15
ottobre

LA ZINGARA TORNA SU DM, CLORIS BROSCA: “TORNEREI A FARE LE CARTE. NON HO SAPUTO CAVALCARE L’ONDA MEDIATICA”

Cloris Brosca

Ogni tanto una vena amarcord pervade anche DM.  Chi, ad esempio, non ha mai cercato di rispondere a uno degli indovinelli della Zingara? Proprio per questo abbiamo pensato di “portare” Cloris Brosca su davidemaggio.it per saperne di più sugli sviluppi post-Luna Park. Contrariamente alle aspettative, e nonostante un curriculum teatrale attivissimo, Cloris non rinnega nulla del suo passato e si è dichiarata disponibile qualora qualcuno volesse rispolverare la Luna Nera.  Leggete la nostra chiacchierata.

Cloris, anni fa dicevi che dalle carte dipende la sorte. La sorte cosa ti ha riservato?

Credo alla sorte fino a un certo punto, noi siamo fautori del nostro destino . Sono ritornata a fare teatro in maniera continuativa . In questo periodo sto facendo le prove di uno spettacolo  molto interessante (La Spallata di Gianni Clementi) e sono anche diventata autrice di vari testi. Mi sono anche sposata nel 2000 con un cardiologo.  

Come arriva un’ attrice teatrale “impegnata” a interpretare la Zingara di Raiuno?

Molto casualmente. Sono andata alla Rai di Napoli ad ascoltare il concerto di Antonio Fraioli e nei corridoi ho incontrato Aurelio Castelfranchi, produttore di Luna Park; l’avevo conosciuto in uno speciale sull’Accademia di Arte Drammatica dalla quale provengo, mi riconobbe e mi disse che ci sarebbero stati i provini per il primo preserale che la Rai stava organizzando per contrastare La Ruota della Fortuna. Io pensavo fosse un gioco per ragazzi e ho detto: ”figurati se scelgono me”. Ero però in un momento in cui cercavo di superare ed affrontare i punti deboli del mio carattere tra i quali la timidezza. Quindi sono andata.

Su Facebook esistono diversi gruppi che si chiedono che fine abbia fatto Cloris Brosca. A te dispiace o fa piacere essere ricordata essenzialmente per un personaggio?

All’inizio avevo un pò di pudore, venendo dal teatro avevo paura delle critiche dei miei colleghi. Ho cercato di fare la Zingara professionalmente  studiando a memoria le battute e il modo in cui dovevano essere dette. Ovviamente non è solo per la mia bravura che viene ricordata, era proprio il gioco ad essere indovinato, con la Luna Nera diventata un’icona. Anche i duetti con Pippo Baudo sono rimasti nell’immaginario delle persone. A me ovviamente fa piacere essere ricordata per la Zingara  ma all’epoca non mi rendevo conto della fama che avevo. Ho lavorato come un bravo soldatino e il successo mediatico non l’ho cavalcato per niente.

Come mai?

La Zingara era abbastanza lontana dalle cose che faccio di solito. Non sapevo come sfruttare quel tipo di notorietà, non ho avuto a fianco a me le persone che me lo facessero capire. Un pò ho provato a chiedere in giro però dopo qualche “no” ricevuto non ho insistito.

In una tv generalista che spesso resuscita antichi filoni, la domanda è automatica: torneresti a fare la Zingara?

Si, se me lo chiedessero tornerei a farla perchè è un’ esperienza che ora ho capito meglio. Forse avrei meno paura e la rifarei volentieri. D’altronde è finita perchè è durata 9 anni e si voleva provare qualcosa di diverso. Adesso, rifacendola dopo anni avrebbe anche un sapore nuovo e retrò allo stesso tempo.

Secondo te Luna Park funzionerebbe oggi?

Credo proprio di si. In Luna Park  c’era molta attenzione al contenitore che racchiudeva al suo interno tanti giochi diversi. Quelli di adesso somigliano un pò di più al Rischiatutto. Lì era più curato l’aspetto di contorno: dalla scenografia ai balletti.

Hai lavorato con i più grandi conduttori della televisione italiana: Carlucci, Bonolis, Baudo, Magalli, Conti, Frizzi, Venier. Ci sono stati rapporti burrascosi con qualcuno?

No, perchè in quel periodo era come se timbrassi il cartellino. Non ho pensato a coltivare dei rapporti, un pò me la sono voluta. Regnava comunque un clima disteso dato che Luna Park fu un grandissimo successo.

In tv punzecchiavi spesso il partner di turno. Nella vita Cloris com’è?

Nella vita questa tendenza ce l’ho ma negli anni ho anche cercato di non fare agli altri ciò che non vorrei fosse fatto a me. Bisogna trovare la maniera giusta per dire le cose; una persona che conoscevo diceva: se devi fare un complimento fallo come ti viene, ma se devi fare una critica pensa al modo in cui farla.

Giochiamo. Quale carta della Zingara sceglieresti?

La stella. Ci riporta alla grandezza dell’essere umano che non sempre mettiamo in conto. Nella carta della stella c’è una donna inginocchiata sulla riva del fiume, mi piace perchè ha a che fare con la natura.

E la Luna Nera a chi la regaleresti?

A me stessa perchè non la reputo una carta negativa: ha a che fare con tutta l’energia oscura che c’è, alla base anche della creazione.  Tutte le cose prima di trasformarsi in un’opera d’arte risiedono in una sorta di serbatoio oscuro. Poi mi ha portato molta fortuna quindi la regalerei alle persone a cui voglio bene.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Lorenzo Patanè
Lorenzo Patanè a DM: «Robert tornerà ancora a Tempesta d’Amore»


Flavio Insinna
Flavio Insinna: «Ho una persona potentissima contro di me». «Non ho problemi a chiudere per sempre con la tv»


LA ZINGARA TORNA SU DM, CLORIS BROSCA: "TORNEREI A FARE LE CARTE. NON HO SAPUTO CAVALCARE L'ONDA MEDIATICA"
FESTIVAL DI SANREMO 2016, I DEAR JACK A DM: “VOGLIAMO SPACCARE E DARE IL MASSIMO”


Nadia Toffa
NADIA TOFFA A DM: ECCO IL MIO OPENSPACE. RENZI, VIENI QUANDO VUOI (VIDEO)

10 Commenti dei lettori »

1. Taichi ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 14:33

quanti ricordi con “luna park” e “la zingara” ho ancora il gioco in scatola sia di luna park che quello della zingara eh eh cmq anche io sono convinto che luna park se tornasse andrebbe bene e spero che prima o poi possano pensare ad un suo eventuale ritorno, ma con la zingara naturalmente come gioco finale…



2. mcooo ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 15:10

io sono la zingara che fa le carte e dalle carte dipende la sorte…
La Luna Nera ah ah ah ah ah
Che Ricordi…



3. white ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 16:11

Luna Park ,,quello si che era un preserale fantastico.
rifatelo.
e fate tornare la zingara :)



4. Clà ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 16:39

wow ke ricordiiiiiiiiiiiiiii , ma io la metterei la zingara ogni tanto al psoto dei pacchi fasulli e dei soliti ignoti



5. Phaeton ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 18:53

Me la ricordo pure io… che tristezza… cmq un applauso a Marco Corrao!!!!!



6. jaki82 ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 19:05

Rivoglio Luna Park: come conduttori Frizzi, Maya, Magalli, Cuccarini, Conti e Venier



7. Marco Corrao ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 19:12

Grazie mille Phaeton :-D

Comunque anche io sono assolutamente certo che Luna Park funzionerebbe alla grande. Magari con i dovuti accorgimenti .



8. Salvatore C. ha scritto:

15 ottobre 2010 alle 19:26

All’epoca il preserale era strutturato come un vero e proprio varietà di prima serata. Grande attenzione alla scenografia, ai giochi, e poi le sigle, gli stacchetti, il corpo di ballo, i figuranti. con il tempo è diventato tutto più triste e minimalista. Niente sigla, scenografie scure e semplici, niente orchestra e/o corpo di ballo, peccato.

Anche secondo me “Luna park”, rivisto e aggiornato potrebbe funzionare, magari anche in versione veloce nell’ access prime time. Del resto nella stagione 2002/2003, “Il castello” con Baudo, Conti e Venier, riusciva ad ottenere anche medie di quasi 6 milioni, a fronte degli 8 di “Striscia”. Non poco, visto il successo di allora del programma di Ricci e considerato che in quella fascia Raiuno, perdeva da anni con differenze d’ascolto imbarazzanti.

Comunque, voglio testare la vostra preparazione in materia di “Zingara”:

1- Se per caso vi donassero un cavallo dove non lo devi guardar per non commetter fallo?
2 – Di una cosa la cuoca è ben sicura, a merenda non c’entra che verdura?



9. *Elena* ha scritto:

16 ottobre 2010 alle 14:06

Che ricordi!!! Se devo sceglier eun aggettivo per quetso quiz, dico “coloratissimo”.
Super scenografia, tanti giochi in un solo quiz, balletti, era un gioco movimentato diciamo. Alla faccia di quelli di adesso con solo domande e scenografie blu scuro, senza nemmeno una sigla carina da canticchiare.



10. valerio ha scritto:

7 marzo 2011 alle 20:45

io ero un fans ,. svegatato .. di questo gioco .. preserale di Rai UNO .. Luna park … ma sopratutto … della ZIngara …. che amavo di piu .. questo gioco .. … che sequivo .. con molta attenzione …… di cui … io ho . il gioco in scatola …. del gioco della zingara … spero .. che presto .. i dirigenti Rai .. riportono .. su in nostri scherni .. questo …. programma .. amato da me e da tutti ,,, che anche ora .. sarà .. sequito da tutti … vi do un consiglio … fate cosi .. i conduttori …. che dovranno farlo …
lunedi .. fabrizio frizzi
martedi ..giancarlo magalli ,,,, mercoledi .. mara venier — giovedi .. carlo conti ….venerdi .. paolo limiti … sabato .. paola perego ….. –vi aguro .. che ci pensate …. a presto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.