7
maggio

TV SPAGNOLA: IL GOVERNO CHIUDE 9 CANALI DEL DTT. SPOT CHOC DI MEDIASET ESPANA

Mediaset Espana - Spot La Siete e La 9

Mediaset España - Spot La Siete e La Nueve

Nove canali del digitale terrestre spagnolo non ci sono più per un provvedimento del governo di centro-destra presieduto da Mariano Rajoy e confermato dalla Corte Suprema.

Il motivo della chiusura risiede nel fatto che il precedente governo socialista, presieduto da Zapatero, ha concesso le frequenze senza una regolare gara d’appalto. Il principale broadcaster colpito é il gruppo Atresmedia che perde ben tre canali: il canale dedicato al cinema, LaSexta 3, il canale di documentari, Xplora, e il canale dedicato al target maschile, Nitro. Mediaset España perde due canali: il canale dedicato alle telenovelas, La Siete, e il canale di repliche, La Nueve. Net tv perderá il canale pay Axn e un canale di televendite; gli altri due canali che perderanno la propria licenza sono dedicati allo shopping televisivo.

A proposito di Mediaset España, ha fatto discutere la campagna pubblicitaria nella quale si vede la “famiglia Mediaset” vittima di un incidente stradale con la conseguente morte di una donna e di una ragazza, che rappresentano LaSiete e LaNueve.

L’associazione delle vittime d’incidenti stradali ha chiesto il ritiro dello spot per mancanza di sensibilitá. Dopo queste lamentele, la compagnia ha deciso di tagliare la scena dell’incidente.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sospeso spot tv Brio Blu con Flavio Insinna
A Brio Blu non piace più: stop allo spot tv con Flavio Insinna


Catarella nello spot de Il Commissario Montalbano
IL COMMISSARIO MONTALBANO IN VOLO VERSO RAI 1


Spot Sanremo feti
SANREMO 2017: LA PRIMA POLEMICA DEL FESTIVAL METTE TUTTI IN “DOLCE ATTESA”


Mediaset-Espana_
MEDIASET, ERENO E ROCCA CREANO UNA “NUEVA MAGNOLIA”. SGAMBETTO A MAGNOLIA SPAGNA: PRODURRANNO SUPERVIVIENTES E MUJERES Y HOMBRES

8 Commenti dei lettori »

1. griser ha scritto:

7 maggio 2014 alle 14:04

Con quello che sta succedendo in Spagna con Telefonica che offre 725 milioni a Prisa mi sa che il governo iberico non voglia dare spazio al biscione. Ma a proposito i partner internazionali che fine hanno fatto? Mah



2. Josep Ballester ha scritto:

7 maggio 2014 alle 14:29

@griser pare che Disney Viacom e Al-Jazeera siano interessate alle frequenze lasciate libere



3. mugnezz ha scritto:

7 maggio 2014 alle 14:31

A parte che i canali li hanno chiusi a altre emittenti e non solo a mediaset e che certi commenti vengono scritti solo da persone che di tv non ci capiscono niente , ma solo per l’odio verso berlusconi.

Detto questo e presto per parlare.



4. iki ha scritto:

7 maggio 2014 alle 15:14

Ciao josep,ti volevo chiedere chi si è aggiudicato i diritti tv per i mondiali di Brasile di quest’estate?
Sono ancora nelle mani di TeleCinco?
Perchè sapevo che TVE è alla canna del gas.
Spot orribile irrispettoso comunque di Mediaset Espana



5. giacomo bartoluccio ha scritto:

7 maggio 2014 alle 15:32

quei giudici spagnoli comunisti.
Gli spot sono quelli a cui mediaset ci ha abituati anche in Italia.
I paesi seri fanno così, la nostra lcn è una porcheria, c’è di tutto e senza un criterio. C’è lo scandoloso tasto 20 di retecapri, il 27 di un canale anonimo di classtv, c’è il 33 di tale abc, ci sono intere decade dominati da rai e mediaset con canali senza arte ne parte, c’è un 45 in mezzo ai canali per bambini denominato neko tv che non si sa cosa sia…non parliamo poi delle locali…



6. Josep Ballester ha scritto:

7 maggio 2014 alle 18:43

Iki= purtroppo ce li ha Mediaset



7. iki ha scritto:

7 maggio 2014 alle 19:34

Perche purtroppo Josep?



8. pedro ha scritto:

7 maggio 2014 alle 20:55

Ciao a tutti.

Volevo soltanto dire che come ha detto Josep, I canali oscurati sono stati assegnati senza gara pubblica. Quindi l’oscuramento di questi canali è assolutamente giustificato, e adesso Mediaset Spagna e Atresmedia si lamentano senza un motivo valido.

E per quanto riguarda alla rete Al-Jazeera, non c’è niente da fare, visto che le normativa attuale non permette un canale in lingua straniera sul digitale terrestre.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.