Miss Italia


3
settembre

MISS ITALIA 2015: ECCO LE 210 PREFINALISTE REGIONE PER REGIONE (FOTO)

Miss Italia 2015 - Prefinaliste Marche

Miss Italia 2015 ha le sue 211 finaliste. Anzi, 210: Miss Rocchetta Friuli Venezia Giulia, Anna Fiori, a cui era stato assegnato il numero 39, si è ritirata per motivi personali e non sarà sostituita. Ecco dunque i profili delle concorrenti ancora in gara, divise per regione, tra le quali la commissione sceglierà le 33 finaliste.




3
settembre

MISS ITALIA 2015: JOE BASTIANICH IN GIURIA

Joe Bastianich

Dopo Vladimir Luxuria, che stavolta ci sarà dopo aver declinato l’invito a partecipare dello scorso anno, conosciamo finalmente il nome di un altro dei tre giurati di Miss Italia 2015: si tratta di Joe Bastianich, storico e “colorito” giudice di MasterChef.


27
agosto

MISS ITALIA 2015: ENRICO LUCHERINI E IRENE GHERGO SELEZIONANO LE FINALISTE

Enrico Lucherini

Enrico Lucherini

Enrico Lucherini, il più famoso press agent nostrano, presiederà la Commissione Tecnica delle Prefinali nazionali che nelle giornate del 2, 3 e 4 settembre sceglieranno, tra 210 miss, le 33 finaliste di Miss Italia 2015.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





21
luglio

MISS ITALIA 2015: SI VOTA ON LINE E SI INAUGURA L’EVA CONTRO EVA. LUXURIA ANNUNCIA LA SVOLTA TRANS

Simona Ventura

Si va delineando la 76° edizione di Miss Italia, il concorso di bellezza italiano per eccellenza di cui vedremo le semifinali in seconda serata su La7 il 18 e il 19 settembre 2015, e la finale domenica 20 in prima serata. Alla conduzione ancora una volta Simona Ventura, agguerrita e pronta a trasformare format e regolamento quanto più le sarà possibile.

Miss Italia apre alle trans

La presenza di Vladimir Luxuria in giuria è sicuramente un segnale forte, e la presenza delle trans in concorso per quest’anno sembra essere stata sdoganata. La conduttrice ha infatti dichiarato a Sorrisi che la presenza dell’ex parlamentare è un “segnale di libertà ed apertura” e che con lei si sta cercando di “ampliare il nostro spazio e rivoluzionare il regolamento” ma è stata Luxuria in persona ad annunciare ad Oggi che la rivoluzione è già in atto.

“Per fare la giurata a Miss Italia per me era imprescindibile una modifica al regolamento. Quello in cui si dice che per candidarsi bisogna ‘essere di sesso femminile dalla nascita’. Patrizia Mirigliani ha avuto il coraggio di cancellare vecchi tabù. Si è adeguata ai tempi, ha fatto quello che non si riesce a fare in Parlamento… Tra il pubblico potrebbe scattare una sorta di curiosità ma sarà una bella lezione di normalità per tutti perché, semmai ci fosse tra le partecipanti una trans, e non è affatto scontato, non sarà facile individuarla”.

Un colpo non da poco. E del resto la Ventura ha dichiarato di non  fossilizzarsi sulla bellezza tradizionale, puntando piuttosto su ragazze con personalità. Ma se dal punto di vista estetico non ci sono limiti riguardo taglie, altezza, sesso e misure ed il range d’età sarà compreso tra i diciotto e trent’anni, per quanto riguarda i pregressi delle Miss ci si mostra fiscali: le candidate al titolo non devono aver posato per foto di nudo, non devono aver preso parte a film, produzioni teatrali o televisive negli ultimi tre anni; devono essere libere da contratti relativi alla moda e non devono aver mai vinto un concorso di bellezza di rilevanza nazionale.

Miss Italia 2015: il nuovo meccanismo


19
giugno

MISS ITALIA 2015: SIMONA VENTURA CONDUCE, LUXURIA GIURATA/COACH. E LE TRANS?

Vladimir Luxuria e Simona Ventura

Se insisti e resisti, raggiungi e conquisti. Si dice così. E tanto ha fatto che c’è riuscita Simona Ventura a convincere Vladimir Luxuria a seguirla nel magico mondo di Miss Italia: dopo aver clamorosamente rifiutato il ruolo di giurata nell’edizione 2014, Vladi stavolta ha capitolato e sarà al fianco della Ventura, che il prossimo 20 settembre su La7 condurrà per il secondo anno consecutivo la kermesse.

Miss Italia 2015: l’annuncio della Ventura

A rendere ufficiale la notizia ci ha pensato la Ventura in persona, pubblicando sul suo profilo ufficiale Facebook un video girato ieri in occasione dell’inaugurazione del Gay Village Farm 2015, di cui è stata madrina. Lì sul palco del Parco del Ninfeo di Roma, con accanto la vincitrice della sua Isola dei Famosi 6, la conduttrice ha svelato la notizia, dando anche qualche anticipazione sul ruolo della giurata d’eccezione:

“Tu sarai una delle giurate di Miss Italia 2015. A settembre ci saranno tre giurati ed una delle giurate, che avrà anche in mano dieci delle trenta ragazze finaliste sarà Vladimir Luxuria!”.

Miss Italia 2015: i giurati saranno coach

Un meccanismo diverso, dunque, che vedrà i giurati in vesti di coach e che potrebbe portare quella ventata di novità che ci si aspettava (ma che non è ancora arrivata) con il passaggio della manifestazione a La7: l’edizione 2014, pur essendo stata di gran lunga superiore alla prima infelice esperienza sulla rete di Urbano Cairo (condotta da Cesare Bocci, Massimo Ghini e Francesca Chillemi), ha lasciato a desiderare quanto ad annunciate rivoluzioni. L’arrivo di Luxuria, che ha garantito che “non avrò peli nè sulle gambe nè sulla lingua e farò lo scanning di tutte le ragazze per capire quali sono i vizi e quali sono i pregi” potrebbe essere il quid che mancava. Ma cosa ha spinto l’ex parlamentare a cambiare idea e a “fare pace” con la Ventura, con la quale l’anno scorso riguardo al concorso ci fu un po’ di maretta?

Miss Italia 2015: le trans potranno partecipare?





7
aprile

DM LIVE24: 7 APRILE 2015. MISS ITALIA 2015 IL 20 SETTEMBRE SU LA7

Miss Italia - Clarissa Marchese

Miss Italia - Clarissa Marchese

Miss Italia 2015: finale il 20 settembre su La7

Sarà assegnato domenica 20 settembre a Jesolo il titolo di Miss Italia 2015; la Finale, prodotta da Magnolia, sarà trasmessa per il terzo anno da La7, preceduta da due Anteprime: l’ha reso noto Patrizia Mirigliani nel corso della riunione dei venti ‘agenti’ regionali del concorso riuniti nell’Hotel Excel a Roma. Le prefinali nazionali inizieranno il primo settembre.

Miss Italia 2015 non sarà scelta soltanto dal pubblico tramite il televoto poiché è allo studio un altro sistema di votazione.

Mentre in queste giornate prendono il via le selezioni nelle regioni, le ragazze iscritte sono già tremila (2896 per la precisione).

“Il concorso è la manifestazione della Bellezza italiana – ha detto la patron illustrando il programma – e la Bellezza, insieme alla Personalità, è al primo posto; le capacità individuali delle ragazze ed ogni loro espressione artistica costituiscono un valore aggiunto.

Miss Italia del resto, senza etichette, si è rivelato il vero ‘Talent’ fin dalle origini, anzi il ‘format nazionale della recitazione per eccellenza’, una sua specializzazione, un marchio di fabbrica.


19
settembre

DM LIVE24: 19 SETTEMBRE 2014. GAFFE DE LE IENE: PRENDONO IN GIRO MISS ITALIA MA FANNO LO STESSO ERRORE DURANTE LA PUNTATA

Iene - Errore

Iene - Errore

Le Iene prendono in giro Miss Italia ma…

Le Iene prendono in giro Miss Italia Clarissa Marchese per aver scritto su FB “C’e l’abbiamo fatta”. Ma non si sono resi conto che hanno fatto lo stesso errore nei sottotitoli di un servizio della puntata in cui hanno scritto “C’è n’è”.

Rai4: proteste per Dexter

DON IVANO ha scritto alle 01:29

Sulla pagina FB di Rai 4 si stanno lamentando della messa in onda di DEXTER piena di tagli, cosa mai accaduta per tutte le altre stagioni. E dato che una replica è programmata a ridosso dell’una di notte (si spera integrale), è un colpo basso per il canale, che a quanto pare sta prendendo una piega diversa e negativa.

Pasion Prohibida cambia ancora orario


15
settembre

MISS ITALIA 2015 CONTINUA PER LA7 E SIMONA VENTURA. E PER MAGNOLIA?

Miss Italia 2014 - Killa - Ventura -Clarissa - Mirigliani

Miss Italia 2014 - Killa - Ventura -Clarissa - Mirigliani

Rivoluzione o maledizione? Ogni edizione di Miss Italia non sarebbe tale se non fosse caratterizzata dalle tradizionali buone intenzioni: “quest’anno la kermesse cambia” e via discorrendo. Parole, parole, parole che hanno il sapore della ‘pace nel mondo’ delle miss e che, puntalmente, non si traducono in fatti. Il concorso di bellezza finisce puntualmente per rimanerne travolto e ingabbiato in un meccanismo che ripete sempre se stesso. Un “eterno ritorno” al quale, ahinoi, non si sono sottratti nè Simona Ventura nè soprattutto Magnolia.

Miss Italia 2014: quali erano le novità?

Nella serata che ha portato all’incoronazione Clarissa Marchese, non abbiamo scorto nessun elemento di innovazione o di originalità che rimarcasse la tanto strombazzata nuova veste di Miss Italia. Fatto grave. Perchè se lo scorso anno le tempistiche erano risicate e, più in generale, la situazione sfiorava quasi il dramma, quest’anno la celebre casa di produzione ha avuto tutto il tempo necessario per mettere in piedi una Miss Italia rinnovata. Opportunità (mancata) che non solo avrebbe portato lustro alla società guidata da Leonardo Pasquinelli, ma avrebbe anche appagato il palato del pubblico che continua a nutrire interesse per la kermesse. A prescindere da tutto.

Se a ciò s’aggiungono i presumibili problemi organizzativi, visto che l’elemento talent è scomparso in corso d’opera, cambiando il regolamento a poche ore dall’inizio, il quadro è decisamente poco entusiasmante. Così come poco entusiasmanti sono stati i filmati introduttivi delle Miss (li abbiamo già visti nelle recenti edizioni di Frizzi), le pseudo coreografie iniziali o la divisione in categorie. Forse un elemento degno di nota c’era: Sandro Mayer che, in piena sintonia con i proclami della vigilia, spingeva le Miss a mettere da parte l’imperante buonismo. Peccato, però, che venisse visto quasi come un marziano, con la Ventura, troppo presa dall’infinita scaletta, pronta a troncare ogni polemica, e le ragazze, incapaci di confutare lo stereotipo delle Miss.

A cambiare sono state le uniche cose che avremmo voluto non cambiassero: la carrellata iniziale di presentazione delle Miss (bisogna pur farle vedere per bene) e la scalata finale alla Corona. Non si era mai visto che da cinque Miss finaliste si passasse immediatamente alla vincitrice; qualsivoglia intoppo organizzativo non spiega una scelta ammazza pathos come questa, che impedisce al pubblico di conoscere (o meglio ricordare) l’identità della futura ‘reginetta di bellezza’.

Simona Ventura ha dato ritmo anche se…