlo Conti. Meno male, è proprio il caso di dirlo. Perché le puntate, con il passare del tempo, sono diventate sempre meno avvincenti, le prove meno spettacolari (fatte le dovute eccezioni), la diretta sempre più noiosa e il tutto un tantino confusionario.

Si può fare: il regolamento non è chiaro

Nel corso della quarta puntata, abbiamo assistito per esempio ad una vera e propria caciara nella seconda fase dello show, quella durante la quale i dodici concorrenti devono scegliere le prove in cui esibirsi la settimana successiva. “Scegliere” per modo di dire, perché ormai o è la produzione ad assegnarle costringendo i vip a fare anche quello che preferirebbero non fare, oppure è il pubblico in studio a decidere indipendentemente da chi si è prenotato prima. Tra “assegnazioni indebite” e la libertà concessa ai concorrenti di scambiarsi eventualmente le prove, ad un certo punto non si è capito più niente e la giuria ha chiesto un riepilogo generale. Grazie, giuria.

A fare le spese di questo meccanismo non annunciato all’esordio, quando “la scelta” era considerata una delle peculiarità del programma, è stata ancora una volta colei che guida la classifica e che è lanciatissima verso la vittoria finale, Maddalena Corvaglia. Già spinta ad esibirsi controvoglia nel Burlesque la scorsa settimana, venerdi scorso è stata costretta nella difficilissima prova del Water Ball, nella quale lei e Karin Proia dovranno fare acrobazie in una vasca larga solo 170 cm. L’ex velina le ha tentate tutte per sottrarsi, tirando in gioco la febbre a 39, un dolore alla caviglia e così via, ma alla fine ha dovuto soccombere dinanzi alle insistenze del conduttore e di tutti gli altri. Buon per lei, comunque, perché a fronte del pessimo trattamento in classifica ricevuto nella scorsa puntata, con Yuri Chechi che l’ha esclusa dal trittico dei finalisti nonostante la sua ottima performance nel Tappeto elastico, con il Water Ball di sicuro si farà notare nella finale. Dopo quattro puntate possiamo infatti dire che vince chi fa la prova atleticamente più difficile.

Non a caso la scorsa puntata è stata vinta da Sergio Muniz, che con il suo numero di Equilibrismo sul filo teso ha convinto i giudici ed è stato ripagato dall’ingiustizia della settimana precedente, quando non è stato premiato il suo spettacolare Cerchio aereo. Questa meritata vittoria è stata il momento migliore della serata che per il resto, tra le drag queen Luca Marin e Sergio Friscia, Maria Amelia Monti che sembrava un’invasata – e, ci pare, abbia un pochino fatto irritare Carlo Conti con i suoi exploit – e il seno in bella mostra dell’Amanda Lear, è da dimenticare.

[SI PUO' FARE!: VANESSA HESSLER DALLA FICTION AL VARIETA']

[SI PUO' FARE!: MARCO COLUMBRO TORNA IN TV]

[SI PUO' FARE!: UN NUOVA PRIMAVERA PER CATHERINE SPAAK?]

[SI PUO' FARE!: SERGIO MUNIZ DALLA TA... ALLA TV]

[SI PUO' FARE!: A LUCA MARIN LA PISCINA STA STRETTA]



Articoli che potrebbero interessarti


Si può fare!  - Sergio Friscia
MADDALENA CORVAGLIA VINCE SI PUO’ FARE! (MA VA?)


Si può fare!
SI PUO’ FARE!: UN PROGRAMMA CHE NON STANCA, TRA ECCELLENZE E DOPPI SENSI


Antonella Elia
Pechino Express 2017, Antonella Elia contro Achille Lauro: «Io faccio televisione da trent’anni, tu sei nato ieri e forse sparisci domani»


MasterChef 6 - Gabriele
MASTERCHEF 6 SALE IN ALTO ADIGE PER IL QUARTO APPUNTAMENTO. ELIMINATI VITTORIA ED ALAIN

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.