15
gennaio

HATFIELDS & McCOYS: DA QUESTA SERA SU RETE4 LA MINISERIE WESTERN CON KEVIN COSTNER

Kevin Costner in Hatfields & McCoys

Gli ascolti non certo esaltanti ottenuti da Downton Abbey, non hanno fatto demordere Giuseppe Feyles, il direttore di Rete4, sempre più convinto nel dare spazio nel palinsesto della sua rete alla serialità d’importazione d’alta qualità e d’autore. Da quest’oggi in prima serata prenderà il via la pluripremiata miniserie Hatfields & McCoys, con Kevin Costner e Bill Paxton, interpreti rispettivamente dei capi delle famiglie Hatfield e McCoy, che per circa 30 anni sono state protagoniste di una delle più sanguinose faide familiari conosciute al mondo.

In America la serie, composta di tre episodi, è stata trasmessa tra il 28 e 30 maggio 2012 su History Channel, e ha ottenuto un ascolto di oltre 14 milioni, il risultato più alto per un canale via cavo. Vincitrice di cinque Emmy Awards e un Golden Globe, ma anche di uno Screen Actors Guild Awards, un Satellite Award e un ASCAP Award per la colonna sonora, Hatfields&McCoys vede dietro la macchina da presa Kevin Reynolds, già regista di Costner in Fandango (1985), Waterworld (1995) e Robin Hood – Principe dei ladri (1991) sul grande schermo. Costner è anche il produttore con Leslie Grief, Nancy Dubu e Dirk Hoogstra. Le riprese si sono svolte in Romania e nel West Virginia.

Hatfields & McCoys – Trama

La lunga faida tra le famiglie Hatfield e McCoy prende il via dopo la Guerra di secessione americana (1861/1865). Esecuzioni, imboscate e incendi tra i boschi ai confini di Virginia e Kentucky sono scatenati dall’uccisione di Asa McCoy nel 1865. I due ex compagni d’armi William Hatfield e Randolph McCoy si giurano vendetta e da allora, complici la disputa sulla proprietà di un maiale e la storia d’amore tra i rispettivi nipoti, Johnse e Roseanne, la scia di morti si placa solo nel 1891 lasciando sul campo decine di giovani.

Hatfield & McCoys – Foto e promo

The Bible – A marzo su Rete4

Downton Abbey e Hatfields & McCoys, non sono le uniche proposte internazionali previste nel palinsesto di Rete4. Da marzo la rete diretta da Feyles trasmetterà, infatti, The Bible, la serie evento in 10 episodi prodotta da History Channel, che negli Usa è riuscita a raccogliere davanti alla tv una media di dieci milioni di telespettatori.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


I Fantasmi di Portopalo 16
I Fantasmi di Portopalo: Beppe Fiorello torna su Rai1 con una nuova miniserie d’impegno civile


Gomorra 2 - 16
GOMORRA 2 – LA SERIE: LA LOTTA PER IL POTERE CRIMINALE E’ DI NUOVO APERTA


Non dirlo al mio capo 8
NON DIRLO AL MIO CAPO: VANESSA INCONTRADA E LINO GUANCIALE INSIEME NELLA NUOVA FICTION DEL GIOVEDÌ DI RAI1


Il Sistema 8
IL SISTEMA: GIOE’ E PESSION NELLA NUOVA FICTION ACTION DEL LUNEDÌ DI RAI 1

1 Commento dei lettori »

1. Sanfrank ha scritto:

15 gennaio 2014 alle 23:50

Che spreco!!!
In un periodo di magra come questo, solo perché non si convincono che nell’immaginario del pubblico italiano Rete 4 è la rete delle soap e delle telenovele, sprecano tutti questi prodotti che, visto lo straordinario successo avuto in altre nazioni, potrebbero benissimo funzionare sulla rete ammiraglia.
Tra l’altro il progetto della Bibbia è molto in target con i gusti degli italiani, che notoriamente fanno a cazzotti per stare davanti al televisore quando vengono trasmessi preti, suore, santi …
A Rete 4 dovrebbero decidere cosa vogliono farle fare, se informazione, prodotti per over o per donne, prodotti di qualità, calcio (Europa League e, nei prossimi mesi, anche la Champions League).
Sembra di vedere quel personaggio buffo del Segreto che, ogni volta che mi capita di leggere dei post nei vari blog, vuole fare qualcosa di diverso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.