4
ottobre

SE PIPPO NON VA IN PENSIONE, CHE LA PENSIONE VADA DA PIPPO

Pippo Baudo

Da un paio di giorni rimugino su quello che ha detto Pippo Baudo dalla Gruber rispetto alla Dandini, alla sua situazione professionale e al suo rapporto con la Rai. Sono tante le cose che mi verrebbe voglia di dire ma ce n’è una che vince su tutte ed è il fatto che alla lamentela di Pippo nessuno ha opposto l’unica vera obiezione che andrebbe fatta e, cioè, che l’anchorman siciliano ha 75 anni e più di trent’anni di onorata carriera alle spalle e che, forse, è arrivato il momento di mettersi da parte.

E non lo dico a Pippo in quanto tale ma penso a tutti quelli che, ormai in pensione, dovrebbero lasciare il posto a chi viene dopo di loro. In Italia, allo stato attuale, sono a malapena arrivati da qualche parte i cinquantenni, figuriamoci quando arriveranno mai i quarantenni e, quando sarà il momento di chi, oggi, ha vent’anni o meno, le speranze di trovare un posto al sole sono praticamente pari a zero. Non ho niente contro Pippo Baudo, lo rispetto e rispetto il suo lavoro ma credo anche che abbia fatto il suo tempo e che sia arrivata l’ora in cui i network, invece di pensare ad un programma adatto a lui, comincino a pensare a come e dove trovare dei talenti che, nel tempo, facciano una carriera come quella di Pippo.

Baudo ha un contratto con la Rai fino ad agosto prossimo. Quanti possono vantare la stessa fortuna? Siamo tutti, come si dice a Roma, co na scarpa e na ciavatta, senza contratti sicuri, precari probabilmente a vita e costretti ad una concorrenza che, quando Pippo ha iniziato, nemmeno se la sognava. E io dovrei dispiacermi perché lui è un vulcano di idee ma non è messo nelle condizioni di realizzarle? Al limite posso avere empatia con lui ma senza la minima preoccupazione. Sapete quante persone conosco che sono un vulcano di idee e che consumano la suola delle scarpe in giro per produzioni nella speranza che qualcuno li stia almeno a sentire? Ne conosco troppi, è questo il problema. Non saranno tutti dei geni, d’accordo. E qualcuno probabilmente dovrebbe pensare ad un piano B per il futuro, ma molti sono persone in gamba a cui dovrebbe essere data una possibilità. Sono persone, e mi ci metto nel mazzo, che non avranno mai una pensione e che dovranno lavorare finché campano.

Qualcuno potrebbe obiettare che Baudo ha avuto successo per anni e che, solo per questo, bisogna continuare a farlo lavorare ma rispondo che non mi interessa quanto bene abbia fatto lui a questo mestiere e alla Rai, ma ciò che mi preme è quanto bene potrebbero fare quelli che, a differenza di Pippo, non hanno né contratti né pensione. Lui ce l’ha e probabilmente è anche una signora pensione. Se la godesse, allora, la sua pensione e si godesse il meritato riposo dopo la brillante carriera. E la pensione se la godessero pure tutti quelli che ce l’hanno ma ancora hanno contratti favolosi in Rai.

Nessuno di questi signori ha lavorato pensando al futuro di quelli che venivano dopo ma hanno pensato solo a sé stessi seguendo la logica dell’egocentrismo e non la logica della continuità. È il grande problema di questo Paese il fatto di non aver saputo crescere una classe dirigente degna di questo nome. L’età media si è alzata e, mentre una volta a quarant’anni si aveva una carriera, una casa di proprietà ed una famiglia, oggi a settantacinque si è ancora ragazzini e, a quarant’anni, sei considerato un pupo in età scolare e, se vuoi anche metter su famiglia, sei un pazzo visionario.

Io li rispetto questi signori e da loro ho imparato tanto, ma è ora che si mettano da parte e che la smettano di lagnarsi davanti ad una telecamera (beati loro che possono farlo). Se hanno tante idee strabilianti che le mattano al servizio di qualcun altro, qualcuno che, magari, con queste grandi idee possa davvero costruirsi un futuro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pippo Baudo, Otto e mezzo
PIPPO BAUDO SHOW A OTTO E MEZZO: “CI VUOLE TV DI CLASSE. IL DIVANO DELLA DANDINI CHE FORMAT E’?”


Otto e Mezzo, Giovanni Floris
Otto e Mezzo: Lilli Gruber è al gruppo Bilderberg. Floris la sostituisce


Salvini, Gruber
Salvini: «Non ho voglia di andare dalla Gruber ma mi tocca». La conduttrice: «Resti a casa o al Ministero»


Giorgia Meloni, Otto e mezzo
La7, scontro Gruber-Meloni. «Le tolgo l’audio». «Devo stare zitta così fate il comizio?» – Video

53 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. Curiosity ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:03

Vediamo, Baudo che fastidio ci dà? Di fatto è già stato messo ai margini della tv, quindi non ruba il posto a nessuno fondamentalmente.
In pensione non ci vuole andare? Lo credo bene, anche Rocco Siffredi probabilmente finchè gli tira in pensione non ci và. Insomma non è che lavori in miniera, il suo è un bel lavoro, poco faticoso, ben retribuito etc etc
Anche Mike ha lavorato fino alla morte, e lo stesso Costanzo ha sempre detto che il massimo sarebbe morire sul palco dopo aver detto “sipario!”.
Quindi non capisco perchè accanirsi contro di lui. Ora io voglio dire, a me Facchinetti è simpatico, ce l’ho anche come amico su FaceB figurati.
Però insomma chiediamoci piuttosto se non sia giusto risparmiare soldi, piuttosto che darli a lui (che floppa ad libitum) ed alla produzione dei suoi programmi.
Mentre Baudo è nato e cresciuto facendo sto lavoro e sà (sapeva) fare solo questo, Facchinetti di vie di fuga ne ha ajosa!



2. Ale ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:17

Forse la cara Camilla, che scrive questo blog, dovrebbe informarsi meglio sulle persone di cui va a scrivere prima di attaccarle.
Pippo e’ “la televisione”, amatissimo dal pubblico televisivo, ha fatto programmi con ascolti paurosi che ora se li sognano; ha fatto dei Sanremo negli anni 90 indimenticabili, ha fatto dei “FANTASTICO” bellissimi con ascolti superiori ai 14 milioni per non parlare delle Domenica In, il preserale “LUNA PARK” e mooolto altro ancora.
Lui stesso ha ammesso che il non lavorare per lui significa stare male e visto che ha un contratto con la RAI di 1 anno, perche’ non affidargli qualche trasmissione??? Meglio far lavorare Facchinetti che produce solo flop?? meglio far lavorare la Clerici e Conti che hanno sempre piu’ di un programma in onda contemporaneamente?? Persone come Baudo, la Carra’ che rappresentano la storia della televisione, secondo me dovrebbero sempre avere una trasmissione da condurre perche’ loro la televisione la sanno fare a dispetto di altri.



3. Superpippo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:20

Mio padre (deceduto purtroppo venti anni fa) lo ha sempre chiamato Pippo M…a, idem per me…



4. rocco ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:22

Ti puo’ sembrare strano, ma circa qualche minuto fa, ho finito di vedere la trasmissione su La7tv in cui era ospite Pippo dalla Gruber. Prima di tutto, vorrei dire che e’ bello che La7 dia la possibilita’ di vedere i suoi programmi ritrasmessi a noi italiani all’estero, mentre altri canali, come la Rai, non ce li fa vedere. Per chi vive fuori dal Bel Paese avere un legame con l’Italia, televisivamente parlando, e’ molto importante, anche se poi alla fine quegli show risultano molto noiosi.
Ritornando a Pippo io sono cresciuto con la sua televisione, pulita, professionale, e ben fatta. Le sue domeniche in.., i suoi Fantastico, Numero 1, Serata d’Onore, San Remo, etc. etc. Ho un ottimo ricordo di Pippo e di come trattava i giovani nei suoi show. Li esaltava proponendoli gia’ come dei big. E big diventavano perche’ non erano improvvisati ma passati attraverso il suo occhio critico di grande scopritore di talenti e sensore dei gusti del pubblico.
La trasmissione della Gruber con lui ospite mi ha lasciato una sensazione di serenita’. Ho preso il pc me lo sono portato in cucina mentre cucinavo ascoltavo Pippo nazionale parlare. Per evitare di disturbare le sue parole, quando lui parlava cercavo di non fare rumore e con le mani bagnate sono andato verso il pc per alzare il volume. L’ho trovato bene in salute. Un po’ troppo truccato. Fino alle sopracciglie. Il malore mi e’ sembrato un ecamotage per far parlare di se’. Da quello che ha detto presto lo rivedrete in video, per voi in Italia. Spero di poterlo seguire anch’io. Sara’ vecchio, ma a me piace e dato che la Rai ha un ventaglio di rete cosi’ ampio, non capisco perche’ non lo mettano a fare qualcosa. Magari il direttore di qualche rete, giovane. Questi vecchi hanno tanto da insegnare e pertanto teniamoceli stretti. Un saluto.



5. Max Paris ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:24

Concordo pienamente con l’articolo. Pur considerando Baudo uno di quei pochi conduttori che, avendo una buona cultura, potrebbero spaziare nei più svariati programmi, effettivamente penso che sia giusto iniziare a dare credito alle “nuove leve”. E’ anche vero che in tv sono pochi i talentuosi e finchè verranno acquistati format tutti uguali, spazio per le nuove idee ce ne sarà poco.
Le lamentele di Baudo iniziano ad essere eccessive, ma è il classico atteggiamento di chi arrivato ad una certa età non si vuole rassegnare al fatto che il tempo passa e che bisogna mettersi da parte…altrimenti rischi di essere patetico e di perdere credibilità. Pippo…goditi il relax e pensa alla salute!!!!



6. erodiochannel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:28

Non avrei mai pensato di poter leggere un articolo simile su un blog serio ed importante come questo.
Pippo puo’ piacere o meno, ma questa avversione verso questi “vecchi” professionisti della tv e’ tutta italiana. Non c’e’ peggior cosa di diventare vecchi in questo paese… probabilmente e’ meglio che Corrado (morto a 75 anni) se ne sia andato… si e’ risparmiato un articolo del genere!



7. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:32

nonostante creda che Pippo sia uno dei pochi conduttori veri della TV italiana, concordo con l’articolo. Soprattutto per la prima parte del mio commento.



8. EmilioZ ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:38

Articolo pretestuoso.
Perchè questo trattamento a Baudo,quando di “vecchi” in tv c’è ne sono tanti avanti e dietro le telecamere.
Dato che ci siete dedicate un bel articolo a Costanzo (è anche più vecchio !!!),a Guardì e la lista potrebbe continuare a lungo.



9. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:50

mamma mia ragazzi, quante menate…pippo può benissimo stare dietro le quinte, può, con la sua esperienza, insegnare tanto a dei giovani conduttori che, ahimè, non ci sono ancora.

Non è un articolo irrispettoso, dai! E anche se fosse, Pippo non è di certo una persona intoccabile.



10. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:55

Tanto per chiarire, io non ce l’ho affatto con gli anziani nè di questo paese nè di altri.. me la prendo con il nostro sistema che sacrifica i giovani.. e non solo in questo mestiere.. Non so se qualcuno di voi ha visto Presa Diretta l’altra sera. Se non lo avete fatto vi invito ad andarlo a vedere.. è deprimente la condizione professionale di chi fa il nostro mestiere. In questo paese c’è una notevole resistenza all’innovazione e siamo indietro di almeno 5 anni rispetto al resto dell’Europa. La situazione di Pippo non è altro che la cartina tornasole di una situazione che, da troppo tempo ormai, è sotto gli occhi di tutti.. Non dimentichiamoci, poi, che la Rai è il pubblico e molte delle persone che sono state nominate nei commenti non hanno pensioni Rai, quindi pubbliche. Per il resto, è giusto che ognuno abbia le proprie opinioni, che rispetto ed ascolto, perchè di imparare non si finisce mai..



11. mats ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 14:57

Mi trovate dei nuovi conduttori? La metà dei volti giovani della tv sono prestati da cinema e musica



12. wilma n. ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:02

a me baudo non dá fastidio lui é stato la televisione italiana, io preferisco vedere vespa in pensione che é un insetto di grande fastidio!!!!!



13. Davide Maggio ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:08

Ale: forse la cara Camilla è più che informata visto che, in quanto figlia di Maurizio Costanzo, è cresciuta a pane e televisione.



14. luke ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:17

Mi spiegate il senso di questo articolo?
Buttiamo via la carriera di Pippo Baudo in 5 minuti?
Largo ai giovani? Chi sono i conduttori di oggi, chi merita di stare davanti a una telecamera?
Non mi fate bestemmiare va!



15. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:21

camilla: l’ho visto, e, ti assicuro, che è stato davvero deprimente!



16. Ariel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:30

Anche la Camilla Costanzoquindi si inserisce tra i precari lavorativi,visto che dice”Siamo tutti, come si dice a Roma, co na scarpa e na ciavatta, senza contratti sicuri, precari probabilmente a vita e costretti ad una concorrenza che, quando Pippo ha iniziato, nemmeno se la sognava.”
facile a dirsi quando tuo padre,e la tua matrigna,sono tra i personaggi piû ricchi e potenti della televisione italiana!
non mi piace Baudo ma nemmeno i falsi moralismi dettati da persone che nemmeno sanno cosa realmente significhi arrivare a fine mese!!!



17. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:43

Semplicemente non mi piace l’articolo.
Mi verrebbe da dire che anche altri , probabilmente, arrivati ad una certa età dovrebbero andare in pensione…
Ma non voglio fare una facile polemica



18. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:50

Caro Ariel, eppure è così.. non tutti scelgono la strada più facile e anche io appartengo a quella categoria.. ognuno di noi ha un’etica personale che segue e rispetta per tutta la vita.. anche io ho la mia. Ognuno di noi ha una storia da raccontare e tutte le nostre storie sono degne di attenzione e rispetto.. Non giudico Baudo ma il sistema produttivo italiano. Giudico il clientelismo e l’atteggiamento mafioso di molti. A testa alta ti dico che quello che ho fatto l’ho fatto da sola pagandone anche le conseguenze. Essere figli di qualcuno di importante non sempre ti semplifica la strada e mio padre, con tutti i difetti che può avere, a me non l’ha mai semplificata. Sono sempre e comunque dalla parte di chi fa fatica, di chi lavora, di chi crede nei propri sogni. Perchè io sono fra questi. Che tu ci creda o meno..



19. Vincenzoo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:51

Mi trovo perfettamente d’accordo con l’articolo, e faccio ancora una volta i complimenti a Camilla (l’altra volta non ricordo su quale articolo te li feci :D ).

Questi personaggi di una certa età vogliono ancora dare qualcosa, ma non si rendono conto che la tv è cambiata, che i programmi vanno bene per un anno, mentre l’anno dopo iniziano a scricchiolare? Se questi “vecchietti” non si decidono di farsi da parte (vale non solo in questo caso, ma in tutti i settori), come possono trovare spazio i giovani, che già sono penalizzati dal fattore crisi, che non “permette” più di investire, ma di rendere su quello che si ha…
Quindi, cari anzianetti, godetevi la pensione (nel caso di Baudo, che pensione!), iniziate a mettervi voi da parte, qualcuno dovrà pur cominciare, altrimenti rimarremo sempre in questa situazione di “stallo”.



20. Antonello ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:51

Vi leggo da anni ma non ho mai voluto scrivere nulla fino ad adesso……sono davvero scoraggiato…….se anche la figlia di costanzo dice che non vedrà mai una pensione e dovrà lavorare a vita, noi poveri comuni mortali che futuro dovremo aspettarci?
L’avesse scritto Tracà, Fabbrini o qualcun altro dei meravigliosi redattori l’ avrei anche capito e apprezzato questo articolo, ma scritto dalla figlia di un milionario, che si finge precaria, no. Anzi, mi infastidisce!
i veri precari siamo noi che lavoriamo in un centralino a 500 euro al mese per 9 ore al giorno,non una ragazza che di cognome fa Costanzo e potrà contare, in un futuro, su milioni di euro e proprietà immobiliari che ,almeno io,solo vincendo al superenalotto,forse,potrei possedere!



21. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:57

Antonello, la risposta che ho dato ad Ariel vale pure te.. ognuno ha la sua storia e se non la si conosce come si può giudicarla? vedi.. se fossi stata Tracà, Fabbrini o un altro redattore andava bene il mio post.. siccome mi chiamo Costanzo non va.. interessante prospettiva questa..



22. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 15:57

Camilla, non vorrei che tra un po’ dobbiamo venire a consolarti e supportarti perchè francamente la cosa diventerebbe un po’ surreale.
Io non ti conosco, non so cosa tu faccia e cosa abbia fatto da sola con le tue forze però conosco tante persone che a fine mese stentano ad arrivare dopo aver preso anche una Laurea..



23. Ariel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:02

Sono una ragazza,mi chiamo Silvia :)
Nessuno mette in dubbio la rua onestà e il tuo spirito di sacrificio,che sara’ di sicuro superiore al mio….ma permettimi di dirti che, tra me e te, nonostante la si voglia mascherare, esiste ed esisterà sempre un enorme divario….io povera lavoratrice precaria,che forse nemmeno vedrômai la pensione per davvero, te resti comunque una ragazza con solidi valori ma con una grossissima spalla forte a livello economico!
Se io fra 1 mese vengo fatta fuori dal mio lavoro, non so se il mese dopo posso ancora dar da mangiare a mia figlia, pagare l’assicutazione dell auto o pagare la retta per la mensa della bimba.
io credo che tu di questi problemi non ne abbia, e mai ti auguro di averli,perché credimi che é brutto! Condivido al 100% il tuo pensiero,ma non credo che il problema sia solo Baudo….allarghiamo a tutti i vecchi della tv il pensionamento,e lasciamo spazio ai giovani!
Sono solo rimasta scioccata nel leggere che anche tu ti preoccupi di dover lavorare a vita per ricevere, forse, una pensione.
Non credo sia quella che realmente risolverebbe la tua vita.
Non prendiamoci in giro!
Con affetto.



24. Vincenzoo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:02

Leggo alcuni commenti e resto basito… anche per queste vostre ideologie siamo ridotti a questo… probabilmente chi commenta così sono anche loro persone di una certa età… io ho 20 anni, sogno un gran futuro (e mi auguro che accadrà), ma vedo tanti miei amici che tentano di andare a lavorare in qualche azienda, ma non vengono assunti, perchè c’è crisi e ci sono tanti lavoratori che già stavano prima… vai a vedere chi sono questi, e sono tutte persone che già sono nell’età pensionabile… Se penso che il mio obiettivo deve essere appannato da un vecchio che ha l’età per andarsene e non se ne va, mi vengono i brividi e mi viene da riflettere…

Poi questi attacchi verso la Costanzo, solo perchè è la figlia del grande Maurizio (lui si che dà spazio ai giovani, basta vedere i suoi programmi recenti), li trovo davvero ridicoli e offensivi.



25. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:03

Il fatto che tu non mi conosca e non sappia niente di me non ti dice niente? non chiedo consolazione ma mi piacerebbe che ci svegliassimo tutti.. insieme si possono fare molte cose.. da soli pochine assai..



26. Ariel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:07

Caro vincenzoo,trovo ridicolo e offensivo piangere per una pensione che non si avrà mai quando sei figlia di un miliardario!!! Smettila di fare il lecchino e capisci cosa ho voluto dire!!!



27. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:10

Cara Silvia, è proprio perchè capisco e sostengo chi è nella tua situazione, che ho scritto questo post.. che differenza fa di chi sono figlia? dovrei, data la mia nascita, fregarmene e ignorare quello che sta succedendo nel nostro paese oggi?



28. Camilla Costanzo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:13

comunque sapere che c’è? se proprio voi che siete giovani e che potreste cambiare qualcosa, vi preoccupate solo di chi abbia scritto un post, vuol dire che davvero non c’è speranza.. continuiamo a piegare la testa e a pagare per chi un lavoro già ce l’ha e la pensione pure..



29. Ariel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:14

Ti ringrazio ed io ho approvato e apprezzato il tuo post! Mi ha solo turbato la storia della pensione,tutto qui….siccome non credo di essere l’unica in questa situazione! Comunque,non voglio continuare polemiche che non portano a nulla,ho solo esposto un mio pensiero…



30. Vincenzoo ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:15

Ariel non mi riferivo solo al tuo commento, ma anche a quello degli altri.
Se leggi bene l’articolo si riferisce a Baudo e alla possibilità (quasi nulla) che i giovani facciano carriera sin da giovani perchè bloccati dai vecchietti… tu sei partita sparata con i tuoi problemi (che non sono solo i tuoi, ma quelli della maggior parte degli italiani) per attaccare una persona (guarda caso, è la figlia di Maurizio Costanzo) che ha semplicemente scritto un articolo, su delle cose giuste!

Non stò facendo il lecchino, ho solo espresso il mio pensiero che è in linea con quello della Costanzo e gli ho fatto i complimenti per come è stato scritto l’articolo… Tu invece hai gettato fango addosso ad una persona, solo leggendo il cognome….



31. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:16

io leggo tanta, ma tanta invidia in molti commentatori. Peccato.



32. Marco ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:22

Camilla tu dici di pensionare Baudo per far largo ai giovani e chi sono questi giovani??
Facchinetti, la Balivo, la Bianchetti, Danele Battaglia????
Quali sono queste nuove leve che sono in grado di fare cio’ che ha fatto Baudo per la televisione???
Quali sono queste persone che hanno idee strepitose come quelle che Baudo ha avuto per fare i suoi Sanremo, le sue Serate d’Onore, i suoi Fantastico???
Scusami tanto ma io non ne vedo, gente con idee non ne trovo ed i programmi ormai sono tutti uno la copia dell’altro.



33. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:23

( Davide, hai fatto male a presentare Camilla. Perchè oltre a non piacermi l’articolo poi mi ha dato fastidio altro :-) )
Tornando all’articolo che praticamente invita Baudo a farsi da parte per lasciar spazio ai giovani pieni di talento e volontà, inviterei Camilla a chiedere al padre come funziona il mondo della tv oggi.
Intanto noi profani osserviamo i presentatori d’oggi “ricchi di talento” come Facchinetti, Papi, Insegno, D’Urso, Mammucari, mentre prima c’era gente come Baudo, Corrado, Vianello, Tortora, Buongiorno.
Forse non abbiamo guadagnato in qualità e tuo padre ti dirà certamente che in tv lavora chi ha un buon agente ( presta?) che ti piazza ovunque anche se floppi 15 programmi o se sei amico del direttore o sei hai altri agganci politici. ( in Rai soprattutto ma anche altrove)
Non parliamo di giovani autori che magari hanno brillanti idee ma che non vengono considerati di striscio se non hanno mezzo sponsor alle loro spalle e lavorano sempre i soliti noti salvo poi soprire che non inventano nulla e che ultimamente si sforzano solo di copiare altri programmi.
Potrei andare avanti ma mi fermo. Come è evidente il problema non è lasciare un programma in seconda serata ad un monumento della tv come Baudo che potrebbe dare lezioni ancora oggi a tanti..ma è modificare tante ragnatele clientelari che stanno soffocando la creatività e quindi la tv stessa ( la gente sta fuggendo dalle generaliste. Quando lor signori se ne accorgeranno sarà troppo tardi perchè loro son impegnati a piazzare i loro pupilli)



34. Ariel ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:34

Caro vincenzoo , io non ho buttato nessun fango addsso a nessuno,in quanto non é nella mia politica infangare le persone!
Ripeto, sono d’accordo su quello che dice la Camilla, ma l’ultima parte del suo post, quella in cui scrive che dovrà lavorare una vita per ricevere,forse,una pensione…ecco,quella parte,secondo me,si poteva evitare.
E’ forse gettare fango su di una persona non essere d’accordo con il 3% del suo post?
credo che la bravissima Camilla non avrà problemi in vita sua anche senza pensione, secondo me se la cava lo stesso :)



35. marcko ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:34

non capisco, si giudica un articolo solo in base da chi è stato scritto???



36. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:39

marcko
ma no. Dopo lo shock iniziale ( :-D ) siam tornati a discutere dell’articolo



37. Andrea80 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:45

CAMILLA FOR PRESIDENT….
E’ da una vita che ribatto sul fatto che Pippo Baudo debba andarsene in pensione, chiudendo in maniera dignitosa la sua eccellente carriera…
Purtroppo non capisce che si sta rendendo oramai patetico oltre ogni limite, attaccando tutto e tutti e ritenendo di essere il possessore assoluto della verità (televisiva e non)



38. Davide Maggio ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:48

Pippo76: io preferisco sempre e comunque la chiarezza. D’altro canto noi ci abbiamo sempre messo la faccia prendendoci qualunque tipo di responsabilità. Anzi, a questo punto vi racconto una cosa. Quando Camilla inviò il suo CV per scrivere su DM, io rimasi un attimo perplesso (feci, in sostanza, tra me e me, le stesse considerazioni che qualcuno di voi ha fatto. Mi chiesi: “proprio da me vuole venire a scrivere con tutte le possibilità che ha?”). La chiamai e, prima di tutto, le chiesi se fosse la Costanzo che immaginavo. Dopo aver parlato con lei (che, sottolineo, scrive su DM a titolo gratuito) parlai di questa ‘bizzarra’ candidatura sia con Maurizio che con Maria (se ne presentò l’occasione). Risposta di Maurizio che non dimenticherò: “la metta alla prova. Mia figlia, sotto pressione, dà buoni risultati”. Fate le vostre considerazioni.



39. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:53

Ho capito Davide.
La mia era una via di mezzo tra una battuta ed una mezza verità.
Siccome pure io preferisco la chiarezza, posso tranquillamente dire che quest’articolo si potrebbe scrivere per Baudo come per Costanzo alla fine…



40. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:55

Scusa DM, perchè non sono certamente fatti miei ma mi prendo la libertà di dire una cosa.

Il dover dare delle spiegazioni al fatto che quest’articolo l’abbia scritta “la figlia di costanzo” mi mette tanta tristezza. Non per te, sia chiaro…è come se bisogna giustificare qualsiasi cosa, perchè “lei non può dire come ci si sente senza soldi alla fine del mese perchè erediterà un patrimonio milionario”, ma scusate, chissenefrega? Anzi, se è per questo, beata lei.

Io trovo questo articolo molto interessante (tant’è che poi nei commenti si è ricollegata con il servizio di presa diretta di domenica, che mi ha sconvolto, anche se fino ad un certo punto), e sono cose che in gran parte condivido, l’avesse scritto anche il papa o la regina d’inghilterra. Ma che differenza fa se la scrive la figlia di costanzo o la figlia di un operaio, me lo spiegate per favore? No, perchè io non ci arrivo.



41. Davide Maggio ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 16:56

MisterGrr: infatti mette molta tristezza anche a me.



42. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:00

Mister, non ho capito perchè ti sei intristito.
Io non ho chiesto spiegazioni. Ho fornito una mia riflessione.
Siccome dopo un paio di commenti abbiamo superato il fatto dei nomi e cognomi, non vedo perchè insistere.
Ariel ha spiegato la sua motivazione. Io ho spiegato il mio fastidio, principalmente per l’articolo.
Possiamo andare avanti..?



43. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:05

Ma che differenza fa se la scrive la figlia di costanzo o la figlia di un operaio, me lo spiegate per favore?
—–
Te lo devo spiegare?
Un articolo del genere, molto spigoloso su Baudo, prende una certa connotazione se a scriverlo è la figlia di Costanzo rispetto al fatto che lo scriva una operaia o se lo scrive uno studente universitario.
Mi pare anche logico..



44. MisterGrr ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:05

no, Pippo, non è il fatto di insistere anche perchè non è stato fatto: è l’idea stessa del giudicarla come figlia di costanzo che mi dà tristezza e fastidio.



45. marcko ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:06

@ DM
perkè la costanzo non percepisce un euro?
non sarà ke gli autori dei post lavorano gratis ??? :-O

(anke tu col braccino corto… come se la paga la pensione se lavora a gratis…..) :-P



46. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:12

Questo è il mio ultimo commento sulla questione :-)
—–
“è l’idea stessa del giudicarla come figlia di costanzo che mi dà tristezza e fastidio.”
Allora te lo spiego meglio ed in maniera più chiara.
Ho letto l’articolo su Baudo e non mi è piaciuto perchè Baudo ha dato tanto alla tv ed alla Rai ed è sicuramente meglio di tanti presentatori in giro.
Poi dopo aver saputo chi era Camilla mi saltato in mente un
“da che pulpito viene questa predica”.
Ariel ha fatto un tipo di discorso, il mio era leggermente diverso..



47. Davide Maggio ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:13

marcko: specificato proprio perche’ e’ un’eccezione.



48. serio ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:18

articolo di cui non condivido granchè anzi quasi per nulla, molto demagogico e tirato via, senza tenere conto di chi si sta parlando, sono d’accordissimo sul fatto che “siamo un paese per vecchi” ma baudo piaccia o non piaccia (ed evidentemente alla famiglia costanzo piace poco) è l’ultimo ancora in vita dei grandi che hanno fatto la storia della televisione pubblica, merita di lavorare primo per ciò che rappresenta, secondo per una professionalità e una “etica” televisiva difficilmente riscontrabili nella tv di oggi, terzo e non ultimo perchè nelle ultime uscite e dalla gruber l’ho trovato ancora in grande forma (e detto senza polemica, molto più in forma di costanzo senior).

In generale quello che non torna del ragionamento è che se baudo pure va in pensione non è che al suo posto arrivi un giovane di talento o dalle mille idee, al massimo viene sostituito dal solito raccomandato, miracolato da reality, figlio di (alla dj francesco) o amico degli amici…



49. ale ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:19

la questione non è se lei può vivere anche senza lavorare o meno perchè suo padre è ricco e famoso la questione è che lei attacca baudo e lo invita a lasciare il posto ai giovani mentre suo padre lo scorso anno occupava il posto di un eventuale giovane con risultati disastrosi dal punto di vista degli ascolti
non vorrei che si facesse prima a vedere la pagliuzza negli occhi di baudo che la trave in quelli di suo padre( e pure della sua matrigna che occupa una fascia assai vasta di palinsesto)



50. Pippo76 ha scritto:

4 ottobre 2011 alle 17:23

Ale forse ha spiegato meglio quello che volevo dire



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.