27
aprile

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (18-24/04/2016). PROMOSSI ILENIA PASTORELLI E BALLANDO, BOCCIATE LE CONTRADDIZIONI DI CAMPO DALL’ORTO

Fabio Fazio

Promossi

9 a Ilenia Pastorelli. Dal Grande Fratello ai David di Donatello come miglior attrice protagonista: alla giovane esordiente romana è riuscito il colpaccio che mai prima d’ora nessun personaggio con un reality in curriculum aveva portato a casa. E’ una risposta a chi, quando si parla di ex gieffini et similia, fa di tutta l’erba un fascio; nondimeno ci ribadisce una lezione che avevamo già avuto modo di imparare con Eleonora Daniele: se fai il Grande Fratello e vuoi fare carriera (vera) meglio far parlare meno durante e dopo la permanenza nella casa.

8 a Iago Garcia. Lo spagnolo vince a mani basse l’undicesima edizione di Ballando con le stelle mettendo d’accordo pubblico (che sulla scia delle sue interpretazioni a Il Segreto e Una Vita l’ha premiato sin da subito) e giuria.

7 a Ballando con le stelle. E’ uno dei format più forti della tv nostrana e per questo siamo convinti potrebbe rendere ancora di più. Milly Carlucci è stata brava ad alimentare il contorno ma dovrebbe mettere mano anche alla struttura del programma ripetitiva ai limiti del claustrofobico.

7 di incoraggiamento a David di Donatello. La cura Sky ha funzionato, la serata ne ha guadagnato in ritmo e godibilità. Non tutto comunque è filato liscio: troppo lunghe le clip dei film, qualche battuta mal riuscita e poca spontaneità. Si sono ispirati agli Oscar? E chi dice che riproporre il modello Oscar tout court in Italia sia un bene? Sul fronte ascolti (modesti ma non è che si potessero aspettare grandi picchi), l’”errore di forma” è stato quello di trasmettere la cerimonia sul free to air. Iniziare solo sulla pay (dove gli ascolti sono stati più che sufficienti) avrebbe aiutato a creare l’attesa per il grande pubblico in vista del 2017.

6 a Rischiatutto. Fabio Fazio fa il botto a fronte di uno show lacunoso e sin troppo uguale al passato. D’altro canto parliamo di un genere immortale, si sentiva la mancanza di  “quiz puro”, la memoria di Mike è ancora viva (ingrata Mediaset a infischiarsene), e avere ospiti come Maria De Filippi e Fiorello non è cosa di tutti i giorni. Qualche sforzo in più per migliorare la confezione sarebbe stato gradito.

Bocciati

5 al Chiambretti Grand Hotel. Sebbene siano innegabili dei passi avanti rispetto all’esordio, il connubio tra il late night di Canale 5 e L’Isola dei Famosi non è  riuscito. Il programma è “freddo” e non riesce a cavalcare le “calde” dinamiche isolane finendo per scontentare sia gli appassionati del Chiambretti style che quelli dell’Isola dei Famosi. Il bravo Chiambretti avrebbe dovuto dunque stravolgere il suo format per un vero e proprio post Isola.

4 alle dichiarazioni dal sapore contraddittorio di Antonio Campo Dall’Orto. Il nuovo direttore Generale ci aveva detto che gli ascolti dovevano in qualche modo perdere di importanza a fronte di altre variabili come l’innovazione, l’appeal presso i giovani e la multimedialità. Ebbene, Rischiatutto segna risultati auditel monstre e puntuale arriva l’encomio del top manager con un comunicato ufficiale. Peccato che il quiz, pur essendo un esempio di programma da servizio pubblico e al di là delle considerazioni critiche sui contenuti, non si possa definire nè social (il sentiment su Twitter era pure negativo mentre i follower a fronte di 7 milioni di spettatori sono circa 4 mila e cinquecento) nè innovativo  e, nella seconda puntata, è stato più che doppiato sul target giovani dalla concorrenza.

3 alla quasi assenza di Quo Vado ai David di Donatello. Il film campione d’incassi e l’attore che inanella un record dopo l’altro (Checco Zalone) avrebber omeritato una maggiore considerazione.

2 al flop de L’Erba dei Vicini. Sonoro insuccesso per il programma di Beppe Severgnini che porta Rai3 ad ascolti da rete all digital. Non sarà stato un errore riproporre una seconda edizione a breve distanza da una prima che già non aveva infiammato (ascolti tra il 4 e il 5% di share)?

1 al motto dell’Isola dei Famosi 11: Me parece todo estupendo. Tralasciando la facile ironia sul significato della frase applicato al programma che in questa edizione ha avuto ben poco di “estupendo”, il motto è lungo, inadeguato, difficile.

@mattiabuonocore



Articoli che potrebbero interessarti


Simona Ventura pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (7-13/3/2016). PROMOSSI POOH E PEQUENOS GIGANTES, BOCCIATA L’ISOLA DEI FAMOSI


MARIA DE FILIPPI
LE PAGELLE DELL’ANNO 2016: I PROMOSSI


Rischiatutto 8
RISCHIATUTTO RIPARTE SU RAI3. FAZIO E BIGNARDI METTONO LE MANI AVANTI SUGLI ASCOLTI. ECCO OSPITI E VALLETTE


Isola dei Famosi - Finale
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV, SPECIALE ISOLA DEI FAMOSI.

27 Commenti dei lettori »

1. lordchaotic ha scritto:

27 aprile 2016 alle 15:39

voto 1 meritatissimo!!!! BASTAAAAA



2. xxxxx ha scritto:

27 aprile 2016 alle 15:41

L’1, più che al motto del programma, andrebbe dato alla Marcuzzi



3. Guasty_95 ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:02

5) Il Grand Hotel Chiambretti io lo trovo ottimo, l’ironia e la sagacia di Piero sono formidabili nel contesto Isola.
3) Quo Vado, a mio avviso, non è stato considerato per via della rivalità Sky-Mediaset. Infatti mi sembra strano che il premio dei giovani delle scuole italiane sia andato al film “La corrispondenza” rispetto che a Zalone. O li hanno costretti a vedere il film o li hanno pagati per votarlo.
1) Guardando in casa Mediaset, meglio la Marcuzzi tutta la vita piuttosto che le varie falsissime D’Urso, Toffanin e compagnia bella.



4. Mattia Buonocore ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:07

@Guasty_95 anch’io penso che Chiambretti sia formidabile e ben venga la sua ironia sull’Isola, ma non bastano delle battute per fare un programma. Su Quo Vado, Perfetti Sconosciuti ha vinto come miglior film ed è Medusa. Sull’1 ce l’ho con il motto, che sarebbe rimasto brutto detto da chiunque.



5. RoXy ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:13

Voto 0 (zero) a Chiambretti Grand Hotel:

Spettacolo indecoroso (come sempre) quello di ieri sera, che ha avuto il suo momento clou con la greve, imbarazzante ed infelice battuta che il conduttore ha rivolto all’indirizzo del naufrago Gianluca Mech, definito “finocchiona” e “culatello”. Quando si è a corto di idee e di autori capaci, si ricorre facilmente a una mediocre comicità tipica della commedia sexy anni ‘70 che non diverte nessuno (a parte il buon PierSilvio). Felice che ieri sia crollato negli ascolti!



6. Simo ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:21

#meparecetodoestupendo lo trovo ESTUPENDO! Per non parlare di Alessia… Ce ne fossero di conduttrici brave come lei!



7. xxxxx ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:50

@Simo: sei sicura??? All’Isola è un completo disastro: perde tempo in cose inutili, parla sopra a ospiti e concorrenti, spesso sembra che non sappia nemmeno dove si trovi (fraintende le dichiarazioni dei concorrenti, l’altra sera ha confuso un’isola inquadrata in lontananza con la barca che trasportava le parenti dei naufraghi…), quando le cose si fanno interessanti interrompe le conversazioni o le liti (anche se questo, forse, è colpa degli autori ipocriti che la guidano) ed inoltre alcune settimane fa ha parlato di Playa Soledad in collegamento con i naufraghi (ma nessuno se ne è accorto per via del clima di confusione che regnava in studio, dal momento che i naufraghi o salutavano o erano indaffarati e stava partendo la sigla di chiusura). Decisamente un flop di conduttrice. L’unico suo pregio (forse), è che non usa il gobbo.



8. Francesco ha scritto:

27 aprile 2016 alle 16:52

Dispiace per gli ascolti bassi de L’erba dei vicini… Un programma carino e interessante… peccato davvero… credo sia stata sbagliata la collocazione al giovedì e venerdi…



9. SaraLurker ha scritto:

27 aprile 2016 alle 17:41

E meno male che Quo Vado non è stato considerato troppo.
Non basta essere campione di incassi ed un personaggio tv popolare per saper fare Cinema ed avere dei riconoscimenti. Specie se nella gara gli altri nominati sono nettamente superiori, come quest’anno. Anche in altre edizioni, seppur non vincendo, Zalone è stato nominato, ma mai per candidature importanti.
La commissione che propone le candidature è una cosa, i votanti un’altra. Quindi la commissione David il suo lo ha fatto.
Tutt’al più il problema sono gli stessi critici dei giornali che hanno tanto lodato prima il film. I critici e gli altri giurati non hanno votato dopo Quo Vado tra i vincitori.
E per quale altro premio oltre Miglior Attrice di Supporto e Miglior Canzone esattamente avrebbe dovuto essere considerato e vincere alla pari degli altri competitors? Miglior Sceneggiatura? Fotografia? Regia? Scenografia? Miglior Interprete Maschile? Miglior Film?
Dai su….tutti gli altri nominati in ogni categoria valevano cento volte i possibili nominati di Quo Vado.
Zalone usa il cinema per distribuire in sala scene comiche montate insieme, non è Cinema.
E’ un format televisivo su grande schermo.
E’ bravo a far divertire un certo pubblico, ok, ed è giusto che la gente a cui piace lo faccia incassare, ma il Cinema è un altra cosa.
Altrimenti diamo anche un “Premio alla Carriera” ai Vanzina.
La vergogna semmai è che il film di Caligari non abbia alla fine portato a casa niente, essendo stato in precedenza anche candidato per rappresentare l’Italia nella categoria Miglior Film Straniero.

L’Accademia del Cinema Italiano Premi David di Donatello diretta da Rondi non ha niente a che fare con Sky. Sky ha solo prodotto e dsitribuito la cerimonia di premiazione. Non per niente il Miglior Film era una produzione Medusa.



10. OCSEP ha scritto:

27 aprile 2016 alle 17:44

Noto un accanimento nei confronti della Marcuzzi. Addirittura 1? Non starete peccando di presunzione? Passi una critica o che la Marcuzzi non piaccia, ma crocifiggerla mi sembra eccessivo!!!



11. SaraLurker ha scritto:

27 aprile 2016 alle 18:07

@Mattia io ho un paio di domande per te

Queste sono tue pagelle con i tuoi giudizi personali o è la somma dei pareri della redazione? Non capisco se quando dici NOI è una condivisione di giudizi o un pluralis majestatis :-)

Rischiatutto è un programma già approvato dal precedente CDA, e di conseguenza supportato da Dall’Orto, oppure una decisione della sua Amministrazione?
Perchè vorrei capire esattamente ai fatti pratici quando inizia il nuovo ciclo tanto voluto dall’ex capoccia di MTV, considerato che fino adesso non si è visto nulla di rinnovato.



12. Nina ha scritto:

27 aprile 2016 alle 19:42

Sarah: perchè sempre tutto questo snobbismo nei confronti di alcune persone? Te lo chiedo perchè a me ad esempio Zalone piace tantissimo e non sono certo una dai gusti semplici (a me i cosiddetti blockbuster americani fanno orrore)



13. SaraLurker ha scritto:

27 aprile 2016 alle 19:53

@Ninah :-), nessuno snobismo, credimi. Io critico oggetivamente quello che vedo senza lasciarmi influenzare dai miei gusti personali. Che sono dei più svariati.
Se per alcune persone ti riferisci a Zalone, non è che possiamo dargli meriti di cinematografia che non ha. Solo perchè ci piace.

Il blockbuster americano, il cinema Mainstream, può fare orrore come essere cinema mainstream d’autore, vedi Christopher Nolan. Non possiamo metterli tutti nel mucchio. I films di Zalone sono scarsissimi riguardo a tutti i comparti tecnici di cui un film è composto, dalla scrittura, alla fotografia, alla regia, alla recitazione. Non possiamo pensare che venga premiato se gli mancano le basi prime di quello che è il cinema. Lo premiano gli incassi e questo è già abbastanza. Per lui e per gli introiti che porta al cinema, che di conseguenza può permettesi di produrre anche altro. Che è quello che succede con i blockbusters americani. Servono per alimentare l’industria e generare il filone indipendente più pregiato. Ma quasi mai, tranne in casi rarissimi se non unici, i blockbusters americani vengono super premiati agli eventi che contano.



14. xxxxx ha scritto:

27 aprile 2016 alle 20:03

@OCSEP: ha rovinato un programma bellissimo, fai un po’ te. Con un’altra conduzione, e con un organizzazione migliore, quest’edizione dell’Isola sarebbe stata sicuramente più digeribile, nonostante il cast.



15. Giacomo ha scritto:

27 aprile 2016 alle 20:35

È giusto che quo vado? non sia stato considerato. Qualitativamente non è niente di speciale, non al livello degli altri film nominati! Io l’ho visto come la maggior parte degli italiani, l’ho trovato molto divertente e gradevole, ma da qui all’assegnazione dei David ce ne vuole. Ottimo invece il premio per il miglior film a perfetti sconosciuti (ben fatto) e l’incetta di premi per lo chiamavano jeeg robot e per il film di Garrone entrambi ottimi prodotti



16. Luna ha scritto:

27 aprile 2016 alle 20:51

@ SaraLurker e Giacomo vi quoto alla grande.
Io aggiungo che non mi faro’ più imbobinare dai “prodotti” Zalone. Il prossimo che mi inviterà ad andare a vedere un suo film gli rispondero’ alla Zerocalcare : – Ti faccio un gluteus maximus cosi. :-)



17. SaraLurker ha scritto:

27 aprile 2016 alle 20:56

@Luna io ti ho citata in un mio commento nel post degli Ascolti di Domenica 24 Aprile, quindi siamo pari! :-)



18. Marco89 ha scritto:

27 aprile 2016 alle 21:10

A me invece il programma di Chiambretti convince anche se è da riproporlo slegato dall’Isola. Detto questo, se la prima serata dell’Isola offre pochissimi spunti narrativi perchè quest’anno c’è solo da annoiarsi, come può funzionare il connubio? Ci sarebbe voluta almeno un’edizione movimentata con gente simpatica e parzialmente famosa, allora condividerei anche la critica. Chiambretti cmq dovrebbe eaaere valorizzato ancora di più, è un grande, la trasmssione è stupendamente surreale



19. Luna ha scritto:

27 aprile 2016 alle 21:30

@ SaraLurker vuol dire che siamo sulla stessa lunghezza d’onda :-)))



20. Vince! ha scritto:

28 aprile 2016 alle 03:09

Sinceramente non capisco il suggerimento di trasmettere solo in pay i David. Ho apprezzato molto la scelta di permetterne la visione anche agli appassionati privi di Sky, così come avviene ormai da due anni anche per gli Oscar. Il guaio è che per anni la tv ha trascurato il cinema e adesso si fatica a richiamare grandi masse per simili cerimonie. Ma, visto il buon risultato di critica e l’attenzione dei media di quest’anno, sono fiducioso per il futuro. Inoltre è la prima volta che i film premiati aumentano le copie in sala dopo la cerimonia, attribuendo al premio anche un valore commerciale.



21. Nina ha scritto:

28 aprile 2016 alle 10:42

Sarah: con persone intendevo le parole che usi nei confronti di chi li apprezza certi prodotti. Tipo “va bene per quel pubblico lì”, come se in quel pubblico ci fossero degli esseri inferiori.



22. SaraLurker ha scritto:

28 aprile 2016 alle 14:14

@Ninah io ho scritto “E’ bravo a far divertire un certo pubblico”.
Certo, aggettivo indefinito. Senza accezione positiva o negativa. Visto che l’aggetivo o il pronome certo si possono usare in entrambe le accezioni.
Non credo si possa definire snob la parola certo.
Certo pubblico, pubblico di riferimento.

Semmai possiamo suddividere il pubblico, sia televisivo che cinematografico, in fasce sociali, economiche, di istruzione ed infinite categorie. Che distinguono il pubblico pregiato da quello non pregiato. Questo non lo ho inventato io ma chi si occupa del marketing e degli ascolti auditel.
Ma ciò non determina una superiorità o inferiorità umana.

Cmq certo o non certo il pubblico, i prodotti di Zalone sempre filmetti scarsi cinematograficamente restano.

Invece mi lascia molto perplessa il tuo “sempre” e “le parole che usi”. Come se io fossi una persona che tende ad offendere una fascia di altre persone, o che io e te ci parlassimo regolarmente.



23. Nina ha scritto:

28 aprile 2016 alle 14:39

Sarah: prima di tutto Nina per favore, grazie. Per il resto, magari non ci siamo parlate ma ho letto i tuoi messaggi e mi pareva di aver letto qualcosa del genere anche se non precisamente con le stesse parole. Scusa se ho frainteso.



24. Nina ha scritto:

28 aprile 2016 alle 14:41

E scusami se io ho sbagliato il tuo nome. Sara.



25. SaraLurker ha scritto:

28 aprile 2016 alle 15:13

@Nina, ben lieta che ti sia accorta che anche il mio nome non finisce con l’H!!! :-)

Io non cosidero inferiori alle persone nemmeno gli animali, figurati se posso fare paragoni tra la gente.
Quando si fanno discorsi sulle fasce di pubblico purtroppo si possono generare certi fraintendimenti, ma stiamo sempre parlando di elementi sociali che non determinano la grandezza o la piccolezza della “Persona” in quanto essere umano e pensante.
E ci mancherebbe pure!



26. Luca ha scritto:

29 aprile 2016 alle 10:48

Rischiatutto è perfetto
Bravo Fazio ,anche se generalmente ,per la sua genuflessione ad una parte politica,in generale mi sta un po’ sulle palle
Un piccolo commento : ma a Daniela Buongiorno qualcuno che le vuole bene vicino a lei,i figli o qualche amica le possono dire qualcosa ?
Con tutti i soldi che ha non riesce a trovare un chirurgo plastico che le rimetta a posto la faccia gonfissima che ora sembra quella di un trans brasiliano ?



27. lorenzo ha scritto:

29 aprile 2016 alle 21:08

Chiambretti a me piace un casino!! Mediaset deve puntare più su di lui! Il suo grand Hotel è favoloso … deve continuare tutto per tutta la stagione televisiva aldilà dell’isola



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.