27
agosto

QUINTA COLONNA: PAOLO DEL DEBBIO SPIEGA L’ECONOMIA SU RETE4. E TRASMETTE BENIGNI

Paolo Del Debbio

La nuova scommessa di Rete4 ha il volto e la cravatta di Paolo Del Debbio. Stasera il conduttore di Mediaset esordirà in prima serata al timone di Quinta colonna, la trasmissione estiva d’approfondimento inaugurata da Salvo Sottile su Canale5. In occasione del passaggio di testimone (e di rete) il programma verrà presentato al pubblico in una nuova veste, orientata più all’economia che alla cronaca. Il professor Del Debbio, insomma, plasmerà l’appuntamento a sua immagine e somiglianza, nell’ottica di imprimergli un nuovo carattere. L’esperimento si protrarrà per sei puntate, il lunedì: poi chissà.

Stasera Quinta Colonna dribblerà i misfatti ed i cold case in salsa italica – di quelli di occuperà Quarto Grado dal 7 settembre prossimo – e si fionderà invece sull’attualità. “Siamo alla frutta e i politici che fanno?“: Paolo Del Debbio prenderà i comandi del programma di Rete4 lanciando questo interrogativo. Le risposte arriveranno soprattutto da tre piazze d’Italia, Padova, Roma e Verbicaro, con le quali la trasmissione si collegherà in diretta. Quinta Colonna porterà le telecamere di Rete4 anche alla Festa Democratica Nazionale di Reggio Emilia e trasmetterà alcune battute dell’intervento di Roberto Benigni a Campovolo.

In studio saranno presenti esponenti politici ed economisti, come in ogni talk show che si rispetti. Forse la differenza starà nell’approccio alla materia: Del Debbio ha infatti annunciato di voler spiegare il caro vita, le borse impazzite, le tasse e la spending review a tutti, “anche a chi ha la quinta elementare”. Sicché, quale riscontro avrà tale ambizione di raggiungere un vasto pubblico? Le premesse incuriosiscono, ma il debutto di Quinta Colonna su Rete4 è già in salita, visto che il programma non sarà l’unico talk show in onda stasera.

Su La7, infatti, Enrico Mentana condurrà la prima puntata di un nuovo ciclo di appuntamenti con Bersaglio Mobile, il programma ad orologeria che scatta in diretta quando il direttore del TgLa7 lo ritiene opportuno. Stasera la trasmissione ospiterà Antonio Di Pietro, Giuliano Ferrara, Emanuele Macaluso, Marco Travaglio: il duello dialettico è assicurato.

Quinta Colonna, da parte sua, tenterà di aprire un varco informativo nella prima serata di Rete4, un po’ come accadde – senza successo – nella scorsa stagione tv con La Versione di Banfi. Stavolta ci riprova Del Debbio, che dal prossimo 3 settembre troveremo anche su Canale5 come co-conduttore di Mattino Cinque.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Quinta Colonna, malore in diretta
QUINTA COLONNA, MALORE IN DIRETTA: VOLANO ACCUSE, IL COMANDANTE DEI VIGILI DI NOLA SVIENE (VIDEO)


Paolo Del Debbio
RITORNA QUINTA COLONNA E DEL DEBBIO SDOPPIA IL TALK


Quinta Colonna, Nausica Della Valle
QUINTA COLONNA: I CENTRI SOCIALI ATTACCANO L’INVIATA, COLLEGAMENTO INTERROTTO


Quinta Colonna, Federica Angeli Casamonica
QUINTA COLONNA: I CASAMONICA VS FEDERICA ANGELI. DEL DEBBIO TORCHIA I PARENTI DEL BOSS

26 Commenti dei lettori »

1. Pier ha scritto:

27 agosto 2012 alle 12:55

UNA VOLTA.. QUANDO UN PROGRAMMA SULLE AMMIRAGLIE FACEVA FLOP O VENIVA RIDOTTO OPPURE CHISO DIRETTAMENTE

ORA PUOI FARE IL 7 % SU CANALE 5 ED È UN SUCCESSO…
E IL FLOP (MI RIFERISCO A 5′COLONNA) HA UNA NUOVA SERIE??

MAI VISTE COSE DEL GENERE



2. amazing1972 ha scritto:

27 agosto 2012 alle 13:01

mi sa che farà come o peggio di banfi….contenti loro



3. andrewhd ha scritto:

27 agosto 2012 alle 13:28

Secondo me un pelo sopra la media di rete.



4. Alexn ha scritto:

27 agosto 2012 alle 13:43

Alla rete gli basta il 6%



5. PierVivaCanale5 ha scritto:

27 agosto 2012 alle 13:54

secondo me lo fanno per ridurre i costi della prima flopposa edizione…



6. Tristan ha scritto:

27 agosto 2012 alle 14:08

L’hanno provato su canale 5 ed è stato flop. Ora è passato su rete 4 con un nuovo conduttore e se raggiunge la media di rete sono capaci di tenerlo per sempre. Ma riproporlo ora quando ancora c’è poca gente davanti la tv non ha senso.



7. DUrsino ha scritto:

27 agosto 2012 alle 15:50

Tasterò dal vivo il programma perché sarò presente tra il pubblico…



8. Giuseppe ha scritto:

27 agosto 2012 alle 17:22

Stasera non mi attirano né Del Debbio né gli ospiti di Mentana.



9. Phaeton ha scritto:

27 agosto 2012 alle 19:12

Stavo per chiedere in che studio andrà, magari DUrsino mi sa rispondere :)



10. carlo ha scritto:

27 agosto 2012 alle 21:46

cosa vuole dire il popolo ?la colpa e di monti no signori e la politica sbagliata e di false promesse e un paese fermo da venti anni !!non ci sono attualmente uomini onesti che possono cambiare il paese !



11. Salvatore Petrotto ha scritto:

1 settembre 2012 alle 00:24

Ad Agrigento gli importi della tassa sui rifiuti sono di poco inferiori rispetto a quelli di Racalmuto. Le Amministrazioni Comunali hanno la facoltà infatti di far pagare anche il 100% del costo del servizio. Oppure possono integrare con fondi del bilancio comunale la quota necessaria per pagare i servizi di igiene ambientale. Ma i Commissari, a Racalmuto, hanno preferito farci pagare il 93 % del costo del servizio che è il più caro d’Italia, anziché il 60%, come si faceva fino all’anno scorso. Prima il Comune integrava con propri fondi la quota spettante alle ditte ed all’ATO, per assicurare dei servizi che, come da me denunciato nel febbraio del 2011, sono stati affidati illegalmente, senza gara e per 5 anni consecutivi, omettendo di assicurare, tra l’altro, la raccolta differenziata ed applicando dei prezzi stabiliti dalle ditte, anziché dai Comuni interessati . Operazione che ha consentito alle ditte XXX ed XXXXX, in modo particolare, di ottenere affidamenti di appalti, in maniera del tutto illegale per 300 milioni di euro che stiamo pagando tutti quanti noi, attraverso la tassa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti che, adesso, in assoluto, è la più cara d’Italia. Scandali su scandali che mi hanno indotto a denunciare tutto e dopo pochi mesi a dimettermi da sindaco. E lo scioglimento del Comune per presunte infiltrazioni mafiose non è un caso. Anche questo evento, fa parte di una ben più complessa operazione fango, avallata anche dal circolo mediatico-giornalistico nazionale, ben rappresentato a Racalmuto da alcuni insigni giornalisti che hanno la necessità di vendere libri e spettacoli agli enti pubblici ed ottenere sponsorizzazioni da grosse ditte private. A causa delle ritorsioni di qualsiasi tipo contro la mia persona io ho dovuto cedere il passo ad una serie di ben noti personaggi che sono calati in blocco con i loro mezzi di informazione locali e nazionali, per coinvolgere Magistrati, Politici, Confindustria Sicilia e persino il Governo Nazionale, nonché il Presidente della Repubblica, per spazzar via chiunque si è opposto a loro ed ai loro interessi che coincidono anche, e non solo, ovviamente, con coloro i quali gestiscono il ciclo dei rifiuti e che da me sono stati pesantemente denunciati alla Procura della Repubblica di Agrigento.



12. carmela ha scritto:

11 settembre 2012 alle 09:49

salve, mi chamo carmela, sono di potenza, sono un ipovedente grave. per questa mia patologia non sono mai riuscita a trovare lavoro, sono andata dappertutto. ho una pensione sociale di € 260. soffro d’asma (per fortuna i farmaci sono salva vita, perchè per comprarli se ne andrebbe quasi tutta la mia penzione). sono povera e sono esclusa dalla società, la chiamate democrazia questa’ grazie attendo fiduciosa una vostra risposta anche se privatamente



13. domizio ha scritto:

26 settembre 2012 alle 11:43

Dr.Del Debbio mi sono commosso nella trasmissione del 24-09 vedendo quella sig.ra che non poteva permettersi una dentiera.io sono odontotecnico e vorrei ridare un sorriso a quella nonnina regalandole una protesi superiore e inferiore mobile ,sempre se Lei è d,accordo.Le faccio i miei complimenti per tutti i temi che tratta e come li tratta.La saluto e a risentirci a presto.



14. Davide Maggio ha scritto:

26 settembre 2012 alle 12:02

domizio: buongiorno. Possiamo inoltrare il suo indirizzo email alla redazione del programma?



15. Luca\S ha scritto:

29 settembre 2012 alle 02:29

sara’, ma Paolo del Debbio se è un giornalista vero non dovrebbe chiamare “onorevole” chi non ha incarichi governativi, chi non è mai stata votata, e chi non siede in parlamento ne’ mai ci si è seduta. Ovvero Daniela Guarnero in Santanchè. non è MAI stata eletta, mai vinto un elezione, neanche in passato. Oggi non è nel pdl e se non sbaglio disse che non ha neanche la tessera del partito. E anche se l’avesse NON è onorevole Santanchè. E’ la signora Guarnero, punto. ;)

Si candidò nel 2008, con la Destra e contro Berlusconi (che le voleva orizzontali), ma prese pochi voti e NON fu eletta. Con lo sbarramento al 4 per cento non entro’ in parlamento. Ce la mise dopo B, come sottosegretario, per pochi mesi. Ma se un giornalista in prima serata non sa neanche questo beh, BOH.



16. Gianni ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 00:23

Come mai tanti milioni di Italiani si fanno ancora incantare dalle chiacchere dei politici, quanti anni devono passare per capire che ci hanno riservato il dissanguamento totale, una morte lenta per vecchi, giovani e bambini.
Sarebbe molto interessante, se „ Quinta Colonna” desse dei consigli su cosa devono fare gli Italiani, per difendersi da questi Politici mangioni, che hanno impoverito e messo sul lastrico milioni di Italiani, Ma quando volete passare ai fatti.
Questa povera gente che raccoglie dai mercati, frutta marcia per sopravvivere.
Sempre le solite domande e le solite risposte, sempre le stesse lamentale,
Ma perché non provate a mangiare i Politici, che ogni boccone è colazione, pranzo e cena e ci trovate anche la frutta dentro.
Fate una rivoluzione, denudate i corrotti e ladri
Questi Politici mandarli in Galera sarebbe un lusso, ma farli vivere con una pensione minima sarebbe una punizione efficace.



17. francesco ha scritto:

17 ottobre 2012 alle 09:07

dot.Del Debbio mi chiamo francesco r. e sono un padre di famiglia di 60 anni con 38 anni di contributi versati attualmente senza lavoro da un po di tempo attualmente invalidato da un intervento chirurgico alla schiena e con la mannaia dello stato e di una banca con la quale non o mai avuto rapporti sulla testa a novembre il tribunale mettera in vendita le mie proprita una casa in campagna e una al paese per pochi soldi .ma lo ritene giusto che lo stato venda la casa a chi non a potuto pagare le tesse per dar da mangire ai propri figli ancora minorenni e con i soldi recuperati pagare solo spese dei tribunali e perizie d oro pensi che una perizia privata costa circa 400 eura un perito del tribunale cica 4000 euro ora che e venuta alla luce dove son finiti e nostri soldi delle tasse pagate per tanti anni vendono le case dei poveri cristi solo per continuare ad ingrassare la cattiva politica dove andro ad abitare tra un po chi mi dara una casa .cosa mi resta da fare ,farla finita,non celafaccio piu a vivere di stenti



18. marco ha scritto:

25 ottobre 2012 alle 21:24

Articolo interessante sul quotidiano La Nazione cronaca di Prato del 25/10/2012 inerente la delibera del comune per elargire decine e centinaia di migliaia di euro a dipendenti comunali come assessori e dirigenti vari per il buon operato nell’anno 2011.
Sembra che per loro la crisi non esista.
La crisi è solo per chi paga le tasse, loro si limitano a dividerle per farsi gli stipendi.
Vorrei inviarvi del materiale ma mi serve un vostro indirizzo mail accessibile dove poter inserire un allegato .. buona giornata



19. nicola ha scritto:

25 marzo 2013 alle 21:29

dott. del Debio lei parla tanto dei marò ma quei due coglioni anno ucciso due persone mi dispiace che sono italiani ma per fare carriera potevano fare altre cose quindi non li difenda troppo infangando il nome italiani dovevano pensarci prima di sparare volevo vedere sè i morti erano suoi parenti e chissà quei due coglioni quanto ci costano.



20. monica ha scritto:

5 aprile 2013 alle 18:37

Buona sera ,io avrei una proposta da fare ai nostri politici se lei mi puo’ fare da tramite….
io proporrei 1200.00/1300.00 euro di stipendio base al mese + le trasferte il resto in base alle leggi utili fatte x il paese ! mentre il paese va a rotoli i politici passano il tempo a cercare alleanze impossibili o a farsi le ripicchine….
da quando sono stati eletti quanto hanno lavorato? cosa hanno fatto x il paese ? e quanto hanno preso di stipendio?
anche i grillini che sembran tanto bravi in questo mese hanno preso i 5000,00 euro (e nn mi sembrano nemmeno pochi….)? o si son messi una mano sul cuore e ci hanno rinunciato visto che nn hanno fatto quasi nulla ?vorrei sapere queste cose se e’ possibile …
grazie x lo sfogo e ….fate presto !!!!!



21. Alberto ha scritto:

22 maggio 2013 alle 04:57

Caro Paolo

seguo la tua trasmissione da sempre apprezzandone il tono il colore e la frequenza (solo da poco, inopportunamente in concomitanza a Striscia del canale 5) condividendone i contenuti, il linguaggio, l’organizzazione logistica e i frequenti collegamenti con coacervi popolari non selezionati e di questo faccio i complimenti a tutta l’organizzazione della Rete quattro.
Tuttavia non riesco a capire come sia possibile affrontare vari argomenti di ingiustizia sociale spesso con chi potrebbe/dovrebbe adoperarsi per cambiare le cose, ma come il gattopardo pare che l’impegno sia considerevole affinché tutto rimanga come è, non ti pare che sopra ogni cosa occorrerebbe costituire un ” Ministero della Rapidità “con il compito di cambiar nel giro di 48 ore tutto ciò che presenta, inequivocabilmente, carattere di chiara ingiustizia – condivisa da tutti – come spesso si verifica nella tua trasmissione-, al di sopra del dettato costituzionale, che “ per vari aspetti ha fatto il suo tempo” servendo soprattutto a coloro che dopo la guerra si dovevano garantire il potere di governare piuttosto che dei diritti e i bisogni reali del popolo.
Il sottoscritto è un italiano che attraverso una vita difficile e disagiata a cavallo dell’ultimo conflitto e la fine, una generazione che non ha avuto nulla né prima né dopo e che ormai si avvia alla termine della vita e che l’unica amara constatazione che può fare:”i politici italiani hanno spolpato l’Italia ed ora vogliono far pagare gli italiani “, il nostro è un paese dove i privilegiati sono gli stessi che decidono tali privilegi, perciò, sicuramente, in modo indolore non cambierà nulla; al mio paese si dice che- chi ha il maiale per la collottola non lo cederà mai pacificamente-Pertanto dei problemi più gravi, non basta parlarne, ma occorre prima risolverli e poi parlarne,un esempio per tutti, come quello più grave della disoccupazione, basterebbe mandare in lista di attesa chi pur avendo abbondanti mezzi per sopravvivere, beneficia di un posto—spesso invidiabile—a favore di chi non possiede nulla per sopravvivere che per lo Stato –civile ?-dovrebbe essere morto, per non guastare il paesaggio, naturalmente necessita prima un’opportuna revisione costituzionale riformulando, fra l’altro, l’articolo sul diritto del lavoro che dovrebbe essere prioritario per coloro che non hanno nulla! , poi seguiranno gli altri.
In Italia vi sono troppi lavoratori che pur sudando solo la lingua in bocca, il loro stipendio potrebbe creare quattro posti di lavoro (a dir poco).Augurandomi che nonostante la brevità ti risulterà chiara la mia em.
Intanto porge saluti.

Alberto



22. Attilio ha scritto:

13 giugno 2013 alle 21:18

Ciò che mi aspetto da Letta e compagnia è:
Taglio delle provincie.
Accorpamento dei comuni sotto i 5000 abitanti.
Abolizione delle cosidette regioni a statuto speciale
Dimezzamento dei deputati,eliminazione fisica del senato.
Accorpamento delle REGIONI,cosi non servono,con dimezzamento degli stipendi.
Ogni regione paga con i suoi tributi(vedi le migliaia di persone a busta paga della reg.Sicilia….gli spalatori di neve,i 25 dirigenti a Bruxelle….
Abolizione dei benefits(in Emilia Romagna,solo di rimborso gasolio si va da 1750 a 2700€ al mese,vedi Resto del Carlino Emilia Romagna)
Una volta fuori dal parlamento,pagare una pensione tipo stipendio di medi dirigenti di una piccola industria(é anche troppo).
Queste sono le cose che mi aspetto da Letta ,Zanonato e Del Rio….

Attilio



23. paolo ha scritto:

30 agosto 2013 alle 21:32

si parla di spreco sono stato a lampedusa e la cosa che mi ha colpito di piu’ e di vedere come si nascondano le cose si fa vedere sempre gli sbarchi di immigrati ma non si fanno vedere dove la presenza negli hotel di carabinieri polizia finanza soldati dell’esercito protezione civile addirittura la forestale non ce’ una pianta pero ce la forestale tutti in alberghi mentre giace abbandonata una bellisssima base americana basterebbe che si ripulisse e i nostri soldati gia pagati lasciassero al turista gli hotel



24. mariofante ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 00:18

buona sera non so se sia una bufola o sia verità su facebook cè un articolo che al senato anno approvato disegno di legge che prevede la nascita di un fondo x i parlamentari in crisi di 134 miliardi da destinarsi a tutti i deputati che non troveranno lavoro nell’anno successivo alla fine del mandato sarebbe veramente il massimo



25. francescogamba ha scritto:

3 novembre 2013 alle 20:51

carissdimo DEL DEBBIO DESIDEREREI CHE FAI UNA TRASMISSIONE SULLE PENSIONI, E PRECISAMENTE SU QUELLE PERSONE CHE COME ME ANNO COMINCIATO A LAVORARE A 15 ANNI E PUR LAVORANDO PER 42ANNI EPASSA ESSENDO ANCORA TROPPO GIOVANE PER LA M…… FORNERO DEVO PAGARE LA PENALE. SENTO NELLA TUA TRASMISSIONE CHE CE GENTE CHE VA IN PENSIONE SENZA AVER VERSATO NEMMENO LA META DI QUELLO CHE ATTUALMENTE PRENDE, DIRITTI ACUISITI DICONO MA PER ME E UNA COSA INGIUSTA ANZI VERGOGNOSA. SONO FRANCESCO DA MELILLI INVITAMI ALLA TUA TRASMISSIONE GRAZIE



26. Cristina ha scritto:

9 dicembre 2013 alle 21:59

Perché non chiediamo hai politici per un anno di non prendere più lo stipendio per sanare una buona parte di debito…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.