23
giugno

L’ULTIMA PAROLA CANCELLATA? RAI2 SMENTISCE

Gianluigi Paragone

Come Santoro o Biagi? Non scherziamo, non ne ho la statura…“. Gianluigi non accetta il Paragone, di epurazioni non vuol sentir parlare. Eppure, secondo il sito del Fatto Quotidiano, qualcuno in Rai aveva ben pensato di cancellare dal palinsesto L’Ultima Parola, il suo talk show in onda il venerdì sera sulla seconda rete. Tra silenzi, smentite e dietrofront, ieri da Viale Mazzini hanno fatto sapere che il programma di Gianluigi Paragone ci sarà anche nella prossima stagione, ed una conferma ufficiale la si potrà avere già domani, durante la presentazione dei palinsesti autunnali 2013.

Attenzione, però. Una volta accertata la presenza del programma in palinsesto, sarà interessante vederne i contenuti. L‘inghippo, infatti, potrebbe nascondersi lì: sembra che qualcuno abbia chiesto a Paragone di lasciare da parte la politica e di trattare altre tematiche. Secondo il Fatto, gli artefici della manovra sarebbero stati alcuni esponenti del Pdl (tra cui Maurizio Gasparri e Paolo Romani), infastiditi dal registro anti-Casta adottato dal conduttore da un paio di anni a questa parte. Prima la chitarra, poi le voci indignate della piazza ed il pubblico parlante: la trasformazione de L’Ultima Parola e del suo conduttore è stata progressiva ed evidente, per qualcuno discutibile ma certamente in grado di regalare al programma ascolti notevoli e grande popolarità. Il tutto, (quasi) sempre in seconda serata.

Ora, sembra che qualcuno avesse davvero pensato di proporre a Paragone un altro programma, magari musicale o di costume. Un’idea a dir poco azzardata, televisivamente rischiosa: perché chiudere o modificare un format di successo, impoverendo così l’offerta informativa del servizio pubblico? Senza L’Ultima Parola, peraltro, l’unico talk show di Rai2 rimarrebbe Virus, il contagio delle idee, il programma affidato al bravo Nicola Porro (dal prossimo 3 luglio) ma ancora tutto da sperimentare. Perché caricare di una tale responsabilità il giornalista in arrivo da La7? 

E’ dunque auspicabile che la smentita di Rai2 trovi conferma e che il talk show di Paragone resti al suo posto. Domani, dopo la presentazione dei palinsesti, dovremmo saperne di più.

In ogni caso, a decretare il successo (o la cancellazione) di un programma dovrebbe essere in primis il pubblico, ed è curioso sentir parlare di presunte interferenze della politica in Rai proprio nei giorni in cui il neoeletto Presidente della Commissione di Vigilanza – il grillino Roberto Fico – ha promesso di estromettere i partiti dalla tv pubblica. Facile a dirsi, difficile a farsi: sembra che l’ultima parola vogliano averla sempre loro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Gianluigi Paragone
GIANLUIGI PARAGONE LASCIA LA RAI E APPRODA A LA7


Gianluigi Paragone
L’ULTIMA PAROLA: GIANLUIGI PARAGONE DA’ VOCE ALLA PIAZZA. “SARA’ UN TALK SHOW FUNARIANO”


l'ultima parola speciale
L’ULTIMA PAROLA: ROBERTO MARONI OSPITE STANOTTE A “POVERI NOI”


Gianluigi Paragone
L’ULTIMA PAROLA: NELL’ERA DEI TECNICI IL TALK SHOW DI GIANLUIGI PARAGONE HA SUCCESSO. ECCO PERCHE’

5 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

23 giugno 2013 alle 11:30

Prendersela anche con Paragone mi sembra un po’ troppo perchè non mi pare che il suo programma sia mai stato particolarmente pungente nei confronti della politica. Quel suo nuovo registro anti-casta è semplicemente un adeguamento al senso comune vigente e non ha niente di rivoluzionario. Che lo lascino in pace dove si trova, tanto più che garantisce ascolti a una rete mezzo morta.



2. MisterGrr ha scritto:

23 giugno 2013 alle 11:54

Se lo cancellano fanno una cazzata grnade come Giuliano Ferrara.



3. Phaeton ha scritto:

23 giugno 2013 alle 12:27

Nonostante lui mi sia antipatico non si possono chiudere i programmi che fanno ascolto. Io invece la vedo malissimo per Porro, mi auguro di no… ma sento odore di FLOP.



4. Peppe93 ha scritto:

23 giugno 2013 alle 12:51

Solo in Rai possono fare cavolate del genere. Come si fa a cacellare un programma che fa il 13?



5. lele ha scritto:

23 giugno 2013 alle 19:18

“perché chiudere o modificare un format di successo, impoverendo così l’offerta informativa del servizio pubblico?”

quindi questo programma arricchisce qualitativamente l’informazione in Rai? mah…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.