17
gennaio

MICHELLE BONEV INDAGATA PER DIFFAMAZIONE CONTRO FRANCESCA PASCALE

Michelle Bonev

Michelle Bonev indagata per diffamazione dalla Procura di Roma. Nella giornata di ieri, l’attrice bulgara è stata interrogata per alcune ore dai magistrati di Piazzale Clodio, che hanno aperto il procedimento a seguito una querela presentata da Francesca Pascale. L’attuale fidanzata di Silvio Berlusconi, infatti, aveva deciso di ricorrere alle vie legali dopo essere stata citata dalla Bonev con parole shock, che avevano fatto discutere.

Tra i casi portati all’attenzione dei giudici, c’è anche l’ormai celebre intervista che l’attrice bulgara rilasciò a Servizio Pubblico lo scorso 17 ottobre. Ai microfoni di Santoro, Michelle rivelò la presunta omosessualità di Francesca Pascale, che definì poi come una persona “senza scrupoli”, “disposta a tutto”. L’interprete della serie tv Donne in gioco aveva inoltre detto di aver avuto rapporti sessuali con Berlusconi per ottenere la produzione di una fiction e di non ritenere vera la relazione tra il leader del centrodestra e la Pascale.

A seguito di quelle ed altre parole, la fidanzata dell’ex premier ha presentato una querela con cui ha accusato la Bonev di aver attuato ”una vera e propria azione persecutoria” nei suoi confronti attraverso la stampa ed i social network. Nella querela veniva ipotizzato anche il reato di stalking, ma per ora il pm Eugenio Albamonte – che ieri ha interrogato l’attrice – ha ritenuto di configurare soltanto la diffamazione.

La signora Bonev ha scelto il web per raccogliere adepti che condividano l’odio che la stessa mostra di nutrire nei confronti della signora Pascale, la quale è stata costretta da tali reiterati comportamenti a reagire anche penalmente, a tutela della propria persona chiedendo, tra l’altro, che venga inibita la diffusione delle affermazioni diffamatorie della Bonev

ha dichiarato l’avvocato Licia Polizio, legale di Francesca Pascale. Così, si è squarciato definitivamente il rapporto tra la fidanzata di Berlusconi e Michelle Bonev. E pensare che quest’ultima, ospite alla serata finale dei TeleRatti 2013, aveva anche rivolto un pensiero ironico all’ex amica. Da lì, sarebbe partito un ciclone.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


TeleRatti 2013, Michelle Bonev
MICHELLE BONEV DA SANTORO: FRANCESCA PASCALE PRONTA A CHIEDERE 10 MILIONI DI DANNI


Mediaset.
Mediaset vs Vivendi, parte il processo civile su Premium. I francesi chiedono i danni, il Biscione contrattacca


Terence Hill e Michelle Bonev
L’UOMO CHE SOGNAVA CON LE AQUILE: RAI1 RIPROPONE LA FICTION CON TERENCE HILL E MICHELLE BONEV


Michele-Santoro
DM LIVE24: 15 MARZO 2014. SANTORO CONDANNATO PER DIFFAMAZIONE – CROLLANO ABBONATI DI RAI ITALIA – NETFLIX DEBUTTA IN FRANCIA

4 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

17 gennaio 2014 alle 14:15

E Santoro niente?



2. Marco Leardi ha scritto:

17 gennaio 2014 alle 17:32

Santoro “assolto” dall’Ordine dei Giornalisti (ovviamente rispetto all’ospitata a Servizio Pubblico):

http://www.davidemaggio.it/archives/86225/caso-bonev-michele-santoro-assolto-dallordine-dei-giornalisti



3. Nina ha scritto:

17 gennaio 2014 alle 18:19

Si Marco, ricordo quell’articolo, ahimè!



4. Sanfrank ha scritto:

17 gennaio 2014 alle 22:27

Mi auguro che, in tribunale la Legge sia veramente uguale per tutti e che, visto che si tratta indirettamente di Berlusconi, non si facciano due pesi e due misure.
Capisco che per ragioni politiche, Berlusconi attiri contro di sé una valanga di polemiche, ma colpire chi li sta attorno è segnale di vigliaccheria.
La Bonev torni al suo paese, che della sua presenza, in Italia, facciamo volentieri a meno.
E non scrivo ciò che veramente penso di lei, per evitare una querela anch’io.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.