21
marzo

Coronavirus: ci mancava lo spot che invita ad uscire di casa

Pubblicità

L’attualità piegata a fini promozionali. Questa ci mancava. Ci ha lasciati a dir poco basiti lo spot pubblicitario di una rivista andato in onda nelle scorse ore in prime time su Canale5, con tanto di allusione ai controlli sul rispetto delle disposizioni anti-Coronavirus.

Nel filmato si menziona l’acquisto del suddetto mensile come giustificazione da addurre in caso di un controllo da parte di un agente di pubblica sicurezza. Altro che #IoRestoACasa…

“Mentre andate in edicola, se un vigile vi ferma e vi chiede ‘mi scusi, dove sta andando?’, rispondete ‘in edicola a comprare *la rivista*, in così alleno la mente comodamente a casa mia’”

Così recita spot, in cui si vede la sagoma di un vigile al quale viene esibito un foglio con la scritta “Autocertificazione”.

E’ vero, il recarsi in edicola non è di per sé vietato dalle disposizioni governative, ma la trovata pubblicitaria non ci convince e per certi versi ci sembra piuttosto inappropriata, visto che – proprio in questi giorni – i numeri del contagio hanno spinto le autorità a ribadire di uscire di casa solo in caso di stretta necessità.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Lorella Cuccarini
Lorella Cuccarini positiva al Coronavirus


Le Iene, Un anno di Covid
Le Iene, «Un anno di Covid»: speciale in prime time su eccellenze e inefficienze sanitarie d’Italia


Pietro e Paola Perego
Coronavirus, è morto il padre di Paola Perego


Terremoto Irpinia
Rai, 40 anni fa stop allo spettacolo di fine anno nel rispetto delle vittime delle stragi di Ustica e Bologna e del terremoto dell’Irpinia

1 Commento dei lettori »

1. Ale ha scritto:

21 marzo 2020 alle 09:16

Ma perchè non chiudiamo anche le edicole? Che stanno aperte a fare? Le notizie le possiamo avere h24 dalla tv.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.