27
maggio

Pagelle TV della Settimana (18-24/05/2020). Promossi L’Albero Azzurro e Skam. Bocciati Incorvaia e Ciavarro e Maurizio Battista

skam

Skam

Promossi

9 ai 30 anni dell’Albero Azzurro. Era il 21 maggio del 1990 quando sugli schermi Rai debuttavano l’uccello Dodò e i suoi amici, protagonisti di una trasmissione per bambini con un inconsueto approccio educativo e del fare. Oggi, seppur con alterne fortune, L’Albero Azzurro resiste su Rai YoYo vantando ancora forti capacità distintive.

8 a Skam. Nella quarta stagione il teen drama di Tim Vision mette al centro una ragazza italiana musulmana per raccontare una nuova realtà e ci riesce con il consueto stile diretto, senza fronzoli o sbavature. A differenza delle altre stagioni, c’è meno storia d’amore e più profilazione del personaggio.

7 a I Soliti Ignoti. Il game show di Rai1 ha chiuso il ciclo di repliche battendo nella maggior parte dei casi ogni competitor.

6 ai battibecchi Mauro Corona – Bianca Berlinguer. I dialoghi ‘vivi’ tra l’alpinista e la giornalista sono diventati irrinunciabili per gli spettatori di Carta Bianca, attenzione però che iniziano a risultare ripetitivi.

Bocciati

5 a Albano. A Domenica In, il cantante di Cellino San Marco ricorda quando l’uomo ha sconfitto i dinosauri!

4 a Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro. La coppia, che già non aveva brillato per simpatia al Grande Fratello Vip, viene sbugiardata in diretta da Barbara D’Urso che rivela come i due stessero fingendo di incontrarsi per la prima volta dopo mesi.

3 a Palestre di Vita. Il nuovo programma dell’access di Rai3 viene sospeso per bassi ascolti. Da un lato un tema “troppo stretto” sin dal titolo per attecchire, dall’altro il periodo e l’assenza delle puntate inedite di Un Posto al Sole lo hanno penalizzato sin dalla partenza.

2 al finale del Segreto. La telenovela spagnola dei record si è conclusa lasciando con l’amaro in bocca. Se la produzione aveva promesso di svelare tutti i segreti, compreso il segreto del segreto, l’epilogo tradisce tale intenzione (per maggiori info clicca qui). Che fine ha fatto Pepa?

1 a Maurizio Battista. Alle prese con gli ascolti bassi del nuovo show Poco di Tanto, il comico se la prende con chi definisce flop il programma vantando la bontà del prodotto. Solite scuse di chi non vuole farsene una ragione. Se non te ne importa – come dici – non parlarne affatto!



Articoli che potrebbero interessarti


Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro
Temptation Island sbugiarda Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro: «Mai stati invitati». Come a dire: “dalle e dalle, si spezza pure o metalle”


Caterina Caselli  cantante, produttrice discografica, attrice italiana - Retrospettiva
Pagelle TV della Settimana (24/02-1/03/2020). Promossi Il Segreto e Fammi Sentire Bella. Bocciato Ghali


Valeria Marini GF Vip
Pagelle TV della Settimana (17-23/02/2020). Promossi L’Amica Geniale e Little Big Italy. Bocciati Skianto e Incorvaia


Denver e Clizia Incorvaia - GFVIP
Grande Fratello Vip, Clizia si sente in colpa per aver baciato Paolo: «Ho una ‘frequentazione’ fuori… mi sta venendo un po’ d’ansia»

3 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

27 maggio 2020 alle 15:45

Come mai “L’ albero azzurro” era tornato per due sole settimane su Rai 2 ?



2. DavideFi ha scritto:

28 maggio 2020 alle 21:41

A me Paolo Ciavarro sta antipatico.



3. PeppaPig ha scritto:

29 maggio 2020 alle 07:01

Generoso il 5 ad Albano.

Generosissimo il 6 ai patetici battibecchi Corona/Berlinguer.

In quanto a Barbara D’Urso, la sceneggiata in cui lei finge di scoprire chissà quali torbide trame ai danni del povero spettatore, ostentando indignazione e sdegno, l’abbiamo vista talmente tante volte che è più usurata dei battibecchi di cui sopra. Ma ancora qualcuno ci crede?
In ogni caso al livello di comicità di chi si accredita come paladino dell’onestà verso lo spettatore dopo aver campato un anno sulla storia di Mark Caltagirone darei anche 20 con lode.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.