17
agosto

Champions League: il Tribunale respinge il ricorso della Rai e conferma le partite in chiaro su Canale 5

Champions League

Champions League

La querelle sulla Champions League è definitivamente archiviata. Il Tribunale di Milano ha respinto il ricorso della Rai, confermando che le partite in chiaro dell’ex Coppa dei Campioni nelle prossime due stagioni – 2019/20 e 2020/21 – saranno trasmesse da Mediaset.

La tv di Stato si era mossa contro Sky, che detiene i diritti della competizione, dopo il mancato rinnovo del contratto; la Rai aveva infatti esercitato il diritto di opzione, ma la pay tv ha fatto saltare l’accordo non ritenendo più esercitabile tale opzione (maggiori info qui), rivolgendosi così a terzi (Mediaset).

Già lo scorso 26 giugno il Tribunale di Milano aveva rigettato un primo ricorso della Rai, non ritenendo sufficienti i presupposti per un provvedimento d’urgenza nei confronti di Sky. Ieri anche il secondo reclamo è stato dichiarato inammissibile. Per la Rai, inoltre, al danno si aggiunge la beffa della condanna a pagare le spese legali.

Da settembre, quindi, ad ogni turno di Champions League, Canale 5 trasmetterà in chiaro la migliore partita di un’italiana, con la telecronaca affidata alla voce di Pierluigi Pardo e gli studi live condotti da Giorgia Rossi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Champions League
Champions League: la Rai perde il ricorso contro Sky. E Mediaset torna a sperare…


Rai - Champions League
Champions League, la Rai precisa: «Nessuna pronuncia del Tribunale sulla titolarità dei diritti»


Champions League
Champions League ed Europei 2020: il calcio che conta diventa un affare tra Sky e Rai


Champions League
Champions League: i diritti in chiaro tornano a Mediaset

1 Commento dei lettori »

1. alena ha scritto:

17 agosto 2019 alle 13:39

Ma alla Rai sono di coccio? Ma la smettono di fare ricorsi già persi in partenza? Le spese legali le paghiamo noi!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.