29
febbraio

CASA ALICE: VERONICA MAYA NON SI ARRENDE E STAVOLTA “CUCINA IN FAMIGLIA”

Casa Alice - Cucina in Famiglia

Di Veronica Maya bisogna apprezzare la versatilità, o meglio la tenacia: dopo essere stata silurata dal suo Verdetto Finale (e poi anche dallo Zecchino D’Oro e Linea Bianca), la conduttrice non ha mollato la presa e ha fatto di tutto per restare sul piccolo schermo, mettendosi alla prova in mille modi. Ha ballato, cantato e si è perfino “messa a nudo” a Tale e Quale Show; è volata a Tirana per tentare l’avventura di Agon Channel dopodiché ha condiviso il proprio privato nei salotti di Domenica Live ricevendo una proposta di matrimonio in diretta dal compagno, e sotto gli occhi dei primi due figli. Adesso, invece, ha deciso di dedicarsi alla cucina.

Casa Alice – Cucina in famiglia: Veronica Maya impacciata ai fornelli

Ma non quella di casa sua, bensì quella di Alice Tv, emittente che l’ha arruolata nella propria squadra. Così, dopo la parentesi di Casa Sanremo, Veronica Maya è ora la nuova conduttrice del programma Casa Alice – Cucina in famiglia, in onda sul canale 221 dtt alle 18:30; un’ora e tre ricette da realizzare insieme agli chef ed insegnare al pubblico a casa.

Ma, nonostante l’immagine della Maya sia ormai quella della perfetta madre di famiglia - ha appena dato alla luce la terza figlia – e nonostante i suoi genitori siano ristoratori, la conduttrice non sembra molto a suo agio tra i fornelli, intimidita dai ben più esperti colleghi di set e impacciata anche nelle mosse più semplici. Nulla di male, se pensiamo alla spontaneità di Benedetta Parodi o a quella di Antonella Clerici ne La Prova del cuoco, ma questa “goffaggine” non si sposa affatto bene con l’immagine algida e composta che la Maya si è sempre imposta di mostrare (seno scoperto, suo malgrado, a parte).

Ma il problema sta anche nella natura stessa del programma, perchè è proprio la presenza di una conduttrice ad essere superflua: lo chef principe di Casa Alice – Cucina in famiglia, Roberto Valbuzzi, da solo basterebbe, con il suo volto comunicativo e la parlantina sciolta. In passato, però, quando nello stesso format accanto agli esperti c’erano Rosanna Vaudetti e Franca Rizzi, si creava un insieme più omogeneo e meno forzato.

La Maya, in conclusione, dovrebbe trovare qualcosa di più adatto a lei, se non vuol fare la fine immeritata della prezzemolina.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandro Antinelli - Antidoping
Antidoping: una pietra preziosa da incastonare meglio. Alessandro Antinelli perfetto narratore


Tale e Quale Show: Annalisa Minetti imita Celine Dion
Tale e Quale di nome e di fatto


Ci Vediamo in Tribunale
Ci Vediamo in Tribunale: il pruginoso déjà-vu del pomeriggio di Rai2


Paolo Bonolis e Gianluigi Donnarumma
Chi ha incastrato Peter Pan: fate largo ai marmocchi

4 Commenti dei lettori »

1. anastasia ha scritto:

29 febbraio 2016 alle 15:23

Letto, confermato e sottoscritto.
Franca Rizzi e Persegani erano 10 spanne sopra.
E probabilmente anche la Rizzi con Valbuzzi avrebbe funzionato meglio.
Avrei preferito una scelta diversa ma diamogli tempo che magari si sciogle e impara qualcosa di cucina. La vedo dura però!



2. Filippo ha scritto:

29 febbraio 2016 alle 15:38

Ma stare a casa a fare la mamma e la moglie pare brutto?? Boh



3. grilloparlante ha scritto:

1 marzo 2016 alle 14:14

Completamente d’accordo. Il cuoco funziona benissimo da solo, è molto più comunicativo e disinvolto della “conduttrice”. Capisco che dopo Agon Channel e Domenica Live c’è solo la frutta, ma a un certo punto ci vorrebbe anche il coraggio di fare un passo indietro.
Ma perchè hanno sostituito Rizzi e Persegani?



4. luca anastasi ha scritto:

3 marzo 2016 alle 12:39

LA MAYA E’ MEGLIO DESNUDA… IN CUCINA DAVVERO OCA.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.