4
marzo

Sanremo 2021: le pagelle della Seconda Serata

Laura Pausini

Laura Pausini

8 a Orietta Berti. E’ lei la star femminile di questo Festival. A 77 anni mette in riga tutti catalizzando le attenzioni mediatiche con i suoi racconti e una carriera decennale. Alla prova del nove, sul palco dell’Ariston, non si fa trovare impreparata offrendo un’ottima performance. La canzone, ça va sans dire, piacerà agli amanti della musica leggera più tradizionale. La barca va.

7 + a Elodie. Si è avvertita una certa discrepanza tra l’Elodie che presenta le canzoni e l’Elodie che canta. La prima ha qualche impaccio, la seconda è talento, energia e sensualità. Il monologo, pur con qualche sbavatura, è onesto e accorato, non frutto di un copione imparato a memoria. Ps. Chissà cosa ha pensato quando le è caduto l’orecchino dal valore di una automobile sportiva. Andromeda.

7 a Laura Pausini. La kryptonite di Laura Pausini si chiama Ariston, sarà per questo che stasera indossava un mantello. L’emozione sporca la performance (e non le impedisce di rimarcare i suoi meriti) ma comunque lascia il segno. Intervento rapido, per i tempi del Festival, e non è un male perchè non banalizza. L’emozione non ha voce.

7 – a Gaia. Se l’anno scorso c’era Elettra Lamborghini a portare ritmo, questa volta c’è la vincitrice di Amici con il valore aggiunto più importante: il canto! Wannabe tormentone.

6 + alla seconda serata del Festival di Sanremo 2021.  Se la prima era la prima e porta con sè un suo fascino, alla seconda non si possono concedere sconti. Non mancano lungaggini che faticano a dare collante alla serata; momenti interessanti, come la storia di Alex Schwazer, appaiono poco legati al contesto. Pesa l’overbooking lowcost di ospiti. In compenso, la gara ha funzionato meglio. Si può fare di più.

6 + a Lo Stato Sociale. Il caos, a volte è sinonimo di genialità, altre volte di confusione cialtrona. Nel caso del gruppo bolognese, diciamo, che si intravede una via di mezzo; comunque sia il trasformismo dell’esibizione rispecchia un “brano patchwork”. Brachetti e le storie tese.

6 a Bugo. Questa volta scende in campo in solitaria presentando un brano dal testo non scontato. Lo spettro Morgan ancora aleggia anche perchè nel brano canta di rimproveri e la performance è vocalmente assai debole. Buone intenzioni.

5 alla platea di palloncini. Appropriata la scelta di occupare la platea; ci si chiede però perchè non sia stata presa prima e soprattutto com’è possibile che il Festival di Sanremo debba avere un allestimento, degno della più economica delle wedding planner. Per non parlare del palloncino fallico. Rifallo.

4 ad Achille Lauro. Per la serie viva l’originalità, il “quadro” di stasera del cantante ricalca il suo video della scorsa estate che aveva protagonisti proprio Claudio Santamaria e Francesca Barra. Qualcosa non quadro.

4 alle spiegazioni sugli ascolti della seconda serata,. In conferenza stampa, il direttore Stefano Coletta parla di confronti impraticabili e attribuisce il calo alla minore platea e alla partita su Sky. Al contempo si strombazzano dati incredibili di crescita su Raiplay che vengono comunicati soltanto in termini di crescita percentuale, il che può dire tutto e niente. Una parola è poco e due sono troppe.

4 all’ospitata di Gigi D’Alessio. Al cantautore napoletano, alle prese con quotazioni discografiche al ribasso, viene concesso il lusso di una comparsata a Sanremo per presentare un nuovo brano mentre altri 5 big dovevano ancora esibirsi. Non dirgli sì.

4 alle modifiche del regolamento per trattenere Irama in gara. Esisteva un regolamento, modificato appositamente per il Covid poche settimane fa, e ora, al primo caso di positività, lo si modifica. Eppure, sin dall’inizio, la soluzione migliore sarebbe stata quella di far registrare un’esibizione a ciascun cantante da usare in casi di emergenza e per coprire l’assenza di una o due serate (magari nell’attesa dei risultati di un tampone), non per tutto il Festival. Tarallucci e vino.



Articoli che potrebbero interessarti


Festival di Sanremo 2021
Festival di Sanremo 2021: ecco i 26 big


sanremo terza serata
Sanremo 2021, pagelle terza serata


The Undoing Matilda De Angelis - Nicole Kidman
Pagelle TV della Settimana (18-24/01/2021). Promosso The Undoing. Bocciati il sabato sera di Rai1 e Friedman


orietta-berti-verissimo
Pagelle TV della Settimana (8-14/03/2021). Promossi Berti e Ti Spedisco in Convento. Bocciati La Caserma e la De Angelis

3 Commenti dei lettori »

1. lele ha scritto:

4 marzo 2021 alle 10:29

Credo che quella di lasciare la platea vuota nella prima serata sia stata una scelta drammaturgica voluta, per poi riempirla nelle serate successive in vario modo.



2. Sanremese ha scritto:

4 marzo 2021 alle 12:24

7+ ad elodie?! E per cosa??!!
Ma vi siete già dimenticati che negli anni ‘90 al suo posto c’erano Anna Falchi, Eva Herzigova, o Laetitia Casta? Modelle di fama MONDIALE. Il paradosso è che all’epoca Sanremo era in perdita, oggi invece è profittevole, e la Rai potrebbe permettersi comodoamnete di ingaggiare Kendall Jenner o Bella Hadid.

E comunque la valletta deve fare la valletta, non raccontare la storia della propria vita da mezza straniera in Italia di cui non frega niente a nessuno. E soprattutto la valletta deve attrarre pubblico maschile, quello che di solito non guarda Sanremo, e che quest’hanno l’ha snobbato ancora di più.



3. carla ha scritto:

4 marzo 2021 alle 20:24

Il Volo non lo menzioniamo?
Bravissimi



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.