Gianluigi Paragone



17
ottobre

Urbano Cairo risponde a Paragone: «Non si sputa nel piatto in cui si mangia». Giletti debutta l’8 novembre

Urbano Cairo

A provocazione, risposta. Urbano Cairo risponde alle dichiarazioni di Gianluigi Paragone, costretto in panchina durante la stagione in corso su La7 e protagonista di recente di uno scambio di tweet al fulmicotone con il direttore di rete, Andrea Salerno.




16
ottobre

Gianluigi Paragone contro Andrea Salerno per gli ascolti bassi de La7: «Mannaggia a voi intellettuali. Noi populisti non vi capiamo mai»

Gianluigi Paragone

Prima o poi, il Paragone doveva scattare. Dopo aver incassato in silenzio (o quasi, visto che con noi parlò) la chiusura de La Gabbia, Gianluigi Paragone è tornato a parlare di La7 in tono critico, quasi a volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa. Su Facebook e Twitter, il giornalista non si è trattenuto: ha commentato gli ascolti bassi totalizzati dai nuovi programmi introdotti in palinsesto dal direttore Andrea Salerno, poi ha battibeccato ironicamente con quest’ultimo. Nello sfogo viene chiamato in causa anche Enrico Mentana.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


26
settembre

Gianluigi Paragone: «La7? Non penso farò niente, Cairo mi paga per non far nulla»

La Gabbia

Gianluigi Paragone

Perfino La7 ha la sua ‘panchina’, sulla quale, al termine della scorsa stagione tv, ha avuto ‘il piacere’ di accomodarsi anche Gianluigi Paragone. Dopo la chiusura definitiva del suo programma La Gabbia, in onda per quattro stagioni consecutive (a partire dal 2013), il giornalista è intervenuto a Un Giorno da Pecora su Radio 1, spiegando chiaramente tutti i risvolti della sua -ancora irrisolta- situazione sul canale di Urbano Cairo.





29
giugno

La Gabbia chiude, Gianluigi Paragone a DM: «Scelta del Direttore, non c’entrano gli ascolti. Nessuno fa i miei risultati con 90 mila euro a puntata»

Gianluigi Paragone

Il tele-martire non lo vuole fare. “Non ho mai amato i giornalisti martiri“, ammette. Ma qualche precisazione, ora, ci tiene a darla. Nel day after la chiusura de La Gabbia, Gianluigi Paragone non ha perso il piglio battagliero che lo ha sempre caratterizzato anche in onda. Da noi contattato, il conduttore ci ha svelato le motivazioni che avrebbero portato alla cancellazione del suo talk show. La decisione, ovviamente, è partita dal nuovo direttore di rete Andrea Salerno, che ora ragionerà col giornalista sulla sua presenza futura in palinsesto.


29
giugno

La7 chiude La Gabbia. Gianluigi Paragone: «Ha vinto il ‘Ciaone’»

Gianluigi Paragone

La Gabbia chiude. Per sempre. La7 ha deciso di cancellare il talk show di Gianluigi Paragone, che ieri sera – 28 giugno – è andato in onda per la sua ultima puntata: il programma, infatti, non tornerà nella prossima stagione tv. La disposizione arriva a poche settimane dall’insediamento del nuovo direttore di rete, Andrea Salerno, che pare non condividesse lo stile della trasmissione. 

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





15
giugno

La Gabbia a luci rosse: Paragone intervista Malena, poi trasmette immagini spinte. «E’ stata una provocazione»

Malena, La Gabbia Open

Dibattito ed immagini a luci rosse, con tanto di video per adulti. E infine il massaggio “romantico”: quello col finale frizzante. A La Gabbia Open la svolta osé è arrivata poco dopo la mezzanotte. Ieri sera il programma di La7 condotto da Gianluigi Paragone ha approfittato della tarda ora per parlare senza remore di p0rn0grafia ai tempi di internet. Che l’atmosfera si sarebbe fatta rovente lo si poteva intuire sin da subito, quando in studio è apparsa l’attrice h4rd Malena con scosciatura in vista

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


9
settembre

LA GABBIA: PARAGONE RIPARTE SU LA7 CON IL DRAMMA DEI PROFUGHI

Gianluigi Paragone, La Gabbia

La nuova edizione de La Gabbia ripartirà dal piccolo Aylan Kurdi, il bimbo siriano di 3 anni trovato annegato in Turchia e fotografato. L’emergenza immigrazione e il dramma dei profughi, infatti, saranno al centro della prima puntata stagionale del programma di La7. In prime time, il talk show anti-casta e anti-tecnocrazia condotto da Gianluigi Paragone tornerà ad affrontare l’attualità con il suo stile acceso e coi toni vivaci propri della protesta. In studio, come sempre, un parterre pronto a duellare ed un pubblico parlante. Spesso urlante.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


30
giugno

IN ONDA: GIANLUIGI PARAGONE E’ IN GABBIA, FRANCESCA BARRA ASSENTE. E IL TALK SHOW NON DECOLLA

Gianluigi Paragone, In Onda

Qualcuno avrà rimpianto Otto e Mezzo e le domandine sornione di Lilli Gruber. Reazione comprensibile dopo aver assistito allo sgangherato esordio della nuova edizione di In onda, avvenuto ieri nell’access prime time di La7. Il programma d’approfondimento estivo, guidato quest’anno da Gianluigi ParagoneFrancesca Barra, ha riacceso i motori con un grande rombo e con ospiti che annunciavano faville, ma si è ingolfato dopo i primi metri di diretta, svelando delle carenze nella scaletta e nella conduzione.

D’accordo: era pur sempre la prima puntata, tuttavia non possiamo soprassedere sulla mancata sinergia tra i due conduttori, che sin da subito ha influenzato il programma. Gianluigi Paragone, abituato alle vivaci scorribande de La Gabbia, ha immediatamente afferrato le redini del talk show e ha marcato il territorio con le sue tesi su Grecia e immigrazione, mettendo in secondo piano la collega. Il giornalista è apparso insofferente al format e alla conduzione in tandem (cui dovrà comunque abituarsi); ad un tratto si è pure alzato in piedi, come a volersi liberare dal vincolo della scrivania al centro dello studio. Privato di un’arena vociante, però, Gianluigi era fuori dal suo habitat.

Praticamente assente, invece, Francesca Barra, la quale ha assistito silenziosa al confronto, sovrastata dal compagno d’avventura e ancora piuttosto impettita. Per l’intera puntata, i conduttori si sono quasi ignorati e hanno interagito solo sul finale, punzecchiandosi su una questioncina marginale proprio mentre scorrevano i titoli di coda. Fuori tempo massimo, insomma. Altro punto debole della trasmissione è stata la scarsa evoluzione del dibattito, dovuta alle troppe voci sovrapposte e ad una scaletta con troppa carne al fuoco, più adatta ai tempi lunghi di una prima serata che ad un access prime time.