24
febbraio

DOPO LE POLEMICHE, IL CONSIGLIERE RAI GUGLIELMO ROSITANI RICONSEGNA LA CARTA DI CREDITO AZIENDALE: “L’AVRA’ USATA MIA MOGLIE PER SBAGLIO”

CdA Rai

CdA Rai

3870 euro nel periodo aprile-agosto 2011 tra gioiellerie, ristoranti e negozi di Rieti (qui i dettagli): le “spese di rappresentanza” del consigliere Rai Guglielmo Rositani con la carta di credito aziendale dal valore di 10 mila euro divulgate da una fonte anonima a Repubblica hanno scatenato l’intervento immediato dello stesso Consigliere, che con una nota tramite l’Ufficio Stampa Rai ha respinto le accuse sporgendo querela e dichiarando che tali spese fossero del tutto “regolari, motivate e giustificate”.

Sarà, fatto sta che Rositani ha deciso di riconsegnare all’azienda la carta di credito delle polemiche. “Mi avete rovinato l’immagine, nella mia città cosa penseranno? Mi sento scarnificato e dolente”, avrebbe dichiarato, mentre in un’intervista a Libero ha sottolineato che l’errore è stato commesso probabilmente dalla moglie. Sulla vicenda sono comunque intervenuti i colleghi in CdA, che si son dati da fare per ricontrollare tutte le ricevute e verificare le spese effettuate, onde evitare di finire sui giornali.

Nino Rizzo Nervo ha speso lo scorso anno 1450 euro. “Per me la rappresentanza consiste nell’invito a pranzo. Due, tre alla volta. Nulla in più. E’ questione di stile”. Giorgio Van Straten, che parla di troppa esposizione sui media dell’alta dirigenza, si è invece fermato a 850 euro. Le spese di rappresentanza di Antonio Verro consistono invece in qualche omaggio floreale. Ma Rositani fondamentalmente non sembra aver colpe: l’uso consono dei 10 mila pare sia demandato agli stessi possessori, dato che l’azienda non ha fornito regolamentazioni. Giuste o meno, Rositani – che è anche Sindaco, Consigliere della Stretto di Messina SpA e artefice della Sagra del Peperoncino di Rieti – non è comunque nuovo alle polemiche sui giornali.

L’Espresso in un articolo del 2009 rivelò che quasi tutti i giorni Rositani usava autista e macchina dell’azienda pubblica per venire da Rieti, dove abita, a Roma, dove lavora, per poi indicarlo come l’artefice dell’assunzione di Raffaella Pichini alla Direzione segreteria del consiglio, anche lei rietina. Accuse anche in questo caso respinte e a cui è seguita una querela.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Guglielmo Rositani
LE “SPESE DI RAPPRESENTANZA” DI GUGLIELMO ROSITANI PUBBLICATE DA REPUBBLICA: 3870 EURO TRA RISTORANTI E GIOIELLERIE. IL CONSIGLIERE: “E’ TUTTO REGOLARE, MOTIVATO E GIUSTIFICATO”. E PARTE LA QUERELA.


gherardo colombo, cda rai
CDA RAI: FUMATA BIANCA PER LE NOMINE. ECCO CHI SONO I CONSIGLIERI


Luisa Todini
RAI: LUISA TODINI SI DIMETTE DAL CDA


Anna Maria Tarantola approvazione palinsesti Rai
PALINSESTI RAI 2014/2015: CDA LI APPROVA. MAI UNA MAGGIORANZA COSI’ RISICATA

4 Commenti dei lettori »

1. Pippo76 ha scritto:

24 febbraio 2012 alle 13:38

Certo, l’ha usata la moglie per sbaglio a sua insaputa..
Ditegli che questa scusa ormai è vecchia e già usata



2. Daniele Pasquini ha scritto:

24 febbraio 2012 alle 13:45

Abbiamo pensato alla stessa cosa.
Ormai va di moda dichiararlo!



3. Polly78 ha scritto:

24 febbraio 2012 alle 15:43

….avrei voluto essere sua moglie ….ahahah ma anche no….



4. Giuseppe ha scritto:

24 febbraio 2012 alle 16:47

Ecco, mi pareva.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.