16
novembre

ALDO BUSI A OTTO E MEZZO: ‘I CINQUE DEL PD MIA MAMMA LI AVREBBE DEFINITI SMORZAUCCELLO’

Aldo Busi

Incandescente, come e più di prima. La ‘scomunica’, a suo tempo, della Rai non ha nemmeno solleticato alcuna ipotesi di autocensura personale. E allora eccolo – mercoledì 14 novembre 2012 – gagliardamente irriverente nel salotto di Lilli Gruber a dire la sua sulla politica e sulla società, bastonando a destra e sinistra. E non è solo un modo di dire. E meno male che erano solo le Otto e mezzo.

Originale la teoria di Aldo Busi: colpevole in caso di mal governo non sarebbero tanto i politici incapaci o corrotti, ma il popolo bue (sic!) che, facendosi ammaliare da promesse stupide, ne ha decretato l’elezione. Per uscire dal teorichese…Berlusconi, secondo l’intellettuale, ha trattato l’Italia come un giochino ma ancor peggio sono i cittadini, che lo scrittore quantifica in 30 milioni, che gli hanno consegnato in mano la Res pubblica.

Il passaggio più divertente e la strigliata più forte la riserva però al Pd, dopo il confronto che Busi dice di aver seguito poco per sopraggiunta noia. Non riesce a trattenersi dal commento piccato sul passaggio più controverso del dibattito a cinque, quello legato alla scelta di un personaggio da inserire nel proprio Pantheon di sinistra; dichiarazioni troppo poco laiche, quelle dei candidati del centrosinistra che hanno destato già parecchia perplessità tra i commentatori. L’Aldo fustigatore del buon costume però ci mette del suo per dare il colpo di grazia:

” Abbiamo visto questi cinque rappresentanti del Pd. La mia mamma li avrebbe definiti degli smorzauccello. Grillo è veemente, con questa sua furia. Sembra un medusone. Ma nessuno ascolta quello che dice, ma colpisce per il tono di voce, per la durata di questo timbro molto alto, per questa cadenza un po’ tantrica, per il vaffanculo. Il popolo non è mai stato a casa a leggere un libro.”

I Papi e i preti preferiti ai Che Guevara, Marx , Gramsci e Berlinguer non possono che destare l’indignazione di un uomo che ha da sempre combattuto il clericalismo più avanzato del nostro Paese. Non sorprende più di tanto, però, dopo che anche Crozza (che pur nella sua mordacità è un moderato a paragone con Busi) ha biasimato la retorica più centrista e Dc dei primaristi rossi, o presunti tali.

La sua ultima fatica letteraria, El especialista de Barcelona, occasione per cui Otto e mezzo ha scelto di invitarlo a conferire con i telespettatori, diventa semplicemente lo sfondo di una chiacchierata a ruota libera, in cui lo scrittore passa da un bilancio della sua esperienza all’Isola dei Famosi (e la parola bilancio non è casuale dato che riporta la cifra che ha guadagnato con le sue avventure esotiche) ad una candidatura per un programma sulle canzoni d’amore più belle.

Visto quest’ennesimo exploit difficile che il piccolo schermo decida di concedergli maggiore spazio, in una società che considera ancora sovversivo un pensiero così appuntito ma fisiologicamente alternativo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Myrta Merlino
La7 riaccende il daytime. Unica novità Skroll, Myrta Merlino torna a L’Aria che Tira per «odiare l’odio»


Ferruccio De Bortoli, Otto e Mezzo
Otto e mezzo, De Bortoli stronca Renzi: «L’ho definito un maleducato di talento, ora ho dubbi sul talento»


Augias, Otto e mezzo
Otto e mezzo, gaffe di Corrado Augias: «La moglie di Macron? C’è speranza per tutte»


Maria Elena Boschi
OTTO E MEZZO, BOSCHI VS SALVINI: IL MINISTRO CI RIPENSA E IL CONFRONTO SI FARÀ

9 Commenti dei lettori »

1. teoz ha scritto:

16 novembre 2012 alle 17:21

come dargli torto…



2. Nina ha scritto:

16 novembre 2012 alle 17:32

Questa storia del Pantheon sta diventando oltremodo ridicola. Vendola ieri l’altro era ospite nella mia regione ed è andato sulla tomba di uno scrittore e ha detto che sta nel suo Pantheon. Alla fine delle primarie ce ne sarà uno per regione.



3. Roberto ha scritto:

16 novembre 2012 alle 17:35

L’intervento di Busi è stato molto interessante, al di là delle metafore venatorie



4. osservatore ha scritto:

16 novembre 2012 alle 18:24

quando busi non eccede è sempre un gran piacere ascoltarlo perchè è una persona molto intelligente ed arguta



5. Nimo ha scritto:

16 novembre 2012 alle 19:02

Busi ha perfettamente ragione sul “popolo bue”: è facile dare sempre tutte le colpe ai politici, la gente dovrebbe anche guardarsi allo specchio ed assumersi le proprie responsabilità.



6. @Giovca92 ha scritto:

16 novembre 2012 alle 20:14

news boom!_

IERI ALDO BUSI ERA ANCHE IN RAI, A TG3-LINEANOTTE!!!

Ma non era stato radiato (. . .)??



7. Valerio ha scritto:

16 novembre 2012 alle 21:34

Ieri sera Aldo Busi era anche da Mannoni a Linea Notte… Ha detto che «se il Pd si presenta con Vendola li voto, ma se si alleeranno con l’Udc io farò campagna contro di loro per il ritorno di Berlusconi», criticando il «sacro bacio della pantofola», «il cattocomunismo», ed elogiando Zapatero: «ha fatto grandi cose per la Spagna che l’Italia non vedrà neanche nei prossimi decenni. Gli spagnoli lo hanno tradito per Rajoy e si sono già pentiti». Ha anche salutato Giovanna Botteri, dandole consigli sul suo look «le prossima volta faccia scendere il suo ciuffo davanti l’occhio».



8. Valerio ha scritto:

16 novembre 2012 alle 21:39

. @Giovca92 ha scritto:

16 novembre 2012 alle 20:14

«IERI ALDO BUSI ERA ANCHE IN RAI, A TG3-LINEANOTTE!!!

Ma non era stato radiato (. . .)??»

Si vede che non guardi molto Raitre o La7: spesso è ospite della Gruber e anche della Berlinguer a parlare dei suoi libri (ieri presentava il nuovo) ma anche di politica e società.
Radiato da chi? Quello che non ha funzionato su Canale5 – se gli è costata un’epurazione – non è che vale per le altre aziende. Almeno la Gruber non deve chiamare questo o quel direttore per sapere se può invitarlo.



9. Giuseppe ha scritto:

17 novembre 2012 alle 04:24

La penso esattamente come Busi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.