4
ottobre

VALZER DI POLTRONE: LEONE A RAI1, TEODOLI A RAI2, IN BILICO DONELLI?

Donelli, Mazza, D'Alessandro

Donelli, Mazza, D'Alessandro

C’è un gran vociare tra i corridoi di Viale Mazzini e Cologno Monzese. Sembra ormai assodato che qualcosa, nel breve termine, è destinato inevitabilmente a cambiare. Ma se per il Biscione si tratta solo di voci di corridoio, per la Rai il neo Direttore Generale Luigi Gubitosi è pronto a scatenare un terremoto tra le direzioni più importanti dell’azienda.

Nell’occhio del ciclone sembrerebbe esserci ancora Mauro Mazza, già dichiaratosi Direttore di Rai1 pro tempore, stanco di non avere più alcuna autonomia editoriale per quanto riguarda l’intrattenimento dell’ammiraglia, ormai del tutto ‘appaltato’ a Giancarlo Leone. Ed infatti, come anticipato da Il Giornale, pare proprio che Leone sia in procinto di fare il “grande salto” e prendere le redini della prima rete pubblica, nonostante i risultati tutt’altro che eccelsi della struttura di cui è al comando che, nel caso in cui avvenga la promozione, potrebbe essere smantellata.

Dall’altra parte della staccionata, come rivelato da Repubblica pare sia in bilico anche Massimo Donelli, direttore di Canale5 ormai da dieci anni. I risultati di inizio garanzia sono a suo favore, ma in molti sono convinti che, giocando tutti gli assi nella manica a settembre, l’ammiraglia del Biscione possa incontrare delle difficoltà nei mesi a venire.

Cambio della guardia anche per Rai2, a cui potrebbe invece approdare l’attuale capo dei palinsesti Angelo Teodoli, tanto caro a Lorenza Lei e più volte in pista per la direzione della prima rete, che andrebbe così a sostituire Pasquale D’Alessandro. Salvo, a meno di sorprese, Antonio Di Bella, che rimarrebbe alla guida di Rai3.



Articoli che potrebbero interessarti


Giancarlo Leone, Angelo Teodoli, Andrea Vianello
I NUOVI DIRETTORI DELLE RETI RAI: GIANCARLO LEONE A RAI1, ANGELO TEODOLI A RAI2 E ANDREA VIANELLO A RAI3


Viale Mazzini
NOMINE RAI: LEONE VOLA A RAI1, TEODOLI SI ACCOMODA A RAI2 E VIANELLO ALLA GUIDA DI RAI3. D’ALESSANDRO VERSO UNA RETE DIGITALE (RAI4?)


Angelo-Teodoli
Nomine Rai: Teodoli nuovo direttore di Rai1, Fabiano retrocesso a Rai2 al posto di Dallatana


Ascolti tv 2012 - Auditel
ASCOLTI TV 2012: VINCE LA RAI MA ANCHE MEDIASET…

18 Commenti dei lettori »

1. j82 ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 17:37

Voglio diventare direttore di Canale 5!!
Scherzo…Magari…

A parte Beautiful che garantisce ascolti alti alla rete, tenterei di rifondare il daytime così:

Farei partire alle 6 45 Mattino 5, per scontrarsi direttamente con Unomattina. Lo farei finire alle 10. Toglierei Del Debbio e Panicucci e metterei Corrado Tedeschi e Roberta Capua(qualche esperienza alla mattina ce l’ha!). Anticiperei quindi Forum alle 10, fino alle 11 45. 3 cause, non 2, ritmi più veloci, anche considerando che chiude 15 minuti prima. E visto che la fortuna di Mediaset sono stati i game show perchè non ritentare con la riproposizione de:”Il Pranzo è servito”: in questo gioco vedrei bene Flavio Insinna e la sfida alla Clerici sarebbe più alla pari, considerando anche il fatto che partirebbe 15 minuti prima della Prova Del Cuoco. Dopo il tg5 e Beautiful, toglierei Centovetrine, per metterlo su Rete 4 alle 12(Al posto di “Un detective in corsia”, che sposterei in seconda serata su Canale 5). Cosa metterei al suo posto? Doppio slalom! Quiz per ragazzi(dalle 14 15 alle 14 45)condotto da Paolo Bisio. Poi Uomini e Donne con la De Filippi, ma assai rivisitato: basta al trash, spazio agli argomenti di ogni giorno, dall’attualità ai fenomeni di costume, con la divisione dello studio in 2 parti(uomini e donne). Così si capisce il diverso punto di vista, a seconda del sesso e il pubblico si può identificare meglio e avere un cervello che non regredisce. Alle 16 15 piazzerei Cristina D’Avena e Pietro Ubaldi con Bim Bum Bam: mix tra i cartoni di oggi e quell di ieri, spiegazione di tecniche di disegno, documentari sugli animali, gioco telefonico e uno in studio con 2 squadre di classi elementari o medie, la posta telematica, intervista ad un ospite che parla di cose che possono interessare i più piccoli. Alle 18 15 una replica di Casa Vianello(sono certo che farebbe ancora grandi ascolti) e alle 18 45 Avanti un altro fino a Dicembre, Ok con la Ribas fino a Febbraio, Passaparola con Gerry fino a Giugno.
Mi scuso se mi sono dilungato e so ho scritto cose troppo utopistiche!



2. Gah! ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 17:40

Ce lo vedo Leone direttore di RaiUno



3. tinina ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:04

Gah

io invece il signore dei flop non ce lo vedo proprio!



4. Michele ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:08

@j82 non voglio offenderti per carità ma voglio farti notare che in pratica riesumeresti la Canale 5 degli anni ‘80 e dei primi anni ‘90 (sia nei programmi che nei conduttori) ma siamo nel 2012 e molte cose sono cambiate: inanzitutto c’è il digitale terrestre e quindi un Bim Bum Bam su Canale 5 sarebbe una scelta anacronistica e fuori dal tempo: oramai ci sono CANALI INTERI dedicati a trasmissioni per bambini e ragazzi ed ai cartoni animati (vecchi e nuovi) come Boing, Rai Gulp, Rai YoYo, Cartoonito, K2 eccetera (è per questo motivo che i canali generalisti non fanno più la tv dei ragazzi)………. Secondo punto: il tweet di Ana Laura Ribas sul ritorno di ”Ok il prezzo è giusto” era chiaramente un fake estivo della Ribas stessa per far parlare un pò di sè (e poi anche se lo riesumassero il programma non credo che lo darebbero ad una Ribas che non è mai riuscita ad andare oltre il ruolo di valletta semi-muta ma lo affiderebbero ad un nome ben più prestigioso)………. Terzo cioè ma tu in uno slot prestigioso come quello delle 18:15 metteresti le repliche di una sit-com vecchia di 20 anni? Lo sai l’unico a gioirne chi sarebbe? Il direttore di Rai 1………. Quarto con le tue modifiche Uomini e Donne in pratica diventerebbe un’ennesimo Pomeriggio 5 (ed uno basta e avanza)……… Per quanto riguarda il mezzogiorno e il primo pomeriggio in pratica vorresti una macchina del tempo che ci riporti ai tempi de ”Il pranzo è servito” e di ”Doppio slalom” ma questi giochini, all’epoca di successo, oggi farebbero sicuramente flop in quanto oggi nel 2012 il pubblico dei canali generalisti preferisce altri generi rispetto al quiz (che oramai vanno bene solo al preserale)………. Un direttore capace dovrebbe fare un palinsesto che vada bene per il 2012, il tuo (ripeto non voglio offenderti) al massimo può andar bene per un ipotetico canale Album di Mediaset non certo per la Canale 5 di oggi SMETTIAMOLA DI FARE I NOSTALGICI AD OLTRANZA DESIDERANDO COSE IRREALIZZABILI NEL 2012



5. Peppe93 ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:10

Io credo per quanto riguarda la Rai che quello che deve essere “fatto fuori” è Leone, altro che promozione, non ne indovina una. Io sono stato sempre contro Mazza per dei cambiamenti che ha fatto, ma dato che non decide più nulla lui che colpa ha? Rai 2 rimane un mistero. Il cambiamento a Mediaset mi sembra strano dato che adesso sta andando tutto bene.



6. Ale ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:15

mettere qualcuno giovane con idee nuove no???
In rai le poltrone sono disponibili solo per gli anziani vicini alla pensione?
Ottima invece l’idea di accorpare la struttura intrattenimento all’interno delle varie reti (almeno cosi si dice), visto l’insuccesso che ha avuto oltre al fatto che serve solo a togliere autonomia alle varie reti e direttori



7. Gah! ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:17

A RaiDue gli ci vuole una rivoluzione: AnnoZero gli teneva il giovedì sera sempre sui 4-5 milioni di telespettatori(l’ultima supero’ gli 8)e l’hanno cacciato, L’Isola dei Famosi,unico programma di successo superstite,lo vogliono sostituire con The Voice(che a quanto vedo su Sorrisi verra’ condotto da Francesco Facchinetti=flop).
La Balivo a Pomeriggio sul 2 con Milo infante si manteneva sempre sul 13-15% e l’hanno cacciata per metterci Lorena Bianchetti con Parliamone in Famiglia che invece gli fa il 4%.
Ora,mi chiedo,e’ possibile una cosa così?



8. Gah! ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:25

…La Ventura(SuperSimo)era piena di idee ed era pure riuscita a far salire negli ascolti L’Isola dei Famosi 8(fino a fargli toccare i 5 milioni nella puntata in cui atterro’ in Honduras)e l’hanno boicottata. E’ andata a Sky,ha riportato in vita X Factor (dopo i flop delle ultime edizioni targate RaiDue condotte da Francesco Facchinetti)e guardate un po’ che ascolti fa ora su SkyUno,e’ servito a qualcosa mandarla via???



9. Luigi ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:41

oh finalmente! ci vuole un bel cambio ai vertici di mediaset e della rai!!
E ci vogliono idee nuove, giovani e fresche!!
Basta con la solita roba trita e ritrita!



10. Tommi ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:41

@Daniele Pasquini In lista per Rai2 ci sarebbe anche Antonio Campo Dall’Orto



11. Roberta ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 19:26

Leone è persona educata e di ottima cultura quindi ha tutti i requisiti per elevare qualitativamente Rai 1 rendendola appetibile a quel pubblico che non si accontenta di insipide minestrine riscaldate e di bassa qualità.Questo non significa che stiamo aspettando le elucubrazioni sui massimi sistemi ma un intrattenimento non stupido ma leggero, piacevole e coinvolgente come sta accadendo con Pechino Express ed il coraggio di puntare su nuovi conduttori simpatici,moderni,ironici ed arguti.Tantissimi sarebbero da cestinare perché sopravvalutati e non in empatia con il pubblico come si vorrebbe far credere.Vorrei sperare nel suo coraggio per una nuova e competitiva Rai 1.



12. iki ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 19:46

Nomine che non mi convincono soprattutto quella di Leone a Rai1…lascerei d’alessandro a Rai2…a canale5 invece è un bel problema…l’unico che ci vedo bene è Freccero che così la renderà una rete alternativa rispetto alla prima rete…



13. Ale ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 20:14

Gah quali sono le idee nuove della ventura? In Rai ha condotto x 10 anni quelli che il calcio e isola dei famosi e quel poco che ha fatto di diverso (vedi 3 scimmiette e colpo di genio) e’ stato solo flop x nn parlare poi del suo Sanremo. X factor su Sky nn arriva nemmeno al milione quindi lasciamola sul satellite



14. Alessio90 ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 20:57

Quoto michele, ma dai quella descrizione di palinsesto è da suicidio j82 se si facesse cosi la rete chiuderebbe dopo mezza giornata. Bim bum bam, casa vianello, ma dai non arriverebbero al 5% per carità come ha detto Michele, ci sono reti tematiche che trasmettono cartoni animati e non serve bim bum bam.
Tornando al cambio di direttori assolutamente si via Donelli, sarebbe ora canale 5 in prime time sta respirando solo ora, non dimentichiamoci quanti flop ha collezionato. Io manderei via immediatamente anche Tiraboschi, che ha tramutato italia1 in una poltiglia trash e senza senso, nemmeno più i telefilm sfrutta, e ne ha molte di prime tv da mandare visto che premium acquista moltissime serie.



15. Valerio ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 21:14

Il solito valzer di poltrone tutto interno al centrodestra. Cosa cambierebbe nel caso al posto dell’uno vada l’altro? Ve lo dico io: niente. I partiti politici benché in affanno, nonostante il governo dei «tecnici», continuano con tutta evidenza – visti i nomi che circolano su questi articoli – a fare pressioni sui vertici Rai per assicurarsi una blindatura della comunicazione in vista della campagna elettorale imminente. Puntualmente, quando si avvicinano i grandi appuntamenti elettorali (bisognerà scegliere regole per i dibattiti e i conduttori, e i giornalisti che faranno “le domande” nelle conferenze dei partiti in prima serata), si tolgono i direttori su cui il partito che conta di più (che è ancora il Pdl che ha la maggioranza nel Cda Rai e nella Commissione parlamentare di Vigilanza) non ha più fiducia, per suggerire nuovi direttori più realisti del re. Mi spiace per il nuovo direttore generale, che se così fosse ha la giusta intuizione a voler chiudere la sovrastruttura «intrattenimento» che è nata con premesse e scopi sbagliati nella precedente gestione Lei, ma se poi lo stesso pasdaran Leone viene piazzato a RaiUno e se un pupillo della Lei viene indicato alla guida di Raidue che non era per sua mission alla sua fondazione una rete clericale (ma non basta già RaiUno per promuovere tutte le attività episcopali e papali con il canone pagato anche da famiglie atee, agnostiche o di altre religioni?), non intravedo una grande discontinuità. La solita ingerenza è confermata dal fatto che persino uno come Donelli sia in forse, segno che anche a Canale5 bisogna serrare le fila per fare il maquillage mediatico al magma che si muove nel centrodestra e delle «novità» che presumibilmente ci saranno per far credere che il partito sia stato svecchiato, che quelli che la magistratura ha accusato di essere ladri non possono rubare più e che non ce ne sono altri, eccetera. Ma per fare tutto questo non serve cambiare i direttori, gli attuali eseguono già bene le volontà del re media. Tg1, Tg2 e l’informazione Mediaset continuano imperterrite a fare una marmellata indistinta («tutti ladri, nessun ladro») e a minimizzare le guerre per bande nel Pdl con pastoni indigeribili. Vespa e Paragone dominano l’approfondimento nei primi due canali. Del Debbio, Vinci, Mimun, Toti e Minzolini quello degli altri tre canali di proprietà di Berlusconi. A che serve quindi cambiare direttori di rete? Ma ad imporre i soliti ospiti graditi anche in tutti i programmi che esulano direttamente dalla politica, of course!



16. Valerio ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 21:24

Ricorderei inoltre che da lady Venier, che vanta sempre grandi ascolti, sono spesso ospiti persone dichiaratamente di centrodestra a tenere compagnia alle massaie italiane: da Irene Pivetti a Pierluigi Diaco, da Stefano Zurlo a quello che lavorava a Telelombardia e ora finito a fare da inviato a Quinta Colonna, e via discorrendo, tra preti e soubrette. A fare da «contraltare» (a voler essere ottimisti) ci sono solo quei giornalisti che stavano o stanno a sinistra ma che non sono mai d’accordo con la linea di questa (dalla Armeni a Sansonetti). Insomma, il lavoro di selezionile degli ospiti è già congeniale alla rappresentazione del centrodestra anche nei programmi cosiddetti «popolari», per cui a cosa serve cambiare proprio adesso i direttori di rete se non a volere ancora più rigidità di questi schemi (più facili da attuare con direttori freschi di nomina)?



17. Valerio ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 21:37

Beata ingenuità, non sperate nemmeno in grossi cambiamenti nel palinsesto: questa tv generalista è immutata da anni. Questo.balletto di poltrone è solo congeniale agli scopi della politica (o meglio, di quella parte che ha potere). Poi, liberi di sognare, ma non spargete un entusiasmo fuori luogo.



18. ciak ha scritto:

5 ottobre 2012 alle 10:00

io mi candido a direttore di raiuno…
sicuramente toglierei i processi televisivi ai crimini…orami h24… ma che ce ne fotte a nnuje! (cosa importa a noi)??? (in lingua napoletana)…
lascerei la venier con un nuovo programma …. allegro e scnzonato…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.