5
ottobre

SIN TETAS NO HAY PARAISO: FINALMENTE ANCHE IN ITALIA SENZA TETTE NON C’E’ PARADISO

sin tetas no hay paraiso

La prostituzione come viatico per scampare alla povertà materiale, ma non a quella dell’anima; il traffico di droga e la violenza per ottenere un riscatto, che però è solo apparente; l’innocenza perduta, impossibile da riacquistare; tutti questi elementi a intessere un’appassionante storia d’amore tra due giovani. Una passione maledetta da tutto e tutti, quella che trafigge Catalina, ragazza acqua e sapone, di umili origini, e Rafa, per tutti El Duque, narcotrafficante di fama.

Questa volta dobbiamo proprio sbilanciarci. Siamo letteralmente entusiasti. Dopo anni di attesa la versione spagnola di Sin tetas no hay paraiso avrà la sua versione italiana e proprio noi, per primi, avevamo parlato dello scandaloso originale colombiano (clicca quiauspicandone un remake in salsa nostrana, non lesinando critiche all’italico piattume in materia di fiction. Non possiamo, dunque, che accogliere con piacere la notizia rimbalzata dal blog tvblog, e pare confermata da Grundy Italia, società produttrice della serie.  Sì, perchè Sin Tetas è una serie innovativa, tristemente attuale, e capace di “parlare” a target diversi e giovani. In Sin tetas Spagna nulla è bianco e nero: gli opposti non solo si attraggono ma si fondono e confondono. Così il boss della malavita è giovane e attraente, non si sottrae dinanzi a omicidi ed efferatezze ma allo stesso tempo è capace dei più gentili gesti verso la ragazza della porta accanto, la quale, accecata dall’amore, rimarrà immischiata in un “mondo sporco” da cui sarà impossibile uscirne.

Sin tetas, le cui riprese dovrebbero iniziare l’1 febbraio prossimo, vedrà la luce nell’autunno 2010 e sarà composta da 6 puntate (contro le 12 spagnole di 70 minuti, magistralmente prodotte e lanciate dalla stessa Grundy Italia per Telecinco). La serie, a dispetto dell’iniziale interessamento di RaiDue, a quanto pare sempre meno propensa a investire su programmi che svecchino il brand, andrà probabilmente in onda su Canale 5, decisa ad abbracciare il progetto sulla scia del successo del Garko mafioso ne L’Onore e il Rispetto.

A contribuire al successo della serie, in terra di Spagna, la bravura e la bellezza dei protagonisti Amaia Salamanca e Miguel Angel Silvestre, divenuto una vera e propria star in patria e che, a breve, vedremo sul grande schermo italiano nel film “L’imbroglio nel Lenzuolo” prodotto e interpretato da Maria Grazia Cucinotta (la stampa scandalistica spagnola aveva persino ventilato un loro flirt, ndDM).

A vestire i panni del protagonista in Senza tette non c’è Paradiso (titolo che probabilmente sarà cambiato) ci sarà Daniele Liotti. Una scelta, questa, che lascia un pò perplessi per l’età e per l’essere poco glamour dell’attore. Per quanto riguarda la protagonista femminile sarebbero in corso dei casting. In tal caso, al contrario, la mossa di puntare su un volto “televisivamente vergine” potrebbe essere azzeccata; alternativamente, se si volesse puntare su un nome già noto, Martina Stella, che con Liotti ha già recitato nella miniserie L’Amore e la Guerra, o Alessandra Mastronardi potrebbero essere delle buone opzioni.

Ad ogni modo, rispetto alla versione spagnola, quella italiana dovrebbe porre maggiormente l’accento sul tema dell’oggettificazione della donna, da sempre molto dibattutto (e ora più che mai attuale in Italia); d’altronde eravamo stati i primi a fare un parallelismo tra vallettopoli e la vita di Catalina colombiana.

Proprio quest’ultimo punto lascerebbe, altresì, sperare a un rifacimento più vicino all’originale, vero e proprio capolavoro del piccolo schermo, la cui trama è emblema di come la pericolosa commistione tra povertà, ignoranza e ambizione possa condurre all’annientamento di sè stessi. Se, infatti, la versione iberica si distingue per una certa patina e per una progressiva moralizzazione delle vicende, quella colombiana offre un ritratto decisamente più crudo e realistico della società, a cominciare dall’antieroismo della protagonista, per cui è quasi normale prostituirsi. Ma, per una tale sofisticatezza del racconto, il pubblico italiano non sarebbe pronto. Accontentiamoci, si fa per dire, di Sin Tetas no hay paraiso made in Spain che, tra Don Mattei e Coccodrilli per Amici vari, è un gran passo avanti. Vedere per credere.



Articoli che potrebbero interessarti


LeDuefaccedellamore
LE DUE FACCE DELL’AMORE: BUONA LA PRIMA MA NON PER L’AUDITEL. L’ERRORE E’ IL POSIZIONAMENTO: PURTROPPO (PER FORTUNA) MANCAVA GARKO


Le Due Facce Dell'Amore - Daniele Liotti (Duca) e Nathalie Rapti Gomez (Caterina)
LE DUE FACCE DELL’AMORE: DA STASERA ROMEO E GIULIETTA AI TEMPI DI ROMANZO CRIMINALE. COME SARA’ ACCOLTA LA VERSIONE ITALIANA DI SIN TETAS NO HAY PARAISO?


Nathalie rapti gomez - le due facce dell'amore
DA SENZA TETTE NON C’E’ PARADISO A LE DUE FACCE DELL’AMORE: L’ITALIA PURITANA EDULCORA LA FICTION SCANDALO?


velvet RAI1
VELVET ARRIVA SU RAI1: LA SPAGNA CONTINUA AD ESPORTARE IN ITALIA (E NEL MONDO)

12 Commenti dei lettori »

1. Alessandro P ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 13:33

Finalmente una serie innovativa. Credo proprio che la guarderò.



2. lil'j ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 13:50

Mah, sulla carta sembra carina, speriamo bene…però la Mastronardi no!!!



3. ANnuccia ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 14:00

La serie ha grandi potenzialità ,ma che in Itala non veranno sfruttate.Scommetto che faranno un cosa banalissima .,tipo la bellona ingenua e il boss buono.La serie colombiana ha tutt’altro spessore(il titolo dice tutto e infatti in Italia l’hanno già scartato



4. Mattia Buonocore ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 14:04

@lil’j neanche a me fa impazzire la Mastronardi, ma per il personaggio che si è “costruita” il ruolo della brava ragazza che si innamora del boss potrebbe esser calzante. Cmq preferirei la Stella, di gran lunga.



5. TeleMusa.tv ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 14:05

Ci scommetto il mio deretano che non va in onda, fanno il pilota, si autocompiacciono e poi ciak si ri-girano i Cesaroni.
Un altro prodotto simile sempre per canale 5 era l’adattamento del telefilm argentino per canale 5 Lalola, in cui doveva essere protagonista la Ferilli.
Carino e divertente… se lo gode il polveroso archivio…
TeleMusa.tv



6. Mattia Buonocore ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 14:14

@telemusa.tv eh pensavo anch’io ultimamente a lalola era stato annunciato in pompa magna da fatma ruffini e poi svanito nel nulla. Bah. Anche per Betty la fea poi nulla di fatto. Ma in questo caso i tempi annunciati sembrerebbero indicare tutt’altro tieni presente che cmq si parlava già più di un anno fa della versione italiana di Sin tetas su Raidue.



7. Ettore ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 15:52

Ottimo articolo, ad occhio e croce la serie sembra proprio il mio genere. Certo che io avrei tanto voluto vedere la versione italiana di Betty.



8. Mattia Buonocore ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 16:07

@ ettore penso che Betty avrebbe avuto un successone dopo il daytime dell’Isola su raidue o su Canale 5 alle18 e 15.

@annuccia la versione colombiana ora come ora sarebbe da Sky. E cmq potrebbe accadere che il successo della versione italiana spinga i broadcaster ad acquistare e trasmettere, magari in terza serata, l’originale.



9. zia-assunta ha scritto:

5 ottobre 2009 alle 21:56

Ma non dovevano fare anche la versione USA?



10. Mattia Buonocore ha scritto:

6 ottobre 2009 alle 09:23

@ zia assunta si sulla Nbc ma penso proprio che a questo punto il progetto sia stato accantonato.



11. Ciccio ha scritto:

6 ottobre 2009 alle 16:58

Io ho visto e amato la serie spagnola, divisa in due stagioni e trasmessa su TeleCinco, anche più bella di quella colombiana (l’originale, tratta a sua volta da un romanzo…)
Mi chiedo però se l’adattemento saprà rendere al meglio la cupezza dell’originale…
Insomma, ci sarà molto da lavorare, e visto i recenti fiaschi -eccezion fatta per le serie prodotte da sky, spettacolari- non vorrei che bastasse un buon doppiaggio per portare sugli schermi italiani un m ust della tv spagnola degli ultimi dieci anni…



12. Mattia Buonocore ha scritto:

6 ottobre 2009 alle 21:01

@Ciccio pensavo di essere l’unico ad aver visto entrambe le versioni :D Non esageriamo più bella di quella colombiana :-), diciamo molto diversa. Tra l’altro ti informo che in Spagna è da poco iniziata la terza stagione…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.