10
luglio

Tg La7: Mentana arriva e Piroso sloggia. (Forse) 3 milioni di euro la liquidazione

Enrico Mentana al TG La7

C’è un dato certo, quel 4,8% di share che il Tg di La7 diretto da Enrico Mentana ha toccato nell’edizione delle 20, eguagliando il record di Antonello Piroso. Poi ci sono le indiscrezioni, c’è il fantagiornalismo con le sue chiacchere, tutto sommato piacevoli in questo periodo estivo in cui, altrimenti, finiremmo a parlare sempre delle stesse cose, dall’esodo dei vacanzieri al caldone che soffoca le città (sai che notizie). A divulgare i rumors televisivi da tintarella ci ha pensato Dagospia, raccontando come sta cambiando La7 a partire dal suo Tg. Secondo il sito, Piroso avrebbe incassato 3 milioni di euro di liquidazione da Telecom, mentre Mentana starebbe cambiando le cose nella sua redazione, suscitando entusiasmi ma anche qualche piccola resistenza. Non tutti colgono al volo le novità.

La profumatissima liquidazione a Piroso, stando alla cifra emersa dalle indiscrezioni, però ci sembra esagerata, se non improbabile. L’ex direttore in maniche di camicia è un professionista che ha fatto crescere l’informazione di La7, ma suona strano che la parsimoniosa Telecom abbia sborsato addirittura 3 milioni di euro. Inoltre il giornalista, almeno per ora, collaborerà con l’emittente e continuerà anche (Ah)iPiroso, la sua rubrica all’interno di Omnibus. In autunno tornerà anche Niente di personale. In verità non sappiamo quanto realmente Piroso se la sia legata al dito. Da direttore delle news aveva più volte ironizzato sul fatto che lo avrebbero sostituito, ma era più una questione di scaramanzia. Poi, sostituito veramente, se n’era uscito con quella frecciata con cui paragonava se stesso all’innovativa Lady Gaga e Mentana a Madonna.

Chicco’s revolution. Secondo le indiscrezioni di Dagospia, Mentana (che dirigerà tutti gli spazi d’informazione della rete compreso lo sport) starebbe cambiando a sua immagine e somiglianza il Tg. In redazione, racconta il sito, tutti entusiasti: “Viva il direttore, viva il nostro grandissimo direttore!”, gridava Fantozzi in quel film. Eppure sembra che Mentana abbia invitato i suoi a rimanere coi piedi per terra. A Silvia Resta, cronista a cui Piroso censurò un servizio su Spatuzza che non prevedeva contraddittorio, Chicco avrebbe detto:”ricordiamoci che quando faremo un pezzo di mafia sentiremo Ciancimino Jr ma anche Dell’Utri”. Chicco ha poi annunciato di voler ridurre la durata del contratto di solidarietà imposto dall’azienda ai giornalisti e di voler trasferire alcuni colleghi nella redazione di Milano, suscitando alcune resistenze. Enrico “ghe pensi mi” Mentana, insomma, è lanciatissimo.

La prima grande innovazione La7 l’ha portata a termine, ora ci sono le naturali scosse d’assestamento. E’ evidente che il progetto dell’emittente sia ad ampio raggio e proseguirà nei prossimi mesi. Mentana, lo si vede, è a dir poco galvanizzato: ritornato in sella (con l’indispensabile benedizione di Berlusconi, annota pungente Dagospia) sa di poter raggiungere ottimi risultati e si sta impegnando sin da ora perchè questo accada. Anche Piroso pensa al futuro ma intanto batte cassa con la liquidazione. La7 cambia, un po’ già si sente.



Articoli che potrebbero interessarti


La7 Presentazione Palinsesti Enrico Mentana
AL VIA L’ERA MENTANA SU LA7: DA SETTEMBRE UN TG LIBERO. PIROSO METAFORICO: IO MADONNA, MENTANA LADY GAGA


Enrico Mentana- Daria Bignardi
ENRICO MENTANA: AI PRIMI DI LUGLIO SARO’ IL NUOVO DIRETTORE DEL TG LA7. BERLUSCONI MI VOLEVA PER UN NUOVO MATRIX


Enrico Mentana
MENTANA: “OGGI FIRMO”. CHICCO CONFERMA IL PASSAGGIO AL TG DE LA7


Enrico Mentana vendita La7
ENRICO MENTANA: SE MEDIASET ACQUISTASSE LA7 MI DIMETTEREI (VIDEO)

5 Commenti dei lettori »

1. IL MIO REALITY ha scritto:

10 luglio 2010 alle 16:29

Mi auguro che con l’arrivo di Mentana, e il necessario restyling della testata giornalistica de La7 (già piuttosto interessante), arrivino ascolti e pubblicità. Sogno una La7 al 5-6% con un Tg forte e programmi che oltre a fare tendenza (come di fatto accade per alcuni brand), possano “battere cassa” (ascolti=pubblicità).
Una La7 forte è tutto grasso che cola in un panorama televisivo asfittico dove domina un duopolio insensato e anacronistico.
In effetti, basterebbe davvero fare alcune mosse decise per aumentare gli ascolti del settimo canale nazionale: il mattino di Omnibus e delle altre rubriche riconducibili al brand ideato da Piroso tocca giornalmente punte del 5-6% di share. Basterebbe occupare l’intera fascia pre Tg con Omnibus e programmi di infotainment declinati su più temi per stabilizzarsi su questi share per almeno 5 ore di programmazione. (Idea: Omnibus life, Omnibus cousine – tematiche culinarie, Omnibus trends – nuove mode + (ah)I Piroso).
Al pomeriggio via il film delle 2: ci vuole un talk show alla Alda D’Eusanio, seguito da Atlantide e da un paio di serie televisive (almeno 4% di share).
Nel pre tg delle 20 inserire un talk con Geppy Gucciari (sulla falsariga dell’ottimo Geppy Hour di Sky).
Inoltre punterei su un paio di volti giovani e interessanti: Simone Annichiarico e Simone Rugiati.



2. SaraLurker ha scritto:

10 luglio 2010 alle 21:25

Io preferirei programmi di tendenza a non necessariamente di cassa.

Per evitare di adeguarsi al livello di spazzatura delle altre reti.

Mentana sa quello che fa e lo farà al meglio, ma tutta la questione Piroso non mi convince per nulla.



3. pier ha scritto:

10 luglio 2010 alle 21:44

Prima di fare figuracce, ti consiglio di aggiustare l’articolo…Piroso ha detto esattamente il contrario, lui è Madonna, mentre Mentana è l’innovazione di Lady Gaga XD



4. Zoro! ha scritto:

10 luglio 2010 alle 22:59

ma non ci credo, 3 milioni è davvero troppo come liquidazione!



5. monica ha scritto:

26 luglio 2010 alle 07:36

MA VAIME CI SARA’ NEL PALINSESTO ERA MENTANA?????



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.