15
novembre

MARCO TRAVAGLIO TIRA LE ORECCHIE ALLA GABANELLI SUL CASO DI PIETRO: ”TENDENZIOSO E POCO PRECISO”

Report su Antonio Di Pietro

Fuoco amico su Milena Gabanelli dopo il servizio che ha fatto sprofondare il gradimento popolare dell’Italia dei Valori, spingendo anzitempo il partito ad una riflessione per la riorganizzazione. A tirare le orecchie a Report per l’inchiesta sull’ex magistrato è Marco Travaglio, che chiarisce quali siano le parti più attaccabili nel lavoro della redazione del programma d’inchiesta di Rai 3.

In una sorta di lettera dal tono amichevole pubblicata su A di Maria Latella, comunque spuria da qualsiasi fervore che il sapiente giornalista ha spolverato negli anni più densi del berlusconismo, Travaglio non nasconde la necessità di verificare meglio alcune fonti e alcuni accostamenti, che nel montaggio serrato della messa in onda in prima serata hanno avuto effetti dirompenti.

Lasciamo però che parlino i passaggi più argomentativi dell’epistola del protagonista di centinaia di monologhi televisivi e teatrali ad una collega di cui riconosce l’assoluto merito e l’estrema autorevolezza d’indagine:

”So bene quanto sia difficile controllare la veridicità, l’accuratezza e la precisione di un’inchiesta condotta da un collaboratore. Può capitare a tutti di sbagliare e quando accade non resta che precisare, rettificare e scusarsi. E’ il caso del servizio di Report, tendenzioso e poco preciso, su Di Pietro.”

Ecco però le sviste, o meglio le parti che dovevano essere meglio verificate o precisate, secondo Travaglio:

”E’ stata data voce ad alcuni ex dell’Idv col dente avvelenato.[...] Hanno ripetuto accuse gravissime a Di Pietro per il presunto uso privato di finanziamenti pubblici, già smentite da diverse sentenze, in cui sono stati anche condannati a risarcirgli i danni, ma questo nel servizio non è stato detto.”

Pur non assolvendo in toto il magistrato di Mani Pulite per la sua poca perizia, confessata con onestà dallo stesso Di Pietro, nella scelta dei candidati che hanno rappresentato l’Idv per anni in varie sedi istituzionali, il brizzolato ospite fisso di Michele Santoro ci tiene a precisare, ad esempio sulla questione delle proprietà del buon Tonino, che le 56 proprietà immobiliari di cui parlava un perito in trasmissioni non esisterebbero, potendosi semmai questi beni enumerare solo in 11:

”di cui 5 ereditati dalle rispettive famiglie e 6 acquistati con proventi di redditi e risarcimenti ottenuti nelle tante cause per diffamazione.”

Giustizia è fatta per i giustizialisti?



Articoli che potrebbero interessarti


Report, casa di Berlusconi ad Antigua
REPORT, ROMANI ACCUSA: PUNTATA ODIOSA. MA GARIMBERTI DIFENDE IL PROGRAMMA


Sigfrido Ranucci.
Report: Sigfrido Ranucci è all’altezza, inchieste più popolari. Gabanelli ha fatto scuola


Milena Gabanelli
MILENA GABANELLI IN LACRIME PER L’ADDIO A REPORT: “VENT’ANNI INCREDIBILI, MA RESTO NEI PARAGGI” (VIDEO)


Sigfrido Ranucci
REPORT: SIGFRIDO RANUCCI SARÀ IL NUOVO CONDUTTORE

8 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

15 novembre 2012 alle 04:21

Difesa scontata questa di Travaglio, vicedirettore di un quotidiano sostenitore del M5S e delle trovate del suo guru, fra le quali si annovera proprio l’asse Grillo-Di Pietro. Infatti Travaglio ha cominciato a criticare il servizio di Report all’indomani della sua andata in onda.

Certo infastidisce che altrettanto zelo non sia stato profuso in altri casi forse meritevoli di maggiori verifiche. Ma in tutta questa vicenda, dal versante televisivo cominciano ad avvertirsi scricchioli e cedimenti anche del pluricelebrato e osannato Report, forse non più punta di diamante dell’inchiesta televisiva nostrana.



2. francesco ha scritto:

15 novembre 2012 alle 09:12

confermo in pieno..non ho mai sentito UNA volta da Travaglio dire le stesse cose per servizi dedicati a politici di destra..come dico sempre per me faziosità è sinonimo di ignoranza..e di giornalisti “ignoranti” ce ne sono assai..travaglio incluso!!



3. Gulp ha scritto:

15 novembre 2012 alle 09:33

Fossi nella Gabanelli comincerei a lavorare proprio su Travaglio…



4. Nina ha scritto:

15 novembre 2012 alle 10:46

Travaglio invece di occuparsi di queste cose dovrebbe prendere in mano i blog del Fatto Quotidiano perchè alcuni sono veramente imbarazzanti.



5. Vince ha scritto:

15 novembre 2012 alle 13:08

Scontro molto interessante.
Dopo Fazio, Saviano, Benigni, Scalfari, ora dal Fatto Quotidiano arrivano parole di fuoco per un’altra icona della sinistra nei media.
Ma questa volta Travaglio avrà pane per i suoi denti.
Conoscendola, a Gabanelli non tacerà e risponderà alle critiche.



6. Valerio ha scritto:

15 novembre 2012 alle 21:00

. Giuseppe ha scritto:

15 novembre 2012 alle 04:21

«Difesa scontata questa di Travaglio, vicedirettore di un quotidiano sostenitore del M5S e delle trovate del suo guru, fra le quali si annovera proprio l’asse Grillo-Di Pietro. Infatti Travaglio ha cominciato a criticare il servizio di Report all’indomani della sua andata in onda.

Certo infastidisce che altrettanto zelo non sia stato profuso in altri casi forse meritevoli di maggiori verifiche. Ma in tutta questa vicenda, dal versante televisivo cominciano ad avvertirsi scricchioli e cedimenti anche del pluricelebrato e osannato Report, forse non più punta di diamante dell’inchiesta televisiva nostrana»

Quali sarebbero altri «casi forse meritevoli di maggiori verifiche»??? O li citi oppure taci le tue illazioni: Report è una trasmissione generalmente molto accurata, e non è perché avrà toccato con le sue inchieste qualche partito o politico di tuo gradimento che questa credibilità può essere demolita tout court.



7. giovanni porfido ha scritto:

15 novembre 2012 alle 21:07

Come mai non parlate mai di Michele Barillaro? Io ho sempre sollecitato i media ma non ho mai avuto una risposta. Mi sembra un comportamento massonico. Neanche tu di sevizio pubblico che sembri un rivoluzionario mi rispondi, mi deludi. M. Barillaro è stato un rivoluzionari più di Falconi e Borsellino. La Severino gli ha tolto la scorta e l’hanno ammazzato. Lui ha fatto 5 miliardi di sequestri e parecchie centinaia di arresti di mafiosi e faccendieri. ne vogliamo parlare?



8. Giuseppe ha scritto:

16 novembre 2012 alle 04:06

Valerio, per maggiori verifiche intendevo anche maggiore interessamento: per esempio sul M5S e su chi ci sta dietro o sui referenti finanziari del governo dei “professori”. Ultimamente Report sta sfondando porte aperte con le solite inchieste sulla Casta.

PS: la trasmissione non ha mai toccato partiti o politici di mio gradimento.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.