6
novembre

ALLUCINAZIONI BARBARICHE 2 : JIL COOPER

Jil Cooper @ Davide Maggio .itVenerdi sera, in quel di Milano, ho avuto modo di fare l’unica “capatina” televisiva degli ultimi 15 giorni.

Nemmeno a dirlo, sono capitato su La7. Sarà stato un caso, ma sono stato vittima, per la seconda volta, di Allucinazioni Barbariche.

Nella rubrica “costume nazionale”, Daria Bignardi e i suoi ospiti si sono occupati della figura del motivatore. Tra gli altri, hanno simpaticamente animato la discussione la conduttrice di telepromozioni Patrizia Rossetti e Jill Cooper di Media Shopping.

Ora, a prescindere dai fiumi di parole che ci sarebbero da spendere sull’opportunità di invitare due televenditrici (alias : due mancate/fallite conduttrici) a parlare di motivazione, ciò che mi ha lasciato a bocca aperta è stata la didascalia che spiegava al mondo la professione di Jil Cooper.

La correttezza riscontrabile nel sito di La7 (in cui la televenditrice americana viene, se vogliamo anche poco elegantemente, definita come quella “di Media Shopping”) è venuta meno durante la trasmissione dove, nella citata didascalia, viene ”etichettata” come MOTIVATRICE.

Motivatriceeeeeeeee?

Ma Jil Cooper non era la maestra di ginnastica del (sempre meno) talent show Amici?

Non era quella che rompeva i maroni a tutta la scuola umiliando gli allievi che avevano qualche etto in più di grasso e li motivava si ma a lasciare la scuola onde evitare profonde depressioni?

Non è colei che vende tapis roulant, stepper & co su MediaShopping riempendo il palinsesto notturno delle reti Mediaset circondandosi di bellissimi fisici statuari che avrebbero davvero bisogno di un bravo motivatore che li invogli a… ritornare a scuola?

E vabbè, nella vita ci vuole una gran dose di fortuna, questo è chiaro.

E’ altrettanto chiaro, però, che se Jil Cooper è una motivatrice, lo è anche Wanna Marchi!

Siete… D’accordoooooooo?!?



Articoli che potrebbero interessarti


Daria Bignardi
LE INVASIONI BARBARICHE, STASERA L’ULTIMA PUNTATA. DARIA BIGNARDI E CAIRO: NON E’ CHIUSURA ANTICIPATA


Daria Bignardi
DARIA BIGNARDI STANCA DI FARE LE INVASIONI: E’ DIVENTATO UNA FATICA!


Le invasioni barbarche - flavio insinna
LE INVASIONI BARBARICHE E IL ‘COMPAGNO’ INSINNA: “SOGNO UN PAESE IN MANO A LANDINI, DON CIOTTI E STRADA”


Riccardo Scamarcio - Invasioni Barbariche
SCINTILLE A LE INVASIONI, BIGNARDI A SCAMARCIO: “ME LE STAI FACENDO GIRARE”

6 Commenti dei lettori »

1. Mary ha scritto:

7 novembre 2006 alle 01:36

Ma se presenta macchinari talmente assurdi che si dimagrisce sì, ma giusto per le ore perse a capire come funzionano!La trovo meno sopportabile dei 5 minuti di stretching in palestra!



2. Avanguard ha scritto:

7 novembre 2006 alle 02:33

Wela Davide, allegria!Jill Cooper è una notissima motivatrice ma lo è, nondimeno Patrizia Rossetti in vero. La Cooper ha motivato Maria De Filippi a licenziarla dal corpo insegnanti di Amici e la Rossetti ha motivato la dirigenza Mediaset e la tv tutta a non farle condurre mai più un programma. Ora vuoi ancora negare che siano due motivatrici?



3. Davide Maggio ha scritto:

7 novembre 2006 alle 12:26

@ Mary e Avanguard : siete due adorabilissimi serpenti :-) Avete assolutamente ragione entrambi.



4. fuffa aggregator 0.1 ha scritto:

7 novembre 2006 alle 12:53



5. France ha scritto:

7 novembre 2006 alle 14:55

Magari fanno le motivatrici come secondo lavoro, in un ufficio privato e tu Davide non lhai capito…infatti dalla faccia si vede che fanno le motivatrici, mestiere che non possono far tutti, ovvio, ma loro sì…han proprio la faccia!PS: ma cosè poi un motivatore?



6. Cavalla Golosa ha scritto:

9 novembre 2006 alle 22:25

LOL Si, lavevo vista tempo fa anchio su quelle reti private fare concorrenza allo chef tony che illustra la meravigliosa arte dei coltelli giapponesi. Che povertà.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.