Pagelle



13
aprile

Pagelle TV della Settimana (4-11/04/2021). Promossa Greta Scarano, bocciato Game of Games

greta scarano pagelle

Greta Scarano versione Ilary Blasi

Promossi

9 a Greta Scarano. Da amore proibito di Montalbano all’interpretazione riuscita (ma imborghesita) di Ilary Blasi passando per la nuova fiction Rai da protagonista, l’attrice romana è ad un passo da una meritata svolta.




30
marzo

Pagelle TV della Settimana (22-28/03/2021). Promossi Colapesce, Dimartino e Celentano. Bocciati Zorzi e la promozione Rai ad Amazon

alessandra celentano

Alessandra Celentano

Promossi

9 a Colapesce e Dimartino. A meno di un mese dalla fine del Festival, è la loro  ‘musica leggerissima’ quella che più rimane. Un tormentone delicato e intelligente.

8 a Alessandra Celentano. Ogni anno trova pane per i suoi denti e riesce a non farsi trovare impreparata. Ormai è diventata la cattiva che si ama odiare, molto funzionale al programma anche perchè è una delle poche che rimanda concretamente al concetto di scuola.

7 a Your Honor. La serie di Sky Atlantic segna il ritorno televisivo di Bryan Cranston, alle prese con un personaggio soltanto all’apparenza dissimile da Walter White. L’attore è un giudice, disposto a calpestare la legge per proteggere suo figlio. Un racconto a tratti ansiogeno che all’inizio si dipana come un film lungo per poi ingarbugliarsi in una beffarda reazione a catena. Della serie dovrebbe essere realizzato un remake italiano per mano di Rai Fiction.

6 a Ilary Blasi. D’accordo, le conduzioni scanzonate sono un buon antidoto per chi si prende troppo sul serio, e in questo periodo ce n’è sicuramente bisogno. Ma se sei alla guida di un reality non puoi essere totalmente avulsa delle dinamiche del programma, come se fossi completamente disinteressata. Il risultato è che il pubblico ti segue in attesa della prossima battuta.

Bocciati

5 a Adriana Volpe. L’ex showgirl, cerca di giocare d’astuzia e arriva a festeggiare il dimezzamento del moribondo Ogni Mattina perchè “da contenitore passa a format”. Cosa vorrà dire, chiedetelo a lei.

4 alla promozione fatta in Rai a Lol, nuova produzione di Amazon Prime Video. Se gli spot sono doverosi (perchè pagati) ma comunque un pizzico beffardi, lanciare il programma con ospitata di Mara Maionchi o le domande casuali di Fazio a Fedez è controproducente.

3 a Tommaso Zorzi. D’accordo gongolare per un periodo positivo ma qua si sfiorano “deliri di onnipotenza” da far impallidire i più blasonati personaggi della tv. Nè la figuraccia fatta al Costanzo Show dove si è ammutolito al cospetto di Giorgia Meloni nè l’impaccio mostrato da opinionista sembrano riportarlo con i piedi per terra.

2 a Titolo V. Non sono serviti i mesi di rodaggio, la trasmissione di Rai3 chiude mestamente senza aver mai registrato sussulti in termini d’ascolti. Il venerdì sera è una serata frammentata e non c’è bisogno dell’ennesimo talk condotto da due giornalisti dallo scarso richiamo popolare.

1 al Ministro della Cultura Franceschini che si è scagliato contro la possibilità di avere il pubblico al Festival, in quanto in onda da un teatro, ma non si è neanche accorto della (mini) platea (figuranti tamponati) degli spettacoli teatrali di Comedy Central. Già che il Festival venisse equiparato ad uno spettacolo teatrale faceva ridere, ma che poi non si segua neanche una linea precisa è ancora peggio e fa capire che la “colpa” della kermesse è stata solo la sua mediaticità.


22
marzo

Pagelle TV della Settimana (15-21/03/2021). Promosso Amici, bocciata l’Isola dei Famosi

isola dei famosi

Isola dei Famosi

Promossi

9 alla partenza a razzo di Amici 20. Il talent di Maria De Filippi festeggia il ventennale con un debutto record. Un successo costruito partendo dal sabato pomeriggio e dal daytime, che si è ritagliato maggiore spazio su Canale 5, e figlio di dinamiche che tornano a strizzare l’occhio al reality e al passato. Amici è tornato Amici; quando c’è un contenuto forte e chiaro non servono un esercito di ospiti, i giurati hollywoodiani o massicci innesti di varietà.





16
marzo

Pagelle TV della Settimana (8-14/03/2021). Promossi Berti e Ti Spedisco in Convento. Bocciati La Caserma e la De Angelis

orietta berti

Orietta Berti

Promossi

9 a Il Commissario Montalbano. La novità è che, se prima mettevano d’accordo tutti, le gesta del personaggio di Luca Zingaretti stavolta hanno fatto discutere. Sotto accusa il colpo di scena che ha visto Montalbano lasciare la fidanzata per un’altra. Meglio così, una scossa dopo tanti anni che rende un seguito ancora più doveroso. Lunga vita.


6
marzo

Sanremo 2021: le pagelle della quarta serata

fiorello pagelle

Fiorello

9 a Beatrice Venezi. Bella come poche; non fa parte del mondo della tv, eppure se la cava più che bene nel presentare le canzoni. Ribadisce di voler esser chiamata “direttore d’orchestra” e non direttrice, evitando l’imperante politically correct. Dopotutto, è il suo mestiere (e non il modo in cui viene chiamata) a renderla un esempio di donna, un modello da seguire. Brava, bravissima.





5
marzo

Sanremo 2021, pagelle terza serata

sanremo terza serata

Sanremo, terza serata (da Raiplay)

8 a Samuele Bersani e Willie Peyote. Una delle più belle canzoni di sempre, reinterpretata insieme al cantante originale; si rivela azzeccata la scelta di Willie Peyote che riesce altresì a dare una sua impronta alla performance. Quarti in classifica, avrebbero ben figurato anche sul podio. Giudizio universale.


4
marzo

Sanremo 2021: le pagelle della Seconda Serata

Laura Pausini

Laura Pausini

8 a Orietta Berti. E’ lei la star femminile di questo Festival. A 77 anni mette in riga tutti catalizzando le attenzioni mediatiche con i suoi racconti e una carriera decennale. Alla prova del nove, sul palco dell’Ariston, non si fa trovare impreparata offrendo un’ottima performance. La canzone, ça va sans dire, piacerà agli amanti della musica leggera più tradizionale. La barca va.


3
marzo

Sanremo 2021, le pagelle della prima serata

achille

Achille Lauro (da Twitter Sanremo Rai)

8 a Matilda De Angelis. La prima valletta della settantunesima edizione del Festival si presenta sin da subito a carte scoperte: non vuole essere la bellona muta o dipendente dal gobbo e non perde tempo con le smancerie di rito. Supera a pieni voti la prova sanremese grazie ad un fare spontaneo, ad un eloquio brillante e ad una personalità interessanti. Prada delude per i look. Veloce come il vento.