10
dicembre

REPORT LANCIA LA SFIDA A CROCETTA: SARA’ SUFFICIENTE BATTIATO A CAMBIARE MUSICA?

Report- Milena Gabanelli

In una puntata di Report più battagliera che mai Milena Gabanelli sfodera ancora una volta tutta la sua capacità dialettica e polemica per suonarle a destra e sinistra, al centro e ai tecnici sollevando sospetti su strane coincidenze e intrecci sicuramente da approfondire meglio, su riforme semplici da attuare ma a cui nessuno pensa. Tra i tanti temi affrontati c’è anche la nuova Sicilia di Rosario Crocetta, eletto circa un mese fa, coraggioso proclamatore di una rivoluzione della dignità.

In un servizio che raccoglie delle testimonianze in alcuni quartieri di Catania i giornalisti di Report portano la lucina rossa su alcuni risultati elettorali particolarmente eclatanti, lanciando ancora una volta il sospetto che nella parte più a Sud del Paese il clientelismo domini le relazioni sociali e che per il nuovo Governatore la sfida alla vecchia gestione e alla consolidata prassi siciliana sia davvero ardua. Non è la prima volta del resto che la trasmissione arriva alle pendici dell’Etna per misurare il polso alla classe dirigente.

Del resto c’era stato in tv anche un Totò Cuffaro, che direttamente dal carcere aveva più o meno confessato a Santoro che non riteneva facile una via d’uscita dall’impasse della Trinacria, ad augurare a Crocetta una svolta difficile, difficilissima. La Gabanelli porta alla luce ancora altri dati che lasciano pensare: Report infatti fa emergere una sorta di parentopoli addensata attorno al sistema della formazione regionale che necessiterebbe di un radicale ripensamento dei canali di finanziamento.

L’impegno crocettiano e l’arruolamento di Franco Battiato come assessore basteranno ad arginare una tradizione lunghissima di fondi destinati in maniera opinabile? La conduttrice è chiara quando dice che forse non basterà il cantautore a cambiare musica, come a voler dire che la Giunta di buonissime intenzioni non basta a rassicurare sull’effettivo cambiamento dell’Isola.

La padrona di casa non nasconde del resto le sue perplessità anche su un’eventuale imitazione a livello nazionale dell’alleanza Pd-Udc, nel caso in cui dalle urne uscisse una situazione poco chiara, o addirittura già prima del voto. E’ proprio il partito di Casini ad essere maggiormente sulla graticola dopo il reportage siciliano.

Nel giro di poche settimane comunque ad essere coinvolti nelle inchieste della redazione d’assalto della terza rete sono più o meno tutti i partiti ancora superstiti nell’arco parlamentare, con buona pace di Di Pietro che stasera si sentirà in buonissima compagnia. Un’evidenza che sicuramente rafforza la percezione di obiettività del gruppo di giornalisti guidati dalla Gabanelli che non risparmia consigli e rimproveri a nessuna delle parti in causa nello scacchiere politico, con un coraggio sempre più apprezzabile viste le continue battaglie legali che da anni si trovano ad affrontare a seguito delle inchieste.



Articoli che potrebbero interessarti


Sigfrido Ranucci.
Report: Sigfrido Ranucci è all’altezza, inchieste più popolari. Gabanelli ha fatto scuola


Milena Gabanelli
MILENA GABANELLI IN LACRIME PER L’ADDIO A REPORT: “VENT’ANNI INCREDIBILI, MA RESTO NEI PARAGGI” (VIDEO)


Sigfrido Ranucci
REPORT: SIGFRIDO RANUCCI SARÀ IL NUOVO CONDUTTORE


Milena Gabanelli, Tg1
MILENA GABANELLI LASCIA REPORT: L’ANNUNCIO IN DIRETTA (VIDEO). “MAGARI TORNO A FARE L’INVIATA”

4 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

10 dicembre 2012 alle 13:41

a giudicare dagli articoli che pubblicate oggi,mi pare che siate entrati in campagna elettorale pure voi



2. Cristian Tracà ha scritto:

10 dicembre 2012 alle 17:19

amazing 1972 se ti può far stare più tranquillo sono siciliano e di sinistra e spero che Crocetta realizzi anche solo metà delle sue buonissime intenzioni. Non ho alcun problema a dirlo.

Il post nasce perché mi ha colpito il fatto che la Gabanelli si sia sbilanciata così fortemente dando atto a Crocetta dei buoni propositi ma facendogli capire che non si lascia incantare



3. amazing1972 ha scritto:

10 dicembre 2012 alle 18:58

non era mia intenzione offendere nessuno,sia chiaro. ma ho notato oggi una “tensione politica” in vari servizi. mi auguro sia una impressione.
detto questo,come non essere d’accordo con la gabanelli?
nonostante non abbia dubbi che battiato voglia fare del bene alla regione



4. matteo quaglia ha scritto:

10 dicembre 2012 alle 20:46

il problema e’ che dopo tutti gli scandali le ruberie non ultima la figura di m fatta per colpa di berlusconi che ha fatto cadere un governo per i suoi interessi , ormai si dubita di chiunque , e’ difficile dare fiducia a chiunque di qualunque partito , se poi le cose in quel dato posto riprendono a funzionare , saremo pronti a congratularci e mi sembra che qualcosa crocetta abbia gia’ fatto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.