13
agosto

PETROLIO: DUILIO GIAMMARIA ESTRAE LE RISORSE ANTICRISI IN ITALIA. DAL 16 AGOSTO SU RAI1

Duilio Giammaria

In piena estate, Rai1 estrae Petrolio dal proprio palinsesto. E lo fa ‘trivellando’ il suolo italico, spesso ritenuto poco prolifico se non addirittura secco. Il titolo del nuovo format, che esordirà venerdì 16 agosto in seconda serata, non si riferisce però all’oro nero delle raffinerie, bensì alle ricchezze che il nostro Paese possiede e che devono essere identificate, estratte, valorizzate prima dell’utilizzo. Si tratta di talenti, di tesori artistici o culturali che attendono solo di essere sfruttati al meglio. A condurre il programma ci sarà Duilio Giammaria, che svilupperà i temi proposti e scoprirà i punti di forza (o gli ostacoli) che potrebbero incidere sul futuro dell’Italia.

Ogni venerdì, fino al 6 settembre prossimo, il giornalista porterà alla luce storie poco conosciute, realtà trascurate o personaggi che hanno qualcosa da dire, in un percorso scandito da reportage di giovani videomaker, interviste, grafici e approfondimenti. L’obiettivo è quello di cercare le risorse inesplorate del nostro Paese, in grado di offrire soluzioni concrete alla crisi. Nella sua narrazione, il format non prevederà dibattiti, contradditori né tantomeno risse verbali, ma l’esposizione dei fatti promette di avvenire in modo chiaro e lineare, secondo lo stile che Duilio Giammaria sta utilizzando anche nella sua attuale esperienza alla conduzione di UnoMattina Estate, accanto a Benedetta Rinaldi.

Quattro le puntate in programma. Nel primo appuntamento, intitolato Caccia al tesoro, Petrolio andrà alla ricerca delle risorse artistiche dimenticate, spaziando dalle meraviglie di Pompei ai Bronzi di Riace. Nell’Italia delle contraddizioni, il pubblico scoprirà così che Pompei apre al turismo solo 4 case su 70, mentre gli inglesi del British Museum realizzano una delle mostre più visitate grazie a 300 reperti prestati da noi. Perché i custodi del Colosseo, lasciano i turisti in fila per ore per protestare per stipendi inadeguati, mentre gli inglesi stanno ricavando decine di milioni di euro da una semplice mostra?

Il racconto di Petrolio si muoverà sul doppio binario della denuncia e dell’analisi propositiva. La seconda e terza puntata del programma affronteranno rispettivamente il tema del rilancio turistico e delle imprese e del raffronto tra Italia e Germania. Verrà dunque esplorato il Modell Deutschland dalle fabbriche tedesche, dove gli operai guadagnano 2700 euro.

Fiducia, Felicità, Futuro e Fede: l’ultimo appuntamento si soffermerà sul cambiamento suggerito alla società laica (oltre che alla Chiesa) dall’elezione di Papa Francesco. Forse, l’Italia ha da imparare attingendo a quell’esempio. Il debutto di Petrolio è fissato per venerdì prossimo, 16 agosto, in seconda serata su Rai1.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Duilio Giammaria
Duilio Giammaria a DM: «Petrolio in access su Rai3? Sarebbe una ricollocazione naturale, è facile che ci siano evoluzioni nei palinsesti» – Video


Petrolio - Duilio Giammaria
Petrolio passa su Rai3 al posto di Che Tempo Che Fa


Petrolio
PETROLIO: ULTIMA PUNTATA CON DAVIDE SERRA E MAURIZIO LANDINI


Duilio Giammaria
DUILIO GIAMMARIA A DM: “CON PETROLIO VOGLIO RACCONTARE L’ITALIA CHE VUOLE FARCELA”

2 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

13 agosto 2013 alle 16:08

Giammaria è proprio bravo. Ottima la sua conduzione ad 1 Mattina estate.



2. Francesco ha scritto:

4 aprile 2014 alle 07:59

Se fosse meno fazioso ed ascoltasse l’intervistato del momento, sarebbe un buon conduttore.
Non può formulare domande e stroncare le risposte che non gli piacciono, questi sono comportamenti da stadio.
La RAI ha tantissimi bravi conduttori, perchè rovinare programmi affermati e vincenti, affidando spazi a questi personaggi?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.