1
marzo

Mediaset, Confalonieri: «Nessun dissidio in azienda. Siamo polifonici, lo sanno tutti»

Fedele Confalonieri

Nessun dissidio in azienda“. ha commentato così le indiscrezioni di stampa secondo cui all’interno di Mediaset si starebbero consumando frizioni in merito alla gestione dell’informazione. Voci di corridoio, in particolare, riferivano di tensioni tra il Presidente del Biscione e Silvio Berlusconi, intenzionato ad operare un riassetto ai vertici in vista delle elezioni europee.

A dar voce a questi rumor era stato il sito Dagospia, secondo cui Berlusconi avrebbe “messo in soffitta il filo-leghista Fedele Confalonieri“. Incalzato dai giornalisti, però, il Presidente Mediaset ha negato tali ricostruzioni. “Dissidi? Ma quali dissidi” ha chiosato, aggiungendo poi:

Leggo di tensioni tra me e Berlusconi, dissapori tra me e Letta. Leggo di scontri in Mediaset tra il partito dei populisti e il partito dei non populisti. Su dai. Noi siamo polifonici, lo sanno tutti. Lo siamo sempre stati e continuiamo a esserlo. Saranno invenzioni a più voci? Non certo di Bach“.

La situazione, stando alle rassicurazioni di Confalonieri, non è apocalittica. Eppure, è evidente che proprio in questi giorni a Mediaset stiano avvenendo smottamenti e sommovimenti proprio sul fronte informativo. La drastica fine dell’esperienza di Gerardo Greco alla direzione del Tg4 non sarebbe altro che la punta di un iceberg, l’effetto di una repentina necessità di cambiamento partita dall’alto.

Per la conclusione anticipata del suo incarico – scrive il Corriere – il giornalista chiederà un’adeguata transazione economica per il danno che sostiene di aver subito. In caso di mancato accordo, andrà in causa con l’azienda. La settimana prossima debutterà invece Dritto e rovescio, il nuovo talk show di Paolo Del Debbio: il conduttore, un tempo accantonato proprio perché ritenuto troppo populista, sarà davvero espressione di quella polifonia citata da Confalonieri?



Articoli che potrebbero interessarti


Enrico Mentana e Augusto Minzolini
FEDELE CONFALONIERI RIVELA: MENTANA VOLEVA MINZOLINI AL TG5. SANTORO? LO PREFERIVO SUL PONTE DI BAGDAD


Enrico Mentana, Emilio Carelli, Giorgio Mulè, Vittorio Feltri, Maurizio Belpietro, Mario Giordano
IL VALZER DEI DIRETTORI E UNA RETE “ALL NEWS” SUL DIGITALE TERRESTRE: LA NUOVA BATTAGLIA TRA MEDIASET E SKY


Piersilvio Berlusconi, Felede Confalonieri
Mediaset, i compensi dei top manager: Confalonieri record con 9,5 milioni. A Berlusconi 1,7


Fedele Confalonieri
Mediaset vs Vivendi, Confalonieri: «Danno enorme, ci devono un sacco di soldi». Il Biscione vuole un super risarcimento

1 Commento dei lettori »

1. Adelaide di Sant'Erasmo ha scritto:

1 marzo 2019 alle 15:32

Siiii come no. Negli anni 90′ infatti non c’era stato alcun supporto dei dipendenti mediaset a forza italia….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.